AFERPI, GRIECO: “IL GOVERNO COPRIRA’ DIFFERENZA RETRIBUZIONE LAVORATORI FINO A 2018″

Aferpi Grieco Governo regione toscana

“Governo coprirà differenza retribuzione col passaggio da contratto solidarietà a cassa integrazione” ha comunicato assessore toscano lavoro Grieco: “boccata d’ossigeno per lavoratori Aferpi.” Rossi: “perché le banche non supportano Rebrab che ha messo 130 mln? Se sostituita con British Steel mi dimetto.”

Sarà il governo a coprire fino a tutto il 2018 la differenza, per i lavoratori di Aferpi, rispetto alla retribuzione che deriverebbe dall’applicazione della nuova normativa attualmente in vigore, ovvero col passaggio dal contratto di solidarietà alla cassa integrazione. Lo annuncia in una nota la Regione Toscana, il cui assessore al lavoro Cristina Grieco ha avuto oggi un chiarimento sul punto con il Ministero.

“Questo provvedimento – ha spiegato Grieco – insieme alla possibilità di proroga della mobilità in deroga e all’annunciato, come imminente, sblocco dei 30 milioni del sostegno al reddito delle politiche attive, può rappresentare una boccata d’ossigeno per i lavoratori, in particolare per Piombino, Livorno e le aree di crisi della Regione”.

“Vedo molti imprenditori italiani impegnati nel settore siderurgico e mi chiedo se dietro di loro ci siano istituti bancari italiani: mi domando poi perché quegli stessi istituti non supportino adeguatamente il progetto industriale di Rebrab, il quale con tutti i ritardi e tutti i difetti del caso ha già impegnato a Piombino qualcosa come circa 130 milioni di euro”. Lo ha detto il governatore della Toscana, Enrico Rossi, al termine della riunione del Comitato esecutivo dell’Accordo di programma di Piombino.

Se a sostituire la proposta di Rebrab, ha aggiunto Rossi, ci fosse quella di British Steel “che prevede il solo utilizzo dei laminati e di 700 lavoratori, allora smetto di fare il presidente della Toscana e avanzerò al Ministero dell’Industria una mia proposta, perché a fare questo sono capaci tutti. Ma lasciare a casa 1.300 lavoratori è inaccettabile”. Secondo Rossi siamo in “una fase delicatissima” perché “sono in corso, sotto la vigilanza del Ministero, le trattative con Aferpi in merito agli impegni che l’azienda dovrà assumersi per l’attuazione del piano industriale, ma anche sul versante della ripresa produttiva e della realizzazione degli impianti logistici. A ciò si deve aggiungere la questione del contratto di solidarietà e delle garanzie che devono essere fornite ai lavoratori sul loro reddito, su cui abbiamo chiesto impegni precisi da parte del Governo”.

Sull’ipotesi prospettata in questo senso “abbiamo bisogno di certezze – ha aggiunto il presidente della Regione – e per questo abbiamo fatto gli approfondimenti necessari affinché non ci siano arretramenti economici e le erogazioni dei contributi ai lavoratori siano puntuali. Non sarebbe accettabile un periodo senza stipendio per questioni burocratiche. Venerdì cercheremo di capire meglio cosa sta facendo il Governo sul nuovo contratto con Rebrab”.

The post AFERPI, GRIECO: “IL GOVERNO COPRIRA’ DIFFERENZA RETRIBUZIONE LAVORATORI FINO A 2018″ appeared first on Controradio.

Blitz neofascista contro don Zappolini, Rossi: “Si rassegnino. Noi siamo per i ponti, non per i muri”

FIRENZE - Il presidente della Toscana Enrico Rossi condanna fermamente il blitz di Forza Nuova che oggi ha affisso lo striscione "Zappolini eretico" su un muro della casa del parroco di Perignano, in provincia di Pisa, per contestare la sua decisione di organizzare la festa di fine Ramadan al centro Madre Teresa di Calcutta. 

"I neofascisti di Forza Nuova non sopportano chi lotta contro i pregiudizi ed opera nel quotidiano per favorire occasioni di incontro tra religioni e culture diverse - commenta Rossi - . A Don Armando Zappolini, di cui mi onoro di essere amico e che non ha bisogno delle mie difese, va tutta la mia solidarietà e quella della giunta regionale. I neofascisti si rassegnino. Le loro squallide iniziative non ci intimoriscono. Noi siamo per i ponti e non per i muri, per la pace e la solidarietà. Come Regione Toscana non smetteremo di lavorare per l'accoglienza e l'integrazione".

La festa di fine Ramadan al centro Madre Teresa di Calcutta è già al secondo anno: un'iniziativa, con i richiedenti asilo ospiti del territorio, organizzata insieme alla Cooperativa Il Cammino e alle parrocchie di Perignano e di Casciana Terme. Un modo per conoscersi meglio cucinando piatti delle due tradizioni, tra musica, sorrisi e tanta partecipazione.

Incendio a Montescudaio (PI), richiesto intervento di un Canadair

FIRENZE - Un incendio importante è in corso nel comune di Montescudaio (PI). Il fuoco non è ancora sotto controllo per il forte vento che imperversa sulla zona. Gli elicotteri non possono quindi interventire al momento. Proprio per questo la sala operativa Anti incendi boschivi ha richiesto l'intervento di un Canadair al Centro operativo aereo unificato (COAU) della Protezione civile nazionale, il cui arrivo è previsto per le ore 18.00.

Al momento sono attivi interventi da terra di Vigili del Fuoco, enti competenti e volontariato, anche da fuori provincia.

Vista la persistenza nelle prossime ore di vento molto forte in tutto il territorio regionale si raccomanda il rispetto tassativo del divieto di accensione di qualsiasi tipo di fuoco.

Info sul Servizio Anti Incendi Boschivi della Regione Toscana: http://www.toscana-notizie.it/speciali/servizio-antincendi-boschivi