Casa, Firenze: Al presenta esposto in procura su vendita immobili uso Erp

Casa, Firenze: Al presenta esposto in  procura  su vendita immobili uso Erp

I documenti riguardano i 14 immobili Erp, che il Comune ha inserito nel piano delle alienazioni.

Esposto alla Procura della Repubblica e a quella della Corte dei Conti “sulla correttezza della procedura di alienazione degli immobili di via dei Pepi da
parte dell’amministrazione comunale fiorentina”. A depositare le carte, oggi, sono stati la consigliera comunale Miriam Amato e Massimo Artini, deputato di Alternativa Libera, come spiegano in una nota. I documenti riguardano i 14 immobili Erp, che il Comune ha inserito nel piano delle alienazioni.
“L’amministrazione comunale vuole vendere case popolari solo per
fare cassa – criticano gli esponenti di Al – ma questi alloggi, come molti altri dei 60 in vendita, sarebbero ascrivibili al patrimonio di edilizia popolare e quindi l’amministrazione starebbe violando norme regionali, come ha fatto capire
recentemente lo stesso assessore toscano alla casa, Ceccarelli,rispondendo a una interrogazione in Consiglio Regionale”.
“Tuttavia il Comune insiste – proseguono Amato e Artini – e si sta apprestando alla vendita di questi alloggi come patrimonio disponibile per circa 13 milioni di euro a Invimit (Investimenti Immobiliari Italiani), fondo immobiliare di proprietà dello Stato, e per fare ciò l’amministrazione ha svolto le procedure per liberare gli alloggi, trasferendo gli inquilini che ci vivevano”. Secondo i due esponenti di Al, il “Comune starebbe cercando di aggirare l’obbligo a reinvestire i soldi ricavati dalla vendita di questi immobili in edilizia popolare residenziale, dato che i proventi potranno finire nel bilancio senza vincoli di sorta per il loro utilizzo; inoltre con l’alienazione di alloggi popolari considerati non Erp –
sostengono Amato e Artini – il Comune lede anche il diritto alla prelazione degli assegnatari”.

L'articolo Casa, Firenze: Al presenta esposto in procura su vendita immobili uso Erp proviene da www.controradio.it.