Lunedì gratis nei musei per i giovani tra i 18 e i 25 anni

Lunedì gratis nei musei per i giovani tra i 18 e i 25 anni

E’ l’iniziativa lanciata dal sindaco Dario Nardella che prende il via lunedì prossimo, 21 gennaio, e continuerà in via sperimentale per tutto il 2019.

E’ previsto l’ingresso gratuito il lunedì nei seguenti musei civici: Museo di Palazzo Vecchio, Museo Novecento, Museo Stefano Bardini, Cappella Brancacci e Fondazione Salvatore Romano. A usufruire dell’agevolazione saranno i giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni cittadini della Comunità Europea (si ricorda che fino a 18 anni l’ingresso è gratuito).

“E’ nostro dovere – ha sottolineato il sindaco Dario Nardella – ampliare le possibilità di formazione e conoscenza delle giovani generazioni. I nostri musei sono scrigni di arte, storia e cultura che magari non tutti conoscono e vogliamo accrescere le possibilità di visita per tutti, accanto alle tradizionali gratuità come la Domenica del fiorentino e le varie iniziative speciali durante l’anno, come per esempio l’ingresso gratuito per le donne l’8 marzo, oppure quello libero per tutti in onore dell’Elettrice Palatina”.

“Oltre a questa iniziativa – ha continuato – i giovani potranno accedere a due teatri a un euro: al Maggio musicale tutti i venerdì, e al Verdi durante gli spettacoli dell’Orchestra della Toscana, per un massimo di 50 posti ogni volta. Sarà inoltre attivato l’invito alla lettura e all’informazione’, 50 euro annuali da spendere in libri o giornali o periodici, che sarà destinato sempre ai giovani tra 18 e 25 anni residenti a Firenze”.

Le modalità di fruizione per queste ultime iniziative sono in fase di definizione.

L'articolo Lunedì gratis nei musei per i giovani tra i 18 e i 25 anni proviene da www.controradio.it.

Dai cartoon alle sculture: percorsi didattici al Museo Novecento

Dai cartoon alle sculture: percorsi didattici al Museo Novecento

Al Museo del Novecento di Firenze gli ultimi appuntamenti in calendario del ciclo di proiezioni per famiglie “Un secolo molto animato”  e del laboratorio per ragazzi “Questa è una scultura?”

Appassionati di cartoon, a raccolta. Sono ancora quattro gli appuntamenti del ciclo “Un secolo molto animato” in programma tra Museo Novecento e Cinema La Compagnia e dedicato allo sfaccettato linguaggio del cartone animato, dalla genesi alla contemporaneità.

Due mesi, quelli di marzo e aprile (gli ultimi due di programmazione), dedicati rispettivamente al meglio delle produzioni degli anni Ottanta e Novanta del Novecento. Sabato 10 marzo alle 15.30 appuntamento con “Il mio vicino Totoro” del grande regista e animatore Hayao Miyazaki, domenica 25 alla stessa ora verrà invece proiettato “Kiki – Consegne a domicilio”, dello stesso autore. Sabato 7 aprile sarà la volta de “Il gigante di ferro” di Brad Bird e per finire domenica 29 aprile ci si sposta al Cinema La Compagnia per un classico di casa nostra, “La gabbianella e il gatto” di Enzo d’Alò. Il progetto, nato da un’idea di Marion Gizard, è a cura di Associazione MUS.E – Musei Civici Fiorentini e Cinema La Compagnia (in collaborazione con Fenix Studio) e le proiezioni sono ad ingresso libero (è escluso l’ingresso al Museo).

Sabato 17 marzo alle 16:30, spazio invece all’ultimo incontro della serie “Questa è una scultura?” con “Una parete elastica? Le installazioni di Paolo Masi”, laboratorio per famiglie con ragazzi dai 5 ai 12 anni che accompagna alla scoperta della scultura italiana del Novecento e, in in questo caso, dell’opera dell’artista fiorentino. Oltre al bronzo fuso a cera persa, sapientemente lavorato dagli antichi Greci e dai grandi del Rinascimento, i materiali e le tecniche utilizzate per realizzare sculture sono infatti molteplici e le potenzialità pressoché infinite: ne erano ben consapevoli gli artisti del Novecento, che si sono avventurati nelle sperimentazioni più varie, raccontate sapientemente dal team didattico di MUS.E (Il laboratorio costa 2 euro per i bambini e 10,50 per adulti residenti nella città metropolitana; 4 euro per i bambini e 12,50 per gli adulti non residenti in città metropolitana e comprende l’attività e l’ingresso al museo).

Da ricordare che, oltre ai cicli tematici, tutti i fine settimana al Museo Novecento sono disponibili attività e visite per i privati (bambini e non) oltre ad un ricco carnet di visite per le scuole.

Info e programmazione completo su: http://www.museonovecento.it/educazione/

L'articolo Dai cartoon alle sculture: percorsi didattici al Museo Novecento proviene da www.controradio.it.