Ius soli: presidente Ucoii, politici abbiano coraggio

Ius soli: presidente Ucoii, politici abbiano coraggio

“Ius soli, che non è granché come legge, dà la possibilità ai bambini che sono nati o che stanno studiando nelle nostre scuole di sentirsi cittadini italiani e avere degli strumenti”.

“Non dobbiamo avere paura. Se rimaniamo allo stadio della paura non riusciamo a vivere e non possiamo vedere né il domani ma neppure l’oggi. Quindi, il mio invito alla politica tutta è di essere coraggiosa, di lavorare seriamente, di aprire non solo gli occhi e la mente ma anche il cuore”. Lo ha detto l’imam di Firenze e presidente dell’Ucoii Izzedin Elzir, rispondendo ad una domanda sullo ius soli a margine di un convegno.
“Il politico – ha aggiunto – deve lavorare, deve sentire l’opinione pubblica ma non deve vedere solo i sondaggi. Perché se guarda i sondaggi vuol dire che il politico non fa il suo dovere. É stato eletto e prende dei soldi per lavorare non per seguire i sondaggi. Ius soli, che non è granché come legge, dà la possibilità ai bambini che sono nati o che stanno studiando nelle nostre scuole di sentirsi cittadini italiani e avere degli strumenti. Oltre la nostra scuola, oltre la nostra cultura, oltre alla nostra storia e cucina, serve il documento”.

L'articolo Ius soli: presidente Ucoii, politici abbiano coraggio proviene da www.controradio.it.

Ius soli: presidente Ucoii, politici abbiano coraggio

Ius soli: presidente Ucoii, politici abbiano coraggio

“Ius soli, che non è granché come legge, dà la possibilità ai bambini che sono nati o che stanno studiando nelle nostre scuole di sentirsi cittadini italiani e avere degli strumenti”.

“Non dobbiamo avere paura. Se rimaniamo allo stadio della paura non riusciamo a vivere e non possiamo vedere né il domani ma neppure l’oggi. Quindi, il mio invito alla politica tutta è di essere coraggiosa, di lavorare seriamente, di aprire non solo gli occhi e la mente ma anche il cuore”. Lo ha detto l’imam di Firenze e presidente dell’Ucoii Izzedin Elzir, rispondendo ad una domanda sullo ius soli a margine di un convegno.
“Il politico – ha aggiunto – deve lavorare, deve sentire l’opinione pubblica ma non deve vedere solo i sondaggi. Perché se guarda i sondaggi vuol dire che il politico non fa il suo dovere. É stato eletto e prende dei soldi per lavorare non per seguire i sondaggi. Ius soli, che non è granché come legge, dà la possibilità ai bambini che sono nati o che stanno studiando nelle nostre scuole di sentirsi cittadini italiani e avere degli strumenti. Oltre la nostra scuola, oltre la nostra cultura, oltre alla nostra storia e cucina, serve il documento”.

L'articolo Ius soli: presidente Ucoii, politici abbiano coraggio proviene da www.controradio.it.

Hitler sulla pagina della comunità Islamica, “E’ attacco hacker”

Hitler sulla pagina della comunità Islamica, “E’ attacco hacker”

La figura di Adolf Hitler come immagine di copertina è apparsa ieri sul profilo social dalla Comunità Islamica di Firenze e della Toscana. Si sarebbe trattato di un attacco hacker secondo  l’imam di Firenze e presidente dell’Ucoii Izzeddin Elzir.

Lo screenshot della pagina Fb è rimbalzata subito in rete allarmando i fedeli e destando critiche, attacchi e polemiche, nonostante i responsabili della moschea di Borgo Allegri abbiano  provveduto immediatamente a cambiare il profilo Facebook eliminando l’immagine di Hitler.

E’ stata contattata contemporaneamente anche la Digos per riferire l’accaduto e procedere alle opportune indagini.

L’attacco hacker è arrivato a pochi giorni dalle ultime dichiarazioni dell’Imam in merito alle prospettive della nuova mosche di Firenze. Izzeddin Elzir si è detto  deciso a tirare a diritto (“La pazienza e’ finita, andremo avanti senza consultare nessuno”). Pronta la reazione del sindaco Nardella che si è detto sorpreso ma anche ribadito ieri a margine di un incontro stampa, “Vedo che l’imam ha compreso come funzionano le regole urbanistiche, visto che non stiamo parlando di un’opera pubblica, ma di una privata. E giusto, quindi, che sia il soggetto interessato ad avanzare la proposta”. “Noi non abbiamo mai, ripeto, mai negato qualsivoglia disponibilita’ a sedersi per valutare le proposte. Anzi in passato ci siamo perfino spinti ad avanzare ipotesi che, come sapete, per diverse ragioni talvolta tecniche, talvolta economiche, non si sono realizzate”.  Per Nardella “avere migliaia di cittadini musulmani che pregano nei sottoscala, nei garage, negli scantinati, e’ un problema non solo per loro ma per tutta la comunita’ in termini di sicurezza, poca trasparenza, scarsi controlli, condizioni igienico-sanitarie e sociali. Lo vediamo ogni anno e ogni giorno con quello che succede in piazza dei Ciompi”.

L'articolo Hitler sulla pagina della comunità Islamica, “E’ attacco hacker” proviene da www.controradio.it.