Parcheggi: prenotazione col cellulare a Firenze

Parcheggi: prenotazione col cellulare a Firenze

Prenotare il posto delimitato dalle strisce blu e anche pagare la tariffa per la sosta. Ma anche controllare il rispetto delle regole da remoto e, nel caso di violazioni, far intervenire gli ausiliari di Sas.

È quanto prevede il progetto Teseo che sarà sperimentato a Firenze. La
giunta comunale, nella seduta dell’11 agosto, ha approvato la delibera con cui appunto si dà il via libera alla sperimentazione.

“Questo progetto va nella direzione di rendere più efficiente la sosta di superficie e migliorare il controllo – dichiara l’assessore Giorgetti – offrendo un servizio moderno grazie all’utilizzo delle opportunità offerte dalla tecnologia. Per questo abbiamo deciso di avviare questa sperimentazione”.

Il progetto è stato presentato dalla Nivi Group nell’ambito di un bando della Regione Toscana finanziato con fondi europei e punta a individuare misure tecnologicamente avanzate per affrontare le criticità del traffico e in particolare per la ricerca del parcheggio utilizzando un sistema basato su sensori ottici innovativi, telecamere e sensori che interagiscono via web e con i sistemi smart device degli operatori e degli utenti,
consentendo la prenotazione dell’area di sosta, il pagamento
della stessa con mezzi informatici.

Il sistema dà inoltre la possibilità di verificare se il conducente dell’auto
parcheggiata nei posti a sosta promiscua della zcs ha pagato quanto dovuto oppure no. E nel caso di mancato pagamento dalla centrale operativa di Sas possono essere inviati gli ausiliari della sosta per accertare la violazione. Questa procedura, si spiega dal Comune, sarà sperimentata in piazza Tasso mentre in via Circondaria la tecnologia messa a disposizione dal progetto

Teseo sarà testata per la vigilanza dei posti personalizzati per i mezzi a servizio dei disabili. La sperimentazione prenderà il via non appena saranno installati gli apparecchi
necessari.

L'articolo Parcheggi: prenotazione col cellulare a Firenze proviene da www.controradio.it.