Festa della Liberazione, le celebrazioni con la giunta e il gonfalone toscano

FIRENZE – In ricordo del 25 aprile 1945, anniversario della liberazione d'Italia. Tante sono le iniziative in programma tra oggi e domani: cerimonie in ricordo di chi si è battuto e morto per liberare il paese settantadue anni fa, commemorazioni e concerti, con quel filo di ideali di libertà, pace e giustizia sociale a legare gli uni agli altri e ad unire passato e presente.

Presidente, assessori e gonfalone della Toscana parteciperanno a sei iniziative.  Il presidente della Toscana Enrico Rossi sarà il 25 aprile alle 14 all'iniziativa nazionale a Milano: interverranno l'associazione dei partigiani, gli ex deportati e il presidente del Senato Grasso.

La vicepresidente Monica Barni sarà al concerto dell'Orchestra regionale toscana al teatro Verdi  a Firenze alle 21, un classico appuntamento della festa della Liberazione.  L'assessore Federica Fratoni interverrà sempre il 25 aprile, alle 9 di mattina, a Ponte Buggianese.

I gonfaloni della Toscana sarà presente alla celebrazione di Firenze al monumento ai caduti in piazza dell'Unità d'Italia, dalle 10 di mattina del 25, e alle 10.30 a Sant'Anna di Stazzema, teatro di una delle più feroci stragi nazifasciste sul finire della seconda guerra mondiale. 

A Sant'Anna ci sarà anche un prologo: da lì partirà la sera di lunedì 24 aprile la fiaccolata della pace che arriverà a Marignana, frazione di Camaiore.  Ed anche a Marignana sarà presente il gonfalone della Toscana.

 

Mediterraneo Downtown, tutto pronto. Il 26 aprile conferenza stampa

FIRENZE - Settanta ospiti internazionali, cento volontari, trentacinque ore di programmazione tra talk show, incontri, presentazioni di libri e spettacoli: è tutto pronto per la prima edizione di "Mediterraneo Downtown", www.mediterraneodowntown.it,  il primo festival interamente dedicato alla scena contemporanea dell'area mediterranea che si terrà a Prato dal 5 al 7 maggio 2017 dopo l'assaggio dell'anteprima che c'è stata lo scorso novembre.

Governare l'immigrazione è questione di intelligenza. Il finale di novembre

Il festival, organizzato da Cospe e promosso da Regione Toscana e Comune di Prato assieme a Livera, Amnesty international e Legambiente, sarà presentato dai promotori e da alcuni dei partner della manifestazione mercoledì 26 aprile alle ore 13 a Palazzo Strozzi Sacrati in piazza del Duomo 10 a Firenze, sede della presidenza della Regione.

Interverranno Vittorio Bugli, assessore alla presidenza e all'immigrazione della Regione Toscana, il sindaco di Prato Matteo Biffoni, il direttore del festival Fabio Laurenzi, il presidente di Legambiente Toscana Fausto Ferruzza, Giulia Bartolini e don Andrea Bigalli  di Libera Toscana e un rappresentante di Fondazione Finanza Etica, il direttore artistico del concerto "Di Me di Terra Nostra" Francesco Magnelli e l'artista Silvio Palladino tra i protagonisti del progetto "Panillion". Con un messaggio sarà presente anche Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.

Diritto allo studio, dalla Regione 1,8 milioni per libri e materiale didattico

FIRENZE - La Regione ha stanziato un milione e ottocento mila euro - ed altre risorse arriveranno con la variazione di bilancio - per garantire anche il prossimo anno scolastico, quello 2017-2018, un aiuto alle famiglie con minor capacità economica nelle spese per l'acquisto di libri, servizi e materiale didattico di varia natura per le medie e le superiori: un contributo forfettario, come è stato anche negli anni passati, da 280 a 105 euro a studente (fino a 1500 euro per chi abita al Giglio o a Capraia, più disagiati) e senza la necessità di rendicontare quanto speso.

"Abbiamo semplificato i passaggi intermedi tra Regione e Comuni assicurando per il prossimo anno tempi più rapidi nell'erogazione dei contributi alle famiglie – commenta l'assessore all'istruzione Cristina Grieco, che ha portato la delibera in giunta  – Abbiamo deciso di stanziare da subito il primo milione e ottocentomila euro proprio per evitare ritardi e garantire continuità nelle politiche. Con i minori trasferimenti e i tetti alla spesa sempre più bassi a cui anche le Regioni sono costrette non è stato facile. Abbiamo lasciato invariate le quote dell'assegno destinato ad ogni studente e con le successive variazioni di bilancio troveremo ulteriori risorse". Gli uffici della Regione hanno anche predisposto una schema di bando comunale, per una maggiore omogeneità di attuazione su tutto il territorio regionale.

L'assegno varia a seconda dell'anno di corso. Le risorse saranno trasferite a Comuni e Unioni di comuni tenendo conto della popolazione in età scolare e dei redditi delle famiglie. Lo stesso sarà fatto con i fondi statali, non ancora quantificati.

Consulta le pagine sul diritto allo studio sul sito della Regione Toscana
Leggi il testo della delibera e gli allegati

 

 

La domanda potrà essere presentata dalle famiglie che non superano i 15 mila euro di Isee, l'oramai famosissimo indicatore che misura redditi di tutto l'anno e patrimonio rispetto all'ampiezza del nucleo. Per gli studenti delle superiori la soglia sale a 20 mila euro. Ci sono naturalmente anche requisiti di merito: per le medie e il biennio successivo il diritto al contributo cessa ad esempio nel caso uno studente che ripeta l'anno si iscriva allo stesso istituto e abbia i medesimi libri; per gli ultimi tre anni delle superiori è invece obbligatorio essere stati promossi. Superati infine i venti anni di età, nessun contributo potrà essere richiesto.

I Comuni possono decidere in autonomia di utilizzare parte dei fondi stanziati dalla Regione per la messa a punto di progetti di comodato gratuito dei libri di testo. Se le risorse regionali non fossero sufficienti a coprire tutte le richieste, potranno ridurre i singoli contributi del 30 per cento. L'assegno naturalmente può anche essere superiore a quello indicato dalla Regione, a patto però che i Comuni aggiungano risorse proprie e che ci sia una copertura finanziaria per tutti gli aventi diritto.

Le pratiche si inoltrano al Comune di residenza.

Difesa del suolo, Fratoni presenta stato d’attuazione interventi mercoledì 26 alle 12

FIRENZE – Difesa del suolo, sarà presentato mercoledì 26 aprile dall'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni lo stato di attuazione delle attività contro il dissesto idrogeologico in Toscana.

L'appuntamento per i giornalisti è mercoledì 26 alle ore 12.00 in sala stampa Cutuli, Palazzo Strozzi Sacrati, Piazza Duomo 10.