PARTE ‘OPERAZIONE LEOPOLDA’: UN GIARDINO AL POSTO EX CENTRALE ENEL

 Enel Operazione Leopolda

🔈Questa mattina è partita la demolizione della palazzina ex centrale Enel di piazza Bonsanti alla presenza del sindaco Nardella e dell’assessore Bettarini. 

Un giardino al posto dell’ex centrale Enel di piazza Bonsanti. Nascerà a settembre, dopo i lavori di demolizione della palazzina abbandonata che hanno avuto il via questa mattina alla presenza del sindaco Dario Nardella e dell’assessore all’Urbanistica Giovanni Bettarini. L’intervento rientra nelle opere di urbanizzazione del Pue Leopolda, dopo il fallimento dell’impresa e il concordato.

“Oggi cominciano le operazioni di demolizione della palazzina ex Enel – ha detto il sindaco Nardella – Un immobile fino a poco tempo fa occupato abusivamente, dove ora sorgerà un giardino a disposizione di tutta la comunità della zona Leopolda. Dopo anni siamo riusciti a dare una svolta a questa operazione che porterà entro settembre a concludere lo sfondamento a piazza Bonsanti e via Michelucci e la realizzazione del parcheggio. Tre operazioni di viabilità e verde pubblico da un milione di euro, molto attese dai residenti della zona, che negli anni scorsi è stata riqualificata con realizzazioni edilizie moderne”.

Nel dettaglio, gli interventi riguarderanno l’apertura di due collegamenti viari che collegheranno via Paisiello con via Vittorio Gui e piazza Giancarlo Zoi e il completamento del parcheggio interrato in piazza Alessandro Bonsanti.

Il servizio di Claudio Gherardini che ha raccolto le dichiarazioni del Sindaco Nardella:

170703_02_DEMOLIZIONE PALAZZINA ALLA LEOPOLDA_NARDELLA

The post PARTE ‘OPERAZIONE LEOPOLDA': UN GIARDINO AL POSTO EX CENTRALE ENEL appeared first on Controradio.

PARTE ‘OPERAZIONE LEOPOLDA’: UN GIARDINO AL POSTO EX CENTRALE ENEL

 Enel Operazione Leopolda

🔈Questa mattina è partita la demolizione della palazzina ex centrale Enel di piazza Bonsanti alla presenza del sindaco Nardella e dell’assessore Bettarini. 

Un giardino al posto dell’ex centrale Enel di piazza Bonsanti. Nascerà a settembre, dopo i lavori di demolizione della palazzina abbandonata che hanno avuto il via questa mattina alla presenza del sindaco Dario Nardella e dell’assessore all’Urbanistica Giovanni Bettarini. L’intervento rientra nelle opere di urbanizzazione del Pue Leopolda, dopo il fallimento dell’impresa e il concordato.

“Oggi cominciano le operazioni di demolizione della palazzina ex Enel – ha detto il sindaco Nardella – Un immobile fino a poco tempo fa occupato abusivamente, dove ora sorgerà un giardino a disposizione di tutta la comunità della zona Leopolda. Dopo anni siamo riusciti a dare una svolta a questa operazione che porterà entro settembre a concludere lo sfondamento a piazza Bonsanti e via Michelucci e la realizzazione del parcheggio. Tre operazioni di viabilità e verde pubblico da un milione di euro, molto attese dai residenti della zona, che negli anni scorsi è stata riqualificata con realizzazioni edilizie moderne”.

Nel dettaglio, gli interventi riguarderanno l’apertura di due collegamenti viari che collegheranno via Paisiello con via Vittorio Gui e piazza Giancarlo Zoi e il completamento del parcheggio interrato in piazza Alessandro Bonsanti.

Il servizio di Claudio Gherardini che ha raccolto le dichiarazioni del Sindaco Nardella:

170703_02_DEMOLIZIONE PALAZZINA ALLA LEOPOLDA_NARDELLA

The post PARTE ‘OPERAZIONE LEOPOLDA': UN GIARDINO AL POSTO EX CENTRALE ENEL appeared first on Controradio.

FIRENZE, FORTE BELVEDERE TRASFERITO DAL DEMANIO AL COMUNE

Forte belvedere a pagamento

Approvato in giunta un progetto esecutivo per adeguamenti strutturali del Forte per 280 mila euro. Tra questi il graduale spostamento archivi Biblioteca Nazionale.

Il Forte di Belvedere, attualmente di proprietĂ  del demanio, sarĂ  trasferito a breve al Comune di Firenze. Tra i cambiamenti che l’immobile subirĂ , è stato oggi approvato in giunta il progetto esecutivo degli adeguamenti e del restauro della palazzina medicea che prevede tra l’altro il graduale spostamento degli archivi della Biblioteca nazionale per rendere gli spazi piĂš funzionali per le mostre. Oltre a questa delibera la giunta ha approvato altri progetti di manutenzione e restauro di musei e beni immobili per un totale di oltre un milione e 300 mila euro. Il progetto relativo al Forte di Belvedere ha un costo di 280 mila e prevede anche il restauro degli intonaci e degli elementi lapidei esterni, nonchĂŠ adeguamenti interni.

Lo scorso 22 maggio proprio Forte Belvedere era tornato a pagamento attraverso l’ok del consiglio comunale che aveva approvato la delibera che prevedeva la ‘Forte di Belvedere card’ a 2 euro per tutti i residenti della cittĂ  metropolitana che consentirĂ  l’ingresso al Forte di Belvedere per tutto il periodo di Ytalia, in mostra fino al primo ottobre. La card è una tessera nominale che viene rilasciata a tutti i fiorentini insieme all’acquisto del primo biglietto e dĂ  diritto all’ingresso gratuito al Forte per tutta la durata della mostra.Il sindaco Dario Nardella, si era espresso intervenendo in aula durante il dibattito sulla delibera, ricordando quel che la giunta ha fatto in questi anni “uno sforzo straordinario sulla cultura” e la fase di passaggio dal demanio avvenuto nella giornata di oggi “i costi gestionali sono destinati ad aumentare”, oltre a quelli giĂ  ingenti per la sicurezza del monumento.

The post FIRENZE, FORTE BELVEDERE TRASFERITO DAL DEMANIO AL COMUNE appeared first on Controradio.