Denuncia stupro: Firenze, domani corteo di solidarietà con studentesse Usa

Denuncia stupro: Firenze, domani corteo di solidarietà con studentesse Usa

Iniziativa a Piazzale Michelangelo alle 20,30 organizzata dalla rete nazionale “NonunadimenoFirenze”.

Corteo, domani sera a Firenze, in solidarietà con le due studentesse Usa che hanno denunciato di essere state stuprate da due carabinieri. A lanciarlo sui social, annunciandolo per le 20,30, il gruppo Facebook “NonunadimenoFirenze”: l’iniziativa, che sulla pagina conta già svariate centinaia di aderenti, partirà domani sera dal piazzale Michelangelo, vicino al locale dove è avvenuto l’incontro tra i carabinieri e le ragazze.
“Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano”, e’ lo slogan del corteo, al quale i partecipanti, dalla pagina facebook, sono invitati a non portare bandiere e manifesti di altro tipo se non “antisessista”.
“Si scende in piazza per ribadire che quanto è avvenuto non è emergenza dell’ultimo minuto – si legge sul sito -. La cultura dello stupro esiste ovunque si dica che la vittima “se l’è cercata” o “chissà se è vero”. Tutte le vittime di violenza devono essere credute ed hanno un grande coraggio. Le donne non vogliono essere sorvegliate e controllate, in piena logica paternalista, dagli stessi, sindaco incluso, che impongono codici di comportamento e di abbigliamento. Le donne non vogliono essere strumentalizzate da razzisti quando a stuprare è lo straniero.”
Le strade sicure le fanno le donne che le attraversano – si legge ancora sull’evento – e ciascuna conquista la propria libertà, giorno per giorno, lottando contro violenze fuori e dentro casa. Dire che sono le donne, colpevoli, a provocare è come dire che gli uomini, tutti, sarebbero naturalmente predisposti allo stupro. Sappiamo che non è così. Le donne vogliono potersi difendere da sole e investire su sè stesse, sulla loro capacità di fare rete, di valorizzare l’esperienza di ciascuna“.

L'articolo Denuncia stupro: Firenze, domani corteo di solidarietà con studentesse Usa proviene da www.controradio.it.