Toscana, incidenti sul lavoro: 56 mortali nel 2017

Toscana, incidenti sul lavoro: 56 mortali nel 2017

I dati Inail sono stati presentati al convegno di  Pistoia, “La sicurezza sul lavoro va a teatro. Siamo tutti attori”. -1,12% di denunce per infortunio

Nei primi nove mesi del 2017 le denunce di infortunio pervenute all’Inail in Toscana sono state in tutto 36.704, -1,12% rispetto allo stesso periodo del 2016: di queste, 56 quelle con esito mortale (nello stesso periodo del 2016 furono 57). Questi i dati Inail presentati in occasione dell’evento “La sicurezza sul lavoro va a teatro. Siamo tutti attori” oggi al Piccolo Teatro Bolognini di Pistoia in occasione delle manifestazioni per Pistoia capoitale della cultura. Crescono invece dell’1,6% le denunce di malattie professionali, salite a 5.831 nel periodo fra gennaio e settembre di quest’anno.

In Toscana il lavoro in cava è l’attività lavorativa col più alto tasso di rischio di incidenti, anche invalidanti o mortali: secondo il rendiconto dell’Inail relativo al 2016 è però in lieve calo il numero di infortuni in cava, passato dai 104 del 2015 ai 100 del 2016. Il numero delle posizioni assicurative gestite dall’Inail in regione, rispetto all’anno precedente, mostra una diminuzione di quasi un punto percentuale (0,56%), mentre gli infortuni denunciati sono stati 50.110.

Nel campo dell’industria, il maggior numero di casi avviene nelle costruzioni (3.060), nel settore “Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento” (960) e nel settore “Fabbricazione di prodotti in metallo” (903). Nei servizi, invece, il maggior numero di casi si verifica nel “Commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli” (3.247), nel settore della “Sanità e assistenza sociale” (2.041), nel settore dei “Trasporti e magazzinaggio” (2.730).

L'articolo Toscana, incidenti sul lavoro: 56 mortali nel 2017 proviene da www.controradio.it.

Toscana, lavoro: nel 2017 3.814 regolarizzazioni dopo controlli

Toscana, lavoro: nel 2017 3.814 regolarizzazioni dopo controlli

I controlli dell’Inail  hanno coinvolto 1.004 aziende. Stanziati 19 milioni per interventi in materia di sicurezza sul lavoro

Nel 2017, finora, le ispezioni dell’Inail hanno portato in Toscana alla regolarizzazione di 3.814 lavoratori. E’ quanto rivelano i dati diffusi oggi in occasione dell’evento “La sicurezza sul lavoro va a teatro. Siamo tutti attori” in corso a Pistoia: dei lavoratori regolarizzati al 6 novembre scorso, 2.332 sono di nazionalità italiana, 979 sono comunitari, e 503 extracomunitari, con 1.004 aziende ispezionate.

Nel 2016 in Toscana è cresciuta l’evasione dei premi assicurativi Inail scoperta dagli ispettori: l’importo dei premi omessi accertati da verbali Inail è salito a 5,75 milioni di euro, contro i 4,8 milioni del 2015. La percentuale di irregolarità delle aziende ispezionate nello stesso anno è stata del 90,56%, contro l’88,71% del 2015. Nel 2016 i titolari di rendita per disabilità permanente sono stati 62.834, contro i 78.690 del 2015, per 459 milioni di euro erogati (-3,69%), su un totale di 537,9 milioni di contributi al territorio. L’Inail ha inoltre stanziato 19,1 milioni di euro per le aziende che intendono realizzare interventi in materia di sicurezza sul lavoro.

L'articolo Toscana, lavoro: nel 2017 3.814 regolarizzazioni dopo controlli proviene da www.controradio.it.