Firenze: giunta vara bilancio 2018. Non ci saranno aumenti tasse

Firenze: giunta vara bilancio 2018. Non ci saranno aumenti tasse

Previsti 11 milioni di euro in più per il trasporto pubblico locale, 3 milioni in più su viabilità, 1,6 milioni in più sugli anziani, 1,2 sugli asili nido

“Nessun aumento di imposte, canoni, tasse e tariffe ai fiorentini, conferma di tutti gli sgravi fiscali già adottati e di quelli già previsti, conferma di tutti gli investimenti programmati e maggiori risorse destinate ai servizi. E’ quanto prevede il Dup e il bilancio finanziario 2018-2020” lo ha detto  l’assessore al bilancio del comune di Firenze Lorenzo Perra. “Oggi la giunta licenzia il bilancio di previsione che andrà in consiglio entro il 31 dicembre – ha aggiunto Perra – . Fra i primi in Italia il Comune di Firenze, prima dell’approvazione della legge di bilancio dello Stato, si mette nella condizione di avere conti e previsioni di spesa e di entrata pronti per il 2018”. Per quanto riguarda la spesa corrente sono previsti 11 milioni di euro in più per il trasporto pubblico locale, 3 milioni in più su viabilità, 1,6 milioni in più sugli anziani, 1,2 sugli asili nido. “Questo è molto importante – ha aggiunto Perra – perché questa amministrazione si è caratterizzata per aver tolto alcune  tasse o imposte come l’addizionale Irpef sui redditi e aver introdotto una serie di agevolazioni che vengono tutte confermate”. Fra queste ci sono le agevolazioni sull’Imu e sulla Cosap. La Cosap non solo resta invariata ma anzi a gennaio scattano le nuove agevolazioni previste per le edicole (con una riduzione del 30% rispetto al 2017 e del 70% nel 2019) e quelle che estendono l’esclusione dal suo pagamento agli artisti di strada posizionati fuori dall’area Unesco.
Il piano degli investimenti prevede invece per il 2018 oltre 422 milioni di euro di spesa. Dei 422 milioni ben 20 saranno destinati all’edilizia scolastica, 13 milioni per i beni culturali, 4 milioni per gli impianti sportivi, 12,5 milioni in investimenti di edilizia Erp, 4,5 milioni in investimenti sul verde pubblico, 329 milioni per la tramvia, 18 milioni per la viabilità e 5,6 milioni per interventi su soggetti a rischio di esclusione sociale.
Si conferma anche l’invarianza della Tari che anche nel triennio 2018-2020 rimarrà uguale al 2017 (a sua volta invariata rispetto al 2016). “Il fatto di non aumentare le tasse è un segnale importante, così come il fatto che tutti i servizi erogati dal Comune vengono confermati grazie alla buona gestione dei conti” spiega Perra. Che aggiunge “questo comporta che l’amministrazione riesce a garantire tutta la spesa corrente per la tramvia e comporta il finanziamento per il mantenimento del milione e mezzo di chilometri del trasporto su gomma che potevano essere eliminati con la partenza della tramvia grazie all’aumento dell’imposta di soggiorno”. “Il turismo, se da una parte produce esternalità negative per i cittadini, genera introiti che vengono trasformati dall’Amministrazione in servizi che vengono resi alla cittadinanza con il trasporto pubblico, la manutenzione del verde e la conservazione del patrimonio monumentale” ha aggiunto l’assessore al bilancio. Il fondo crediti dubbia esigibilità a legislazione vigente cresce dal 70% previsto nel 2017 all’85%, una crescita che consente di scongiurare l’eventuale indisponibilità di risorse riguardanti le entrate. “Questo è molto importante – ha concluso l’assessore – perché significa che i conti del Comune sono molto solidi”. Questo bilancio è redatto a legislazione vigente e quindi non tiene conto ancora delle eventuali modifiche che, a quanto è noto sono positive e favorevoli al Comune, potranno provenire dall’approvazione della legge di bilancio nazionale del prossimo gennaio, e per le quali il Comune valuterà l’adeguamento con una variazione di bilancio successiva. Approvare entro la fine dell’anno il bilancio di previsione mette in condizione l’Amministrazione di avere certezze circa gli investimenti, le spese correnti e mette nelle condizioni gli uffici di cominciare a lavorare da subito alla programmazione dei servizi e quindi di lavorare bene senza l’applicazione del regime dell’esercizio provvisorio, che da sempre comporta limitazioni tecniche. (sp)

L'articolo Firenze: giunta vara bilancio 2018. Non ci saranno aumenti tasse proviene da www.controradio.it.

Imposta di soggiorno, aumento approvato

Imposta di soggiorno, aumento approvato

Firenze, con un brevissimo comunicato sulla rete civica, la giunta Nardella ha comunicato l’approvazione della delibera di variazione delle tariffe dell’Imposta di soggiorno per il 2018, proposta dall’assessore al bilancio Lorenzo Perra.

Il ritocco dell’imposta di soggiorno non è però uguale per tutti gli esercizi, si tratta infatti di un aumento di 50 centesimi per gli alberghi ad 1, 2, e 3 stelle, di 30 centesimi per quelli a 4, e di 1,50 affittacamere e airbnb, mentre non ci sarà nessun incremento per gli hotel a 5 stelle.

Questo aumento dell’imposta di soggiorno consentirà un incremento di risorse pari ad oltre 4milioni di euro all’anno a partire dal 2018.

Con il gettito della tassa di soggiorno, in vigore dal 2011, ricorda l’amministrazione, è stata finanziata nel corso degli anni la gestione di musei, teatri, eventi culturali, biblioteche, nonché la manutenzione del patrimonio storico e monumentale, oltre al finanziamento del trasporto pubblico.

La stima di entrata per l’anno 2017 è pari a 33 milioni di euro.

Come anticipato dal sindaco Dario Nardella, nel consiglio comunale di lunedì scorso, i fondi che arriverebbero alle casse comunali dall’aumento dell’imposta di soggiorno sarebbero impiegati nel potenziamento del servizio bus cittadino.

Negativa la reazione delle associazioni di categoria, Federalberghi e Confesercenti, che lo hanno pesantemente criticato il provvedimento di cui avevano già chiesto un rinvio.

Una proposta “che preoccupa”, con un impatto “negativo” sulla categoria e la cui entrata in vigore, in sintesi, dovrebbe essere posticipata. É quanto sostiene, Confesercenti riguardo il piano di aumento della tassa di soggiorno prospettato oggi alle categorie economiche dal Comune.

“Siamo consapevoli che la scelta dell’Amministrazione Comunale sia finalizzata a individuare risorse da investire per migliorare la mobilità e il trasporto della nostra città, che rappresentano, soprattutto in questo particolare momento, le maggiori criticità ma la nostra categoria rischia, così, di scontare un peso importante”, commenta Cristina Pagani Presidente Assohotel Confesercenti Firenze.

L'articolo Imposta di soggiorno, aumento approvato proviene da www.controradio.it.

Imposta di soggiorno, accordo con Air bnb: al via il prelievo automatico del tributo da parte del portale

Imposta di soggiorno, accordo con Air bnb: al via il prelievo automatico del tributo da parte del portale

Il Comune di Firenze ed Air bnb hanno raggiunto l’accordo che di fatto rende automatica la riscossione dell’imposta di soggiorno per i turisti che alloggiano a Firenze prenotando attraverso la piattaforma.

Dal 1 gennaio 2018 sarà il portale Air bnb a riscuotere, già al momento della prenotazione, l’imposta di soggiorno dovuta dagli host e a versarla al Comune di Firenze. In pratica la collaborazione fra Comune e Airbnb prevede che i prezzi degli alloggi reperibili sul portale siano già comprensivi dell’imposta di soggiorno, (3 euro a persona per un massimo di 7 notti) e che questa venga versata direttamente alle casse comunali il 15 del mese successivo. La delibera dell’assessore al bilancio Lorenzo Perra che dà il via libera al prelievo automatico del tributo da parte del portale è stata approvata ieri in giunta. “Siamo fra le prime città d’Italia, e fra quelle con un gettito di imposta di soggiorno più ampio, a raggiungere questo accordo che non solo semplifica il pagamento dell’imposta per i titolari di appartamenti in locazione turistica ma rappresenta anche un importante passo avanti per far emergere il sommerso” ha detto il sindaco Dario Nardella, che ha aggiunto: “Riusciamo ad aumentare gli introiti del bilancio del Comune senza aumentare le tasse ai cittadini residenti ma utilizzando l’imposta di soggiorno e riusciamo a governare il fenomeno del turismo rendendolo più sostenibile e conciliabile con i ritmi della città e le esigenze dei cittadini. Quella avviata con Airbnb è una collaborazione importante che vogliamo estendere anche ad altri portali che si occupano di locazioni turistiche, a cui lanciamo l’appello a fare altrettanto”.

Matteo Stifanelli, Country Manager di Airbnb Italia, ha dichiarato: “Dobbiamo ringraziare l’Amministrazione di Firenze per aver fortemente voluto questo accordo e per aver avuto la lungimiranza di prendere atto delle specificità tecnologiche della piattaforma e delle modalità di raccolta automatizzata. Firenze si unisce così alle oltre 340 amministrazioni nel mondo in cui Airbnb gestisce in maniera semplificata la riscossione e il versamento delle imposte e hanno consentito di raccogliere e versare ad oggi oltre 510 milioni di dollari”.

“Da alcuni mesi lavoriamo con Air bnb – ha spiegato l’assessore Perra – per trovare questo accordo che faciliterà gli adempimenti di coloro che intendono concedere in locazione il proprio immobile evitando così che l’imposta possa essere elusa. Ricordo che il gettito atteso dopo questo accordo è di 6,5 milioni di euro l’anno, un numero molto importante se confrontato con il gettito che ad oggi viene dalla locazione turistica che è di 3 milioni e 400mila euro all’anno. Sarà destinato al miglioramento dell’offerta culturale e turistica, al miglioramento del trasporto pubblico e alla pulizia della città”.

Ecco i dati di Airbnb negli ultimi 12 mesi in città:

– 5.300 hosts fiorentini hanno ospitato viaggiatori da tutto il mondo.
– Gli arrivi negli ultimi 12 mesi sono stati 690.000, con una crescita del +30% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
– Gli annunci in piattaforma sono 10.400.
– 76% degli host fiorentini ha solo un annuncio in piattaforma.
– Il soggiorno medio è stato di 3,1 notti per viaggio.
– La dimensione media per gruppo che viaggia con Airbnb a Firenze è di 2,6 persone. (fonte: Ufficio stampa Comune Firenze)

L'articolo Imposta di soggiorno, accordo con Air bnb: al via il prelievo automatico del tributo da parte del portale proviene da www.controradio.it.

La Giunta con gli Angeli del Bello per ripulire la Pescaia

La Giunta con  gli Angeli del Bello per ripulire la Pescaia

Firenze – La vicesindaca e gli assessori  questa mattina muniti di vernici e pennelli per la ripulitura della pescaia con gli Angeli del Bello e gli operatori Alia. Preservato in il graffito in memoria di Riccardo Magherini.

Si è svolto questa mattina dalle ore 06.00 l’intervento dei volontari della Fondazione degli Angeli del bello di Firenze a fianco degli operatori di ALIA Spa alla Pescaia di Santa Rosa a Firenze. 
Il gruppo è intervenuto sulla zona, per ripulire, evitando di togliere il messaggio “I LOVE RIKI”, ed utilizzando anche il potenziale di una idropulitrice professionale.
La vicesindaco Giachi e la Giunta insieme al Presidente della Fondazione, Giorgio Moretti, hanno partecipato all’evento insieme agli assessori Perra e Funaro e all’ad. di Alia Livio Giannotti.

L'articolo La Giunta con gli Angeli del Bello per ripulire la Pescaia proviene da www.controradio.it.

Evasione: recuperati a Firenze oltre 14 milioni in un anno

Evasione: recuperati a Firenze oltre 14 milioni in un anno

Controlli incrociati con banche dati e verifiche in corso. Perra: “Obiettivo, il raddoppio  a fine mandato. Determinati a scoprire gli evasori, ma dando la possibilità a chi sbaglia di mettersi in regola”

Controlli incrociati sulle banche dati, verifiche, sopralluoghi. La lotta del Comune di Firenze contro gli evasori dei tributi locali (Tari, Imposta di soggiorno, Imu, Tasi, Ici, Cosap e Cimp) è una priorità per l’amministrazione, che è riuscita a recuperare un totale di oltre 14 milioni e mezzo di euro in un anno.

“Il recupero dell’evasione è un tema molto importante per l’amministrazione – ha spiegato l’assessore al bilancio Lorenzo Perra – e l’impegno che stiamo mettendo sia nel fare accertamenti e verifiche che nella riscossione di quanto dovuto all’amministrazione lo dimostra. Questi sono i risultati del primo anno di controlli sistematici attraverso l’uso di banche dati, controlli di back office e verifiche sul territorio. Non ci fermiamo: la lotta all’evasione continuerà. Si punta a scoprire chi non paga, a trovare i veri evasori mentre si permette a chi sbaglia di mettersi in regola. Sì al fisco amico, ma un forte no ai furbi e agli evasori sistematici”.

Entriamo nel dettaglio dei controlli eseguiti e dei risultati ottenuti. Per quanto riguarda la Tari (la tassa sui rifiuti), sono stati incrociati i dati dell’anagrafe con quelli in possesso di Alia. Sono così stati individuati 4.882 soggetti iscritti all’anagrafe come residenti e non iscritti in banca dati tari e 5.648 utenze intestate a deceduti: di 2.604 di queste ultime è stato individuato il subentrante (per le altre sono in corso a sopralluoghi puntuali agli indirizzi segnalati). Individuate e controllate anche 376 strutture ricettive risultate poi essere evasori Tari. In tutto sono stati recuperati 3.050.669,90 euro, di cui il 65% appartenente a utenze domestiche. I controlli contro l’evasione Tari sono comunque tuttora in corso e proseguiranno nel tempo.

Importante anche il recupero dell’evasione all’Imu, avvenuto anche questo attraverso l’incrocio fra banche dati, che ha permesso di recuperare 3.058.617 euro. Sono state individuate 911 posizioni di evasione totale ed emesse 557 ingiunzioni fiscali.
Sulla Tasi sono state invece scoperte, nel 2016, 641 posizioni di evasione con un totale recuperato di 252.400 euro. Anche il residuo recupero dell’Ici ha permesso di scoprire 1.252 evasori per un totale di imposta recuperata di 2.030.575 euro. Importante anche il recupero della Cosap (canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche): nel 2016 sono state notificate 3.941 diffide per quasi 3,5 milioni di euro ed emesse 107 ingiunzioni per un totale di canone recuperato di 3.845.242 euro. Sono in corso le emissioni di 2500 atti di contestazione, di cui 1250 entro la fine di agosto. Sfiora i 735mila euro anche il recupero evasione relativo al Cimp (Canone Installazione Mezzi Pubblicitari) recuperato dai controlli del 2016 con 623 diffide emesse e 193 ingiunzioni. “In tutto il recupero dell’evasione totale è stato di 14.521.082 euro. Un risultato importante – ha commentato Perra – che ci porta a continuare lungo la strada delle verifiche e dei controlli, tanto che pensiamo di raddoppiare questa cifra entro la fine del mandato”.

 

L'articolo Evasione: recuperati a Firenze oltre 14 milioni in un anno proviene da www.controradio.it.