Stop a Leroy Marlin, comune ascolta CNA Scandicci

Stop a Leroy Marlin, comune ascolta CNA Scandicci

 

Simone Balducci, presidente di CNA Scandicci Lastra a Signa, esprime soddisfazione per aver ottenuto l’attenzione dell’amministrazione comunale riguardo all’assegnazione dell’area ex Margheri ed ex Caserma dei Lupi a dei progetti locali.

“Siamo felici che il buon senso abbia prevalso sulla ‘cassa’ e che l’amministrazione comunale abbia coinvolto le associazioni di categoria sul tema. L’incontro è stato positivo, ma è inutile nascondere che rimangono forti preoccupazioni sul futuro di un’area così importante come l’ex Caserma dei Lupi di Toscana e l’ex Margheri”.

Così Simone Balducci, presidente di CNA Scandicci Lastra a Signa, al termine dell’incontro sull’ipotesi di insediamento del centro Commerciale Leroy Marlin nell’area Margheri che si è svolto questa mattina tra l’amministrazione di Scandicci (il sindaco Fallani, il vicesindaco Giorgi e l’assessore Toscano) e i rappresentanti delle categorie economiche.

“L’area, a nostro avviso, dovrebbe ospitare progetti che riescano a creare opportunità economiche reali per il territorio e senza contraccolpo negativo alcuno per gli artigiani e i commercianti attivi nei medesimi settori del marchio francese” prosegue Balducci.

“Fondamentale – conclude Balducci – è che i comuni di Scandicci e Firenze attivino sinergie in merito al progetto, tenendo conto di ogni suo aspetto, dalla destinazione d’uso alla viabilità e che continuino a rapportarsi con i rappresentanti delle imprese con la trasparenza e la chiarezza fin qui dimostrate”.

L'articolo Stop a Leroy Marlin, comune ascolta CNA Scandicci proviene da www.controradio.it.