Alberi caduti per maltempo all’Isola d’Elba

Alberi caduti per maltempo all’Isola d’Elba

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO – Isola d’Elba, i Vigili del Fuoco segnalano che le zone di Marciana e Portoferraio sono state interessate da un fenomeno di vento forte, ma di breve durata.

Si segnala un tetto scoperchiato dal vento forte ed un albero che si è abbattuto su una autovettura in zona Marciana.

Al momento sembra che l’intensità del vento sia notevolmente diminuita.

La squadra del Distaccamento dei Vigili del Fuoco di Portoferraio sta portandosi sull’evento che ha coinvolto la vettura.

La capitaneria di Porto di Portoferraio fa sapere che i viaggi dei traghetti, al momento, sono regolari, mentre è interrotto il collegamento veloce con Piombino effettuato dall’aliscafo Acapulco.

L'articolo Alberi caduti per maltempo all’Isola d’Elba proviene da www.controradio.it.

Portoferraio, traghetto urta banchina, ferita passeggera

Portoferraio, traghetto urta banchina, ferita passeggera

Il traghetto ha urtato durante le manovre di attracco arrivato all’Elba. Una passeggera è caduta per il contraccolpo sbattendo la testa

Un traghetto della linea Toremar proveniente da Piombino, il Rio Marina Bella, ha urtato ieri sera una banchina del porto di Portoferraio (Livorno) durante la manovra di attracco, e una passeggera che si trovava a bordo, per il contraccolpo è caduta sbattendo la testa e procurandosi anche una sospetta frattura del malleolo. L’incidente è accaduto verso le 21.30, quando per cause ancora in via di accertamento da parte della Capitaneria di Portoferraio, che ha aperto un’inchiesta proprio per verificare e ricostruire la dinamica del fatto, il traghetto ha urtato in manovra lo spigolo di una banchina, danneggiando anche il molo. A seguito dell’urto – a bordo c’erano 151 persone e 50 mezzi – la donna è caduta ed è rimasta ferita. Subito soccorsa da un’ambulanza del 118 è stata quindi trasportata all’ospedale di Portoferraio.

L'articolo Portoferraio, traghetto urta banchina, ferita passeggera proviene da www.controradio.it.

Sindaco Montefranco trova famiglia a sei cagnolini

Sindaco Montefranco trova famiglia a sei cagnolini

I cuccioli erano stati abbandonati, vivranno all’Isola d’Elba.

Erano stati trovati abbandonati lo scorso agosto nelle campagne di Montefranco, ora, grazie all’interessamento in prima persona del sindaco del Comune della Valnerina ternana, avranno una nuova famiglia in Toscana: protagonisti della vicenda a lieto fine sono sei cagnolini, vittime di presunti maltrattamenti, affidati a tre persone residenti all’Isola d’Elba.
È stato lo stesso sindaco Rachele Taccalozzi a consegnare loro i cuccioli.
“La legge regionale umbra – spiega infatti – prevede che debba esserci passaggio diretto tra ente proprietario e adottante, per cui io stessa ho trasportato ieri i sei cuccioli fino a Livorno, dove c’è stata la consegna alle nuove proprietarie e la speranza di una nuova vita per i cani. Per il Comune – aggiunge poi il sindaco – è una grande soddisfazione poiché oltre a garantire una famiglia e una vita dignitosa e felice a questi sfortunati animali, risparmierà ben diecimila euro ogni anno destinati al loro mantenimento se fossero rimasti nel canile”.
Al momento del ritrovamento, secondo quanto riferisce il sindaco, gli animali presentavano chiari segni di denutrizione e maltrattamento, essendo anche ricoperti di piaghe.
Era stata sporta denuncia per abbandono, mentre i cagnolini erano stati portati al canile sanitario dell’Asl e successivamente al canile-rifugio di San Gemini, convenzionato con il Comune di Montefranco.
La notizia dell’abbandono era stata pubblicata sui social network, dove tre amiche dell’Elba hanno visto i post e deciso di farsi avanti per l’adozione.

L'articolo Sindaco Montefranco trova famiglia a sei cagnolini proviene da www.controradio.it.

Carceri: Sappe, detenuto appicca fuoco a cella all’Elba

Carceri: Sappe, detenuto appicca fuoco a cella all’Elba

In infermeria penitenziario, agente intossicato.

Un detenuto di circa trent’anni, nel primo pomeriggio di oggi, ha dato fuoco alla cella dell’infermeria del carcere, ove era ricoverato a Porto Azzurro, all’isola d’Elba. Ne dà notizia il segretario generale del Sappe Renato Capece spiegando che nel principio d’incendio è rimasto intossicato un agente.
Il detenuto, il giorno precedente dopo aver ingerito alcune batterie ministilo, era stato ricoverato d’urgenza con elisoccorso Pegaso, presso il nosocomio di Livorno. Al rientro in carcere era stato precauzionalmente messo in una cella dell’infermeria della casa reclusione di Porto Azzurro, ma, rileva Capece, “si è reso protagonista dell’ennesimo gesto dimostrativo, mettendo a rischio anche l’incolumità dell’agente in servizio che si è immediatamente prodigato nello spegnere il principio di incendio, riuscendo anche a salvare la vita all’incosciente detenuto”.
“Ribadiamo, ancora una volta, che il carcere di Porto Azzurro, istituto improntato prettamente al trattamento, è affollato di detenuti con problematiche psichiche e tossicologiche, e che l’apertura incondizionata delle celle sin dal primo mattino fino alla sera, lasciando i ristretti in pieno e totale ozio, mette a repentaglio la già precaria situazione della sicurezza”, osserva Capece che dà appuntamento per domani davanti a Montecitorio per la manifestazione indetta dai sindacati di polizia penitenziaria.

L'articolo Carceri: Sappe, detenuto appicca fuoco a cella all’Elba proviene da www.controradio.it.

Livorno: causa maltempo salta traghetto Capraia

Livorno: causa maltempo salta traghetto Capraia

Il forte vento costringe gli aliscafi per Elba e il traghetto per Capraia a restare in porto. Rallentati lavori in porto.

Traghetto fermo e rallentamento dei traffici portuali a Livorno a causa del forte vento di libeccio che soffia dalla notte con una media di 35/40 nodi con picchi registrati fino a 47 nodi, spiegano dall’Avvisatore marittimo.

Regolari i traghetti per le grandi isole da Livorno. Fermo in porto invece il Liburna della Toremar, che collega Livorno a Capraia, che ha saltato la prima corsa di stamani.

Regolari anche i collegamenti tra Piombino e l’Isola d’Elba ad eccezione dei due mezzi veloci, l’aliscafo Acapulco e il Corsica Express.

Sempre a causa del forte vento sono fermi i lavori di carico e scarico nei principali terminal del porto che dovrebbero comunque riprendere nel primo pomeriggio.

L'articolo Livorno: causa maltempo salta traghetto Capraia proviene da www.controradio.it.