Firenze 1966 – 2016. La bellezza salvata

Cosa rappresentò per il patrimonio artistico e culturale dell’Italia l’alluvione che all’alba del 4 novembre 1966 sconvolse Firenze e la Toscana?

A 50 anni dal cataclisma che devastò il patrimonio di chiese, musei e istituti culturali in città e nel territorio, la mostra ‘Firenze 1966 – 2016. La bellezza salvata (Palazzo Medici Riccardi, 1 dicembre-26 marzo) curata da Cristina Acidini e Elena Capretti fa il punto sull’immenso danno subito, sull’enorme lavoro svolto, sulle conoscenze e sulle competenze acquisite, su quanto resta da fare.

La mostra si propone ai cittadini e ai visitatori come tangibile deposito di memorie da trasmettere alla comunità, soprattutto a quella di giovani e giovanissimi di oggi che non vissero quell’esperienza.

L’esposizione presenta un itinerario articolato fra alcuni dei luoghi più colpiti dall’alluvione del ’66 (musei, collezioni, biblioteche, archivi, luoghi di culto), e si snoda fra gli ambienti monumentali di Palazzo Medici Riccardi (dove aveva sede nel 1966 il Museo Mediceo, letteralmente annientato dall’acqua), proponendo una selezione di dipinti, sculture, libri, documenti, oggetti d’arte applicata, strumenti musicali e scientifici e fotografie storiche, che unisce la qualità artistica all’interesse storico e documentario.

La mostra sarà visibile fino al 26 marzo 2017.

Scarica il comunicato completo

Carmi, Carrai, Traina rieletti nel Consiglio di Amministrazione della Fondazione CR Firenze

Donatella Carmi, Marco Carrai, Duccio Maria Traina sono stati rieletti per un secondo mandato nel consiglio di amministrazione della Fondazione CR Firenze. Li hanno nominati oggi pomeriggio i componenti del Comitato di indirizzo. Hanno lasciato l’incarico per decorrenza dei termini il Vicepresidente Pierluigi Rossi Ferrini, Raffaello Napoleone e Carlo Sisi che hanno già svolto due mandati consecutivi. Lo stesso Cdi ha deciso di ridurre da 12 a 8 il numero dei componenti del cda che ora risulta formato da Umberto Tombari (presidente), Donatella Carmi, Marco Carrai, Maria Vittoria Rimbotti Colonna, Giovani Fossi, Giuseppe Rogantini Picco, Jacopo Speranza, Duccio Maria Traina.

‘’Il Comitato di indirizzo – ha dichiarato il Presidente Umberto Tombari – ha ritenuto opportuno fare questa scelta di riduzione in linea con la tendenza in atto in questi ultimi tempi in numerose Fondazioni. Il nostro più caloroso ringraziamenti va ai consiglieri uscenti, ed in particolare al Vice Presidente Pierluigi Rossi Ferrini, per il generoso contributo che hanno dato all’attività della Fondazione’’.

 

SCARICA QUI IL TESTO COMPLETO DEL COMUNICATO STAMPA

Firenze per l’Umbria. La Fondazione CR Firenze in aiuto dell’Umbria per le opere d’arte danneggiate dal terremoto

Una task-force di giovani restauratori fiorentini diplomati dell’Opificio delle Pietre Dure, andrà in Umbria in aiuto della Soprintendenza locale per gli interventi di messa in sicurezza delle opere danneggiate dal terremoto di questa estate. E’ lo scopo del progetto ‘Firenze per la salvezza del patrimonio artistico dell’Umbria’ ideato e sostenuto da Fondazione CR Firenze, Opificio delle Pietre Dure, Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino in collaborazione col Nelson Mandela Forum, in accordo col Segretariato regionale del Mibact per l’Umbria.

img-20161123-wa004 img-20161123-wa005 img-20161123-wa006

Il progetto si inserisce nel nuovo modello di servizio di Fondazione CRF (lo stesso che ha sostenuto la costruzione nel tempo record di 4 settimane di una scuola antisismica a Cittàreale in collaborazione con Unicoop Firenze e Misericordie d’Italia) che vuole fare rete tra istituzioni fiorentine di eccellenza con iniziative di ampio respiro che valorizzano le competenze nate e sviluppate nel capoluogo e che possono essere esportate oltre i confini del territorio di competenza.

Il progetto, per il quale la Fondazione ha stanziato 130.000 euro, prevede per i giovani restauratori un compenso mensile e un forfait per il rimborso spese. La selezione dei restauratori sarà effettuata tramite Bando (apertura 25 novembre, chiusura 5 dicembre).

In occasione dell’iniziativa l’Orchestra e il Coro del Maggio Musicale Fiorentino e i solisti Barbara Frittoli, Anna Maria Chiuri, Massimo Giordano e Carlo Colombara, diretti da Zubin Mehta terranno un concerto mercoledì 14 dicembre alle ore 20 al Nelson Mandela forum (Biglietto unico € 30,00 – Prenotazioni tramite il Box office – Ingresso da Piazza Berlinguer).
Il ricavato sarà totalmente destinato al progetto.

Scarica qui il comunicato dell’iniziativa

Scuola: contro l’abbandono potenziare la formazione e combatterlo fino dai primi anni

Manifestazione ideata e promossa da Fondazione CR Firenze.
Appello dalla prima Biennale della Scuola.

Scende in Europa il tasso di abbandono precoce dell’istruzione scolastica (nel 2015 è stato dell’11%, un solo punto oltre l’obiettivo fissato del 10% entro il 2020), un fenomeno che può essere prevenuto col potenziamento della formazione professionale e soprattutto cominciando a combatterlo fin dai primi anni della scuola. Un forte invito in tal senso è giunto dai partecipanti alla prima Biennale della Scuola ideata e promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze svoltasi al Teatro Niccolini di Firenze in occasione del convegno europeo intitolato ‘Magnetica. La scuola che non disperde’ realizzato da Fondazione CRF in collaborazione col Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca-Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana e il patrocinio di Regione Toscana e Comune di Firenze. La riduzione di coloro che lasciano il percorso scolastico è infatti anche il risultato di numerosi progetti attivati negli ultimi tre decenni anche se molti di questi rimangono esperienze isolate e non riescono ad essere messe a sistema. Un primo e inedito spaccato sulla situazione in Europa, è giunto da uno studio, durato quattro anni e condotto dal Cedefop (http://www.cedefop.europa.eu/), l’Agenzia della Commissione europea che si occupa di educazione e sviluppo della formazione professionale, che è stato presentato in anteprima assoluta stamani.

Dai dati raccolti emerge che 8 dei 9 Stati membri UE con i più alti tassi di iscrizione ai percorsi di istruzione e formazione professionale presentano un basso tasso di abbandono scolastico precoce (meno del 10%, cioè al di sotto dell’obiettivo UE) e che 1/3 dei giovani che abbandonano gli studi, rientra nei percorsi scolastici conseguendo un diploma di istruzione superiore, che nella maggior parte dei casi è un titolo di istruzione e formazione professionale. L’Italia è in una posizione mediana col suo 14,7%, sotto la soglia del 16% fissata dal governo. Il fenomeno dell’abbandono interessa nel nostro Paese complessivamente 750.000 ragazzi su una popolazione scolastica di circa 7.800.000 dalla primaria al termine della secondaria di II grado con un costo, per lo Stato che è stimabile in circa 70 miliardi di euro ogni anno, pari al 4% del Pil (dati relativi al  2014).

 

‘’Questa nuova iniziativa di ampio respiro – ha dichiarato il Direttore generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze Gabriele Gori – si colloca nel nostro percorso, avviato dal 2014, di sostenere fortemente quei progetti per l’innovazione e l’aggiornamento della didattica e della formazione dei quali fa parte il programma triennale ‘NoOut’. Si tratta di un modello di intervento che previene e cura il fenomeno della dispersione scolastica e che coinvolge tutti gli ordini scolastici, dalla primaria alla secondaria di primo e secondo grado fino alle classi già in drop-out. Tra recupero di competenze, orientamento narrativo e accompagnamento al lavoro, il progetto ha già dimostrato di poter incidere tanto sulle competenze quanto sul welfare scolastico. Lo star bene a scuola è infatti tra i presupposti del successo educativo. L’iniziativa, che si svolge in tutta la Toscana, prevede un piano di valutazione scientifica dell’efficacia degli interventi. E i primi risultati sono già incoraggianti’’.

 

‘’Il tema preoccupa e interessa il Ministero, lo Stato e tutti noi – ha osservato il Sottosegretario alla Pubblica Istruzione Gabriele Toccafondi – e il nostro impegno è totale per contrastarlo con un modello di scuola che sia sempre più luogo di esperienze, di formazione, di educazione, di ingresso nel mondo del lavoro, come emerge anche dal convegno di oggi. Le cifre parlano da sole: l’abbandono nel nostro Paese nella fascia 18-24 anni è passato da 19,2% del 2004 all’attuale 17% ma resta sempre molto alto; la disoccupazione giovanile è cresciuta dal 20% del 2008 all’attuale 37% e non ci fanno stare tranquilli i 2.300.000 ragazzi chiamati NEET, cioè non impegnati nello studio, né nel lavoro e né nella formazione. Ma sappiamo anche che oltre 60.000 aziende stanno cercando personale con precise competenze e che nei prossimi 5 anni ci saranno 2.500.000 nuovi posti di lavoro il 70% dei quali ha però necessità di competenze medie e medio-alte. E siamo certi che la scuola è il luogo privilegiato per trovare queste risposte tanto che stiamo potenziando le esperienze di alternanza scuola lavoro (lo scorso anno lo ha fatto l’86% degli istituti italiani), finanziamo quest’anno 60 laboratori territoriali e 7.000 plessi scolastici saranno aperti tutto l’anno per rendere la scuola un luogo anche di aggregazione, di socialità, di cultura, oltrechè di apprendimento. Questo è quanto ci stiamo impegnando a fare, ma è molto positivo che in questo cammino certo non facile abbiamo importanti istituzioni che si muovono sulla stessa lunghezza d’onda come dimostra questo importante convegno e le tante energie che, da tempo, la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze sta dedicando al variegato mondo dell’educazione’’

 

Lo studio del Cedefop, ha spiegato la coordinatrice Irene Psifidou, analista per le politiche educative dell’Agenzia, si concluderà il prossimo anno e ha evidenziato che In Europa scarseggiano le valutazioni dell’efficacia delle politiche che affrontano l’abbandono precoce dell’istruzione e formazione professionale (IeFP). Le poche valutazioni disponibili offrono un quadro per lo più parziale del se e del perché certe politiche abbiano funzionato, e dei benefici goduti dai singoli studenti. Il Cedefop ha mappato oltre 300 diverse iniziative realizzate in 36 paesi europei ma la valutazione dell’efficacia è documentata solo per 44 di esse. La ricerca evidenzia il ruolo svolto dall’istruzione e della formazione professionale nell’attrarre, trattenere e reintegrare i giovani con diversi livelli di abilità nei percorsi scolastici e documenta come l’alta partecipazione a percorsi di istruzione e formazione professionale (e l’alto tasso di conseguimento dei relativi diplomi) è correlabile ad un basso numero di abbandoni scolastici. Per questi motivi il Cedefop fornisce anche delle linee guida per la valutazione dell’impatto delle politiche, sottolineando la necessità di promuovere una cultura della valutazione al fine di favorire la conoscenza e l’apprendimento di buone pratiche anche nell’ambito delle politiche pubbliche volte al contrasto dell’abbandono dell’IeFP. Con questo scopo l’Agenzia sta anche lavorando alla creazione di un pacchetto europeo di strumenti elettronici a sostegno di queste politiche e il nuovo prodotto offrirà supporto alla progettazione, trasferimento e valutazione delle misure e alla raccolta e monitoraggio dei dati sul fenomeno. Tra gli altri strumenti, saranno disponibili linee guida, raccomandazioni, principi, cataloghi di risorse ed esempi di buone pratiche di diversi paesi europei.

Il convegno odierno, animato dallo scriber Roberto Malpensa, ha posto a confronto buone pratiche e modelli educativi attuati in Italia e in Europa con l’intenzione di individuare strategie d’azione utili per il futuro. Nel corso dei lavori hanno infatti raccontato la loro esperienza non solo rappresentanti  del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ma anche esponenti di istituzioni italiane e francesi. Il convegno è stato aperto dal Direttore Generale di Fondazione Cr Firenze Gabriele Gori e dalla referente dei Progetti istituzionali strategici Chiara Mannoni. Sono quindi intervenuti il Sottosegretario alla Pubblica Istruzione Gabriele Toccafondi, l’assessore all’Istruzione della Regione Toscana Cristina Grieco, il Vice Sindaco e assessore all’istruzione del Comune di Firenze Cristina Giachi, il Direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale Domenico Petruzzo, Irene Psifidou del Cedefop e Anna Grimaldi dell’ISFOL. La giornata si è conclusa con una tavola rotonda sul tema ‘La scuola che sogniamo: stimoli e visioni per il cambiamento’ moderata dal giornalista del Sole 24 ore Claudio Tucci alla quale sono intervenuti, tra gli altri, Leonardo Alessi della FISM Toscana, Antonio Danieli della Fondazione Golinelli, Hugues Hotier dell’Università di Bordeaux e fondatore del Circo Educativo e Thomas Spielhofer del Tavistock Institute of Human Relations di Londra. Ha concluso la manifestazione la proiezione del film ‘Educazione affettiva’ di Federico Bondi e Clemente Bicocchi.

Scuola: contro l’abbandono potenziare la formazione e combatterlo fino dai primi anni

Manifestazione ideata e promossa da Fondazione CR Firenze.
Appello dalla prima Biennale della Scuola.

Scende in Europa il tasso di abbandono precoce dell’istruzione scolastica (nel 2015 è stato dell’11%, un solo punto oltre l’obiettivo fissato del 10% entro il 2020), un fenomeno che può essere prevenuto col potenziamento della formazione professionale e soprattutto cominciando a combatterlo fin dai primi anni della scuola. Un forte invito in tal senso è giunto dai partecipanti alla prima Biennale della Scuola ideata e promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze svoltasi al Teatro Niccolini di Firenze in occasione del convegno europeo intitolato ‘Magnetica. La scuola che non disperde’ realizzato da Fondazione CRF in collaborazione col Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca-Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana e il patrocinio di Regione Toscana e Comune di Firenze. La riduzione di coloro che lasciano il percorso scolastico è infatti anche il risultato di numerosi progetti attivati negli ultimi tre decenni anche se molti di questi rimangono esperienze isolate e non riescono ad essere messe a sistema. Un primo e inedito spaccato sulla situazione in Europa, è giunto da uno studio, durato quattro anni e condotto dal Cedefop (http://www.cedefop.europa.eu/), l’Agenzia della Commissione europea che si occupa di educazione e sviluppo della formazione professionale, che è stato presentato in anteprima assoluta stamani.

Dai dati raccolti emerge che 8 dei 9 Stati membri UE con i più alti tassi di iscrizione ai percorsi di istruzione e formazione professionale presentano un basso tasso di abbandono scolastico precoce (meno del 10%, cioè al di sotto dell’obiettivo UE) e che 1/3 dei giovani che abbandonano gli studi, rientra nei percorsi scolastici conseguendo un diploma di istruzione superiore, che nella maggior parte dei casi è un titolo di istruzione e formazione professionale. L’Italia è in una posizione mediana col suo 14,7%, sotto la soglia del 16% fissata dal governo. Il fenomeno dell’abbandono interessa nel nostro Paese complessivamente 750.000 ragazzi su una popolazione scolastica di circa 7.800.000 dalla primaria al termine della secondaria di II grado con un costo, per lo Stato che è stimabile in circa 70 miliardi di euro ogni anno, pari al 4% del Pil (dati relativi al  2014).

 

‘’Questa nuova iniziativa di ampio respiro – ha dichiarato il Direttore generale della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze Gabriele Gori – si colloca nel nostro percorso, avviato dal 2014, di sostenere fortemente quei progetti per l’innovazione e l’aggiornamento della didattica e della formazione dei quali fa parte il programma triennale ‘NoOut’. Si tratta di un modello di intervento che previene e cura il fenomeno della dispersione scolastica e che coinvolge tutti gli ordini scolastici, dalla primaria alla secondaria di primo e secondo grado fino alle classi già in drop-out. Tra recupero di competenze, orientamento narrativo e accompagnamento al lavoro, il progetto ha già dimostrato di poter incidere tanto sulle competenze quanto sul welfare scolastico. Lo star bene a scuola è infatti tra i presupposti del successo educativo. L’iniziativa, che si svolge in tutta la Toscana, prevede un piano di valutazione scientifica dell’efficacia degli interventi. E i primi risultati sono già incoraggianti’’.

 

‘’Il tema preoccupa e interessa il Ministero, lo Stato e tutti noi – ha osservato il Sottosegretario alla Pubblica Istruzione Gabriele Toccafondi – e il nostro impegno è totale per contrastarlo con un modello di scuola che sia sempre più luogo di esperienze, di formazione, di educazione, di ingresso nel mondo del lavoro, come emerge anche dal convegno di oggi. Le cifre parlano da sole: l’abbandono nel nostro Paese nella fascia 18-24 anni è passato da 19,2% del 2004 all’attuale 17% ma resta sempre molto alto; la disoccupazione giovanile è cresciuta dal 20% del 2008 all’attuale 37% e non ci fanno stare tranquilli i 2.300.000 ragazzi chiamati NEET, cioè non impegnati nello studio, né nel lavoro e né nella formazione. Ma sappiamo anche che oltre 60.000 aziende stanno cercando personale con precise competenze e che nei prossimi 5 anni ci saranno 2.500.000 nuovi posti di lavoro il 70% dei quali ha però necessità di competenze medie e medio-alte. E siamo certi che la scuola è il luogo privilegiato per trovare queste risposte tanto che stiamo potenziando le esperienze di alternanza scuola lavoro (lo scorso anno lo ha fatto l’86% degli istituti italiani), finanziamo quest’anno 60 laboratori territoriali e 7.000 plessi scolastici saranno aperti tutto l’anno per rendere la scuola un luogo anche di aggregazione, di socialità, di cultura, oltrechè di apprendimento. Questo è quanto ci stiamo impegnando a fare, ma è molto positivo che in questo cammino certo non facile abbiamo importanti istituzioni che si muovono sulla stessa lunghezza d’onda come dimostra questo importante convegno e le tante energie che, da tempo, la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze sta dedicando al variegato mondo dell’educazione’’

 

Lo studio del Cedefop, ha spiegato la coordinatrice Irene Psifidou, analista per le politiche educative dell’Agenzia, si concluderà il prossimo anno e ha evidenziato che In Europa scarseggiano le valutazioni dell’efficacia delle politiche che affrontano l’abbandono precoce dell’istruzione e formazione professionale (IeFP). Le poche valutazioni disponibili offrono un quadro per lo più parziale del se e del perché certe politiche abbiano funzionato, e dei benefici goduti dai singoli studenti. Il Cedefop ha mappato oltre 300 diverse iniziative realizzate in 36 paesi europei ma la valutazione dell’efficacia è documentata solo per 44 di esse. La ricerca evidenzia il ruolo svolto dall’istruzione e della formazione professionale nell’attrarre, trattenere e reintegrare i giovani con diversi livelli di abilità nei percorsi scolastici e documenta come l’alta partecipazione a percorsi di istruzione e formazione professionale (e l’alto tasso di conseguimento dei relativi diplomi) è correlabile ad un basso numero di abbandoni scolastici. Per questi motivi il Cedefop fornisce anche delle linee guida per la valutazione dell’impatto delle politiche, sottolineando la necessità di promuovere una cultura della valutazione al fine di favorire la conoscenza e l’apprendimento di buone pratiche anche nell’ambito delle politiche pubbliche volte al contrasto dell’abbandono dell’IeFP. Con questo scopo l’Agenzia sta anche lavorando alla creazione di un pacchetto europeo di strumenti elettronici a sostegno di queste politiche e il nuovo prodotto offrirà supporto alla progettazione, trasferimento e valutazione delle misure e alla raccolta e monitoraggio dei dati sul fenomeno. Tra gli altri strumenti, saranno disponibili linee guida, raccomandazioni, principi, cataloghi di risorse ed esempi di buone pratiche di diversi paesi europei.

Il convegno odierno, animato dallo scriber Roberto Malpensa, ha posto a confronto buone pratiche e modelli educativi attuati in Italia e in Europa con l’intenzione di individuare strategie d’azione utili per il futuro. Nel corso dei lavori hanno infatti raccontato la loro esperienza non solo rappresentanti  del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ma anche esponenti di istituzioni italiane e francesi. Il convegno è stato aperto dal Direttore Generale di Fondazione Cr Firenze Gabriele Gori e dalla referente dei Progetti istituzionali strategici Chiara Mannoni. Sono quindi intervenuti il Sottosegretario alla Pubblica Istruzione Gabriele Toccafondi, l’assessore all’Istruzione della Regione Toscana Cristina Grieco, il Vice Sindaco e assessore all’istruzione del Comune di Firenze Cristina Giachi, il Direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale Domenico Petruzzo, Irene Psifidou del Cedefop e Anna Grimaldi dell’ISFOL. La giornata si è conclusa con una tavola rotonda sul tema ‘La scuola che sogniamo: stimoli e visioni per il cambiamento’ moderata dal giornalista del Sole 24 ore Claudio Tucci alla quale sono intervenuti, tra gli altri, Leonardo Alessi della FISM Toscana, Antonio Danieli della Fondazione Golinelli, Hugues Hotier dell’Università di Bordeaux e fondatore del Circo Educativo e Thomas Spielhofer del Tavistock Institute of Human Relations di Londra. Ha concluso la manifestazione la proiezione del film ‘Educazione affettiva’ di Federico Bondi e Clemente Bicocchi.