Protocollo Regione-Georgofili sull’agricoltura

Protocollo Regione-Georgofili sull’agricoltura

🔈Presentato oggi a Firenze, il protocollo, che ha una durata biennale, mira a valorizzare l’agricoltura toscana in tutti i suoi aspetti.

Valorizzare l’agricoltura, in tutti i suoi aspetti, economico, sociale, occupazionale e ambientale, e sostenerne i processi di conoscenza e di crescita attraverso progetti di formazione, informazione e di approfondimento tecnico-scientifico. E’ questo, in sintesi,  il contenuto del protocollo d’intesa tra Regione Toscana e Accademia dei Georgofili presentato oggi a Firenze in una conferenza stampa cui hanno preso parte i due firmatari dell’intesa, l’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi e il presidente dell’Accademia dei Georgofili Giampiero Maracchi.

Quasi naturale lo sviluppo di sinergie tra le due istituzioni: l’Accademia dei Georgofili è la storica istituzione fiorentina che da oltre 250 anni sviluppa le sue attività culturali e scientifiche mettendo al centro l’agricoltura, la sicurezza alimentare e l’ambiente, la Toscana è una regione per cui l’agricoltura riveste un ruolo centrale, basti pensare a come il nome stesso della Toscana sia associato nel mondo a prodotti tipici e di qualità, e a un paesaggio modellato dall’uomo e dalle sue coltivazioni.

I punti di contatto sono notevoli e il protocollo sottoscritto li evidenzia, indicando i terreni pratici su cui soi potrà sviluppare nei prossimi anni la collaborazione: dalla sostenibilità delle pratiche agricole alla tutela dell’ambiente e della biodiversità; dalle nuove tecnologie alla sicurezza e qualità alimentare; dalla valorizzazione delle produzioni agricole ed agroalimentari di qualità alla diffusione della cultura dell’alimentazione.

Su questi e altri temi la Regione Toscana e l’Accademia dei Georgofili si impegnano, secondo l’accordo, a informarsi reciprocamente e a verificare la possibilità di attivare azioni congiunte.

Nel protocollo Regione e Accademia indicano già alcuni terreni d’azione comune: l’impegno a favorire la diffusione delle innovazioni nel settore dell’agricoltura e dell’agroalimentare, per quanto riguarda le tecniche colturali compatibili con i cambiamenti delle attività connesse allo sviluppo del territorio (come l’enogastronomia), lo sviluppo delle tematiche sullo sviluppo rurale e locale mirate alla valorizzazione del territorio nel suo complesso (marketing territoriale e multifunzionalità del settore agricolo forestale ed agroalimentare).

Il protocollo ha una durata biennale e segue un accordo analogo stipulato nel 2015 che ha consentito, tra l’altro, la collaborazione per la presenza della Toscana ad Expo Milano 2015, il contributo per la redazione del piano paesaggistico e della legge sugli usi civici, l’organizzazione di gruppo di lavoro sulla produzione sostenibile del tabacco in Val Tiberina e Val di Chiana e la collaborazione per la realizzazione del convegno su “Le filiere cerealicole in Toscana”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato  l’assessore regionale all’agricoltura Marco Remaschi:

L'articolo Protocollo Regione-Georgofili sull’agricoltura proviene da www.controradio.it.