Gesualdi: sepolto accanto a Don Milani l’ex ‘allievo di Barbiana’

Gesualdi: sepolto accanto a Don Milani l’ex ‘allievo di Barbiana’

 Ad accompagnare Gesualdi, divenuto nei suoi ultimi mesi di vita, lui uomo di fede, un simbolo per l’approvazione della legge sul biotestamento, circa 200 persone. Tra loro molti ex allievi della scuola di Barbiana creata da don Milani

Riposa accanto al suo maestro don Lorenzo Milani, nel cimitero di Barbiana (Firenze),
Michele Gesualdi, ex sindacalista della Cisl ed ex presidente della Provincia di Firenze scomparso giovedì scorso a 74 anni dopo aver combattuto a lungo contro la Sla, e che fu tra i primi sei allievi del priore. Oggi a Barbiana si sono svolti i funerali. Ad accompagnare Gesualdi, divenuto nei suoi ultimi mesi di vita, lui uomo di fede, un simbolo per l’approvazione della legge sul biotestamento, circa 200 persone.

Tra loro molti ex
allievi della scuola di Barbiana creata da don Milani, sindaci dei comuni dove don Lorenzo aveva svolto la sua funzione di sacerdote come Calenzano e Vicchio, il sindaco della Città
metropolitana di Firenze Dario Nardella, amministratori del Mugello e della Valdisieve, parlamentari quali Rosy Bindi e Lorenzo Becattini e tanti sacerdoti e gente comune. Fin da
stamani presto arrivati nel luogo dove il priore elaborò con i suoi allievi ‘Lettera a una professoressa’.
La funzione religiosa è stata officiata da don Silvano Nistri che nella sua omelia, ha fra l’altro ricordato il contributo di Gesualdi affinchè Barbiana fosse mantenuta “poverissima, come ai tempi del priore” senza diventare “un museo”. La figlia di Gesualdi, Sandra, divenuta negli ultimi tempi la voce del padre a causa della sua malattia, ha ricordato commossa la figura del babbo e dell’educatore, dando lettura di una lettera scritta da
Don Milani allo stesso Gesualdi. Un rappresentante della Fondazione don Milani, che era presieduta dallo stesso Gesualdi, prima della tumulazione ha ribadito il proprio impegno nelle tutela di Barbiana nel solco del cammino intrapreso dall’ex allievo scomparso due giorni fa.

L'articolo Gesualdi: sepolto accanto a Don Milani l’ex ‘allievo di Barbiana’ proviene da www.controradio.it.

Nardella, assunzione figlia magistrato? ‘Rispettate regole’

Nardella, assunzione figlia magistrato? ‘Rispettate regole’

🔈Firenze, ai margini di una conferenza stampa il sindaco Dario Nardella, rispondendo ad alcune domande dei giornalisti, ha respinto le polemiche in merito alla vicenda dell’assunzione, per chiamata diretta, ad un incarico nella Città metropolitana del capoluogo toscano, di Celeste Oranges, figlia di Acheropita Mondera Oranges, procuratrice della Corte dei Conti Toscana, che nel 2014 come magistrato chiese l’archiviazione per Matteo Renzi nell’ambito di un procedimento a suo carico.

“Si tratta di un attacco vergognoso, segno del fatto che ormai siamo in campagna elettorale: una campagna elettorale che alcuni vogliono trasformare in una denigrazione delle persone. – ha detto il sindaco Nardella – Noi abbiamo rispettato tutte le regole, una ad una fino in fondo. Non permetto che si facciano insinuazioni e calunnie”.

E per quanto riguarda l’uscita del gruppo di Mdp dalla maggioranza di Palazzo Vecchio in conseguenza del ‘caso Sguamci’, “I cittadini non capiscono questa rottura, anche perché abbiamo avuto tutti insieme un mandato molto chiaro dalla stragrande maggioranza dei fiorentini a cambiare la città oggi – ha commentato Nardella – Per quanto mi riguarda, io, la giunta e la mia maggioranza, andiamo avanti con determinazione per portare in fondo il programma di governo che i fiorentini hanno votato 4 anni fa”.

E sullo stadio: “Il 2018 sarà l’anno decisivo per lo stadio. Noi abbiamo fissato al 31 ottobre la data ultima per completare la progettazione – ha ricordato Nardella – Non voglio parlare di ritardi perché si tratta di un progetto complesso e confido nel fatto che fiorentina questa volta completerà tutto, anche perché la documentazione che il gruppo tecnico del comune ha esaminato rappresenta già un significativo passo in avanti. Per quanto riguarda il Comune, completeremo la procedura di variante urbanistica”.

Infine, il sindaco ha commentato sulla scomparsa di Michele Gesualdi, la legge sul fine vita “votata in Parlamento poche settimane fa credo porti una gran parte del suo contributo e della sua testimonianza personale. Da sindaco metropolitano ringrazio anche per come Gesualdi ha guidato le istituzioni: oggi sempre meno si vedono politici così puliti con una visione così nobile e alta del servizio per i cittadini”, ha aggiunto. Nardella ha poi ricordato di aver “conosciuto da giovanissimo Michele Gesualdi, e sono sempre rimasto affascinato dalla grande tensione etica e dalla passione che lui dimostrava in ogni momento per la bella politica, la politica alta. Fino alla fine della sua vita ha mantenuto questa tensione etica che gli viene anche dalla grande esperienza che ha vissuto con i ragazzi di don Milani. Una tensione etica che lo ha portato a fare battaglie, da uomo credente, anche in campo civile e laico, come quella ultima per il fine vita”.

Gimmy Tranquillo ha intervistato il sindaco Nardella:

L'articolo Nardella, assunzione figlia magistrato? ‘Rispettate regole’ proviene da www.controradio.it.

Morto Michele Gesualdi, fece appello per legge biotestamento

Morto Michele Gesualdi, fece appello per legge biotestamento

E’ morto oggi Michele Gesualdi, 75 anni, l’ex presidente della Provincia di Firenze che fu anche uno degli allievi di don Milani, da tempo malato di Sla. Nei mesi scorsi si era impegnato nella campagna a favore del testamento biologico.

“Era uno dei ragazzi di Don Milani. Come ultimo gesto ha lasciato al Paese un grande contributo di civiltà sul fine vita con la sua testimonianza personale. A lui va la gratitudine mia e della comunità per ciò che ha fatto per #Firenze e per le istituzioni. Addio Michele Gesualdi” scrive il sindaco Dario Nardella su twitter.

“Ricordo Michele Gesualdi con affetto e commozione. Ricordo l’esuberanza e la sua passione. Sono vicino alla sua famiglia”. Così Matteo Renzi esprime il cordoglio per la morte dell’ex presidente della provincia di Firenze.

“Per la Cisl questo è un giorno triste, perdiamo un uomo che ha dato un contributo importante alla nostra organizzazione, alla vita civile fiorentina e alla causa dei più deboli.”
E’ il commento del segretario generale della Cisl di Firenze e Prato, Roberto Pistonina, alla scomparsa di Michele Gesualdi, che la Cisl di Firenze aveva guidato fino al 1995, quando si era dimesso per candidarsi alla guida della Provincia di Firenze.
“Michele – prosegue Pistonina – è rimasto nella memoria e negli affetti di chi lo ha conosciuto ed ha rappresentato per tutti un esempio, attuando nella sua vita l’insegnamento di Barbiana, prima in ambito sociale, con il sindacato che proprio don Milani aveva indicato come strumento di impegno sociale e politico, e poi anche nelle istituzioni.”
“Siamo rattristati e vogliamo esprimere il cordoglio della Cisl e mandare un abbraccio grande, come si fa tra amici veri, alla famiglia di Michele.”

 

L'articolo Morto Michele Gesualdi, fece appello per legge biotestamento proviene da www.controradio.it.

Biotestamento: #fatepresto, “vittoria dei diritti, grazie a Gesualdi”

Biotestamento: #fatepresto, “vittoria dei diritti, grazie a Gesualdi”

“La legge sul biotestamento è finalmente stata approvata ed è ora un patrimonio di tutti, da attuare e difendere. Oggi ha vinto la politica alta, la difesa dei diritti della persona”: così in una nota il comitato #fatepresto, nato dopo l’appello di Michele Gesualdi, ex presidente della Provincia di Firenze e che è stato uno degli allievi di don Milani.

“Una vittoria frutto del lavoro di tanti, associazioni, politici e semplici cittadini, e di quell’intesa popolare tra cristiani e laici cui Michele Gesualdi, pur privato della
capacità di parlare dalla terribile malattia che lo tormenta, ha saputo dar voce e forza”, si aggiunge nella nota.
“Un contributo riconosciuto dallo stesso presidente del Senato Pietro Grasso che stamani ha ricevuto Sandra Gesualdi e Serena Pillozzi, latrici di oltre 108.000 adesioni all’appello
#fatepresto lanciato dal comitato trasversale raccoltosi intorno a Gesualdi. Nel salutare i giornalisti al termine della votazione, il presidente Grasso ha voluto ricordare con commozione e riconoscenza la lettera inviata da Gesualdi il primo novembre a lui e ai capigruppo del Senato. Una lettera, letta integralmente dalla senatrice Alessia Petraglia nel suo intervento in aula – conclude la nota – che resterà nella storia della difesa dei diritti della persona in questo Paese”.

L'articolo Biotestamento: #fatepresto, “vittoria dei diritti, grazie a Gesualdi” proviene da www.controradio.it.

Firenze: nasce Comitato #fatepresto per testamento biologico

Firenze: nasce Comitato #fatepresto per testamento biologico

In sostegno all’appello al Presidente del Senato, per l’approvazione della legge sul testamento biologico richiesta da Gesualdi.

A seguito della lettera dell’ex presidente della Provincia di Firenze, Michele Gesualdi, ammalato di SLA, diramata da molti organi di informazione tra cui Il Corriere, La Repubblica, Il Fatto, La Nazione, Radio Radicale, Tg1 e Tg3,  è nato a Firenze un comitato spontaneo di sostegno alla richiesta di accelerare l’approvazione della legge sul testamento biologico. Il Comitato prende appunto il nome di #fatepresto e ha lanciato un appello al Presidente del Senato e ai capigruppo parlamentari che è stato sottoscritto, ad oggi, da più di cento esponenti del mondo scientifico, politico, culturale e artistico tra cui Pier Luigi Bersani, Rosy Bindi, Roberto Saviano, Beppe Civati, Maria Antonietta Farina Coscioni, Nicola Fratoianni, Roberto Speranza, Tomaso Montanari, Sandra Bonsanti, Marcello Buiatti, Maurizio Pallante, Matteo Galletti, Laura Barile, Luigi Berlinguer e Anna Margherita Miotto.

Da più di sei mesi il disegno di legge sul testamento biologico è impantanato in Parlamento nella Commissione Sanità del Senato. Una legge attesa da decenni e che ha come obiettivo quello di dare dignità alla persona malata. Quello del fine vita, infatti, è una questione soprattutto di rispetto della volontà e di libertà.

“Tra i compiti prioritari dello Stato – si legge sul comunicato stampa del Comitato – vi è quello di occuparsi dei suoi cittadini con particolare attenzione ai più deboli, attraverso leggi eque e giuste capaci di alleviarne le sofferenze e garantirne la libertà. Il recente appello che Michele Gesualdi, uomo di fede ed ex presidente della Provincia di Firenze, ha inviato ai presidenti della Camera e del Senato, ci ha spinto a scendere in campo per chiedere di accelerare l’approvazione  della legge sul testamento biologico, con la dichiarazione anticipata di volontà del malato colpito da patologie degenerative che non hanno speranza di guarigione. La legge sarebbe un atto di comprensione da parte dello Stato nei confronti di una umanità sofferente e tale da garantire a ogni cittadino di poter esprimere la propria autodeterminazione rispetto ai trattamenti sanitari senza prospettiva, ovvero poter rifiutare l’accanimento terapeutico. La rapida approvazione delle legge sul fine vita che sembra essere messa in forse dalla imminente chiusura della legislatura, con il rischio che poi vada dimenticata, sarebbe un atto di rispetto, di civiltà e di salvaguardia della dignità umana che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie che vivono in solitudine il loro dramma”.

“Non si tratta di favorire l’eutanasia – afferma Michele Gesualdi – ma solo di lasciare libero l’interessato lucido e dotato di volontà e fede, cosciente e consapevole, di essere giunto alla tappa finale, di scegliere di non essere inutilmente torturato  e di levare dall’angoscia i suoi familiari che non desiderano sia tradita la volontà del loro caro”.

L'articolo Firenze: nasce Comitato #fatepresto per testamento biologico proviene da www.controradio.it.