Rifiuti: Governo in confusione, reazioni dalla Toscana

Rifiuti: Governo in confusione, reazioni dalla Toscana

Sull’argomento rifiuti si è riunita oggi una tavola rotonda, ‘Igiene ambiente in Toscana’ organizzata dalla Cisl Toscana a Firenze. Sono intervenuti  l’assessore regionale all’ambiente, Federica Fratoni, Ciro Recce, segretario generale aggiunto Cisl Toscana e il sindaco di Prato, Matteo Biffoni

“Il Piano regionale dei rifiuti pone obiettivi ancora da raggiungere: il 70% di differenziata e il 10% in discarica sono percentuali ancora ambiziose per la Toscana ma dobbiamo impegnarci perché siano centrate nel 2020, mettendo in campo tutte le azioni del caso”. Così l’assessore regionale all’ambiente, Federica Fratoni, intervenendo oggi alla tavola rotonda ‘Igiene ambiente in Toscana’ organizzata dalla Cisl Toscana a Firenze. “La Toscana sta facendo la sua parte – ha aggiunto l’assessore – , considerando la trasformazione delle competenze avvenuta negli ultimi anni. I rifiuti erano materia delle province, le società sono dei comuni, e solo da due anni la Regione ha il compito di programmazione e autorizzazione”.

“Noi stiamo lavorando su due fronti – ha spiegato ancora Fratoni -: da un lato cercando di dare concretezza ai principi dell’economia circolare, soprattutto sui rifiuti speciali che sono i quattro quinti della produzione; dall’altro immaginando una dotazione di impianti che renda la Toscana definitivamente autosufficiente anche in prospettiva, oggi lo siamo, e che le consenta di utilizzare le proprie discariche soltanto per i rifiuti prodotti nella nostra regione”. “Un lavoro strategico – ha concluso l’assessore – che stiamo facendo concretamente con i tavoli aperti dal presidente Rossi, che coinvolgono i gestori, i comuni, le università”.

È intervenuto anche Ciro Recce, segretario generale aggiunto Cisl Toscana: “La Cisl chiede che in ambito regionale ci sia un soggetto unico, più che i tre Ato che attualmente non funzionano, e che ci sia la possibilità di rivedere le tariffe abbassandole, se riusciamo a riorganizzare meglio il servizio”.

“Più Infrastrutture, più servizi per i cittadini, più attenzione ai lavoratori: questo chiede la Cisl oggi – ha aggiunto Recce -, e mi sembra che sia molto attuale nel dibattito nazionale”. Per il segretario Cisl “un unico soggetto regionale comporterebbe l’utilizzazione di tutti gli impianti da parte di tutti, anziché tenerseli per sé che non serve a nulla, avere la possibilità di poter estendere il più possibile un servizio che abbassa le tariffe e fare in modo che tutto venga ripensato in un’ottica più grande che sicuramente abbasserà i costi”.

“La Regione – ha concluso Recce – sta facendo un lavoro che sicuramente va in questa direzione. Non è facile poterlo realizzare, ma l’impegno che chiediamo è di rivedere il Piano regionale e concretizzare questi aspetti”. All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore regionale all’ambiente, Federica Fratoni, e Matteo Biffoni, sindaco di Prato e presidente di Anci Toscana.

Sul tema dell’impiantistica per il trattamento dei rifiuti “noto una forte confusione nel Governo, che in questo momento non riesce a dare un input vero, perché le due componenti della maggioranza dicono una l’esatto contrario dell’altra. Noi non possiamo permettercelo perché il rischio poi si scarica sui territori”. Ha affermato successivamente il presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato, Matteo Biffoni (Pd).

“Per ora – ha spiegato Biffoni – il sistema toscano funziona, ha sempre dato risposte, ma la programmazione sui rifiuti deve guardare ai prossimi anni sennò il rischio è che arrivi una crisi improvvisa”. “Ogni territorio – ha aggiunto il presidente di Anci Toscana – deve avere la capacità di smaltire i propri rifiuti al proprio interno, con tutti i sistemi a disposizione, la termovalorizzazione, la differenziazione, il recupero, il riciclo. Questo porterà all’abbassamento delle tariffe”. Per far questo sono necessari gli impianti: “Non sono innamorato di un impianto in particolare – ha detto ancora -, decidiamo come fare, ma senza campanilismi”.

“A Prato – ha concluso Biffoni – abbiamo tolto tutti i cassetti, abbiamo esteso il porta a porta a tutta la città e la differenziata è arrivata al 72%, ma resta una parte che va in modo o nell’altro gestita: non possiamo riutilizzarla e non possiamo riciclarla. Abbiamo poi il tema dello scarto tessile: stiamo lavorando con la Regione e con l’Europa perché si trasformi da scarto a materia riutilizzabile, ma ci vorrà tempo e nel frattempo bisogna dare risposte alle imprese”.

L'articolo Rifiuti: Governo in confusione, reazioni dalla Toscana proviene da www.controradio.it.

Rifiuti: Governo in confusione, reazioni dalla Toscana

Rifiuti: Governo in confusione, reazioni dalla Toscana

Sull’argomento rifiuti si è riunita oggi una tavola rotonda, ‘Igiene ambiente in Toscana’ organizzata dalla Cisl Toscana a Firenze. Sono intervenuti  l’assessore regionale all’ambiente, Federica Fratoni, Ciro Recce, segretario generale aggiunto Cisl Toscana e il sindaco di Prato, Matteo Biffoni

“Il Piano regionale dei rifiuti pone obiettivi ancora da raggiungere: il 70% di differenziata e il 10% in discarica sono percentuali ancora ambiziose per la Toscana ma dobbiamo impegnarci perché siano centrate nel 2020, mettendo in campo tutte le azioni del caso”. Così l’assessore regionale all’ambiente, Federica Fratoni, intervenendo oggi alla tavola rotonda ‘Igiene ambiente in Toscana’ organizzata dalla Cisl Toscana a Firenze. “La Toscana sta facendo la sua parte – ha aggiunto l’assessore – , considerando la trasformazione delle competenze avvenuta negli ultimi anni. I rifiuti erano materia delle province, le società sono dei comuni, e solo da due anni la Regione ha il compito di programmazione e autorizzazione”.

“Noi stiamo lavorando su due fronti – ha spiegato ancora Fratoni -: da un lato cercando di dare concretezza ai principi dell’economia circolare, soprattutto sui rifiuti speciali che sono i quattro quinti della produzione; dall’altro immaginando una dotazione di impianti che renda la Toscana definitivamente autosufficiente anche in prospettiva, oggi lo siamo, e che le consenta di utilizzare le proprie discariche soltanto per i rifiuti prodotti nella nostra regione”. “Un lavoro strategico – ha concluso l’assessore – che stiamo facendo concretamente con i tavoli aperti dal presidente Rossi, che coinvolgono i gestori, i comuni, le università”.

È intervenuto anche Ciro Recce, segretario generale aggiunto Cisl Toscana: “La Cisl chiede che in ambito regionale ci sia un soggetto unico, più che i tre Ato che attualmente non funzionano, e che ci sia la possibilità di rivedere le tariffe abbassandole, se riusciamo a riorganizzare meglio il servizio”.

“Più Infrastrutture, più servizi per i cittadini, più attenzione ai lavoratori: questo chiede la Cisl oggi – ha aggiunto Recce -, e mi sembra che sia molto attuale nel dibattito nazionale”. Per il segretario Cisl “un unico soggetto regionale comporterebbe l’utilizzazione di tutti gli impianti da parte di tutti, anziché tenerseli per sé che non serve a nulla, avere la possibilità di poter estendere il più possibile un servizio che abbassa le tariffe e fare in modo che tutto venga ripensato in un’ottica più grande che sicuramente abbasserà i costi”.

“La Regione – ha concluso Recce – sta facendo un lavoro che sicuramente va in questa direzione. Non è facile poterlo realizzare, ma l’impegno che chiediamo è di rivedere il Piano regionale e concretizzare questi aspetti”. All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore regionale all’ambiente, Federica Fratoni, e Matteo Biffoni, sindaco di Prato e presidente di Anci Toscana.

Sul tema dell’impiantistica per il trattamento dei rifiuti “noto una forte confusione nel Governo, che in questo momento non riesce a dare un input vero, perché le due componenti della maggioranza dicono una l’esatto contrario dell’altra. Noi non possiamo permettercelo perché il rischio poi si scarica sui territori”. Ha affermato successivamente il presidente di Anci Toscana e sindaco di Prato, Matteo Biffoni (Pd).

“Per ora – ha spiegato Biffoni – il sistema toscano funziona, ha sempre dato risposte, ma la programmazione sui rifiuti deve guardare ai prossimi anni sennò il rischio è che arrivi una crisi improvvisa”. “Ogni territorio – ha aggiunto il presidente di Anci Toscana – deve avere la capacità di smaltire i propri rifiuti al proprio interno, con tutti i sistemi a disposizione, la termovalorizzazione, la differenziazione, il recupero, il riciclo. Questo porterà all’abbassamento delle tariffe”. Per far questo sono necessari gli impianti: “Non sono innamorato di un impianto in particolare – ha detto ancora -, decidiamo come fare, ma senza campanilismi”.

“A Prato – ha concluso Biffoni – abbiamo tolto tutti i cassetti, abbiamo esteso il porta a porta a tutta la città e la differenziata è arrivata al 72%, ma resta una parte che va in modo o nell’altro gestita: non possiamo riutilizzarla e non possiamo riciclarla. Abbiamo poi il tema dello scarto tessile: stiamo lavorando con la Regione e con l’Europa perché si trasformi da scarto a materia riutilizzabile, ma ci vorrà tempo e nel frattempo bisogna dare risposte alle imprese”.

L'articolo Rifiuti: Governo in confusione, reazioni dalla Toscana proviene da www.controradio.it.

Prato: da sabato 13 ottobre attivo nuovo servizio Acap per pediatri di famiglia

Prato: da sabato 13 ottobre attivo nuovo servizio Acap per pediatri di famiglia

Pediatri di famiglia in ospedale nei fine settimana. Da sabato 13 ottobre attivo il nuovo servizio Acap. Biffoni: ”Un servizio estremamente utile per il nostro territorio”

A partire da sabato 13 ottobre all’ospedale Santo Stefano sarà a disposizione un ambulatorio dedicato ai piccoli pazienti che hanno necessità di visite non urgenti.

Grazie all’Accordo sottoscritto dalla FIMP ( Federazione Italiana Medici pediatrici) e dall’AUSL Toscana Centro il nuovo servizio già presente nei territori di Firenze, Pistoia ed Empoli sarà operativo anche a Prato.

Sono oltre la metà i pediatri di famiglia che hanno aderito all’Accordo: 20 su 33, saranno supportati da un infermiere che svolgerà funzioni di accoglienza ed assistenza.

“Siamo contenti di questo importante servizio per i bambini e le famiglie, commenta Matteo Biffoni, Sindaco di Prato, una risposta alla necessità di attivare la guardia medica pediatrica nel fine settimana quando spesso i genitori non sanno a chi rivolgersi in caso di necessità se non al pronto soccorso, magari in modo improprio. Da sindaco e da genitore sono certo che sia un servizio estremamente utile per il nostro territorio” .

L’ambulatorio Acap è collocato al Poliambulatorio dell’ ospedale Santo Stefano – piano terra (area pediatrica)

Orari apertura: il sabato e prefestivi: dalle ore 16.30 alle 19.30; la domenica e festivi dalle 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.30 alle 19.30 .

L’accesso al servizio avviene attraverso il triage del Pronto Soccorso. I bambini con codici non urgenti saranno indirizzati all’ambulatorio Acap il cui percorso è segnalato da apposita cartellonistica.

Il servizio di continuità assistenziale Acap, grazie alla collaborazione ed alla condivisione di strategie e progetti tra pediatri ospedalieri e di famiglia, è uno strumento essenziale per migliorare i servizi a favore dei bambini, l’integrazione ospedale-territorio e garantire un appropriato utilizzo del Pronto Soccorso.

Il Pronto Soccorso Pediatrico del Santo Stefano registra un numero di accessi molto superiore a quello indicato dalla Legge Regionale come soglia minima per attivare iniziative specifiche.

In particolare, negli ultimi due anni al Pronto Soccorso pediatrico si sono registrati 17.512 accessi nel 2016 e 18.139 nel 2017 con picchi nei fine settimana in cui gli accessi risultano superiori in numero assoluto rispetto a tutti gli altri giorni.

Le urgenze minori (codici azzurri) rappresentano infatti oltre un terzo degli accessi totali nel fine settimana, rispettivamente il 38% nel 2016 e il 35,8% nel 2017.

Per quanto riguarda i codici verdi (urgenze differibili) rappresentano oltre la metà di tutti gli accessi pediatrici: il 55,7% nel 2016 e il 59,3% nel 2017, con un picco elevato nel fine settimana.

L'articolo Prato: da sabato 13 ottobre attivo nuovo servizio Acap per pediatri di famiglia proviene da www.controradio.it.

Fallimento Creaf: citazione a giudizio per Biffoni a Prato, “certo di avere agito per collettività”

Fallimento Creaf: citazione a giudizio per Biffoni a Prato, “certo di avere agito per collettività”

Citazione a giudizio, in relazione al suo incarico di presidente della Provincia di Prato, per Matteo Biffoni (Pd), sindaco della città toscana. A citarlo la procura pratese, con l’accusa di bancarotta semplice, in relazione al fallimento del Creaf, il Centro di ricerca e alta formazione mai nato per cui sarebbero stati spesi negli anni oltre 20 milioni di euro di fondi pubblici. Il processo davanti al giudice monocratico si aprirà il prossimo 18 giugno, cioè dopo le elezioni amministrative comunali, a cui il sindaco non ha ancora deciso se ricandidarsi.

Con Biffoni citati a giudizio per bancarotta semplice ex amministratori del Creaf ed ex membri del cda, Luca Rinfreschi, Laura Calciolari, Lamberto Gestri, Veronica Melani, Gianmario Bacca, oltre ai tre componenti del collegio sindacale, Massimo Longini, Massimo Picchi e Marco Bini. Il sostituto procuratore Lorenzo Boscagli, titolare delle indagini, ha chiesto invece l’archiviazione dell”ex vice presidente della Provincia Daniele Panerati.

“Mi difenderò, sono certo di aver agito per il meglio della collettività”. Queste le parole del sindaco di Prato Matteo Biffoni che spiega di “essere molto tranquillo”, perché ritiene di “aver agito nella massima correttezza”. “Mi difenderò in giudizio – aggiunge -, non sono spaventato per questo vicenda in relazione a una mia eventuale ricandidatura a sindaco nelle prossime elezioni amministrative”.

“A nome del Partito democratico di Prato confermo piena fiducia nel sindaco Matteo Biffoni”. Così in una nota il segretario del Pd pratese Stefano Bosi in relazione alal citazione a giudizio di Biffoni per il fallimento di Creaf. “Oltre ad aver gestito come presidente della Provincia solo l’ultimissima fase di una vicenda che viene da molto lontano – aggiunge Bosi -, Biffoni ha sempre agito in piena trasparenza ed è proprio alla luce di questo che siamo più che convinti che potrà dimostrare agevolmente la propria estraneità al reato che gli è stato contestato. Siamo certi che tutto sarà chiarito poiché al primo posto c’è, e c’è sempre stato da parte sua, il rispetto dell’interesse pubblico”.

L'articolo Fallimento Creaf: citazione a giudizio per Biffoni a Prato, “certo di avere agito per collettività” proviene da www.controradio.it.

Bando Periferie, Anci Toscana: “Salvi i progetti esecutivi, fondo di rotazione per gli altri”

Bando Periferie, Anci Toscana: “Salvi i progetti esecutivi, fondo di rotazione per gli altri”

Sblocco immediato dei finanziamenti per tutti i Comuni che hanno approvato i progetti esecutivi entro il 15 settembre 2018; certezza delle risorse per i restanti progetti in graduatoria, con l’istituzione di un apposito Fondo di rotazione. Sono queste le proposte di Anci Toscana da presentare al Governo, per sbloccare i finanziamenti del “Bando Periferie”, scaturite stamani dalla riunione indetta dal presidente Matteo Biffoni nella sede fiorentina all’Associazione con i capoluoghi di provincia.

Una proposta condivisa all’unanimità, presenti oltre a Biffoni (Anci Toscana), i sindaci di Livorno Filippo Nogarin, di Arezzo Alessandro Ghinelli, di Lucca Alessandro Tambellini, di Pistoia Alessandro Tomasi, oltre agli assessori di Firenze, Grosseto, Massa e Carrara. La posizione di Anci Toscana è stata immediatamente trasmessa al presidente di Anci Nazionale Antonio Decaro, che questa sera, insieme ad una delegazione di sindaci cui farà parte anche il vicepresidente Nogarin, incontrerà il capo del Governo Giuseppe Conte.

Obiettivo comune, quello di modificare il testo della norma che blocca i finanziamenti del Bando Periferie, inserita nel decreto Milleproroghe, prima che il provvedimento sia approvato in via definitiva. “Mettiamo a disposizione di Anci la nostra proposta – ha detto Biffoni a nome di tutti i presenti – perché si arrivi a soluzione di una questione che ha una importanza fondamentale non solo per le amministrazioni, ma soprattutto per le nostre comunità. Ogni euro dato ai Comuni è sacrosanto, ha un valore sociale e aiuta l’economia locale. Nessuno lo deve dimenticare”.

La norma in questione prevede attualmente il differimento al 2020 dell’efficacia delle convenzioni già sottoscritte da ben 96 comuni capoluogo e città metropolitane, di cui 11 toscani, sulla base di quanto già disposto dal precedente Governo (DPCM del 29 maggio 2017) e dalle successive delibere del CIPE.

In particolare il ricorso al Fondo di rotazione permetterà ai Comuni, pur imputando la spesa al 2020, di contare su un’anticipazione dalla Cassa Depositi e Prestiti, senza ulteriori oneri finanziari.
Per i comuni toscani si tratta di risorse importanti, impegnate su territori fragili, per un ammontare complessivo di circa 296 milioni di euro.

L'articolo Bando Periferie, Anci Toscana: “Salvi i progetti esecutivi, fondo di rotazione per gli altri” proviene da www.controradio.it.