‘The New Generation Festival’: musica classica e giovani talenti

‘The New Generation Festival’: musica classica e giovani talenti

Firenze, dal 31 agosto al 2 settembre 2017, il Giardino di Palazzo Corsini al Prato ospita la prima edizione italiana di The New Generation Festival.

Il festival The New Generation si propone come versione italiana dello storico Glyndenbourne, la più eccentrica e aristocratica fra le manifestazioni inglesi che da anni attrae pubblico da ogni parte del paese, tanto che il battesimo fiorentino vedrà la presenza del principe Michael di Kent, cugino della regina Elisabetta II, con la moglie la baronessa Marie Christine von Reibnitz, la figlia Lady Gabriella Windsor e la nipote Lady Amelia Windsor.

The New Generation Festival nasce con l’obiettivo di dare l’opportunità a giovani talenti musicali, provenienti da ogni parte del mondo, di farsi notare ed apprezzare in un meraviglioso scenario italiano, pensato per attrarre tutti gli amanti della musica in genere ma anche introdurre nuove generazioni di pubblico all’universo della musica classica. Biglietti, dunque, ridotti per gli under-30 per ascoltare una varietà di artisti, bande jazz, orchestre sinfoniche e cantanti lirici proprio nell’ottica di diminuire le distanze fra i diversi generi musicali.

Il festival, diretto da Roger Granville, è stato fondato in collaborazione con il brillante direttore d’orchestra Maximilian Fane e con i produttori internazionali Granville & Parham. Il team coinvolto nell’organizzazione ha riunito star della musica e talenti emergenti. Uno dei più virtuosi violinisti del momento, Charlie Siem, è stato nominato direttore artistico e si esibirà per i tre giorni della manifestazione, mentre il soprano di origine armena Anush Hovhannisyan avrà un ruolo fondamentale nell’esibizione operistica, affiancando il giovane tenore sudafricano Khanyiso Gwenxane in una nuova produzione dell’elisir d’amore di Gaetano Donizetti. Michael Howells, acclamato designer, noto per aver lavorato nel mondo del cinema (ricordiamo Miss Julie con Mike Figgis, Un marito ideale e Emma con Gwyneth Paltrow,  Nanny McPhee con Emma Thompson) e della moda (ha progettato set per Christian Dior, ha lavorato con Galliano, Lacroix, Alexander McQueen), realizzerà i costumi e la scenografia.

Sarà proprio l’opera comica in due atti di Gaetano DonizettiL’elisir d’amore, a inaugurare la manifestazione con una serata di gala, giovedì 31 agosto, alle ore 19.30, con replica sabato 2 settembre, alla stessa ora.

Il programma di venerdì 1 settembre, sempre con inizio alle 19.30, sarà invece interamente dedicato a esibizioni orchestrali, con grandi classici come l’Overture de Il Barbiere di Sivigliadi Gioacchino Rossini, il Concerto No.1 in sol minore Op.26 per Violino di Max Bruch, eseguito da Charlie Siem, e un’interpretazione della Sinfonia no.5 in do minore di Ludwig van Beethoven, diretta da Maximilian Fame ed eseguita dall’Orchestra del New Generation Festival.

Durante l’intervallo, gli ospiti potranno esplorare e rilassarsi nel Giardino Corsini al ritmo della musica jazz, e per loro saranno a disposizione cestini da picnic con specialità culinarie fiorentine e l’esclusiva bottiglia di vino ‘Elisir d’amore’ del Principe Corsini, oppure  Champagne, bevande e spuntini al Bar e al Ristorante, allestiti nella Limonaia Grande. Le serate proseguiranno con altri eventi musicali nel Giardino e nella Limonaia. Venerdì primo settembre concerto di mezzanotte nella vicinissima chiesa di Ognissanti con il violista Charlie Siem (ingresso libero).

L’organizzazione del Festival offre 20 biglietti gratuiti, ogni sera, per studenti, non solo di musica, previa prenotazione via mail a info@newgenerationfestival.org.

Info: info@newgenerationfestival.org – www.newgenerationfestival.org

 

L'articolo ‘The New Generation Festival’: musica classica e giovani talenti proviene da www.controradio.it.