Reddito cittadinanza, Grieco: ‘preoccupanti dichiarazioni Di Maio’

Reddito cittadinanza, Grieco:  ‘preoccupanti  dichiarazioni Di Maio’

Lo ha dichiarato Cristina Grieco, Coordinatrice della Commissione Lavoro della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, replicando alle dichiarazioni rilasciate oggi dal Ministro Luigi Di Maio.

” “Le Regioni chiedono solo il rafforzamento dei servizi per l’impiego con assunzioni stabili e non con precari. Leggiamo  con preoccupazione le dichiarazioni del Ministro Luigi Di Maio proprio mentre le Regioni con le strutture del ministero stanno facendo passi importanti per trovare una giusta soluzione al tema dei cosiddetti navigator”: lo ha dichiarato Cristina Grieco, Coordinatrice della Commissione Lavoro della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, replicando alle dichiarazioni rilasciate oggi dal Ministro Luigi Di Maio.

“Noi stiamo prospettando ipotesi – ha spiegato l’Assessore della Regione Toscana – che tengano conto dell’impatto che il provvedimento sul reddito di cittadinanza avrà sui servizi per il lavoro e sulle competenze, a legislazione vigente, delle Regioni. Le Regioni nella seduta di ieri hanno discusso a lungo lavorando sull’ultima proposta formulata dal ministero, apportando modifiche emendative tese a far funzionare la complessa architettura del reddito di cittadinanza. Il Ministro invece sembra volere invece una rottura istituzionale. In particolare considerando il necessario coordinamento con il territorio e con le politiche regionali”

“Siamo di fronte ad una scelta importante- ha concluso Grieco-  per cui è opportuna la massima chiarezza: le Regioni stanno chiedendo solo  di rafforzare i servizi con assunzioni stabili e non con migliaia di precari contrattualizzati in modo massivo e frettoloso. E lo vogliono fare di intesa con il Governo, come prevede il dettato costituzionale. Ma talvolta il Ministro sembra ‘navigare’ in direzione opposta”.

L'articolo Reddito cittadinanza, Grieco: ‘preoccupanti dichiarazioni Di Maio’ proviene da www.controradio.it.

Firenze, amministrative: anche Pap sostiene Antonella Bundu

Firenze, amministrative: anche  Pap sostiene Antonella Bundu

Lo ha deciso, spiega una nota, l’assemblea territoriale di Firenze di Potere al popolo, con il 79% dei voti (su 200 aderenti).

Potere al popolo a Firenze entrerà nella coalizione che sostiene Antonella Bundu, formata da Firenze città aperta, Rifondazione comunista, Possibile, Sinistra italiana e Mdp. Lo ha deciso, spiega una nota, l’assemblea territoriale di Firenze di POtere al popolo, con il 79% dei voti (su 200 aderenti). Per Pap Bundu non rappresenta “quella sinistra annichilita da 20 anni di compromessi col liberismo e dal voto del 4 marzo. E’ una figura nuova, un’elettrice di Pap e un’attivista proveniente dal mondo dell’antirazzismo e del volontariato, che incarna sulla sua pelle e sul suo essere donna le contraddizioni che vivono milioni di persone in questo paese”. “E’ tempo di unità”, conclude Pap, ma non di “un’unità basata sul nulla, sulla rincorsa alla poltrona, su coalizioni in cui c’è tutto e il contrario di tutto, cosa alla quale purtroppo ci ha abituato la sinistra di questo paese”.

L'articolo Firenze, amministrative: anche Pap sostiene Antonella Bundu proviene da www.controradio.it.

Firenze, amministrative: anche Pap sostiene Antonella Bundu

Firenze, amministrative: anche  Pap sostiene Antonella Bundu

Lo ha deciso, spiega una nota, l’assemblea territoriale di Firenze di Potere al popolo, con il 79% dei voti (su 200 aderenti).

Potere al popolo a Firenze entrerà nella coalizione che sostiene Antonella Bundu, formata da Firenze città aperta, Rifondazione comunista, Possibile, Sinistra italiana e Mdp. Lo ha deciso, spiega una nota, l’assemblea territoriale di Firenze di POtere al popolo, con il 79% dei voti (su 200 aderenti). Per Pap Bundu non rappresenta “quella sinistra annichilita da 20 anni di compromessi col liberismo e dal voto del 4 marzo. E’ una figura nuova, un’elettrice di Pap e un’attivista proveniente dal mondo dell’antirazzismo e del volontariato, che incarna sulla sua pelle e sul suo essere donna le contraddizioni che vivono milioni di persone in questo paese”. “E’ tempo di unità”, conclude Pap, ma non di “un’unità basata sul nulla, sulla rincorsa alla poltrona, su coalizioni in cui c’è tutto e il contrario di tutto, cosa alla quale purtroppo ci ha abituato la sinistra di questo paese”.

L'articolo Firenze, amministrative: anche Pap sostiene Antonella Bundu proviene da www.controradio.it.