Street art ‘invasion’ a Firenze

Street art ‘invasion’ a  Firenze

Zero Cosap e prenotazione on line per le esibizioni temporanee fuori dall’area Unesco. Oggi la presentazione con l’assessore Del Re, il consigliere Guccione e i presidenti dei Quartieri

La street art arriva nelle periferie per animare gli spazi frequentati da cittadini e famiglie: piazze, parchi e mercati all’insegna della musica e delle espressioni artistiche. Per lanciare le nuove opportunità e le nuove postazioni, mercoledì 19 dicembre è in programma un flash mob in tutti i quartieri della città: a partire dalle 17 cinque giovani musicisti e band fiorentine si esibiranno in contemporanea in una postazione per quartiere. L’iniziativa, organizzata con l’associazione Fiore sul vulcano e con gli operatori di strada del Q4, è stata presentata oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re, con il consigliere alle Politiche giovanili Cosimo Guccione e i presidenti dei Quartieri, Maurizio Sguanci (Q1), Michele Pierguidi (Q2), Alfredo Esposito (Q3). Grazie al nuovo sistema, gli artisti di strada potranno esibirsi prenotando on line e senza pagare il canone di occupazione suolo pubblico. Le postazioni, georeferenziate e inserite in una mappa interattiva sul sito del Comune, saranno facilmente riconoscibili grazie a specifici stencil sul posto. Le postazioni potranno essere utilizzate anche di mattina in occasione dei mercati.
“Un modo per ampliare le opportunità di espressione degli artisti – ha detto l’assessore Del Re – e dare spazio anche a nuovi giovani musicisti fiorentini e non solo. Un’occasione per dare un’immagine più metropolitana di Firenze, anche attraverso l’arte di strada e sfruttando le opportunità legate all’arrivo della tramvia, in grado di far emergere nuovi luoghi adatti a queste forme espressive, rivitalizzare altre zone della città e rendere i quartieri sempre più protagonisti. Per incentivare questo sviluppo – ha proseguito Del Re – abbiamo previsto l’esenzione dal pagamento del canone per l’occupazione del suolo pubblico per tutte le postazioni fuori dall’area Unesco. Uno strumento anche per rendere più facili i controlli delle postazioni abusive”.
“Una nuova opportunità che rende Firenze una città sempre più europea – ha detto il consigliere Guccione – Un grande lavoro tecnico fatto dall’Amministrazione per innovare il sistema e rendere possibile la prenotazione on line degli spazi, aprendo la città all’arte contemporanea giovanile e dando nuova vita alle periferie attraverso la musica e le performance artistiche”.
“Siamo felici di questa opportunità – hanno detto i presidenti dei Quartieri – che porta l’arte di strada in zone meno centrali, permettendo a tanti giovani di esibirsi e farsi conoscere e valorizzando spazi dei quartieri che meritano di essere vissuti. Un’iniziativa che abbiamo sposato da subito partecipando direttamente anche alla scelta dei luoghi più adatti ad accogliere le postazioni, che saranno valorizzati grazie all’arte di strada”.
Per la concessione a carattere temporaneo (che va ad aggiungersi alla tipologia di durata biennale) è previsto un sistema di prenotazione on line attraverso la pagina artistidistrada.comune.fi.it/artisti_di_strada. Le postazioni a carattere temporaneo fuori dall’area Unesco potranno essere utilizzate senza amplificazione, dalle 17 alle 19.30 (o dalle 11 alle 13 in caso di mercati). Le postazioni potranno essere utilizzate di mattina in occasione dei mercati: tutti i giorni alle Cure (sottopasso), in piazza Acciaiuoli, all’Isolotto (passerella) e in piazza Dalmazia; il martedì alle Cascine (fermata).
(sc)
Programma esibizioni flash mob

Q1 – Piazza San Jacopino: Medemo (ore 17), Addio Proust (ore 18.30)
Q2 – Sottopasso delle Cure: Aida (ore 17), Batucada Agogo (ore 17.30), Avverso (ore 18)
Q3 – Piazza Bartali: Lupineri (ore 17), Loren (17.30)
Q4 – spazio antistante BiblioteCanova e Centro giovani Sonoria: artisti del centro giovani Sonoria (ore 17)
Q5 – Terza Piazza-spazio verde fronte Coop di piazza Leopoldo: Il mago annoiato (ore 17), Lenostrepaure (ore 17.30)

Le postazioni temporanee fuori dell’area Unesco

Quartiere 1
Piazza San Jacopino; parco delle Cascine in prossimità della fermata della tramvia
Quartiere 2
Giardini di Campo di Marte; giardini di Bellariva; piazza Savonarola; via Aretina (Varlungo); area Pettini Burresi; sottopasso delle Cure
Quartiere 3
Piazza Bartali; piazza Acciaioli; parco Anconella; parco viale Tanini; piazza Elia Dalla Costa
Quartiere 4
Viale dei Bambini; parco Villa Vogel; spazio antistante BiblioteCanova e Centro giovani Sonoria; piazza della Crezia a Ugnano; spazio compreso Mc Donald’s via Cecioni; fronte passerella Isolotto
Quartiere 5
Terza Piazza-spazio Verde fronte Coop di Piazza Leopoldo; piazza Dalmazia nuova area mercatale; marciapiede angolo via Forlanini – via di Novoli/ingresso centro commerciale lato via di Novoli; parco di San Donato.

L'articolo Street art ‘invasion’ a Firenze proviene da www.controradio.it.

‘Patto per San Lorenzo viva’,  per maggiore sicurezza e valorizzazione dell’area

‘Patto per San Lorenzo viva’,  per maggiore sicurezza e valorizzazione dell’area

Comune di Firenze, Città metropolitana e Opera Medicea Laurenziana insieme per la cura del complesso di San Lorenzo e dell’area circostante: questo in sintesi il contenuto dell’accordo ‘Patto per San Lorenzo viva’ firmato stamani dal sindaco di Firenze e della Città metropolitana Dario Nardella e dal presidente dell’Opera Medicea Laurenziana Paolo Padoin. Alla sottoscrizione dell’intesa preliminare, che in una fase successiva sarà trasformata in un protocollo, hanno assistito il prefetto Laura Lega, l’assessore alla Polizia municipale Federico Gianassi e il presidente del Quartiere 1 Maurizio Sguanci.

“Abbiamo firmato un accordo che nasce da un’idea di Padoin, che prevede impegni precisi e concreti per il Comune, la Città metropolitana e l’Opera Medicea Laurenziana per garantire una maggiore sicurezza del complesso di San Lorenzo e dell’area circostante – ha spiegato il sindaco Nardella -. Per quanto ci riguarda, l’impegno riguarda un rafforzamento del presidio degli agenti della Polizia municipale, sia in divisa che in borghese; un’integrazione del sistema di illuminazione di tutti i vicoli e le stradine di questa parte del quartiere, poiché l’illuminazione è un forte deterrente in termini di sicurezza, e una valorizzazione culturale di tutta l’area che coinvolga sia Palazzo Medici Riccardi che le cappelle medicee”. “Noi partiamo sempre dal presupposto che una città più sicura è anche una città più libera – ha aggiunto Nardella – e che solo la combinazione tra cultura e valorizzazione, da un lato, ed educazione e regole, dall’altro, può essere efficace sul lungo periodo”.

“Incrementare la sicurezza per il complesso di San Lorenzo, ovvero della Basilica e delle Cappelle Medicee – ha detto il presidente dell’Opera Medicea Laurenziana Padoin – è sempre stato il mio pallino, fin da quando ho assunto le redini dell’Opera. Vogliamo dare anche noi un segnale alla gente del quartiere, che chiede sicurezza e vogliamo collaborare con le Istituzioni su questo fronte”. “Un grazie particolare lo vorrei rivolgere alla Fondazione Cassa Risparmio di Firenze – ha aggiunto Padoin – che ha sposato il nostro progetto di videosorveglianza, sostenendolo con un importante finanziamento e inserendolo nella propri programmazione come progetto pilota per il 2018 e per gli anni successivi”.

Per quanto riguarda il Comune, l’intesa prevede che organizzi il controllo del territorio con agenti di Polizia municipale in divisa tramite un presidio con sede presso il Mercato di San Lorenzo; garantisca una continua attività di contrasto all’attività dei venditori abusivi; mantenga la sorveglianza in remoto nell’arco delle ventiquattro ore tramite la rete di videosorveglianza dell’amministrazione comunale sia in piazza San Lorenzo che nelle strade limitrofe; incrementi l’illuminazione delle piccole strade circostanti all’area storica e organizzi periodicamente appositi controlli nei confronti degli esercizi pubblici, delle attività commerciali o recettive che hanno sede in zona, al fine di dare attuazione alle prescrizioni contenute nel regolamento Unesco.

L’Opera Medicea Laurenziana, invece, si impegna a realizzare il progetto d’installazione di telecamere di sicurezza e di scanner all’ingresso degli ambienti interni e esterni del complesso, non appena avuta l’approvazione della Soprintendenza. Tale sistema completerà la copertura già garantita dalle telecamere in funzione nella stessa area, poste all’esterno del perimetro delle Cappelle medicee e in piazza San Lorenzo. Per tale progetto è stato già deliberato un consistente finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. In attesa della realizzazione del progetto, l’Opera ha già provveduto a effettuare sorveglianza agli ingressi della Basilica e dei locali interni, concludendo un contratto apposito, nei periodi di maggiore affluenza dei turisti e dei visitatori, con società di vigilanza privata, che ha affiancato con servizio di scanner i dipendenti della cooperativa che effettua servizio di accoglienza per l’Opera. In tale periodo la sorveglianza è stata estesa anche al perimetro della Basilica, anticipando in pratica quanto verrà realizzato col progettato sistema di sorveglianza. Da settembre sarà attivata poi, in collaborazione con la Cittàmetropolitana, una sinergia fra le istituzioni mediceo – lauranziane e Palazzo Medici Riccardi, con collegamenti e iniziative comuni che valorizzino il Palazzo e la Chiesa dei Medici. Sarà, inoltre, rafforzata la collaborazione, attivata da tempo dal presidente dell’Opera, con le altre principali ‘sorelle’ fiorentine, l’Opera del Duomo e l’Opera di Santa Croce, per realizzare progressi comuni nell’attività di tutela della sicurezza. (fp)

L'articolo ‘Patto per San Lorenzo viva’,  per maggiore sicurezza e valorizzazione dell’area proviene da www.controradio.it.

Promozioni economiche di 80mila euro a favore dei commercianti

Promozioni economiche di 80mila euro a favore dei commercianti

Firenze, presentato oggi in Palazzo Vecchio un pacchetto di promozioni economiche di 80mila euro a favore dei commercianti cittadini, per cofinanziare eventi e iniziative di promozione, nelle zone interessate da cantieri e lavori per le infrastrutture.

Comunicazione ‘social’, fidelity card, animazione sulla ‘public history’ delle botteghe e del quartiere, ma anche formazione qualificata per commercianti: sono solo alcuni degli promozioni che potranno essere sostenuti con il contributo complessivo di 80mila euro messo a disposizione dall’amministrazione comunale per il 2018.

Le misure di intervento previste saranno attuare attraverso specifici avvisi pubblici. La prima riguarda la valorizzazione di sei aree interessate dai lavori per la realizzazione di infrastrutture, con conseguenti disagi e ripercussioni sul tessuto commerciale e artigiano locale: si tratta delle zone di piazza San Jacopino (Quartiere 1), piazza delle Cure (Quartiere 2), Galluzzo (Quartiere 3), piazza dell’Isolotto (Quartiere 4), piazza Dalmazia-via di Novoli (Quartiere 5). La seconda misura cofinanzia iniziative di valorizzazione delle altre aree della città, attraverso progetti di animazione e promozione economica programmati da Centri commerciali naturali o da associazioni di commercianti.

Nella valutazione delle proposte sarà data priorità all’originalità dei progetti, alla capacità di valorizzare i settori economici individuati, ma anche alla sostenibilità organizzativa ed economica della proposta. Il proponente dovrà essere un soggetto senza scopo di lucro, con sede principale e operativa nel Comune di Firenze. I progetti dovranno essere realizzati sul territorio del Comune, con una richiesta di contributo economico che non potrà superare i 10mila euro per ciascun progetto sulla prima misura (a copertura al massimo del 75% del budget complessivo) e i mille euro sulla seconda (a copertura al massimo del 50%) per un totale di 20mila euro. Oltre al contributo economico, il supporto dell’Amministrazione potrà riguardare la promozione dell’evento attraverso gli strumenti di comunicazione istituzionale come la Rete Civica del Comune di Firenze, il sistema del Digital Signage cittadino, il portale Eventi, gli uffici informazioni turistiche e i totem informativi.

Il progetto è stato presentato dall’assessora allo Sviluppo economico Cecilia Del Re e dai presidenti Maurizio Sguanci (Quartiere 1), Michele Pierguidi (Quartiere 2), Alfredo Esposito (Quartiere 3), Mirko Dormentoni (Quartiere 4) e Cristiano Balli (Quartiere 5).

 

L’articolo Promozioni economiche di 80mila euro a favore dei commercianti proviene da www.controradio.it.

Promozioni economiche di 80mila euro a favore dei commercianti

Promozioni economiche di 80mila euro a favore dei commercianti

Firenze, presentato oggi in Palazzo Vecchio un pacchetto di promozioni economiche di 80mila euro a favore dei commercianti cittadini, per cofinanziare eventi e iniziative di promozione, nelle zone interessate da cantieri e lavori per le infrastrutture.

Comunicazione ‘social’, fidelity card, animazione sulla ‘public history’ delle botteghe e del quartiere, ma anche formazione qualificata per commercianti: sono solo alcuni degli promozioni che potranno essere sostenuti con il contributo complessivo di 80mila euro messo a disposizione dall’amministrazione comunale per il 2018.

Le misure di intervento previste saranno attuare attraverso specifici avvisi pubblici. La prima riguarda la valorizzazione di sei aree interessate dai lavori per la realizzazione di infrastrutture, con conseguenti disagi e ripercussioni sul tessuto commerciale e artigiano locale: si tratta delle zone di piazza San Jacopino (Quartiere 1), piazza delle Cure (Quartiere 2), Galluzzo (Quartiere 3), piazza dell’Isolotto (Quartiere 4), piazza Dalmazia-via di Novoli (Quartiere 5). La seconda misura cofinanzia iniziative di valorizzazione delle altre aree della città, attraverso progetti di animazione e promozione economica programmati da Centri commerciali naturali o da associazioni di commercianti.

Nella valutazione delle proposte sarà data priorità all’originalità dei progetti, alla capacità di valorizzare i settori economici individuati, ma anche alla sostenibilità organizzativa ed economica della proposta. Il proponente dovrà essere un soggetto senza scopo di lucro, con sede principale e operativa nel Comune di Firenze. I progetti dovranno essere realizzati sul territorio del Comune, con una richiesta di contributo economico che non potrà superare i 10mila euro per ciascun progetto sulla prima misura (a copertura al massimo del 75% del budget complessivo) e i mille euro sulla seconda (a copertura al massimo del 50%) per un totale di 20mila euro. Oltre al contributo economico, il supporto dell’Amministrazione potrà riguardare la promozione dell’evento attraverso gli strumenti di comunicazione istituzionale come la Rete Civica del Comune di Firenze, il sistema del Digital Signage cittadino, il portale Eventi, gli uffici informazioni turistiche e i totem informativi.

Il progetto è stato presentato dall’assessora allo Sviluppo economico Cecilia Del Re e dai presidenti Maurizio Sguanci (Quartiere 1), Michele Pierguidi (Quartiere 2), Alfredo Esposito (Quartiere 3), Mirko Dormentoni (Quartiere 4) e Cristiano Balli (Quartiere 5).

 

L’articolo Promozioni economiche di 80mila euro a favore dei commercianti proviene da www.controradio.it.

Caso Sguanci: Mdp esce da maggioranza del Comune di Firenze

Caso Sguanci: Mdp esce da maggioranza del Comune di Firenze

Dopo le dichiarazioni del presidente del Quartiere 1 su Mussolini, Articolo 1 – Mdp esce dalla maggioranza di centrosinistra di Palazzo Vecchio a Firenze, rompendo l’alleanza amministrativa con il Pd.

E’ quanto hanno comunicato i consiglieri comunali del gruppo Articolo – Mdp, Alessio Rossi e Stefania Collesei, al termine di una lunga riunione con il Partito democratico e il sindaco Dario Nardella. La rottura dell’intesa politica è avvenuta sul caso del presidente del Quartiere 1, Maurizio Sguanci (Pd).

Mpd ha chiesto le dimissioni di Sguanci dopo le frasi su Benito Mussolini scritte sulla sua pagina Facebook: “Fatto salvo che Mussolini è la persona più lontano da me e dal mio modo di pensare, nessuno in questo Paese ha fatto, in quattro lustri, quello che ha fatto lui in vent”anni”. “Avevamo detto che se Maurizio Sguanci non avesse rimesso il mandato di presidente del Quartiere 1, avremmo lasciato noi la maggioranza. Le dimissioni non sono arrivate e quindi noi usciamo dalla maggioranza”, hanno affermato Rossi e Collesei.

Dopo 5 giorni di tira e molla e dialoghi serrati, Mdp esce quindi dalla maggioranza di Palazzo Vecchio. In circa un’ora e mezzo di confronto serrato con i vertici del Pd di Firenze, le parti non hanno trovato la quadra sul caso scoppiato con le frasi su Mussolini. “Lui rimane al suo posto, noi siamo fuori”, hanno commentato al termine del vertice Stefania Collesei e Alessio Rossi. “Rimarra’ sempre un punto opaco nella vita istituzionale fiorentina la mancata assunzione di responsabilita’ per le dichiarazioni del presidente del Quartiere 1 Sguanci sul ventennio fascista”, spiegano. “Si dice- continuano- che quello di Sguanci sia stato un gesto ‘sprovveduto’. Noi non lo riteniamo cosi’. Reputiamo che sia un atto grave che non e’ possibile sottovalutare. Pensiamo che non si debbano avallare situazioni per cui si possa dire di tutto, tanto poi si chiede scusa. In un’Italia dove un aspirante governatore ritira fuori la difesa della razza bianca”.

Per Collesei e Rossi “occorre ricostruire un’etica pubblica, dove l’essere e l’apparire coincidano e dove le parole hanno un peso e corrispondono ad un pensiero. E’ per noi essenziale in questo momento storico rinsaldare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni democratiche e nella loro credibilita’, caratteristiche imprescindibili per la governabilita’ del Paese”. Per questo, aggiungono, “con coerenza rispetto a quanto annunciato Articolo 1 – Mdp ritira il suo appoggio alla maggioranza di Palazzo Vecchio e dei Quartieri, poiche’ troviamo incoerente da un lato votare insieme una modifica dello statuto che rafforza l’identita’ antifascista di Firenze e dall’altro si consente di rimanere al suo posto a chi consapevolmente o meno rivaluta il ventennio fascista”. Un gesto fatto “con il rammarico di chi fin qui ha lealmente contribuito ad operare per il bene di Firenze”. I due pero’ annunciano una opposizione costruttiva: “Continueremo a lavorare da un’altra posizione sempre e soltanto entrando nel merito delle questioni. Sulle cose concrete della citta’, come abbiamo sempre fatto, ritorneremo a dare il sostegno nella cose in cui ci troveremo d’accordo. Valuteremo caso per caso”.

“Saranno i consiglieri di Mdp ad assumersi la responsabilità di continuare o meno il patto con gli elettori dinanzi ai quali si sono presentati per sostenere un sindaco e una maggioranza”. Così al termine dell’incontro  il capogruppo Pd Angelo Bassi e il segretario cittadino dei democratici Massimiliano Piccioli. “Da parte del Pd non è mai emersa la volontà di chiedere ad Mdp di uscire dalla maggioranza – aggiungono – per noi è giusto rimanere e collaborare fino a fine mandato. Non avendo trovato nel confronto un accordo ci auspichiamo che non manchi mai il dialogo sugli atti concreti per i fiorentini e la città di Firenze”. “Il Pd – spiegano ancora Bassi e Piccioli – ritiene di mantenere il presidente Maurizio Sguanci nel suo ruolo, pur condannando ogni sua parola, e ribadisce che non ha senso trovare la soluzione a quanto successo rinunciando al presidente, ferme restando le prerogative del Quartiere 1, e respingendo la richiesta di dimissioni avanzata al sindaco”

L’articolo Caso Sguanci: Mdp esce da maggioranza del Comune di Firenze proviene da www.controradio.it.