Disabili: con app verrà mappata accessibilità centro Firenze

Disabili: con app verrà mappata accessibilità centro Firenze

Obiettivo è offrire all’utente le informazioni necessarie per spostarsi autonomamente.

Si chiama Kimap, la app che indica ai disabili i percorsi da seguire nel centro storico per
superare le barriere architettoniche. Lo strumento, sviluppato dalla start-up fiorentina Kinoa, sarà al centro di un evento di mappatura degli “ostacoli” per le strade di Firenze in programma sabato 28 ottobre.
Obiettivo del progetto è quello di offrire all’utente le informazioni necessarie per spostarsi autonomamente, da solo o accompagnato, consentendogli di sfruttare le potenzialità delle tecnologie. App e l’evento sono stati presentati oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore alla Smart City Giovanni Bettarini, dal presidente della commissione Urbanistica Leonardo Bieber e dal fondatore di Kinoa Lapo Cecconi.
“Kimap è progettata per rilevare in modo automatico e in tempo reale i percorsi accessibili – ha spiegato Cecconi – sia nei contesti urbani che in quelli extraurbani, e al tempo stesso per segnalare la presenza di barriere all’accessibilità indicando la strada migliore da percorrere. I prossimi aggiornamenti punteranno a un maggior coinvolgimento dell’utente e a facilitare al massimo gli spostamenti quotidiani dei disabili”.
Già utilizzata in diverse città, Kimap vanta attualmente 2 mila download dell’app in tutto il mondo. L’evento fiorentino del 28 ottobre, aperto a tutti, è patrocinato dal Comune di Firenze, dalla Regione Toscana e da Microsoft. Partenza da piazza Santa Maria Novella alle 10, da dove i partecipanti si divideranno in piccoli gruppi (rientro al punto di partenza alle 11.30).

L'articolo Disabili: con app verrà mappata accessibilità centro Firenze proviene da www.controradio.it.

Firenze: Bettarini, stadio? Lavoriamo per variante entro anno

Firenze: Bettarini, stadio? Lavoriamo per variante entro anno

“Ci sono pure procedimenti complicati come Vas su area Castello”.

“Stiamo lavorando a tutta per rimanere entro i termini che ci siano dati, cioè entro quest’anno. Ovviamente si tratta di procedimenti molto complicati, perché coinvolgono anche altri enti, ma noi siamo al lavoro per rispettare questi tempi”. Lo ha detto oggi, a margine del Consiglio comunale di Firenze, l’assessore all’urbanistica Giovanni Bettarini, parlando con i giornalisti del lavoro procedurale da portare avanti per la realizzazione del nuovo stadio a Novoli, nell’area nord di Firenze.
Al loro centro, una modifica del piano urbanistico esecutivo, già avviata dalla giunta, riguardo all’area di Castello, che secondo le nuove disposizioni dovrebbe accogliere il mercato ortofrutticolo e un parco; affiancata a questa, la relativa valutazione ambientale strategica (Vas), che il Comune dovrà mettere a punto in conferenza di servizi con svariati enti, tra i quali Consorzio di bonifica, Autorità idrica, di bacino, Città metropolitana e Regione, e dovrà essere approvata contestualmente alla variazione in Consiglio comunale.
Ai cronisti che esprimevano dubbi che tutto ciò potesse avvenire entro la fine dell’anno, Bettarini ha ripetuto che il “Comune è al lavoro per rispettare l’obiettivo”. E se, è stato poi chiesto, la Fiorentina chiederà una proroga per la presentazione del progetto per il nuovo stadio “faremo al momento la valutazione, se la società ci rivolgerà questa richiesta. Al momento non stiamo prendendo in considerazione questa ipotesi”.

L'articolo Firenze: Bettarini, stadio? Lavoriamo per variante entro anno proviene da www.controradio.it.

Cinema: Spazio Uno Firenze a rischio, Comune per salvataggio

Cinema: Spazio Uno Firenze a rischio, Comune per salvataggio

Storica sala è sotto sfratto, proiezioni di qualità da anni ’60.

Rischio di chiusura per la storica sala del cinema del centro storico di Firenze Spazio Uno, ma il Comune è sceso in campo per “scongiurare questa prospettiva”. É quanto è emerso oggi durante la seduta del Consiglio comunale.
La vicenda dello Spazio Uno è stata portata oggi all’attenzione dell’assemblea dalla consigliera Donella Verdi di Sinistra Italiana: “Enel, proprietaria dell’immobile, vuole sfrattare lo storico spazio di via del Sole – ha detto Verdi – vorremmo sapere se il Comune intende fare qualcosa per salvaguardare una realtà così importante dal punto di vista culturale la cui nascita risale agli anni “60”. Dai social intanto è lo stesso Spazio Uno che invita tutti a inviare mail al sindaco Dario Nardella e all’assessore all’urbanistica Giovanni Bettarini per chiedere loro di bloccare in qualche modo lo sfratto. Ma proprio dall’aula del Consiglio Bettarini assicura che Palazzo Vecchio è “già al lavoro, e sta seguendo con grande attenzione la vicenda: voglio inoltre sottolineare che nel nostro regolamento urbanistico ci sono anticorpi per questi casi. Anche in caso di cessione, infatti, almeno il 60% dovrà restare a uso cinematografico. Ma devo dire di non aver avuto, finora, alcuna richiesta di variazione di funzione da parte di Enel”.
L’assessore ha poi aggiunto di “voler fare il possibile per scongiurare la chiusura di Spazio Uno, e cercheremo di individuare tutte le misure possibili per salvaguardare la permanenza di questa importante attività culturale del centro storico”.

L'articolo Cinema: Spazio Uno Firenze a rischio, Comune per salvataggio proviene da www.controradio.it.

Ex Ferrotel di via del Romito diventa studentato universitario

Ex Ferrotel di via del Romito diventa studentato universitario

Ok al piano di trasformazione con 420mila euro per riqualificare la zona. L’assessore Bettarini: “Nuova funzione  all’immobile e interventi di recupero di piazza Baldinucci e restauro della chiesa del Sacro Cuore”

Da alloggio per il personale di Ferrovie a studentato universitario. È la nuova vita del complesso immobiliare Ferrotel di via del Romito che porterà, a titolo di compensazione, oltre 420mila euro per riqualificare piazza Baldinucci e la chiesa del Sacro Cuore al Romito.

Lo prevede la convenzione per l’attivazione della scheda del regolamento urbanistico Romito che ha avuto oggi il via libera della giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore all’Urbanistica Giovanni Bettarini.

“Un intervento di ristrutturazione edilizia che consente di trasformare un complesso immobiliare dismesso in un moderno studentato – ha detto Bettarini – Un progetto che ancora una volta utilizza lo strumento della convezione previsto dal regolamento urbanistico per dare nuove funzioni a pezzi di città e riqualificare aree urbane grazie alla compensazione del carico urbanistico. In questo caso, sarà possibile rinnovare piazza Baldinucci e restaurare la chiesa del Sacro Cuore al Romito”.

L’immobile oggetto della trasformazione era utilizzato per l’accoglienza del personale di Ferrovie dello Stato. L’intervento riguarda la ristrutturazione edilizia del complesso immobiliare e la realizzazione di uno studentato universitario. La somma dovuta a titolo di compensazione è di oltre 420mila euro e andrà a finanziare una serie di progetti.

In particolare, 170mila euro saranno destinati alla riqualificazione di piazza Baldinucci, 53mila euro alla realizzazione del cavo in fibra ottica e i restanti 200mila euro al restauro della chiesa del Sacro Cuore al Romito.

L'articolo Ex Ferrotel di via del Romito diventa studentato universitario proviene da www.controradio.it.

Firenze: aperto il collegamento tra via Gui e via Paisiello

Firenze: aperto il collegamento tra via Gui e via Paisiello

Operazione Leopolda, apertura offre importante soluzione di viabilità.

 Proseguono i lavori di completamento delle opere di urbanizzazione della zona Leopolda. Questa mattina è stato aperto il tratto di strada tra via Gui e via Paisiello che consentirà un migliore scorrimento del traffico nella zona. Al taglio del nastro erano presenti, tra gli altri, il sindaco Dario Nardella, l’assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti, l’assessore all’Urbanistica Giovanni Bettarini e il presidente del Quartiere 1 Maurizio Sguanci.

“Questa apertura offre una soluzione di viabilità importantissima – ha detto il sindaco Nardella – Un intervento a lungo atteso dai cittadini della zona, che consente di integrare meglio il centro con il Quartiere 5 e in prospettiva di sfruttare le potenzialità offerte dalla linea 2 della tramvia. Un altro mattone che aggiungiamo al progetto di miglioramento della viabilità della città e in particolare di questo quartiere”.

“Un importante contributo al miglioramento della circolazione nella zona – ha detto l’assessore Giorgetti – I veicoli in uscita ed entrata al quartiere possono infatti bypassare viale Fratelli Rosselli utilizzando il collegamento tra piazza Bonsanti e via Paisiello.

L’intervento, oltre a migliorare l’accessibilità del quartiere, garantisce ai residenti un percorso alternativo e più scorrevole rispetto a quello usato dagli autobus. Entro fine anno sarà aperto anche il tratto terminale del collegamento tra viale Michelucci e via Paisiello. Sarà l’occasione per riorganizzare l’intera viabilità del quartiere”.

“Dopo l’abbattimento della palazzina ex Enel – ha detto l’assessore Bettarini – proseguono le opere di urbanizzazione previste per l’area Leopolda. Un’operazione da un milione di euro su viabilità e verde pubblico che consente di realizzare interventi attesi da 15 anni dai cittadini della zona”.

Sono in via di completamento anche gli interventi per la realizzazione dello svincolo da via Michelucci su via Paisiello, che si affiancherà ai lavori per la nuova rotatoria tra via Paisiello e via Mercadante e agli interventi di finitura di piazza Bonsanti.

L'articolo Firenze: aperto il collegamento tra via Gui e via Paisiello proviene da www.controradio.it.