LAGUNA ORBETELLO, REGIONE: “AZIONI MONITORAGGIO E AREE RIFUGIO PER PESCI”

Laguna orbetello

“Le condizioni meteo di quest’anno ci condizionano ma monitoriamo.” così ha risposto l’assessore all’ambiente Frantoni: “tra le azioni un’ area rifugio per i pesci.”

E’ critica la situazione della laguna di Orbetello. L’assessore all’ambiente Federica Fratoni comunica che la Regione sta monitorando costantemente la laguna in totale raccordo con il sindaco di Orbetello Andrea Casamenti. “Le condizioni meteoclimatiche di quest’anno – dice Fratoni – , le alte temperature e l’assenza di piogge ci stanno fortemente condizionando.”

Ricordo che proprio nei giorni scorsi il presidente Enrico Rossi ha dichiarato lo stato di emergenza idrico ed idropotabile per tutta la Toscana e Orbetello non fa eccezione. “La laguna – continua – è un ecosistema delicatissimo nel quale la tutela dei pesci deve essere tenuta in equilibrio con quella altrettanto importante della nidificazione degli uccelli. In laguna ci sono ancora nidificazioni a rischio da tutelare con attenzione. Questo tuttavia non ha interrotto il livello dei pompaggi dell’acqua.”

“Sabato è stato disposto di consentire il raggiungimento del livello massimo di + 14 cm e ieri è stato raggiunto un livello di + 13 cm” ha aggiunto. Nel frattempo la Regione ha previsto di mettere in atto altre azioni: “il Raggruppamento Temporaneo di Imprese che gestisce il servizio è stato autorizzato ad aumentare le ore di lavoro del battello 15LI80, superando il limite programmato.”

L’obiettivo è quello di aumentare la circolazione delle imbarcazioni nelle aree maggiormente critiche – si sta lavorando alla realizzazione di una “area rifugio”, ovvero un’area all’interno della laguna dove si installano nuovi ossigenatori che avranno la funzione di offrire un’area di salvaguardia per il pesce in fuga dalle zone dove non c’è più ossigeno.

The post LAGUNA ORBETELLO, REGIONE: “AZIONI MONITORAGGIO E AREE RIFUGIO PER PESCI” appeared first on Controradio.

LAGUNA ORBETELLO, REGIONE: “AZIONI MONITORAGGIO E AREE RIFUGIO PER PESCI”

Laguna orbetello

“Le condizioni meteo di quest’anno ci condizionano ma monitoriamo.” così ha risposto l’assessore all’ambiente Frantoni: “tra le azioni un’ area rifugio per i pesci.”

E’ critica la situazione della laguna di Orbetello. L’assessore all’ambiente Federica Fratoni comunica che la Regione sta monitorando costantemente la laguna in totale raccordo con il sindaco di Orbetello Andrea Casamenti. “Le condizioni meteoclimatiche di quest’anno – dice Fratoni – , le alte temperature e l’assenza di piogge ci stanno fortemente condizionando.”

Ricordo che proprio nei giorni scorsi il presidente Enrico Rossi ha dichiarato lo stato di emergenza idrico ed idropotabile per tutta la Toscana e Orbetello non fa eccezione. “La laguna – continua – è un ecosistema delicatissimo nel quale la tutela dei pesci deve essere tenuta in equilibrio con quella altrettanto importante della nidificazione degli uccelli. In laguna ci sono ancora nidificazioni a rischio da tutelare con attenzione. Questo tuttavia non ha interrotto il livello dei pompaggi dell’acqua.”

“Sabato è stato disposto di consentire il raggiungimento del livello massimo di + 14 cm e ieri è stato raggiunto un livello di + 13 cm” ha aggiunto. Nel frattempo la Regione ha previsto di mettere in atto altre azioni: “il Raggruppamento Temporaneo di Imprese che gestisce il servizio è stato autorizzato ad aumentare le ore di lavoro del battello 15LI80, superando il limite programmato.”

L’obiettivo è quello di aumentare la circolazione delle imbarcazioni nelle aree maggiormente critiche – si sta lavorando alla realizzazione di una “area rifugio”, ovvero un’area all’interno della laguna dove si installano nuovi ossigenatori che avranno la funzione di offrire un’area di salvaguardia per il pesce in fuga dalle zone dove non c’è più ossigeno.

The post LAGUNA ORBETELLO, REGIONE: “AZIONI MONITORAGGIO E AREE RIFUGIO PER PESCI” appeared first on Controradio.

GUARDIA COSTIERA TOSCANA, PARTE ‘MARE SICURO’ PER SICUREZZA BAGNANTI

nave in avaria Guardia Costiera Toscana

La campagna estiva ‘Mare sicuro’ promossa dalla Guardia costiera è giunta al 26esimo compleanno. Ammiraglio Di Marco: “prevenzione passa dalla consapevolezza utenza, vigilanza in mare rafforzata.”

Riparte l’operazione “Mare Sicuro”, la campagna estiva sulla sicurezza in mare promossa dalla Guardia Costiera toscana e giunta al suo 26/o compleanno. “L’attività di prevenzione – ha detto l’ammiraglio Vincenzo Di Marco, direttore marittimo della Toscana – viene garantita dalla Guardia Costiera, ma passa anzitutto attraverso lo sviluppo di un approccio consapevole da parte dell’utenza, improntato al buon senso”.

Per questo, prosegue l’ufficiale, è “decisiva la collaborazione dei gestori degli stabilimenti balneari, degli assistenti ai bagnanti, dei presidenti dei circoli nautici, dei gestori dei porti turistici e dei media con la loro opera di informazione, a cominciare dal numero gratuito 1530″. La fase esecutiva dell’operazione “Mare Sicuro” inizia domani e il format è ormai collaudato: vigilanza intensa in mare sul rispetto delle regole, a 360 gradi, soprattutto per garantire sicurezza alle zone riservate alla balneazione, ispezioni continue a terra presso le strutture turistico-balneari per il controllo delle dotazioni e del servizio di salvamento, ma anche tutela ambientale e controlli a salvaguardia delle risorse del mare, incluse quelle ittiche.

Un’attenzione particolare, precisa la Guardia costiera, “viene rivolta al rispetto della prescrizioni relative alla fascia di mare prioritariamente destinata alla balneazione e alla distanza minima che le imbarcazioni devono tenere rispetto alle boe che indicano la presenza di subacquei in immersione, con tolleranza zero nei confronti di chi mette in pericolo l’incolumità dei bagnanti”.

The post GUARDIA COSTIERA TOSCANA, PARTE ‘MARE SICURO’ PER SICUREZZA BAGNANTI appeared first on Controradio.