FIRENZE, ZTL NO STOP: PER COMITATI BUONA LA PRIMA

Giugno Ztl

A tutela delle esigenze di vivibilità dei residenti il comitato Manoiquandosidorme ha dato l’ok a Ztl 24h: “primi giorni Ztl di Sant’Ambrogio efficaci ma sia una Ztl efficiente e non colabrodo.”

Il comitato Manoiquandosidorme ha fatto sapere in un comunicato che sostiene con forza la richiesta di Ztl 24h per tutto il centro storico di Firenze “al fine di soddisfare basilari esigenze di vivibilità per i residenti”. Tra questi si annoverano “la tutela della salute minacciata dall’inquinamento acustico e ambientale, diritto a tenere il proprio autoveicolo non lontano dalla propria abitazione, tutela della mobilità pedonale, soprattutto per le fasce più deboli, come disabili, bambini e vecchi”.

Per il comitato la particolare struttura urbanistica della città “con le sue stradine strette, la fragilità dei suoi monumenti e il pregio architettonico di tutti i suoi edifici ed arredi antichi”, non sarebbero  in grado di accogliere il massiccio assalto degli autoveicoli privati dei numerosissimi visitatori. I primi giorni dell’attuale ZTL a fascia oraria lunga nella zona di Sant’Ambrogio avrebbero “confermato che quando applicata con rigore (la notte del giovedì, venerdì e sabato, con la presenza della polizia Municipale) i risultati sono straordinariamente positivi”.

Un via libera, dunque, da parte del comitato che, tuttavia, mette in luce la “mancanza di una telecamera all’inizio di via dell’Agnolo rende invece ancora più critica questa zona durante tutti gli altri giorni”. Si fa notare anche che “per il buon funzionamento della Ztl 24h per tutto il centro storico è necessario che  da parte dell’Amministrazione Comunale se ne garantisca la tenuta attraverso deterrenti efficaci”. Insomma “non può essere una ZTL colabrodo”.

Si chiede, inoltre, l’attivazione di “mezzi di trasporto sostitutivi, in particolare bussini elettrici per far sì che tutti possano entrare in centro pur non usando il loro autoveicolo”. Ecco perché “i parcheggi collocati fuori della città devono essere resi economicamente più accessibili”. Il no secco arriva alla possibilità di aprire la Ztl ai veicoli del car sharing: “stanno diventando sempre di più e vengono abbandonate dove capita, riteniamo che i diritti non si debbano poter comprare.”

“Ricordando che le vie pedonalizzate, a suo tempo tanto osteggiate dai commercianti sono risultate alla prova dei fatti le più favorevoli al commercio” conclude il comunicato “i Comitati si dichiarano disponibili a mettere a disposizione la loro capillare esperienza sul territorio affinché la ZTL24h possa attuarsi”.

The post FIRENZE, ZTL NO STOP: PER COMITATI BUONA LA PRIMA appeared first on Controradio.