Intercity Festival Bruxelles, 30ª Edizione

Intercity Festival Bruxelles, 30ª Edizione

🔈Sesto Fiorentino, presentata oggi la 30ª Edizione di Intercity Festival che si svolgerà dal 22 settembre al 12 novembre 2017 alla Teatro della Limonaia.

Intercity Festival compie quindi 30 anni e si legge nel comunicato di presentazione:

“30 anni di lavoro sconvolgente, passionale e assoluto. 30 anni di viaggi verso destinazioni poco note, alla ricerca del teatro che non c’è, del teatro futuro; di quel teatro che sta nascendo da qualche parte del mondo e non sa ancora di essere destinato a diventare una pietra miliare del teatro internazionale. 30 anni durante i quali il Festival Intercity, con la spontaneità e la fragilità di un bambino, scavalcando ostacoli e superando difficoltà, impedimenti e impasse, ha contribuito alla rinascita e allo sviluppo del teatro in Italia, introducendo nel paese grandi artisti e maestri del teatro internazionale. Ha fatto sì che realtà molto diverse tra loro si mettessero in contatto creando sinergie artistiche e sviluppando poi nuove realtà e nuove metodologie”.

In questo momento di particolare momento dell’Europa, la direzione artistica di Intercity ha scelto di dedicare questa edizione speciale alla città di Bruxelles, il “cuore” dell’Europa.

Gimmy Tranquillo ha intervistato Dimitri Milopulos ed il sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi:

 

L'articolo Intercity Festival Bruxelles, 30ª Edizione proviene da www.controradio.it.

Richard Ginori: fumata nera a riunione Mise, DoBank conferma il ‘no’

Richard Ginori: fumata nera a riunione Mise, DoBank conferma il ‘no’

Vertice a Roma sull’acquisizione del sito industriale Richard Ginori a Sesto Fiorentino. DoBank ha confermato il proprio no all’ipotesi di accordo definita lo scorso maggio per la cessione dello stabilimento da parte dei liquidatori.

Richard Ginori ha ribadito la volontà di proseguire ad investire per il rilancio dell’attività dello storico marchio a condizione però di poter acquisire la proprietà dello stabilimento.

In una nota la società spiega che la sua offerta resta valida fino al 30 settembre ma afferma di “non essere disponibile a protrarre oltre il 31 dicembre 2017 una situazione di incertezza che si trascina ormai da oltre quattro anni”.

Alla riunione, in rappresentanza del governatore toscano Enrico Rossi, è intervenuto tra gli altri il consigliere per il lavoro Gianfranco Simoncini, il quale ha spiegato che ministero e istituzioni continueranno ad impegnarsi per arrivare ad una
soluzione positiva. In tal senso saranno attivati rapporti con i massimi vertici aziendali delle banche coinvolte: DoBank, Bnl e Popolare Vicenza ma anche con Unicredit.

“Per la Regione – commenta Rossi in una nota – la difesa della Richard Ginori è un
elemento fondamentale per la salvaguardia di uno dei pilastri storici del patrimonio economico toscano. Mi preme sottolineare come da questa vicenda emergano tutti i problemi derivanti dalla cessione di crediti in sofferenza verso istituti che cercano di
trarre il massimo profitto, finanche a tre volte quanto pagato con l’acquisizione, senza tener in nessun conto degli interessi generali del territorio”.

Il sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi, in una nota, ha espresso “sconcerto”, per “la piega surreale che sta prendendo la trattativa”: la situazione “è gravissima e siamo pronti ad appoggiare qualsiasi iniziativa vorranno intraprendere i lavoratori”. E ribadisce: “la destinazione d’uso dei terreni non è in discussione e non sarà mai in discussione. Se qualcuno ha in mente qualche speculazione immobiliare, lo invitiamo a riconsiderare i propri progetti”.

L'articolo Richard Ginori: fumata nera a riunione Mise, DoBank conferma il ‘no’ proviene da www.controradio.it.

Sindaci Piana scrivono a prefetture : ‘contrastare abbandono rifiuti’

Sindaci Piana scrivono a prefetture :  ‘contrastare abbandono rifiuti’

Lo hanno chiesto, all’incontro che si è tenuto a Firenze tra le prefetture di Firenze, Prato e Pistoia e i comuni dell’area vasta dedicato
all’abbandono e al traffico irregolare di rifiuti sul territorio, il sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi, di Campi Bisenzio, Emiliano Fossi, di Calenzano, Alessio Biagioli, e l’assessore all’Ambiente del Comune di Signa, Federico La
Placa.

“Maggiore sforzo nel contrasto all’abbandono dei rifiuti e al traffico di rifiuti speciali, nella stragrande maggioranza dei casi provenienti dal pratese, e
dispersi o smaltiti irregolarmente nei nostri territori, fenomeno che carica le nostre comunità di maggiori costi e che scoraggia l’affermazione delle buone pratiche. Lo hanno chiesto, all’incontro che si è tenuto a Firenze tra le prefetture di Firenze, Prato e Pistoia e i comuni dell’area vasta dedicato
all’abbandono e al traffico irregolare di rifiuti sul territorio, il sindaco di Sesto Fiorentino, Lorenzo Falchi, di Campi Bisenzio, Emiliano Fossi, di Calenzano, Alessio Biagioli, e l’assessore all’Ambiente del Comune di Signa, Federico La
Placa. “È altresì importante che venga posta la dovuta attenzione all’individuazione dell’origine dei rifiuti, anche perché l’attività repressiva e di controllo, per quanto importante, non può essere efficace se il traffico non viene stroncato alla fonte – hanno detto ancora gli amministratori della Piana – È fondamentale essere riusciti ad aprire un confronto con tutta l’area vasta Firenze-Prato-Pistoia, poiché il problema non riguarda soltanto i singoli comuni e la soluzione non può che nascere dal coordinamento e dal lavoro collettivo tra i diversi enti coinvolti”. (ANSA).

Y2G-FBB
27-LUG-17 17:24 NNNN

L'articolo Sindaci Piana scrivono a prefetture : ‘contrastare abbandono rifiuti’ proviene da www.controradio.it.