Alternanza scuola-lavoro e apprendistato, due intese per migliorare l’occupazione giovanile

FIRENZE - Due protocolli d'intesa, interlocutori diversi ma un unico comune obiettivo: dare gambe a quel modello di formazione basato sull'alternanza tra scuola e lavoro, ispirato dalla realtà tedesca ma declinato in un contesto come quello italiano e toscano assai diverso, e basato anche sullo strumento, più ampio e rinnovato, dell'apprendistato. Due protocolli per avvicinare la scuola al lavoro e il mondo del lavoro alla scuola, provando in questo modo a contrastare disoccupazione giovanile – in Toscana il 34 per cento alla fine del 2016 - e la dispersione scolastica, fornire ai ragazzi competenze ancorate in modo migliore alle esigenze produttive e in linea con lo sviluppo economico. Certo, facendo i conti anche con la struttura produttiva toscana, che in gran parte fa perno su micro e piccole imprese.

I due protocolli sono stati firmati dalla Regione Toscana stamani: il primo con la Cida, ovvero il principale organismo di rappresentanza della dirigenza toscana, che riunisce le dodici federazioni del management privato industriale, del terziario e del pubblico; il secondo con l'ufficio scolastico regionale per la Toscana e il consiglio provinciale di Firenze dell'Ordine dei consulenti del lavoro.

Sbloccare l'accesso dei giovani alle Pmi
"Vogliamo dare gambe al cosiddetto sistema duale, quello dove scuola e mondo del lavoro collaborano ancora più a stretto gomito: certo senza creare un percorso di studio solo per rispondere alle esigenze delle imprese – sottolineano il presidente Enrico Rossi e l'assessore all'istruzione, alla formazione e al lavoro della Toscana, Cristina Grieco E in particolare puntiamo a 'sbloccare' l'accesso dei giovani alle piccole e medie imprese, che per dimensione e organizzazione spesso trovano difficoltà a reperire personale formato e competente". Il ruolo di Cida sarà proprio quello di superare questo ostacolo, mettendo a disposizione i propri manager per accompagnare gli studenti durante l'intero fase del percorso formativo. Il protocollo prevede anche che Cida Toscana realizzi sinergie con il sistema dell'istruzione e formazione regionale e contribuisca con le proprie competenze, esperienze e conoscenze al miglioramento della preparazione degli studenti. "L'intesa, ripetibile in altri territori, ci consentirà di svolgere un 'tutoraggio' nei confronti degli studenti. Sentiamo il dovere civico di contribuire al miglioramento del percorso di avvicinamento tra il mondo dell'impresa e quello della scuola" sottolinea il segretario toscano di Cida, Walter Bucelli. "Questo ruolo di 'facilitatori' – aggiunge – aiuterà i giovani a comprendere prima e meglio le logiche del mondo del lavoro ed aiuterà pure le imprese, che potranno contare su un serbatoio di giovani preparati dagli studi e formati dall'esperienza dei manager".

L'apprendistato formativo per non smettere di studiare
Nel nuovo sistema duale l'alternanza durante gli studi tra scuola e lavoro e l'impresa formativa simulata costituiscono la prima fase, a loro modo propedeutica. L'apprendistato, canale di accesso privilegiato dei giovani all'occupazione, è quella successiva. "I due dispositivi devono andare avanti insieme" sottolinea l'assessore Grieco. Ne convengono Domenico Petruzzo, il direttore dell'Ufficio scolastico regionale (ovvero il vecchio provveditorato) e Moreno Panchetti in rappresentanza dell'Ordine provinciale dei consulenti del lavoro. L'apprendistato è per l'appunto al centro dell'intesa, triennale, firmata da loro con la Regione. "

Non si potrà più dire "smetto di studiare e vado a lavorare". Con una battuta è un po' questa la rivoluzione lanciata l'anno scorso con il nuovo apprendistato formativo, che esiste da tempo ma era diventato un po' un panda in via di estinzione. Tutti più o meno conoscono il classico apprendistato professionalizzante, porta di ingresso nel mondo del lavoro. Quello formativo o di alta ricerca è qualcosa di diverso e nuovo: sburocratizzato e semplificato, riproposto con l'ambizione di riempire il vuoto che esiste e che lamentano i giovani ma anche le imprese. "Con l'apprendistato formativo si può studiare lavorando e lavorare imparando - spiega l'assessore Grieco - , si tratta di fatto di un cambio culturale: non più una sequenzialità tra formazione e lavoro ma una vera alternanza". E lo si può fare con un contratto ad hoc e un percorso formativo calato quasi su misura. Lo si può fare alle superiori, ma anche all'università, durante un dottorando o un master; lo studente riceve uno stipendio e "per le imprese - ricorda il presidente Rossi - ci sono sgravi contributivi e fiscali".

Tutoraggi e corsi su vantaggi e incentivi
Ufficio scolastico regionale e consulenti del lavoro, per il tramite della propria fondazione di studi fiorentina, assisteranno gratuitamente le imprese nella stipula di protocolli con le istituzioni formative e si impegneranno sostenere percorsi ad hoc, anche all'interno delle imprese e quanto più connessi alle mutevoli esigenze del mondo del lavoro e della ricerca. Saranno organizzati inoltre corsi e incontri seminariali per la divulgazione dei vantaggi e degli incentivi nazionali e regionali connessi al contratto di apprendistato di primo e secondo livello. Un monitoraggio, almeno semestrale, sulle azioni messe in campo accompagna l'accordo.


Per approfondire:
Le pagine del sito della Regione sull'apprendistato
Il sistema duale
L'alternanza scuola-lavoro

Altre immagini nelle risorse correlate (foto:Simone Cresci) 

 

Lunedì 25 l’assessore Grieco presenta Didacta Italia

FIRENZE – La fiera Didacta Italia, in programma alla Fortezza da Basso di Firenze dal 27 al 29 settembre, sarà presentata lunedì prossimo, 25 settembre, ore 11.30, nella sala Cutuli di Palazzo Strozzi Sacrati. La conferenza stampa sarà presenziata dall'assessore regionale Cristina Grieco ad Istruzione, formazione e lavoro.

Con l'assessore Grieco, saranno presenti il presidente di Indire Giovanni Biondi, la vicesindaco del Comune di Firenze Cristina Giachi, l'assessore comunale di Firenze Anna Maria Concia, il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale Domenico Petruzzo e il presidente di Firenze Fiera Leonardo Bassilichi.

Lo scopo di Didacta Italia è innovare la didattica, favorire il dibattito sul mondo dell'istruzione e creare un luogo di incontro tra le scuole e le aziende del settore. Quattromila sono i docenti iscritti alla manifestazione, novanta i workshop che saranno avviati, centocinquanta gli espositori presenti. Ben ottomila, infine, sono le prenotazioni individuali ai seminari tecnici.

Didacta è la più importante fiera sui temi della scuola e dell'educazione in Europa. Essa è nata in Germania e quest'anno, per la prima volta, esce dal territorio tedesco. Firenze sarà la sede della prima edizione italiana.

 

 

 

Venerdì 22 settembre, l’agenda di Enrico Rossi

FIRENZE - Pubblichiamo, a cura dell'ufficio del portavoce, l'agenda del presidente della Regione Enrico Rossi di giovedì 21 settembre.

9:30-11:00 riunione dedicata all'emergenza incendi, Palazzo Strozzi Sacrati

11:00-12:00 lavoro d'ufficio
 
12:00-14:00 riunione con ufficio scolastico regionale e Cida (confederazione italiana dei dirigenti e alte professionalità) e firma dei protocolli per il sistema duale (alternanza scuola-lavoro)
 
15:00-17:00 lavoro d'ufficio e preparazione atti di giunta
 

Raddoppio ferroviario Pt-Lu: sopralluogo di Ceccarelli sui cantieri

FIRENZE – Proseguono i lavori per il raddoppio della linea ferroviaria Pistoia - Lucca, partiti nel maggio dello scorso anno. Oggi, venerdì 22 settembre, l'assessore a trasporti e infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, effettuerà un sopralluogo sui cantieri per verificare lo stato di avanzamento delle opere. Sarà presente il direttore investimenti di RFI, Aldo Isi.

L'appuntamento con i giornalisti è previsto per le ore 11.00, presso il campo base lungo la sr 435 'Lucchese' , in località 'Stazione Masotti', a Serravalle Pistoiese (nei pressi dello stabilimento Colabeton).

Venerdì 22 settembre, l’agenda della Giunta regionale

FIRENZE - Gli impegni odierni del presidente e degli assessori della Giunta regionale toscana:

Monica Barni
Conferimento Laurea magistrale honoris causa in "Psicologia Clinica e della Salute" a Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama
Ore 9.00, Pisa, Palazzo dei Congressi, via Matteotti 1

Vittorio Bugli
Edizione 2017 Puliamo il mondo: parteciperanno richiedenti asilo politico
Ore 14.30,  Capannori (Lu), Località Castelvecchio, via di Sottomonte, Oasi Bottaccio

Marco Remaschi
"Bando PIF Agroalimentare 2017: Incontri informativi sul territorio"
Ore 9.00, Grosseto, Camera di Commercio, via Fratelli Cairoli, 10

Stefania Saccardi
Visita strutture gestite  da coop. Gruppo incontro
Ore 10.00, Montecatini Terme (Pt)

Inaugurazione Angiografo
Ore 13.00, Pescia (Pt)