ANNULLATO CONCERTO BATTIATO A PISTOIA PER MALTEMPO

Concerto Battiato Maltempo

Battiato avrebbe dovuto esibirsi in Piazza Duomo alle 21.00 di oggi per inaugurazione 38esimo Pistoia Blues. La Data non sarà recuperata e i biglietti saranno rimborsati.

Annullato a causa del maltempo il concerto di Franco Battiato a Pistoia, che avrebbe dovuto esibirsi stasera alle 21.00 in piazza Duomo, insieme alla Royal Philharmonic Concert Orchestra di Londra. L’appuntamento avrebbe dovuto inaugurare  la 38esima edizione del Pistoia Blues Festival. La data non sarà recuperata, sarà quindi possibile chiedere il rimborso dei biglietti.

A causa del maltempo è saltato a data da destinarsi lo spettacolo di Grillo programmato oggi al Teatro Romano per Estate fiesolana 2017, e per il quale ci sarà il rimborso dei biglietti, e il concerto per i 25 anni Fondazione Cr Firenze che si sarebbe dovuto tenere piazza S.Croce a Firenze orchestrali della Scuola di musica di Fiesole e del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze e dai coristi delle Voci Bianchi del Maggio Musicale Fiorentino. “Siamo davvero dispiaciuti- ha dichiarato il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio Firenze Umberto Tombari- perché, in questi giorni, abbiamo potuto toccare con mano la vicinanza della città alla nostra istituzione e il concerto è andato sold out in pochissimo tempo.”

The post ANNULLATO CONCERTO BATTIATO A PISTOIA PER MALTEMPO appeared first on Controradio.

EATALY, SI’ TOSCANA A SINISTRA: “SOLO 366 EURO PER INVADERE FIRENZE CON ‘MANGIFICIO’”

Eataly SI per il sì alla tramvia al Duomo

Questo il commento del consigliere Sinistra Italiana Grassi dopo risposta del Comune: “è un regalo a Farinetti nella realtà? Ci dica allora quanto ha guadagnato in 4 giorni di mercato.”

“Solo 336 euro il bottino incassato dal Comune per aver concesso ad Eataly di invadere con i propri stand la Via Martelli” queste le parole del consigliere comunale di Sinistra italiana Tommaso Grassi riguardo alla polemica sollevata sulla ‘festa del cibo di strada’ organizzata da Eataly. “L’assessora Del Re ci ha risposto che si è trattato di una fiera in cui l’unico organizzatore ed espositore era proprio Eataly che ha proprio davanti la propria attività commerciale, tanto che per pagare il cibo agli stand si dovevano acquistare dei gettoni presso il negozio” ha commentato Grassi: “Una fiera sulla carta, ma un regalo a Farinetti nella realtà.”

“Com’è possibile” si chiede Sì “che un comune che avrebbe voluto dire basta al centro storico trasformato in un mangificio non abbia avuto nulla da dire e, anzi, abbia autorizzato e poi difeso l’iniziativa che ha trasformato un’intera via, a pochi metri dal Duomo, in un mercato gastronomico all’aperto? Dov’è finito tutto l’impegno del Comune per i piatti tipici toscani?” Domande che lascerebbero intravedere, secondo Grassi, un trattamento di favore nei confronti dell’impresa di Farinetti.

Il paragone con l’iniziativa di solidarietà promossa ai lavoratori dell’ex libreria Edison “è ai limiti della decenza: la cultura va difesa e promossa sul territorio, ma trasformare in un mangifico il suolo pubblico dovrebbe quanto meno non essere favorito e incentivato.” E le prossime iniziative di Eataly, il 28, 29 e 30 luglio la Festa della focaccia alla pala e la Festa dell’uva, prevista a partire dal 29 settembre “sarebbero già pubblicizzate nonostante il Comune abbia negato nuove autorizzazioni in corso”. “Consigliamo al Comune” conclude il comunicato “di pensarci bene prima di autorizzare nuove concessioni del suolo pubblico per finte fiere commerciali: le fiere dovrebbero vedere esporre più di una sola attività commerciale.”

The post EATALY, SI’ TOSCANA A SINISTRA: “SOLO 366 EURO PER INVADERE FIRENZE CON ‘MANGIFICIO'” appeared first on Controradio.