Maltempo in Toscana: prorogata allerta gialla per neve e vento

Maltempo in Toscana: prorogata allerta gialla per neve e vento

Continuano anche in Toscana le condizioni favorevoli a nevicate sparse fino a bassa quota, più frequenti sull’Appennino e sulle zone centrali e meridionali della regione: tendenza ad attenuazione dei fenomeni dalla sera.

La Sala operativa della protezione civile regionale ha pertanto rimodulato il codice giallo emesso nei giorni precedenti per vento fino alle 20.00 di lunedì, e per neve – solo per le zone appenniniche e meridionali – fino alle 24.00 di lunedì.
Sono previsti accumuli di neve generalmente inferiori ai 2 cm in pianura, possibili su tutta la regione; fino a 10 cm nelle zone collinari e anche fino a 20-25 cm a quote di montagna. Domani, lunedì, neve a bassa quota su Appennino (versanti emiliano-romagnoli)
e Amiata. Inoltre sia oggi che domani sono previsti venti di Grecale su tutta la Toscana, anche con raffiche localmente forti: fino a 60-80 km/h sull’Arcipelago, fino a 50-60 km/h nell’interno e fino a 80-90 km/h sull’Appennino. Domenica e lunedì mari molto mossi al largo o temporaneamente agitati. Per informazioni più dettagliate e per le norme di comportamento da tenere in occasione di tali fenomeni consultare la pagina www.regione.toscana.it/allertameteo. Il consiglio valido per i prossimi giorni è comunque quello di tenersi informati sull’evoluzione del meteo in regione.

Deboli e locali nevicate si registrano anche sulle colline del Chianti e dell”Empolese
Valdelsa. Fiocchi anche a Pratolino. E’ quanto comunica la protezione civile della Città metropolitana di Firenze che segnala poi nevicate sui rilievi appenninici e fino a quote di
fondovalle nei comuni di Firenzuola, Marradi e Palazzuolo sul Senio, in Mugello. Le temperature sono in diminuzione, sulla sp553 al passo del Giogo – 5,4 gradi, e questo, spiega la protezione civile, “provoca la formazione di ghiaccio sul quale anche l’utilizzo del sale non è efficace”. Rinnovato l’invito a mettersi in viaggio solo se necessario.
Fiocchi di neve anche a Cascina e nella Valdera, in provincia di Pisa.

Intanto dalle 22 di oggi divieto di circolazione ai mezzi superiori alle 7,5 tonnellate in tutta la provincia di Siena: a disporre il provvedimento è stato il prefetto. Analoga decisione
per i mezzi pesanti è stata adottata dal prefetto di Firenze per strade e autostrade del capoluogo toscano.

“E’ previsto vento forte di Grecale fino alla sera di domani – avverte il consigliere delegato alla Protezione civile della Metrocittà – Invitiamo tutti i cittadini a proteggere i propri contatori e tubazioni dell’acqua. Si ricorda l’obbligo delle dotazioni invernali e cautela alla guida”.

Dopo il nevischio della prima mattina, nevicata ”vera”, copiosa, a mezzogiorno sulle colline
di Livorno, nelle zone residenziali di Valle Benedetta, Montenero e Castellaccio. Il Comune di Livorno consiglia di non recarsi nelle zone collinari sopra la città se non per necessità
e, nel caso, raccomanda particolare prudenza alla guida, visto il possibile formarsi di ghiaccio in qualche tratto di strada.
A Firenze fiocchi sono caduti in piena città dopo le 13: la neve, per ora, non ha imbiancato i tetti ma si è sciolta appena arrivata a contatto col terreno.

L'articolo Maltempo in Toscana: prorogata allerta gialla per neve e vento proviene da www.controradio.it.

Treni fermi per due ore sulla Tirrenica per maltempo

Treni fermi per due ore sulla Tirrenica per maltempo

Le forte raffiche di vento hanno scagliato diversi materiali sulle linee di alimentazione elettriche danneggiandole. Quattro regionali hano accumulato ritardo, nove sono stati cancellati.

Rosignano e Campiglia a causa del forte vento. Le raffiche hanno fatto volare diversi materiali sulla linea di alimentazione elettrica tra Bolgheri e San Vincenzo danneggiandola.

Alle 9.40 la circolazione è ripresa a senso alternato su un solo binario. Alle 11.25, una volta terminati gli interventi di ripristino effettuati dai tecnici di Rfi, è ripresa anche sul secondo.

I disagi hanno coinvolto tre treni della lunga percorrenza e quattro regionali, che hanno accumulato ritardi fra 40 e 140 minuti. Nove treni regionali sono stati invece cancellati interamente o per parte del loro percorso. Per garantire la mobilità è stato attivato un servizio sostitutivo con 13 autobus fra le stazioni di Grosseto e Livorno.

L’articolo Treni fermi per due ore sulla Tirrenica per maltempo proviene da www.controradio.it.

Maltempo Toscana: chiuso pontile Tonfano

Maltempo Toscana: chiuso pontile Tonfano

Il pontile rimarrà chiuso dalle 20 di oggi fino a domani, stessa ora. Il provvedimento si è reso necessario in seguito all’emissione di allerta regionale arancione per mareggiate intense.

A titolo precauzionale, il commissario prefettizio a Pietrasanta, Giuseppe Priolo, ha firmato un’ordinanza di chiusura del pontile di Tonfano dalle 20 di oggi e fino alla stessa ora di domani, mercoledì 17 gennaio.

Il provvedimento di divieto di accesso e di transito pedonale e veicolare, si è reso necessario in seguito all’emissione di allerta regionale arancione per mareggiate intense che possono determinare situazioni di grave pericolosità per l’incolumità pubblica e la sicurezza urbana.

Con una nota il Comune ha avvertito la popolazione che devono essere seguite tutte le norme di comportamento di auto-protezione evitando il transito e la permanenza in luoghi prospicienti la battigia, maggiormente esposti al rischio del fenomeno delle mareggiate, e devono essere messi in sicurezza, assicurandoli o rimuovendoli dalle aree esposte alle mareggiate, tutti gli oggetti che possono essere investiti dalla mareggiata arrecando così danno all’incolumità delle persone come ad esempio strutture mobili, impalcature, gazebo, strutture espositive o commerciali temporanee. Per le stesse ragioni, a Viareggio è stato chiuso il viale dei Tigli nella pineta di Levante.

L’articolo Maltempo Toscana: chiuso pontile Tonfano proviene da www.controradio.it.

Coldiretti: il gelo ha fatto strage di vigneti e frutteti

Coldiretti: il gelo ha fatto strage di  vigneti e frutteti

Le temperature, monitorate durante  l’ondata di maltempo da l’istituto Coldiretti, indicano un calo delle minime di due gradi rispetto alla media storica per la prima decade di Dicembre.

Lo sbalzo termico è l’ultima anomalia di un 2017 segnato da un andamento climatico caratterizzato da siccità alternata a violenti temporali. Il clima estremo ha avuto pesanti effetti sull’agricoltura italiana che negli ultimi dieci anni, secondo l’istituto Coldiretti, ha subito danni per 14 miliardi di euro tra alluvioni e siccità.

L’ultimo fenomeno causato dall’ondata di maltempo è il gelicidio, il rapido congelamento delle pesanti piogge dovuto alle temperature più basse del solito. ”Il gelicidio ha fatto strage – annuncia Coldiretti – di boschi, vigneti e alberi da frutta per colpa delle basse temperature, con minime inferiori di 2,8 gradi sotto lo zero al nord Italia”

A preoccupare gli agricoltori è il fatto che, con temperature a lungo sotto lo zero, sono a rischio le coltivazioni invernali in campo come cavoli, verze e broccoli. I danni del freddo si aggiungono a quelli provocati dal vento e dalle alluvioni con centinaia di ettari di campagna finiti sott’acqua.

L’articolo Coldiretti: il gelo ha fatto strage di vigneti e frutteti proviene da www.controradio.it.