Sono 430.000 gli stranieri presenti in Toscana

Sono 430.000 gli stranieri presenti in Toscana

Firenze, le cifre su presenza e ruolo degli stranieri in Toscana sono state rese note mattina nel corso del convegno che si è svolto sabato presso la Facoltà di architettura e nel complesso delle Murate a Firenze, organizzato da Regione e Anci Toscana e dedicato a “Mediazione interculturale e cittadini migranti: una nuova figura professionale per una società in trasformazione”.

Sono quindi poco più di 430.000 i cittadini stranieri presenti in Toscana, mentre i richiedenti asilo e rifugiati sono circa 20.000, ovvero il 3 per mille dell’intera popolazione residente.

Se i 20.000 nuovi arrivati rappresentano soltanto il 3 per mille dell’intera popolazione, sono 90.000 gli stranieri che lavorano in aziende attive in Toscana. E oltre 30.000 sono quelli che si sono rivolti ad uno dei numerosi Centri per l’impiego, nell’intento di trovare un lavoro.

I datori di lavoro non italiani in Toscana sono almento 37.000. Tante sono infatti le aziende attive in regione che hanno uno straniero ocome titolare.

Sul fronte dell’utilizzo dei servizi, 55.000 bambini e giovani frequentano le scuole toscane di ogni ordine e grado e sono oltre 33.000 ogni anno gli stranieri che fanno ricorso alle strutture del servizio sanitario regionale.

Si calcola poi che i lavoratori domestici stranieri (colf, badanti, ecc.) siano circa 57.000.

Sono alcune delle cifre contenute nel “Libro bianco sull’accoglienza” edito dalla Regione Toscana e disponibile a questo indirizzo: http://open.toscana.it/documents/438246/0/Libro+bianco+sulle+politiche+di+accoglienza+-+Toscana/716ad290-91f8-4ff4-b36e-560af276bd8d

 

L'articolo Sono 430.000 gli stranieri presenti in Toscana proviene da www.controradio.it.

Sono 430.000 gli stranieri presenti in Toscana

Sono 430.000 gli stranieri presenti in Toscana

Firenze, le cifre su presenza e ruolo degli stranieri in Toscana sono state rese note mattina nel corso del convegno che si è svolto sabato presso la Facoltà di architettura e nel complesso delle Murate a Firenze, organizzato da Regione e Anci Toscana e dedicato a “Mediazione interculturale e cittadini migranti: una nuova figura professionale per una società in trasformazione”.

Sono quindi poco più di 430.000 i cittadini stranieri presenti in Toscana, mentre i richiedenti asilo e rifugiati sono circa 20.000, ovvero il 3 per mille dell’intera popolazione residente.

Se i 20.000 nuovi arrivati rappresentano soltanto il 3 per mille dell’intera popolazione, sono 90.000 gli stranieri che lavorano in aziende attive in Toscana. E oltre 30.000 sono quelli che si sono rivolti ad uno dei numerosi Centri per l’impiego, nell’intento di trovare un lavoro.

I datori di lavoro non italiani in Toscana sono almento 37.000. Tante sono infatti le aziende attive in regione che hanno uno straniero ocome titolare.

Sul fronte dell’utilizzo dei servizi, 55.000 bambini e giovani frequentano le scuole toscane di ogni ordine e grado e sono oltre 33.000 ogni anno gli stranieri che fanno ricorso alle strutture del servizio sanitario regionale.

Si calcola poi che i lavoratori domestici stranieri (colf, badanti, ecc.) siano circa 57.000.

Sono alcune delle cifre contenute nel “Libro bianco sull’accoglienza” edito dalla Regione Toscana e disponibile a questo indirizzo: http://open.toscana.it/documents/438246/0/Libro+bianco+sulle+politiche+di+accoglienza+-+Toscana/716ad290-91f8-4ff4-b36e-560af276bd8d

 

L'articolo Sono 430.000 gli stranieri presenti in Toscana proviene da www.controradio.it.

Cgil, migranti: “Prefetto Firenze ritiri circolari su centri”

Cgil, migranti: “Prefetto Firenze ritiri circolari su centri”

Maurizio Brotini della segreteria Cgil Toscana, è intervenuto oggi a Firenze a margine di un seminario su ‘L’immigrazione in Toscana’, organizzato dal sindacato e da Ires.

“Le circolari del prefetto di Firenze sui rientri forzati e sulle ispezioni dei pacchi indirizzati ai richiedenti asilo – dice Brotini di Cgil Toscana – sono lesivi della dignità dei lavoratori e dei rifugiati. Il coprifuoco inoltre mostra un atteggiamento punitivo e assolutamente ingiustificato dalla condizione delle persone alle quali si rivolge. Chiediamo al prefetto di ritirare le circolari, unendoci a quanti hanno già avanzato tale richiesta.”

“Alla Regione Toscana, al suo presidente ed assessore competente – ha aggiunto Brotini – chiediamo di convocare un incontro urgente con tutti i soggetti interessati e coinvolti”.
Sul tema migranti, l’esponente della Cgil Toscana ha inoltre sottolineato che “il Governo ha compiuto un atto grave e socialmente pericoloso nell’approvare con la fiducia l’istituzione di un sistema giuridico differenziato degno degli stati dove vigeva la segregazione razziale.”

“E – conclude Brotini – lo smantellamento del sistema degli Sprar colpisce i lavoratori che si occupavano di accoglienza diffusa, strumento fondamentale per l’integrazione.”

L'articolo Cgil, migranti: “Prefetto Firenze ritiri circolari su centri” proviene da www.controradio.it.

Mandela sulle case popolari, il più grande murales di Firenze

Mandela sulle case popolari, il più grande murales di Firenze

A Firenze sta nascendo il più grande murales della città, il primo sulle pareti di case popolari e con l’immagine di Nelson Mandela, firmato Jorit Agoch.

L’iniziativa è promossa dall’associazione Mandela Forum, nell’ambito delle celebrazioni del centenario della nascita del leader sudafricano, in collaborazione con il Comune, Casa spa, e altri.Jorit Agoch

Diventato uno dei più noti esponenti italiani della street art, Jorit Agoch (foto) è conosciuto per l’enorme effige di San Gennaro, nel quartiere di Forcella. E ancora i ritratti di Maradona, Che Guevara, Ilaria Cucchi. Ha lavorato a Roma e in Palestina.

“Un messaggio artistico ma anche sociale, per l’integrazione e l’uguaglianza”, ha sottolineato questa mattina ai nostri microfoni l’assessora al welfare  Sara Funaro.

Intervista di Raffaele Palumbo.

Da qualche giorno Jorit è sui ponteggi mobili in piazza Leopoldo, dove sulla parete del palazzo all’angolo con via Galluzzi, sta dipingendo un immenso volto di Nelson Mandela. Il murales, di circa 126 metri quadrati, si chiama «Il Condominio dei Diritti» ed è realizzato su un palazzo di edilizia residenziale, con più di venti famiglie affittuarie.

L'articolo Mandela sulle case popolari, il più grande murales di Firenze proviene da www.controradio.it.

Vicofaro: “Vengo dal Gambia, e vi scrivo”

Vicofaro: “Vengo dal Gambia, e vi scrivo”

Lettera aperta ai firmatari della petizione sull’accoglienza di Vicofaro e a tutti i cittadini disponibili al dialogo.

Sono un ragazzo dal Gambia. Scrivo questa lettera anche a nome dei miei compagni rifugiati. Ho 20 anni sono in Italia da quasi tre ospite di don Massimo Biancalani, un uomo che merita onore, rispetto, perché amichevole con tutti. Voglio cogliere l’occasione per parlare della mia visione della vita, perché ci sono molte persone contro di noi, per la sua accoglienza qui, sia di giorno che di notte: è il momento giusto per noi di difendere noi stessi e il nostro eroe don Massimo.
Quello che stiamo affrontando qui non è giusto e pur sapendo tutti che non è giusto, stiamo tutti zitti. Prima di tutto vorrei parlare della petizione che è stata firmata un mese fa. Se sono davvero sicuri di quello che hanno firmato, penso che dovrebbero davvero mostrare le loro facce, e se lo faranno, lo apprezzerò davvero, perché mi piacerebbe parlare con loro. Vorrei dire a loro che non sono il futuro di questo paese. Devono pensare come insegnare ai loro figli che la vita e l’umanità sono importanti per il mondo di oggi. Voglio anche parlare per un vero dialogo un po’ a quelle persone che passano tutto il giorno su Facebook, Instagram, Twitter, ecc., che parlano contro di noi, ovunque si vada: Vicofaro Vicofaro Vicofaro.
Il tutto mi infastidisce così tanto, perché sembra proprio che stiamo facendo qualcosa di sbagliato nella nostra vita nel Centro di accoglienza, invece stiamo facendo una buona esperienza che non abbiamo mai fatto prima nella nostra vita. So al contrario che sono contro di noi perché siamo diversi insieme agli altri immigrati. Se dico: siamo diversi, non significa che siamo migliori di loro, intendo dire che le nostre attività sono diverse. Tutte quelle persone che pensano che sono razziste, io non li chiamerò razzisti, perché io non credo nel razzismo; ho imparato solo una razza a scuola e quella è la razza umana, quindi tutte quelle persone che si definiscono razziste, dico che non sono razzisti, hanno solo la mancanza di educazione, di vera cultura, simpatia. Perché per me, cultura significa rispetto dell’umanità, posso allora chiamarli ignoranti. Comunque voglio dire a loro che conoscere i nostri nomi come africani, non vuol dire che conoscono la nostra storia e sentire quello che abbiamo fatto, non significa che sanno quello che abbiamo passato. Penso che dovrebbero provare a camminare sotto le nostre scarpe prima di giudicarci, dovrebbero anche sapere che questo mondo non ha bisogno di noi, siamo noi che abbiamo bisogno di questo mondo. Se viviamo in pace senza violenza, il mondo potrebbe essere così bello, dobbiamo capire che siamo tutti cittadini del mondo a cui torneremo tutti e a cui apparteniamo. L’educazione è l’unico strumento che possiamo usare per cambiare questo mondo, in particolare l’Italia. Mi sono sempre sentito orgoglioso degli studenti di Milano e Firenze, quando ho visto la dimostrazione per i loro diritti, sì, perché loro sono il futuro di questo paese. Mi chiedo se l’Italia ricorda la sua storia dal 1861 al 1915, quando quasi 30 milioni di italiani dovettero emigrare. Se lo ricordate, allora viviamo con ciò che otteniamo, ma facciamo la vita con ciò che diamo. La terra è la madre di tutte le persone e tutte le persone dovrebbero avere uguali diritti su di essa.
Ci sono 12 cose che dobbiamo ricordare nella vita: 1) il giudizio è una confessione del carattere 2) La felicità si trova dentro 3) I sorrisi sono contagiosi 4) la gentilezza è libera 5) Il pensiero eccessivo ti porterà alla tristezza 6) Fallisci solo se hai smesso 7) I pensieri positivi creano cose positive 8) Il passato non può essere cambiato 9) Le opinioni non definiscono la tua realtà 10) Il viaggio di ognuno è diverso 11) Le cose migliorano con il tempo 12) Cosa gira intorno …non dimentichiamo le le parole di PAPA Francesco: chi sfrutta gli immigrati, risponderà a Dio. Nelson Mandela: Superare la povertà non è un compito di carità, è un atto di giustizia.

L'articolo Vicofaro: “Vengo dal Gambia, e vi scrivo” proviene da www.controradio.it.