Confcommercio e Confesercenti su nuovo Codice del Commercio: promosso a pieni voti

Confcommercio e Confesercenti su nuovo Codice del Commercio: promosso a pieni voti

La Regione Toscana ha approvato un Codice del Commercio innovativo. Promosso a pieni voti da Confcommercio e Confesercenti

“Il testo del nuovo Codice sul commercio approvato dal Consiglio Regionale ristabilisce le regole della competizione nel mercato”. Questa la convinzione dei presidenti di Confesercenti Toscana e Confcommercio Toscana Nico Gronchi e Anna Lapini, che condividono molti punti della nuova legge appena approvata dal Consiglio Regionale.

 

A riscuotere un particolare gradimento da parte di Confcommercio e Confesercenti è la proposta relativa alla questione delle sagre: “da molti anni chiedevamo limiti e prescrizioni per chi vuole organizzare eventi temporanei, da un tetto massimo di durata all’obbligo di coinvolgere gli operatori in sede fissa. Norme necessarie per mettere fine all’uso improprio di sagre e simili, che creano concorrenza sleale con le imprese e si ripercuotono negativamente sui fatturati e sui livelli occupazionali”.

 

Nico Gronchi e Anna Lapini si dicono soddisfatti per la reintroduzione della Conferenza dei servizi per autorizzare le grandi strutture di vendita, così come per il legame tra permesso a costruire e autorizzazione alla vendita. Positiva la conferma del limite dei 15 mila metri quadrati per le grandi strutture di vendita e la conferma degli attuali limiti per le medie strutture. “In questo modo si ristabilisce il principio di un governo condiviso del territorio sotto l’aspetto commerciale della grande e media distribuzione. Con questa scelta, della Regione, si vanno a salvaguardare, anche, i borghi e le piccole realtà locali; oltre che alla rete distributiva, del piccolo commercio, esistente” – commentano i due Presidenti.

 

Bene poi che il Codice del Commercio preveda modalità concertative per il riutilizzo a favore della rete distributiva tradizionale dei proventi derivanti ai Comuni dagli oneri di urbanizzazione per le nuove aperture di medie e grandi superfici. “È prevista la concertazione con le associazioni di categoria prima che le Amministrazioni decidano come reinvestire questi proventi” spiegano Lapini e Gronchi “l’obiettivo generale dovrà comunque essere quello di sostenere il commercio di vicinato impegnando le Amministrazioni locali nella riqualificazione di centri storici, aree mercatali, CCN o simili”.

 

Soddisfacente anche la parte che riguarda i distributori di carburanti: “in particolare per il mantenimento delle fasce orarie per il servizio assistito, che rimette al centro il ruolo del gestore”.

 

Per la prima volta hanno avuto definizione, in legge regionale, i Centri Commerciali Naturali; dando loro la valenza di soggetti che partecipano allo sviluppo territoriale; e si è individuato in maniera chiara il ruolo del piccolo commercio come elemento di riqualificazione delle aree più degradate delle città e per l’aggregazione sociale.

 

Particolarmente apprezzato, anche se non contenuto nel nuovo Codice del Commercio, il bando emesso dalla regione per il finanziamento delle iniziative dei CCN, anche nei piccoli e piccolissimi borghi.

 

“La Regione ha optato per il confronto continuo, l’equilibrio nelle scelte, per una visione chiara di sviluppo; tutti ingredienti di una norma che il mondo del commercio ha fortemente voluto e siamo fiduciosi che il nuovo Codice possa essere davvero uno strumento normativo efficace per promuovere lo sviluppo del settore nel rispetto dell’identità e della storia del territorio”, concludono i presidenti Lapini e Gronchi.

L'articolo Confcommercio e Confesercenti su nuovo Codice del Commercio: promosso a pieni voti proviene da www.controradio.it.

Confcommercio e Confesercenti su nuovo Codice del Commercio: promosso a pieni voti

Confcommercio e Confesercenti su nuovo Codice del Commercio: promosso a pieni voti

La Regione Toscana ha approvato un Codice del Commercio innovativo. Promosso a pieni voti da Confcommercio e Confesercenti

“Il testo del nuovo Codice sul commercio approvato dal Consiglio Regionale ristabilisce le regole della competizione nel mercato”. Questa la convinzione dei presidenti di Confesercenti Toscana e Confcommercio Toscana Nico Gronchi e Anna Lapini, che condividono molti punti della nuova legge appena approvata dal Consiglio Regionale.

 

A riscuotere un particolare gradimento da parte di Confcommercio e Confesercenti è la proposta relativa alla questione delle sagre: “da molti anni chiedevamo limiti e prescrizioni per chi vuole organizzare eventi temporanei, da un tetto massimo di durata all’obbligo di coinvolgere gli operatori in sede fissa. Norme necessarie per mettere fine all’uso improprio di sagre e simili, che creano concorrenza sleale con le imprese e si ripercuotono negativamente sui fatturati e sui livelli occupazionali”.

 

Nico Gronchi e Anna Lapini si dicono soddisfatti per la reintroduzione della Conferenza dei servizi per autorizzare le grandi strutture di vendita, così come per il legame tra permesso a costruire e autorizzazione alla vendita. Positiva la conferma del limite dei 15 mila metri quadrati per le grandi strutture di vendita e la conferma degli attuali limiti per le medie strutture. “In questo modo si ristabilisce il principio di un governo condiviso del territorio sotto l’aspetto commerciale della grande e media distribuzione. Con questa scelta, della Regione, si vanno a salvaguardare, anche, i borghi e le piccole realtà locali; oltre che alla rete distributiva, del piccolo commercio, esistente” – commentano i due Presidenti.

 

Bene poi che il Codice del Commercio preveda modalità concertative per il riutilizzo a favore della rete distributiva tradizionale dei proventi derivanti ai Comuni dagli oneri di urbanizzazione per le nuove aperture di medie e grandi superfici. “È prevista la concertazione con le associazioni di categoria prima che le Amministrazioni decidano come reinvestire questi proventi” spiegano Lapini e Gronchi “l’obiettivo generale dovrà comunque essere quello di sostenere il commercio di vicinato impegnando le Amministrazioni locali nella riqualificazione di centri storici, aree mercatali, CCN o simili”.

 

Soddisfacente anche la parte che riguarda i distributori di carburanti: “in particolare per il mantenimento delle fasce orarie per il servizio assistito, che rimette al centro il ruolo del gestore”.

 

Per la prima volta hanno avuto definizione, in legge regionale, i Centri Commerciali Naturali; dando loro la valenza di soggetti che partecipano allo sviluppo territoriale; e si è individuato in maniera chiara il ruolo del piccolo commercio come elemento di riqualificazione delle aree più degradate delle città e per l’aggregazione sociale.

 

Particolarmente apprezzato, anche se non contenuto nel nuovo Codice del Commercio, il bando emesso dalla regione per il finanziamento delle iniziative dei CCN, anche nei piccoli e piccolissimi borghi.

 

“La Regione ha optato per il confronto continuo, l’equilibrio nelle scelte, per una visione chiara di sviluppo; tutti ingredienti di una norma che il mondo del commercio ha fortemente voluto e siamo fiduciosi che il nuovo Codice possa essere davvero uno strumento normativo efficace per promuovere lo sviluppo del settore nel rispetto dell’identità e della storia del territorio”, concludono i presidenti Lapini e Gronchi.

L'articolo Confcommercio e Confesercenti su nuovo Codice del Commercio: promosso a pieni voti proviene da www.controradio.it.

2 giugno: buono l’avvio della stagione estiva in Toscana

2 giugno: buono l’avvio della stagione estiva in Toscana

“Il primo trimestre del 2018 ha fatto registrare risultati altalenanti, nonostante sia continuato il trend di crescita con un bilancio stimato intorno al +1,3% (con una tendenza non uniforme per tutte le tipologie di offerta destinazione). Abbiamo avuto un ponte pasquale frenato dalle condizioni meteo e dal “calendario”, i ponti di primavera che non hanno raggiunto i valori importanti dell’anno 2017 (ad esclusione del ponte del primo maggio). Con il 2 giugno tornano i risultati positivi grazie al grande appeal della Toscana sia per l’arte e la cultura sia per le località costiere; una forte spinta è determinata, anche, dai grandi eventi in programma nella nostra regione durante il fine settimana”, lo rende noto Confesercenti Toscana.

Le previsioni per il ponte del 2 Giugno sono infatti all’insegna dell’ottimismo. A contribuire alla crescita sono soprattutto gli stranieri; ma si registra un aumento anche del flusso di italiani, in particolar modo nelle località balneari. Le presenze si concentreranno soprattutto nelsistema ricettivo ufficiale (oltre 600 mila pernottamenti) ai quali si devono aggiungere oltre 300 mila circa presenze in altre strutture ricettive (locazioni turistiche, case di proprietà, etc…), che complessivamente produrranno consumi turistici per circa 90 milioni di euro.

In generale dall’indagine, condotta dal Centro Studi Turistici di Firenze, emerge un trend positivo per tutte le tipologie di prodotto, anche se con crescite diversificate. Le città d’arte e le località marine, per questo weekend, si confermano mete apprezzate sia dalla domanda italiana sia dai mercati esteri. Per gli stranieri si registra, invece, un interesse particolare verso le nostre città d’arte.

I dati dell’analisi della disponibilità di camere sui vari portali delle OTA evidenziano per il ponte del 2 giugno (dal 1 al 3 giugno 2018 – 2 notti) che le prenotazioni delle strutture ricettive dovrebbero attestarsi a circa l’86%% (in lieve aumento rispetto al 2017), con punte più elevate per le città d’arte e le località balneari.

La tendenza positiva della domanda turistica è attesa in quasi tutte le aree della nostra Regione, con valori percentuali più alti per le città d’arte ed alcune località costiere. Nelle città d’arte, si rileva un tasso di occupazione delle camere disponibili online intorno al 90%, con punte per Firenze, Siena, Prato e Arezzo. Dati importanti, anche, per le nostre località balneari che si aggirano intorno ad un tasso di occupazione fra l’84% e l’89%. Bene anche le località collinari che raggiungono tassi di occupazione online intorno all’85%. Il tutto esaurito si registra nell’area del Mugello e nelle aree contigue grazie al Motomondiale, in scena dal 1 al 3 giugno all’Autodromo del Mugello. Più basse le percentuali di occupazione per questo week end per le nostre località montane e termali.

La nostra regione si conferma per il ponte del 2 giugno tra le mete più ambite, dal turismo nazionale e straniero, del nostro Paese; numeri positivi dopo un primo trimestre del 2018 altalenante e senza particolari guizzi, e con i ponti di primavera che non hanno fatto registrare andamenti particolarmente brillanti. – afferma Nico Gronchi Presidente Confesercenti Toscana – I dati registrati, per il ponte del 2 giugno, evidenziano il trend positivo del settore turismo; arte, mare, paesaggi, offerta ricettiva di qualità ed enogastronomia svolgono una funzione di traino per l’intera regione. Presenze al top lungo la zona costiera e nelle città d’arte confermano la varietà e qualità dell’offerta turistica della Toscana. Inoltre, l’avvio positivo della stagione turistica, ci fa ben sperare per l’incremento del livello occupazionale durante il periodo estivo”.

L'articolo 2 giugno: buono l’avvio della stagione estiva in Toscana proviene da www.controradio.it.

Commercio, associazioni categoria: “Reintrodurre limite 15metri per Grande Distribuzione”

Commercio, associazioni categoria: “Reintrodurre limite 15metri per Grande Distribuzione”

Da Confesercenti e Confcommercio anche apprezzamenti. A riscuotere il maggior gradimento da parte delle due associazioni di categoria è la proposta relativa alla questione delle sagre: “da molti anni chiedevamo limiti e prescrizioni per chi vuole organizzare eventi temporanei.

“Il testo del Codice sul commercio approvato oggi dalla Giunta Regionale ristabilisce le regole della competizione nel mercato”. Lo sperano i presidenti di Confesercenti Toscana e Confcommercio Toscana Nico Gronchi e Anna Lapini, che condividono molti punti della proposta di legge che passa ora al vaglio del Consiglio. A riscuotere il maggior gradimento da parte delle due associazioni di categoria è la proposta relativa alla questione delle sagre: “da molti anni chiedevamo limiti e prescrizioni per chi vuole organizzare eventi temporanei, da un tetto massimo di durata all’obbligo di coinvolgere gli operatori in sede fissa o certificare la finalità dei proventi. Norme necessarie per mettere fine all’uso improprio di sagre e simili, che creano concorrenza sleale con le imprese e si ripercuotono negativamente sui fatturati e sui livelli occupazionali”.

Il nodo critico del testo è  il punto riguardante l’eliminazione del limite dei 15mila metri quadrati di superficie commerciale previsto ora per le grandi strutture di vendita. “Una decisione che sconfessa le linee guida che fino ad oggi avevano orientato lo sviluppo della grande distribuzione in Toscana. Oltretutto, era un limite passato al vaglio della Corte Costituzionale quindi pienamente legittimo”, sottolineano i presidenti delle due associazioni, “se si approvasse la norma, di fatto si aprirebbe la strada a strutture commerciali immense, veri e propri “mostri” di dimensione spropositata per il territorio toscano. E la Regione si troverebbe ad applicare una politica schizofrenica, che da un lato, a livello turistico, punta a promuovere i borghi e le piccole realtà locali, e dall’altro rischia di pregiudicare la sopravvivenza della piccola rete distributiva”. “Ci auguriamo quindi che venga condivisa questa preoccupazione affinché il nuovo Codice possa essere davvero uno strumento normativo efficace per promuovere lo sviluppo del settore nel rispetto dell’identità e della storia del territorio”, concludono i presidenti Gronchi e Lapini.

Confesercenti e Confcommercio si dicono soddisfatte anche per la reintroduzione della Conferenza dei servizi per autorizzare le grandi strutture di vendita, così come per il legame tra permesso a costruire e autorizzazione alla vendita. Positiva anche la parte che riguarda i distributori di carburanti: “in particolare per il mantenimento delle fasce orarie per il servizio assistito, che qualcuno voleva togliere equiparando di fatto gli impianti di distribuzione ai negozi”. Altrettanto importante è la conferma dell’attuale impostazione della concertazione territoriale, che continuerà dunque a ospitare il confronto con le associazioni datoriali e i sindacati dei lavoratori.  Unico

L'articolo Commercio, associazioni categoria: “Reintrodurre limite 15metri per Grande Distribuzione” proviene da www.controradio.it.