Campionato della bugia: vince “Nobel per la cultura a Gigi D’Alessio”

Campionato della bugia: vince “Nobel per la cultura a Gigi D’Alessio”

Si è concluso ieri il Campionato della bugia 2017 svoltosi a Le Piastre, frazione del comune di Pistoia. Tra i vincitori due richiedenti asilo, provenienti dal Mali.

Secondo posto al Campionato della bugia per Diallo Balé e N’Faly Dembelé, ospiti di una vicina struttura, vincendo il Bugiardino d’argento. Hanno raccontato di essere laureati in economia e commercio e di essere arrivati in Italia per un master, ma con loro grande sorpresa, una volta giunti nel centro di accoglienza, si sono accorti che veniva loro offerta una frequenza all’asilo e che era stata raccontata loro una bugia.

Il titolo di più bugiardo d’Italia è andato invece a Luca Palamidessi, di Montecatini Terme, con la bugia del Nobel della cultura attribuito a Gigi D’Alessio. Il premio intitolato al
giornalista Giancarlo Zampini e messo in palio da La Nazione, che va alla raccontatrice più caratteristica, é andato alla romana Francesca Targa; mentre quello intitolato alla
giornalista Lucia Prioreschi e messo in palio dal Il Tirreno per premiare il bambino più bugiardo ha visto la vittoria ex aequo di Bianca Tesi, Aurora Rosini e Bianca Scatizzi.

Il titolo di miglior bugiardo radiofonico, concorso gestito da Radio Toscana, è andato infine a Simone Barni, pistoiese e operaio della Hitachi.

L’Accademia della Bugia de Le Piastre, che organizza il Campionato, ha poi consegnato la laurea honoris causa a Paolo Hendel.

L'articolo Campionato della bugia: vince “Nobel per la cultura a Gigi D’Alessio” proviene da www.controradio.it.