Archiviata l’inchiesta a carico di Maurizio Sguanci

Archiviata l’inchiesta a carico di Maurizio Sguanci

É stato lo stesso presidente del Quartiere Uno a darne notizia: “Questa è chiaramente una di quelle esperienze che ti segna e ti insegna. Insegnamenti che, vi assicuro, terrò in debito conto”.

Sguanci era stato indagato insieme ad altre persone nell’ambito di accertamenti della polizia su presunte irregolarità nell’esecuzione di alcuni lavori stradali nel centro di Firenze.
“Oggi – ha affermato Sguanci – torno ad essere un uomo ricco perché torno in possesso di una cosa che ultimamente sembra essere passata un po’ in secondo piano ma che invece è la più preziosa che un uomo possegga: l’onore”.
Sguanci ha inoltre ringraziato la procura di Firenze e gli agenti della squadra mobile per “la delicatezza” con cui sono state portate avanti le indagini, nel corso delle quali sono state seguite anche perquisizioni. “Voglio ringraziare con profondo affetto il sindaco, per la fiducia, il sostegno e l’amicizia che non mi ha mai fatto mancare. Quando affermavo di avere totale fiducia nella magistratura non era un affermazione di rito ma una piena convinzione” ha concluso.

L'articolo Archiviata l’inchiesta a carico di Maurizio Sguanci proviene da www.controradio.it.

Intitolata a Marasco una terrazza sull’Arno

Intitolata a Marasco una terrazza sull’Arno

Presente allo svelamento della targa commemorativa Dario Nardella: “Marasco ha incarnato il vero spirito fiorentino”.

La terrazza sull’Arno antistante a piazza Poggi, a Firenze, è stata intitolata nella mattinata a Riccardo Marasco, cantante e compositore fiorentino. Alla cerimonia erano presenti i familiari dell’artista, l’assessore alla toponomastica Andrea Vannucci ed il sindaco Dario Nardella.

“Marasco – ha detto il sindaco Nardella – è stato un grande artista e cantautore, a lui Firenze deve molto di più di quanto gli ha restituito. Marasco ha incarnato il vero spirito fiorentino: è stato libero, testardo, sagace, irriverente. Stava fuori dai giri, non andava avanti a conoscenze, e per questo ha dovuto superare dei momenti difficili. Tutti conoscono la sua canzone più famosa, l’alluvione, un dramma da lui trasformato con ironia in un momento divertente. Pochi conoscono invece i suoi studi sulla musiche antiche, dal Medioevo al Barocco, dimenticate negli archivi e da lui portate alla luce in tanti concerti”.

ll sindaco ha concluso il suo intervento auspicando che sulla terrazza appena intitolata al cantante “ci fosse la possibilità di organizzare un festival dedicato a lui e alla musica tradizionale fiorentina dalla prossima estate”.

L'articolo Intitolata a Marasco una terrazza sull’Arno proviene da www.controradio.it.