Mps, processo Alexandria: assolti gli ex vertici

Mps, processo Alexandria: assolti gli ex vertici

Mussari, Vigni e Baldassarri, condannati in primo grado a 3 anni per la vicenda del derivato Alexandria, sono stati assolti dalla Corte d’Appello

Tutti assolti in appello a Firenze gli ex vertici di Mps, Giuseppe Mussari, Antonio Vigni e Gianluca Baldassarri, per l’inchiesta sulla ristrutturazione del derivato Alexandria. In primo grado i tre imputati erano stati condannati a 3 anni e mezzo di reclusione oltre a 5 anni di interdizione.

Questa mattina intorno alle 10 i giudici di Firenze si erano ritirati per decidere se scagionare gli ex vertici di Monte dei Paschi dalla condanna avuta in primo grado.

I tre imputati vennero condannati per aver nascosto il ‘mandate agreement’, il contratto per la ristrutturazione del derivato Alexandria, stipulato da Rocca Salimbeni con i giapponesi di Nomura. Un’accusa che i loro avvocati hanno cercato di smontare, chiedendo e ottenendo in appello l’acquisizione del ‘Deed of Amendment’ (un’integrazione del contratto che conterrebbe anche il ‘mandate’) di cui tutti in Mps sarebbero stati a conoscenza.

Gli avvocati dei tre imputati – Tullio Padovani e Fabio Pisillo per Mussari, Franco Coppi e Enrico De Martino per Vigni e Filippo Dinacci e Stefano Cipriani per Baldassarri – hanno sempre sostenuto che all’interno della Banca si sapeva dell’esistenza del ‘mandate agreement’ e che questo documento non era un segreto neppure per gli ispettori della Banca d’Italia. per gli ispettori della Banca d’Italia. Per questo motivi gli avvocati difensori durante il dibattimento in aula a Siena avevano chiesto ai giudici l’assoluzione con formula piena per tutti e tre i loro assistiti. Stessa richiesta hanno formulato i difensori durante il processo d’appello a Firenze. Durante il processo d’appello, il sostituto procuratore generale Vilfredo Marziani nella requisitoria aveva sostenuto come gli ispettori della Banca d’Italia, sotto giuramento, nel processo di primo grado, avessero chiarito che senza quel documento del “mandate agreement”, ritrovato tre anni dopo in una cassaforte del successivo amministratore delegato di Mps Fabrizio Viola, la complessità dell’operazione con Nomura non si poteva comprendere. Mentre gli altri documenti consegnati dalla vecchia gestione di Mps alla Banca d’Italia erano, secondo l’accusa, insufficienti.

 

L'articolo Mps, processo Alexandria: assolti gli ex vertici proviene da www.controradio.it.