Notte della Luna, tutto il mondo ad ammirarla

Notte della Luna, tutto il mondo ad ammirarla

Il 20 ottobre ricorre la ‘International Observe the Moon Night’, iniziativa mondiale, inaugurata dalla Nasa nel 2010, per scoprire e osservare il nostro satellite, durante la ‘Notte della Luna’ si celebrano le connessioni culturali e personali che tutti hanno con il satellite della Terra.

Sono ben 916 gli eventi organizzati in occasione della della Notte della Luna in tutto il mondo, di cui molti in Itala, tra questi vale la pena di segnalare quello del Virtual Telescope, che dalle ore 18.00 trasmetterà in diretta sul proprio sito internet (e visibile anche su ANSA Scienza) spettacolari immagini della Luna sul suggestivo orizzonte della Capitale, ottenute in tempo reale grazie ai propri strumenti mobili e con il commento dell’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope.

E poi ci sono i tantissimi eventi organizzati dall’Unione Astrofili Italiani, promotrice dell’iniziativa in Italia insieme all’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), con osservazioni al telescopio dedicate alla Luna e per approfondire temi quali la genesi e le caratteristiche fisiche, le missioni spaziali passate e in programmazione, la mitologia, la poesia e la musica ispirate alla Luna.

Per esempio ad Agerola, in provincia di Napoli, Astro Campania con il Comune organizza presso l’Osservatorio Astronomico Salvatore di Giacomo una serata pubblica dove si potrà osservare al telescopio la Luna, Saturno, Marte e assistere a videoproiezioni a tema con gli esperti. Anche a Roma, con l’Accademia Delle Stelle si potranno osservare al telescopio, presso il cortile di San Gregorio Barbarigo, la Luna, alcune bellissime stelle doppie nonché i pianeti Marte, Urano e Nettuno.

Telescopi puntati anche in Toscana con l’Osservatorio astronomico di Montagna Pistoiese, mentre l’Associazione Astronomica del Rubicone, della provincia di Forlì-Cesena, organizzerà interventi e letture ispirate alla Luna, una mostra fotografica a tema e osservazioni al telescopio.

Tutte le informazioni sul sito della NASA inclusa anche una mappa interattiva con tutti gli avvenimenti del pianeta:

https://moon.nasa.gov/observe-the-moon/annual-event/overview/

L'articolo Notte della Luna, tutto il mondo ad ammirarla proviene da www.controradio.it.

Convegno Commissione per adozioni internazionali: Si arresta calo adozioni

Convegno Commissione per adozioni internazionali: Si arresta calo adozioni

Si arresta il calo delle adozioni internazionali, la riflessione sulle nuove forme di accoglienza da parte del Convegno internazionale della Commissione Adozioni Internazionali in collaborazione con l’Istituto degli Innocenti

Le nuove sfide dell’accoglienza dei bambini in stato di abbandono, i nuovi strumenti giuridici, ma anche gli aspetti psico-sociali legati alle adozioni internazionali. L’appuntamento per riflettere su questi temi è il convegno che si è tenuto a Firenze dalla Commissione Adozioni Internazionali (CAI) in collaborazione con l’Istituto degli Innocenti. I lavori sono stati aperti da Laura Laera, Vice-Presidente della Commissione per le adozioni internazionali, hanno portato i loro saluti l’Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza, Filomena Albanoela presidente dell’Istituto degli Innocenti, Maria Grazia Giuffrida.

Tenuto conto dei dati sulle adozioni internazionali e del momento di crisi globale del settore in cui si è passati da 22.000 adozioni circa nel 1995 a 11.000 adozioni nel 2016, l’idea del convegno internazionale della CAI nasce dall’esigenza di avere un momento di riflessione e di confronto con operatori dei Servizi, dei Tribunali per i Minorenni, degli Enti Autorizzati, esperti del settore, referenti di Autorità Centrali per le adozioni internazionali di Paesi di origine e di Paesi di accoglienza, sugli strumenti giuridici esistenti e sull’individuazione di nuovi strumenti di accoglienza.

Durante il convegno sono stati presentati i dati 2017 e i dati del primo semestre 2018 raccolti attraverso l’analisi dei fascicoli dei minori stranieri autorizzati all’ingresso e alla residenza permanente nel nostro Paese a scopo adottivo. I primi dati 2018 segnalano una stabilizzazione del numero di coppie adottive e di bambini adottati, dopo anni di ininterrotta riduzione dei casi.

Nel confronto tra i valori semestrali dell’arco temporale 2012-2018, emerge che a seguito di una drastica riduzione delle coppie adottive, più che dimezzate nel periodo, si registra una sostanziale tenuta dei casi annui tra il primo semestre 2017 e il primo semestre 2018 con una riduzione, in termini assoluti, di appena undici casi.

Andamento che si conferma anche tra i minorenni entrati nel nostro Paese a scopo adottivo che sono passati tra il 2012 e il 2018 da 1.484 a 603; negli ultimi due semestri in esame si registra invece una riduzione di appena quattordici casi di adozione (erano stati 617 i bambini adottati nel primo semestre 2017 sono stati 603 nel primo semestre 2018).

Il profilo delle coppie adottive si caratterizza per un’elevata età media al decreto di idoneità dei coniugi – 41,8 anni la moglie, 43,3 anni il marito – e una conseguente ancor più alta età media alla data dell’autorizzazione all’ingresso – 44,7 anni la moglie, 46,2 anni il marito. Tra i minorenni stranieri adottati emerge un’età media di 5,5 anni, in lieve calo rispetto ai 6,1 anni rilevati nel 2017.

Federazione russa (dalla quale provengono 74 bambini adottati), India (66), Colombia (61) e Ungheria (58) si confermano come i principali Paesi di provenienza dei bambini adottati.

Nel 2017 le adozioni internazionali realizzate al Tribunale per i minorenni di Firenze hanno toccato il loro minimo storico dal 1999 con 175 minori adottati. Negli ultimi dieci anni la contrazione di casi arriva fino al 52% e riguarda in larga parte le adozioni pronunciate nei Paesi non aderenti alla convenzione dell’Aja e in particolare la Russia, storicamente uno tra i principali Paesi di provenienza dei bambini adottati, con un crollo che negli ultimi cinque anni tocca addirittura il 73% e il Congo che nel 2017 non ha registrato nessuna adozione (dati elaborati dal Centro regionale di documentazione per l’infanzia e l’adolescenza).

Le ragioni del calo delle adozioni internazionali degli ultimi anni sono da ricercarsi nella tendenza dei Paesi extra Ue dai quali provengono i bambini adottati a dotarsi negli ultimi anni di sistemi diversi di protezione dei minori: in alcuni casi sono state chiuse del tutto le porte all’adozione internazionale, in altri casi si è scelto di mettere norme più stringenti. Accanto a questa tendenza si è avuto un calo complessivo delle coppie che chiedono di poter adottare un bambino.

“L’Italia è il secondo Paese al mondo, dopo gli Stati Uniti, per numero di adozioni internazionali – ha commentato la vicepresidente della CAI, Laura Laera –  e le famiglie italiane dimostrano di essere aperte e accoglienti. Come Commissione per le adozioni internazionali ci stiamo attivando per verificare la possibilità ad aprire alle adozioni da parte di nuovi Paesi, stiamo concludendo un nuovo accordo con la Slovacchia e con il Benin e lavoriamo per riprendere contatti con Paesi che erano aperti alle adozioni in passato come la Cambogia”.

Ha aggiunto Laera: “L’adozione internazionale rimane la forma principe per accogliere i bambini in stato di abbandono, ma è importante approfondire la possibilità di utilizzare altri strumenti. È il caso ad esempio dei soggiorni terapeutici con cui sono stati accolti bambini dalla Bielorussia e dobbiamo capire se l’iniziativa può essere utilizzata anche per altri Paesi”.

“Promuoviamo la consapevolezza che l’adozione è una risorsa enorme per i bambini, una ricchezza per le famiglie e per l’intera comunità, che attraverso di essa si apre all’altro, si innalza e cresce – ha aggiunto l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza Filomena Albano -. All’Autorità Garante va il compito di promuovere le reti territoriali, sociali e istituzionali e un’idea di post adozione strutturata, che accompagni e sostenga i bambini e le famiglie”.

“L’edificio progettato da Filippo Brunelleschi non può che essere la sede più adatta per il convegno internazionale sull’accoglienza dei bambini in stato di abbandono nel mondo – ha detto nel suo saluto la presidente dell’Istituto degli Innocenti, Maria Grazia Giuffrida – Da sei secoli – ci accingiamo infatti a celebrare il nostro Seicentenario nel 2009 – questo Ente, in questo edificio che rappresenta un esempio unico al mondo di arte rinascimentale, si occupa di bambini e ragazzi, di tutela dei loro diritti, di promozione di una cultura a favore dell’infanzia e l’adolescenza. Siamo felici di ospitare un’iniziativa così importante con la presenza di istituzioni, nazionali ed estere, che ci consente di consolidare ancora di più la collaborazione con questi enti”.

L'articolo Convegno Commissione per adozioni internazionali: Si arresta calo adozioni proviene da www.controradio.it.

Uecoop: in Italia 10,9% di anziani in povertà, doppio rispetto media Ue

Uecoop: in Italia 10,9% di anziani in povertà, doppio rispetto media Ue

Tocca gli 810 punti base lo “spread della povertà” per gli anziani fra Italia e Germania con quasi 1,4 milioni di persone sopra i 65 anni che da nord a sud della Penisola si trovano in uno stato di grave deprivazione materiale senza potersi pagare un pasto completo o le bollette di luce e riscaldamento.

E’ quanto emerge da un’analisi dell’Unione europea delle cooperative Uecoop sulla Relazione 2018 della Commissione europea per gli Affari sociali in occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione della povertà proclamata dall’Onu. In Italia – spiega Uecoop – dall’inizio della grande crisi del 2008 gli over 65 in miseria hanno fatto un balzo del 4,2% arrivando nel 2016 a rappresentare il 10,9% di una popolazione di 13,5 milioni di persone, registrando un’incidenza di quasi 4 volte superiore rispetto alla Germania ferma al 2,8% e quasi doppia rispetto alla media Ue che è del 5,8%.

Dei 5,5 milioni di anziani in miseria che risiedono in Europa – sottolinea Uecoop – più di 1 su 4 vive in Italia che registra la situazione più drammatica tra i Paesi fondatori dell’Unione visto che la Francia è al 2,9%, il Belgio al 2,1%, l’Olanda all’1,2% e il Lussemburgo addirittura allo 0,2%. Mentre fanno peggio solo alcuni Stati dell’Est entrati di recente nella Ue come ad esempio la Bulgaria che ha il 37,5% degli over 65 in uno stato di grave deprivazione materiale, la Romania che ha il 22,5%, la Lituania al 17,3% o la Croazia con il 14,5%. Mentre sempre oltre l’ex Cortina di ferro si posizionano meglio dell’Italia l’Ungheria di Orban con il 10,2%, la Slovacchia con l’8%, la Polonia con il 5,9% o la Repubblica Ceca con il 3%.

A fronte di una situazione italiana dove ci sono 13,5 milioni di persone sopra i 65 anni e con 6 pensionati italiani su 10 che prendono meno di 750 euro al mese – sottolinea Uecoop –  la gestione della terza età diventa un punto fondamentale del welfare sia sul fronte pubblico che su quello privato con la necessità di un sempre maggiore coinvolgimento delle oltre 9.700 cooperative sociali e di assistenza che operano sul territorio nazionale.

Anche perché – rileva Uecoop – la popolazione over 65 è destinata ad aumentare a 20 milioni entro il 2050 con addirittura 5 milioni di anziani non autosufficienti nei prossimi dieci anni. La sfida del futuro – continua Uecoop – è quella di potenziare l’assistenza pubblica e privata attraverso il meglio delle professionalità che si potranno mettere in campo a fronte di 12,2 milioni di italiani che – sottolinea Uecoop – rinunciano a curarsi per difficoltà economiche e oltre 7 milioni che si sono indebitati per farlo e 2,8 milioni che hanno venduto casa per pagarsi delle cure mediche secondo il Censis.

In questo scenario è necessario potenziare un sistema di welfare che valorizzi – conclude l’Unione europea delle cooperative Uecoop – la parte più avanzata quel mondo cooperativo per affiancare con qualità e professionalità il servizio pubblico dando risposte ai bisogni della gente e al tempo stesso promuovendo il lavoro e l’occupazione.

L'articolo Uecoop: in Italia 10,9% di anziani in povertà, doppio rispetto media Ue proviene da www.controradio.it.

WWF: Scoperto commercio illegale di tonno rosso per 12mln l’anno

WWF: Scoperto commercio illegale di tonno rosso per 12mln l’anno

Un’indagine investigativa condotta dalle autorità spagnole e da Europol, ha portato all’arresto, di 79 persone implicate nel commercio illegale di tonno rosso (Thunnus thynnus) per un valore stimato di 12 milioni di euro all’anno. Nello svolgimento della stessa indagine si sono rilevati anche diversi casi di intossicazione alimentare, causati dal cattivo stato di conservazione del pescato.

L’ingente quantitativo di tonno sequestrato (80 mila chilogrammi) dalla Guardia Civil spagnola è risultato essere il frutto di un traffico ben organizzato che vede coinvolti anche altri paesi europei, tra cui l’Italia e Malta ed alcuni porti della Francia. Secondo gli investigatori, il tonno rosso, proveniente dall’Italia a bordo di TIR, veniva successivamente introdotto in Spagna, privo della documentazione di tracciabilità, obbligatoria per questa specie, la cui pesca è regolamentata da International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas (ICCAT) attraverso il sistema delle quote.

Dall’indagine è emersa una vasta rete di distribuzione del prodotto illegale facente capo alla società spagnola “Fuentes y Hijos”, che è una delle più importanti compagnie legate all’allevamento e alla vendita del tonno rosso su scala mondiale. Queste importanti informazioni arrivano in un momento cruciale, ossia a poche settimane dalla riunione annuale di ICCAT, che avrà luogo in Croazia tra il 12 e il 19 novembre prossimo, dove le UE e i paesi interessati dalla pesca al tonno rosso si riuniranno per accordarsi sulle nuove misure necessarie alla gestione di questa tanto ambita specie.
I profitti derivanti dal commercio illegale di tonno rosso ammontano ad oltre 12.5 milioni di euro all’anno. Il volume di tonno illegale introdotto sul mercato ogni anno è stimato essere di 2.5 milioni di chilogrammi, contro gli 1.25 milioni di chilogrammi di prodotto legalmente commercializzato. La tracciabilità e l’origine legale dei prodotti che mangiamo sono fattori chiave per la difesa dei mari e degli oceani e che, tutti i prodotti illegali che riescono a raggiungere il consumatore, sono sottratti ad ogni controllo igienico-sanitario e come tali sono un serio rischio per la salute.
“Stiamo assistendo ad un vero e proprio paradosso. Da una parte migliaia di piccoli pescatori senza quote, per i quali la pesca del tonno rappresentava un’importante fonte di sostentamento, destinati ad abbandonare un mestiere antico quanto sostenibile; dall’altra un sistema criminale che vede coinvolti proprio i ‘detentori’ dell’allevamento e della commercializzazione del tonno rosso del Mediterraneo”. Dichiara la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi che chiede che “si faccia piena luce su un ‘sistema’ illegale parallelo che si è creato e che oltre a danneggiare gli stock oggi tutelati rappresenta una minaccia per la salute e la sicurezza alimentare della collettività”.

L'articolo WWF: Scoperto commercio illegale di tonno rosso per 12mln l’anno proviene da www.controradio.it.

Save the Children: “Ogni giorno in Yemen 100 bambini muoiono di fame”

Save the Children: “Ogni giorno in Yemen 100 bambini muoiono di fame”

Nella Giornata dell’Alimentazione, mentre l’ONU denuncia la drammatica carestia in Yemen, la peggiore dell’ultimo secolo, Save the Children – che ieri ha lanciato la campagna globale “Fino all’ultimo bambino” per sensibilizzare sui tragici effetti della malnutrizione – stima che ogni giorno nel paese più di 100 bambini potrebbero perdere la vita per mancanza di cibo.

Save The Children – che dal 1919 lotta per salvare i bambini e garantire loro un futuro  – stima che in Yemen circa 400 mila bambini soffrono di grave malnutrizione e che solo quest’anno oltre 46mila potrebbero morire prima di aver compiuto il quinto compleanno.

“I dati diffusi dall’Onu sono terrificanti ma, purtroppo, non ci sorprendono”, dichiara Tamer Kirolos, Direttore di Save the Children in Yemen “Quella di 13 milioni di persone che soffrono la fame sembra una statistica irrealistica, ma dietro questi numeri ci sono tantissimi bambini malnutriti che i nostri operatori sul campo incontrano goni giorno. Non dovremmo aspettare che questa situazione si trasformi in una carestia in piena regola: i bambini in Yemen stanno già morendo di fame”.

“Insicurezza, inaccessibilità al cibo e la vastità di questa crisi impedisce alle organizzazioni umanitarie di raggiungere tutti i minori a rischio. Ogni giorno – prosegue Kirolos – oltre cento bambini rischiano di morire di fame. E non è una crisi dovuta a cause naturali, ma dipende solo dall’uomo. Le parti in conflitto in questa guerra brutale devono deporre le armi e tornare al tavolo dei negoziati, mentre gli altri paesi devono smetterla di alimentare il conflitto fornendo le armi. Da oltre tre anni questa guerra macchia la nostra coscienza collettiva e noi non dovremmo permettere che duri un altro giorno di più”.

Come emerge dal rapporto di Save the Children “Lontano dagli Occhi. Lontano dai cuori. Fuori dalle luci dei riflettori milioni di bambini continuano a morire di malnutrizione. A casa loro”, in Yemen, a oltre tre anni e mezzo dall’inizio dell’escalation del conflitto, gli ostacoli posti alla distribuzione di cibo e medicine da tutte le parti in causa e i recenti combattimenti per il controllo del porto strategico di Hodeidah hanno spinto il paese sull’orlo della carestia, con più di 5 milioni di bambini costretti ad affrontare la quotidiana carenza di cibo e un bambino su 2, che soffre di malnutrizione cronica. In particolare nei territori maggiormente devastati e che oggi contano più di 3 milioni di sfollati, come il distretto di Hodeidah, 1 bambino su 20 è affetto da malnutrizione acuta grave.

Il rapporto – diffuso ieri dall’Organizzazione insieme al lancio della campagna Fino all’ultimo bambino – rivela che nel mondo, ogni giorno, 7.000 bambini sotto i cinque anni muoiono per cause legate alla malnutrizione. Cinque ogni minuto. Bambine e bambini che, a casa loro, in paesi colpiti da carestie e siccità, afflitti dalla povertà estrema o dilaniati da guerre e conflitti, continuano ad essere privati di cibo adeguato, acqua pulita e cure mediche e perdono irrimediabilmente l’infanzia alla quale hanno diritto. Lontano dalle luci dei riflettori.

Ề per questi bambini che Save the Children ha lanciato la campagna globale “Fino all’ultimo bambino” e attivato la raccolta fondi attraverso il numero solidale 45533. L’obiettivo è salvare i bambini che soffrono di malnutrizione e tenere alta l’attenzione su un killer silente e devastante, che contribuisce in maniera decisiva alla morte di circa la metà dei 5,4 milioni di minori con meno di cinque anni che ogni anno, a livello globale, perdono la vita per malattie facilmente curabili e prevenibili.

L'articolo Save the Children: “Ogni giorno in Yemen 100 bambini muoiono di fame” proviene da www.controradio.it.