Mense scuola: Firenze, più carne e ok al panino da casa ma per tutto l’anno

Mense scuola: Firenze, più carne e ok al panino da casa ma per tutto l’anno

Alla vigilia dell’apertura dell’anno scolastico anticipazioni sul menù che arriverà nelle scuole fiorentine, rivisto rispetto al passato andando incontro ad alcune sollecitazioni delle famiglie. Ancora in attesa di validazione da parte dell’Asl.

Il menu’ nelle scuole “e’ stato rivisto, come ogni anno, sulla base del lavoro fatto dalle commissioni mense e di tutte le proteste, le indicazioni e le critiche arrivate nel corso dell’ultimo anno. Come ho detto piu’ volte, pero’, non torniamo indietro sulla filosofia di fondo, la via dell’alimentazione sana ed equilibrata. Quella cioe’ di dare ai bambini un menu’ piu’ adeguato e scientificamente migliore”.

Lo sottolinea Cristina Giachi, vicesindaca di Firenze con delega all’Educazione, che ancor prima che inizi l’anno scolastico si rivolge alle famiglie: “Il menu’ e’ in corso di validazione alla Asl ma gia’ i genitori si sono fatti sentire. Io dico che bisogna uscire dalla logica ‘ho protestato, l’ho detto, deve essere fatto’. Meglio sarebbe ‘ho protestato, l’ho detto ed e’ stato considerato’ insieme a molte altre valutazioni”.

Anche perche’, aggiunge, “il menu’ lo stanno facendo gli esperti, i medici, non gli assessori ne’ i politici”. La vicesindaca annuncia “delle novita’ su certe preparazioni, che avevano buone intenzioni ma una realizzazione meno efficace, difficile. Ci sara’ quindi un lavoro per migliorare e adeguare le ricette e le preparazioni al gusto dei bambini, alle loro abitudini”.

Secondo quanto anticipato, ci saranno porzioni di carne e formaggio più abbondanti. la cecina dovrebbe essere sostituita dalle polpettine ai legumi ed anche la Quinoa dovrebbe essere compresa in impasti per polpette. Ci sarà poi la possibilità di portarsi il ‘paniere’ da casa. “I genitori – spiega Giachi a La Nazione – potranno richiedere il modulo ai dirigenti scolastici per essere esonerati dalla mensa”. Questa scelta sarà valida per tutto l’anno scolastico. Il bambino dovrà dunque portarsi tutti i giorni il pranzo da casa e consumarlo con i compagni a mensa.

Detto questo, avverte, “sicuramente non ci sara’ la soddisfazione piena di tutte le richieste di sostituzione, cambio o addirittura di abbondo della via che abbiamo scelto”. Inoltre Giachi chiede “una crescita, un impegno educativo, perche’ bisogna lasciare che il tempo passi per abituarsi di uno stile alimentare diverso”.

L'articolo Mense scuola: Firenze, più carne e ok al panino da casa ma per tutto l’anno proviene da www.controradio.it.