Violenza sessuale, fermo convalidato a cittadino ospite Caritas

Violenza sessuale, fermo convalidato a cittadino ospite Caritas

Il Gup del Tribunale di Arezzo Gianni Fruganti ha convalidato il fermo a carico di un 35enne di origine ghanese, accusato di violenza sessuale e lesioni.

L’udienza per la convalida del fermo si è tenuta questa mattina presso il carcere di Arezzo dove il giovane si trova da sabato pomeriggio.

L’uomo, ospite di una struttura della Caritas, è accusato per i reati di violenza sessuale e lesioni a una sedicenne e a un coetaneo della ragazza in un parco nel centro di Arezzo, ‘Il Prato’.

Il fermo è avvenuto due giorni fa, ma l’aggressione risale alla sera del 4 agosto. L’immigrato, riferiscono i carabinieri, avrebbe, prima sotto la minaccia di un coltello e poi a calci e pugni, costretto la sedicenne a denudarsi tentando poi un approccio sessuale. I due ragazzi sarebbero poi riusciti a fuggire.

Il 35enne, che era ospite di una struttura della Caritas, è sospettato di essere anche l’autore di altre due aggressioni analoghe, a coppie di ragazzini di 15-16 anni, avvenute nello stesso parco di Arezzo.

L’inchiesta è condotta dal sostituto procuratore Angela Masiello. Il 35enne, che gode dello status internazionale di rifugiato, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Al momento resta in carcere in attesa della decisione del giudice che si è riservato in materia.

L'articolo Violenza sessuale, fermo convalidato a cittadino ospite Caritas proviene da www.controradio.it.