FIRENZE, PICCHIA LA MOGLIE INCINTA: UOMO IN ARRESTO

Firenze moglie picchiava e abusava moglie

Il 32enne di Fucecchio (Fi), già noto alle forze dell’ordine, ha picchiato, strattonato e minacciato la moglie incinta di 7 mesi. Ora è stato arrestato e la donna ricoverata.

Sembrerebbe una questione di gelosia quella che ha spinto, questa notte, il 32enne a picchiare la moglie incinta di 7 mesi. L’uomo, un 32enne, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia dai carabinieri. La donna, soccorsa dai sanitari del 118, è stata portata al pronto soccorso per accertamenti, dai quali non sarebbe emerso nulla di grave né per lei né per il feto.

Per due volte i militari sono intervenuti nell’abitazione della coppia  per due volte nel giro di quattro ore. Una prima volta, intorno alle 2 la donna li aveva chiamati dicendo di essere stata minacciata dal marito, si sono poi allontanati dopo aver riportato il 32enne alla calma. Intorno alle 4 del mattino tuttavia l’uomo, che era uscito di casa, è tornato e ha aggredito la moglie, minacciandola di morte e picchiandola. Neppure due ore dopo, nuova chiamata – stavolta però a causa delle percosse – e secondo intervento delle forze dell’ordine.

Concluso con l’arresto del marito violento. L’uomo – ha in seguito spiegato ai carabinieri sua moglie, coetanea e anch’essa italiana – l’avrebbe già aggredita altre volte in passato. Verbalmente e non solo. Anche davanti a uno dei due figli minori della coppia, 10 anni. Fino a ieri sera, però, non l’aveva mai denunciato. Ogni anno sono centinaia le donne che subiscono violenze e abusi nella propria abitazione. Un indagine istat ha rilevato che il 31,5% delle 16-70enne ( 6 milioni) ha subito nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale.

The post FIRENZE, PICCHIA LA MOGLIE INCINTA: UOMO IN ARRESTO appeared first on Controradio.

MASSA, CARABINIERI ALLA SBARRA: 104 CAPI D’IMPUTAZIONE

carabinieri

Decine i fatti contestati a carabinieri della stazione di Aulla in Lunigiana indagati, tra cui  violenza sessuale e sequestro di persona. Stupore e incredulità ad Aulla. Parlamentare Nardi (Pd) annuncia interrogazione a Ministero dell’Interno.

Verte su 104 capi d’imputazione l’ordinanza (di oltre 200 pagine) emessa dal gip sull’inchiesta della procura di Massa Carrara relativa ad attività nelle stazioni dell’Arma in Lunigiana. Alcune decine i fatti trattati dall’inchiesta. Secondo quanto appreso sono contestati, a vario titolo, i reati di lesioni (alcuni episodi), falso in atti, abuso d’ufficio, rifiuto di denuncia, sequestro di persona, violenza sessuale, possesso di armi (sarebbero i coltelli trovati in casa agli indagati). Il gip ravvisa i pericoli di reiterazione e di inquinamento delle prove tra i motivi di esigenza cautelare. I falsi riguarderebbero anche i verbali su attività e interventi dell’Arma nel territorio. Inoltre, secondo quanto appreso, sarebbe contestato un solo episodio di violenza sessuale e uno solo di sequestro di persona (una persona trattenuta in camera di sicurezza).

Stanno lavorando ‘a scartamento ridotto’, praticamente decimate, le stazioni dei carabinieri della Lunigiana colpite dall’inchiesta. In particolare si è ridotta di molto, in queste ore, l’attività della stazione di Aulla, che ha tutto il personale indagato, una ventina di carabinieri. Il maresciallo comandante di stazione è stato sospeso dal servizio e da stasera a mezzanotte deve allontanarsi dalla provincia. Inoltre, un brigadiere di Aulla è stato arrestato in carcere e altri cinque militari della stessa stazione, con vari gradi, sono stati colpiti o dagli arresti domiciliari (sono tre) o, come il loro comandante, dal divieto di dimora (altri due). L’ottava misura cautelare, un altro divieto di dimora nella provincia apuana, è scattata per un militare della stazione di Albiano Magra.

Incredulità tra i residenti di Aulla (Massa Carrara). Nessuno si espone in commenti ma lo stupore è tanto. Proprio ad Aulla, lo scorso 11 marzo, alcuni giorni dopo la pubblicazione di notizie in merito agli accertamenti della procura sui militari, era stata promossa una manifestazione di solidarietà: decine di persone, complice anche il passaggio dal mercato settimanale, vi avevano partecipato. E sembra che qualcuno stia pensando a organizzare un’altra manifestazione di solidarietà dopo gli arresti di oggi.

In occasione dell’iniziativa dell’11 marzo, svoltasi nella piazza del Comune ad Aulla, erano stati distribuiti volantini di vicinanza all’Arma dando anche la possibilità ai passanti di lasciare un messaggio di solidarietà per i carabinieri, scrivendo un biglietto da inserire in una teca. “La Procura sta mal interpretando la realtà della strada – si leggeva su un volantino – penalizzando l’esecuzione della nostra sicurezza”. “Conosciamo bene quei ragazzi in divisa – avevano spiegato alcuni nella piazza – e conosciamo anche coloro che li hanno accusati, sono quelli da cui ci proteggevano”. Durante la manifestazione era stata fatta suonare anche una sirena simile a quella delle auto dei carabinieri in servizio, seguita da un lungo applauso e dal grido “Viva i nostri carabinieri”.

Un’interrogazione al ministero dell’Interno è stata annunciata dalla parlamentare del Pd Marina Nardi. “In riferimento a quanto appreso dai mezzi di informazione – afferma in una nota – sull’inchiesta comunico il mio tempestivo intervento con un’interrogazione al ministero dell’Interno per comprendere meglio l’accaduto che da quanto riportato nelle cronache sembra increscioso e preoccupante”.

“Confidiamo molto nella possibilità di dimostrare l’estraneità ai fatti contestati” dei carabinieri della Lunigiana indagati dalla procura di Massa Carrara, “ci stiamo muovendo fin da subito per far revocare queste misure, che riteniamo eccessive, fuori luogo, fuori contesto, immotivate” dice  invece l’avvocato Gianpaolo Carabelli di Aulla, uno dei difensori dei militari indagati. “I miei assistiti sostengono di non aver commesso nessun reato”, aggiunge il difensore, che sta valutando di proporre al tribunale di Genova, competente, “il riesame” sul provvedimento del gip dopo aver “esaminato le singole posizioni” degli
indagati. “Tre mesi fa questi carabinieri vennero a conoscenza, con le perquisizioni, di essere sotto inchiesta. Ma hanno continuato a lavorare, a rimanere in servizio, a svolgere le loro funzioni – fa notare l’avvocato Carabelli – Francamente è incomprensibile perché sia diventata necessaria oggi, il 14 giugno, l’esigenza di misure cautelari, mi sembra difficilmente sostenibile adesso”.

The post MASSA, CARABINIERI ALLA SBARRA: 104 CAPI D’IMPUTAZIONE appeared first on Controradio.

MASSA CARRARA, ALLA SBARRA NOVE CARABINIERI PER FALSO E LESIONI

Massa Carrara alla sbarra carabinieri ragazza scomparsa

Nove carabinieri sono accusati di falso e lesioni, di cui quattro arrestati, uno in carcere, gli altri ai domiciliari. Pm: “indagine su più episodi: era quasi normale illegalità e abuso ma nessuno al di sopra legge, stima per l’Arma.”

Nove carabinieri sono stati arrestati nell’ambito di un’inchiesta della procura di Massa Carrara. Tra i reati contestati, secondo quanto appreso, falso riguardo a verbali e lesioni personali. Da quanto appreso 5 carabinieri sono stati posti agli arresti domiciliari, uno in carcere. Per altri 4, invece, scattato il divieto di dimora e per un altro la sospensione dal servizio.

L’inchiesta, condotta dal pm Alessia Iacopini, è partita sette mesi fa, dopo la denuncia di un italiano. Da lì sarebbero emersi altri episodi, con indagini effettuate anche con intercettazioni ambientali e telefoniche. Tra i casi all’attenzione della magistratura è finito anche quello di un extracomunitario, un marocchino che portato in caserma per controlli sarebbe stato colpito, riportando una prognosi di
pochi giorni. Sembrerebbe che al vaglio degli investigatori ci siano anche molestie nei confronti di una prostituta.. Falso e lesioni i reati per cui procede la procura. Dei nove militari,  sei erano in servizio alla caserma di Aulla, tre a quella di Albiano Magra, sempre in provincia di Massa Carrara.

“Ciò che colpisce oltre alla gravità dei fatti è la loro diffusività e normalità”, con condotte irregolari verso chi era sottoposto a controlli, persone sia italiane che straniere, e anche “strumentalizzazioni a fini privati” E’ il commento del procuratore di Massa Carrara Aldo Giubilaro in merito all’inchiesta. “L’adozione delle misure, ancorché dolorosa sul piano umano, deve rendere edotti dell’assurdità da parte di chiunque, militari dell’Arma dei carabinieri compresi, di considerarsi al di fuori e al di sopra
delle leggi dello Stato e anzi offre garanzia, enucleati gli autori di condotte improprie, della sicura correttezza e del sicuro senso delle regole di quanti altri fanno parte dell’Arma”.

Incontrando i giornalisti, insieme al comandante provinciale dei carabinieri di Massa Carrara, tenente colonnello Valerio Liberatori, il procuratore ha poi aggiunto che quanto accaduto è “un fatto circoscritto”, ribadendo la sua stima per l’Arma. Nella nota il procuratore rende noto “con sincero dispiacere” l’esecuzione delle ordinanze avvenuta “nelle prime ore di oggi”.

“Le misure – prosegue la nota – sono state richieste da quest’ufficio lo scorso quattro aprile e disposte il 12 giugno dal giudice” Ermanno De Mattia “non essendo consentito in uno stato di diritto quale è il nostro, che la sola appartenenza a una categoria sociale oppure a un corpo, ancorché meritevole e glorioso come l’Arma dei carabinieri, renda immuni da ogni responsabilità”. “Si compiace – conclude la nota – che le misure abbiano colpito un numero ristretto di militari, a dimostrazione dell’impegno, della correttezza, del senso delle istituzioni e dello spirito di sacrificio che normalmente pongono nell’adempimento dei loro molteplici e delicati compiti i militari dell’Arma.”

 

The post MASSA CARRARA, ALLA SBARRA NOVE CARABINIERI PER FALSO E LESIONI appeared first on Controradio.

NUOVA ‘VISITA’ FIAMME GIALLE A CHIANTI BANCA

ChiantiBanca Guardia Finanza fatture false perquisizioni beni sequestro sindaco di Pescia indagine lampo

In occasione della “prosecuzione dell’iter istruttorio” su Chianti Banca, gli uomini della Guardia di Finanza hanno  ritirato documentazione che non era disponibile il 31/5. Perquisizioni per 15 indagati.

Nuova visita degli uomini della guardia di finanza stamani nella sede di ChiantiBanca, a San Casciano Val Di Pesa (Firenze). A comunicarlo è lo stesso istituto secondo il quale la ‘visita’ è una “prosecuzione dell’ordinario iter istruttorio a seguito dell’esposto presentato dal consiglio di amministrazione, lo scorso 10 maggio, relativo alla irregolare classificazione di un titolo di stato nel bilancio 2015″.

I militari hanno ritirato stamani “la documentazione che, per motivi strettamente tecnici, non era disponibile lo scorso 31 maggio”, continua la nota. “Anche il secondo incontro con la gdf si è svolto – continua l’istituto – come il precedente in un clima di massima trasparenza e totale collaborazione. A tal proposito, va ribadito come la banca abbia già provveduto, fin dal bilancio 2016, alla completa sistemazione delle irregolarità e rispetti ampiamente i requisiti regolamentari, anche a fronte degli importanti accantonamenti effettuati nel bilancio 2016 volti a garantire un presidio ancor maggiore dei crediti a tutela massima di soci e clienti”.

Perquisizioni domiciliari a carico di una quindicina di indagati vengono effettuate da stamani dalla guardia di finanza nell’ambito dell’inchiesta della procura. Secondo quanto appreso le perquisizioni disposte dalla procura riguardano il consiglio di amministrazione in carica fino al 2015, i membri del collegio sindacale e l’ex direttore generale. Sempre stamani sono state effettuate delle acquisizioni di documenti anche a San Casciano Val di Pesa presso la sede della Direzione generale e presso la Fondazione ChiantiBanca.

L’acquisizione di documentazione avvenuta lo scorso maggio, avvenuto “all’insegna della massima collaborazione e trasparenza” aveva fatto sapere ChiantiBanca in una nota,  “riguardava delle irregolarità di classificazione di un titolo di stato nel bilancio 2015.” Ma, si sottolineava, “per tali irregolarità ChiantiBanca abbia già provveduto alla completa sistemazione nel bilancio 2016.” Ribadendo quello che aveva “affermato l’ex presidente Bini Smaghi”: “la Banca è sana e rispetta ampiamente tutti i requisiti regolamentari e questo nonostante abbia provveduto a tutelanti accantonamenti sui crediti. Inoltre sono stati fatti importanti rafforzamenti nei processi atti a presidiare i rischi”.

The post NUOVA ‘VISITA’ FIAMME GIALLE A CHIANTI BANCA appeared first on Controradio.

NUOVA ‘VISITA’ FIAMME GIALLE A CHIANTI BANCA

ChiantiBanca Guardia Finanza fatture false perquisizioni beni sequestro sindaco di Pescia indagine lampo

In occasione della “prosecuzione dell’iter istruttorio” su Chianti Banca, gli uomini della Guardia di Finanza hanno  ritirato documentazione che non era disponibile il 31/5. Perquisizioni per 15 indagati.

Nuova visita degli uomini della guardia di finanza stamani nella sede di ChiantiBanca, a San Casciano Val Di Pesa (Firenze). A comunicarlo è lo stesso istituto secondo il quale la ‘visita’ è una “prosecuzione dell’ordinario iter istruttorio a seguito dell’esposto presentato dal consiglio di amministrazione, lo scorso 10 maggio, relativo alla irregolare classificazione di un titolo di stato nel bilancio 2015″.

I militari hanno ritirato stamani “la documentazione che, per motivi strettamente tecnici, non era disponibile lo scorso 31 maggio”, continua la nota. “Anche il secondo incontro con la gdf si è svolto – continua l’istituto – come il precedente in un clima di massima trasparenza e totale collaborazione. A tal proposito, va ribadito come la banca abbia già provveduto, fin dal bilancio 2016, alla completa sistemazione delle irregolarità e rispetti ampiamente i requisiti regolamentari, anche a fronte degli importanti accantonamenti effettuati nel bilancio 2016 volti a garantire un presidio ancor maggiore dei crediti a tutela massima di soci e clienti”.

Perquisizioni domiciliari a carico di una quindicina di indagati vengono effettuate da stamani dalla guardia di finanza nell’ambito dell’inchiesta della procura. Secondo quanto appreso le perquisizioni disposte dalla procura riguardano il consiglio di amministrazione in carica fino al 2015, i membri del collegio sindacale e l’ex direttore generale. Sempre stamani sono state effettuate delle acquisizioni di documenti anche a San Casciano Val di Pesa presso la sede della Direzione generale e presso la Fondazione ChiantiBanca.

L’acquisizione di documentazione avvenuta lo scorso maggio, avvenuto “all’insegna della massima collaborazione e trasparenza” aveva fatto sapere ChiantiBanca in una nota,  “riguardava delle irregolarità di classificazione di un titolo di stato nel bilancio 2015.” Ma, si sottolineava, “per tali irregolarità ChiantiBanca abbia già provveduto alla completa sistemazione nel bilancio 2016.” Ribadendo quello che aveva “affermato l’ex presidente Bini Smaghi”: “la Banca è sana e rispetta ampiamente tutti i requisiti regolamentari e questo nonostante abbia provveduto a tutelanti accantonamenti sui crediti. Inoltre sono stati fatti importanti rafforzamenti nei processi atti a presidiare i rischi”.

The post NUOVA ‘VISITA’ FIAMME GIALLE A CHIANTI BANCA appeared first on Controradio.