Toremar nuovo sponsor del Livorno calcio. Rispoli: scelta che disturba

Toremar nuovo sponsor del Livorno calcio. Rispoli: scelta che disturba

Il presidente dell’associazione Moby 140 contesta la scelta della società circa il nuovo sponsor. Nell’articolo la lettera aperta.

<<Ho appreso dalla stampa che la società Toremar attualmente gestita dagli Armatori Onorato sarà sponsor della società Livorno Calcio, personalmente non mi disturba quella scritta sulla maglia, ma ciò che ci sta dietro, la storia.

Molti vorrebbero che si dimenticasse, che ci si mettesse una pietra sopra, ma provate ad andare all’Andana degli Anelli, mettetevi a leggere nomi ed età soffermatevi su Ilenia e Sara Canu di 1 e 5 anni bruciate lentamente in attesa di soccorsi assieme ad altri 130, l’equipaggio di un traghetto che aveva un armatore e i passeggeri che avevano affidato a quel traghetto e a quell’armatore i loro sogni e speranza.

Soldi, l’armatore in questione gestirà la Porto 2000 concorre alla gestione del porto, ma in un paese civile, in uno stato di diritto quel signore avrebbe subito un processo e avrebbe dimostrato forse le responsabilità di altri…
Un piccolo tribunale come quello di Lucca ce lo ha insegnato se la Magistratura opera bene i responsabili sono condannati, per la Tyssen Krupp stessa cosa fece il tribunale Torino, Livorno no, i soldi hanno comprato prima gran parte delle parti civili, poi hanno costruito un processo falsato da testimonianza che dire false è un’offesa.
Non sto a fare ricostruzioni sulla vicenda perché attualmente ci sta lavorando la Commissione di inchiesta del Senato della Repubblica, ma come cittadino di questa Città chiedo che Livorno abbia uno scatto di orgoglio, Viareggio in questi anni non ha mai abbandonato le famiglie delle Vittime, ha chiesto con loro con forza Verità e Giustizia e i risultati si sono visti, ecco questo chiedo umilmente prima la vita Umana, il rispetto, la dignità, e poi il denaro.>>

L'articolo Toremar nuovo sponsor del Livorno calcio. Rispoli: scelta che disturba proviene da www.controradio.it.