FERROVIE, SINDACATI: “APPALTI TOSCANI A RISCHIO: VOGLIAMO GARANZIE”

ferrovie trasporti proposte Fs regionali

“A rischio i lavoratori e la qualità servizi sui treni” mettono in guardia Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti. “Appalti settore pulizie e servizi accessori frammentarie: chiediamo confronto con Trenitalia e Regione.”

“Ennesimo momento di preoccupazione fra i lavoratori degli appalti ferroviari in Toscana. A rischio c’e l’occupazione e la qualità del servizio offerto agli utenti che utilizzano i treni. I settori delle pulizie e dei servizi accessori dei treni hanno subito molte variazioni organizzative negli ultimi anni che hanno determinato una già considerevole perdita di posti di lavoro”. Lo affermano Filt-Cgil, Fit-Cisl e Uiltrasporti.”Negli ultimi anni abbiamo assistito a un’emorragia occupazionale, chiediamo che la Regione si faccia parte attiva nella gestione del settore.” Il 12 e 13 luglio sarà sciopero regionale del comparto.

“Oggi – affermano – l’occupazione e calibrata sulle attività necessarie agli standard di qualità richiesti, ma tuttavia assistiamo alla costruzione di gare di appalto, talvolta senza il riconoscimento della clausola sociale, che tendono a frammentare le attività, producendo diseconomie e ricadute negative sui livelli occupazionali, restringendo strumentalmente il perimetro delle attività messe a gara ed escludendo da esso lavorazioni necessarie, al solo scopo di ridurre i costi ufficiali. Abbiamo chiesto da tempo un confronto con Trenitalia e la Regione Toscana che da anni investe notevoli risorse sul trasporto su ferro, ma ci scontriamo costantemente con le indisponibilità di tali soggetti. In Toscana ci sono le condizioni per mettere in sicurezza il settore anche attraverso la costruzione di un confronto serio con tutti i soggetti che in questo settore operano sia come committenti che come appaltatori. Chiediamo quindi alla Regione che si faccia parte attiva nella gestione del settore nel rispetto del servizio che essa stessa richiede e nel rispetto delle condizioni di lavoro di chi vi opera”.

The post FERROVIE, SINDACATI: “APPALTI TOSCANI A RISCHIO: VOGLIAMO GARANZIE” appeared first on Controradio.

UNIVERSITA’ DI FIRENZE, PROTESTA STUDENTI DOPO TENTATA OCCUPAZIONE

protesta studenti dopo tentata occupazione

Il gruppo di studenti del Collettivo autonomo ha protestato davanti al rettorato dopo tentativo di occupazione in cui 2 erano stati denunciati. Rettore Dei: “Rispettare le regole.”

Un gruppetto di studenti del Collettivo autonomo universitario ha protestato questa mattina davanti al rettorato dell’università di Firenze, dopo il tentativo di alcuni militanti di occupare uno stabile di proprietà dell’ateneo ieri in via Reginaldo Giuliani. Questa mattina i giovani hanno avuto un breve confronto col rettore Luigi Dei, che è sceso in strada per parlare con loro. Poco dopo il gruppetto si è allontanato.

Agli studenti che protestavano per l’intervento delle forze dell’ordine, ieri, per impedire l’occupazione, Dei ha risposto di “non poter aprire un edificio senza regole” e di “dover rispettare la legge”. Ieri, all’arrivo delle forze dell’ordine, solo due militanti erano riusciti ad entrare nello stabile, mentre gli altri erano rimasti fuori. I due sono stati identificati e denunciati per invasione di terreni ed edifici e danneggiamento, gli altri spintonati e allontanati dalla polizia.

Secondo quanto precisato dall’Università di Firenze, “lo stabile di via Reginaldo Giuliani faceva parte del patrimoni di villa la Quiete alle Montalve, che l’Ateneo ha acquisito nel 1993 e che già allora risultava occupato abusivamente”. Nel corso degli anni “gli occupanti hanno modificato varie parti dell’edificio”. Nel 2013 l’università “è rientrata in possesso dell’immobile e avviato gli accertamenti degli abusi edilizi per poter sanare la struttura”. Sempre secondo quanto precisato dall’Ateneo, “una volta che la progettazione, l’affidamento e l’esecuzione dei lavori saranno conclusi, l’università metterà l’immobile all’asta”.

The post UNIVERSITA’ DI FIRENZE, PROTESTA STUDENTI DOPO TENTATA OCCUPAZIONE appeared first on Controradio.

UNIVERSITA’ DI FIRENZE, PROTESTA STUDENTI DOPO TENTATA OCCUPAZIONE

protesta studenti dopo tentata occupazione

Il gruppo di studenti del Collettivo autonomo ha protestato davanti al rettorato dopo tentativo di occupazione in cui 2 erano stati denunciati. Rettore Dei: “Rispettare le regole.”

Un gruppetto di studenti del Collettivo autonomo universitario ha protestato questa mattina davanti al rettorato dell’università di Firenze, dopo il tentativo di alcuni militanti di occupare uno stabile di proprietà dell’ateneo ieri in via Reginaldo Giuliani. Questa mattina i giovani hanno avuto un breve confronto col rettore Luigi Dei, che è sceso in strada per parlare con loro. Poco dopo il gruppetto si è allontanato.

Agli studenti che protestavano per l’intervento delle forze dell’ordine, ieri, per impedire l’occupazione, Dei ha risposto di “non poter aprire un edificio senza regole” e di “dover rispettare la legge”. Ieri, all’arrivo delle forze dell’ordine, solo due militanti erano riusciti ad entrare nello stabile, mentre gli altri erano rimasti fuori. I due sono stati identificati e denunciati per invasione di terreni ed edifici e danneggiamento, gli altri spintonati e allontanati dalla polizia.

Secondo quanto precisato dall’Università di Firenze, “lo stabile di via Reginaldo Giuliani faceva parte del patrimoni di villa la Quiete alle Montalve, che l’Ateneo ha acquisito nel 1993 e che già allora risultava occupato abusivamente”. Nel corso degli anni “gli occupanti hanno modificato varie parti dell’edificio”. Nel 2013 l’università “è rientrata in possesso dell’immobile e avviato gli accertamenti degli abusi edilizi per poter sanare la struttura”. Sempre secondo quanto precisato dall’Ateneo, “una volta che la progettazione, l’affidamento e l’esecuzione dei lavori saranno conclusi, l’università metterà l’immobile all’asta”.

The post UNIVERSITA’ DI FIRENZE, PROTESTA STUDENTI DOPO TENTATA OCCUPAZIONE appeared first on Controradio.

UNIVERSITA’ DI FIRENZE, PROTESTA STUDENTI DOPO TENTATA OCCUPAZIONE

protesta studenti dopo tentata occupazione

Il gruppo di studenti del Collettivo autonomo ha protestato davanti al rettorato dopo tentativo di occupazione in cui 2 erano stati denunciati. Rettore Dei: “Rispettare le regole.”

Un gruppetto di studenti del Collettivo autonomo universitario ha protestato questa mattina davanti al rettorato dell’università di Firenze, dopo il tentativo di alcuni militanti di occupare uno stabile di proprietà dell’ateneo ieri in via Reginaldo Giuliani. Questa mattina i giovani hanno avuto un breve confronto col rettore Luigi Dei, che è sceso in strada per parlare con loro. Poco dopo il gruppetto si è allontanato.

Agli studenti che protestavano per l’intervento delle forze dell’ordine, ieri, per impedire l’occupazione, Dei ha risposto di “non poter aprire un edificio senza regole” e di “dover rispettare la legge”. Ieri, all’arrivo delle forze dell’ordine, solo due militanti erano riusciti ad entrare nello stabile, mentre gli altri erano rimasti fuori. I due sono stati identificati e denunciati per invasione di terreni ed edifici e danneggiamento, gli altri spintonati e allontanati dalla polizia.

Secondo quanto precisato dall’Università di Firenze, “lo stabile di via Reginaldo Giuliani faceva parte del patrimoni di villa la Quiete alle Montalve, che l’Ateneo ha acquisito nel 1993 e che già allora risultava occupato abusivamente”. Nel corso degli anni “gli occupanti hanno modificato varie parti dell’edificio”. Nel 2013 l’università “è rientrata in possesso dell’immobile e avviato gli accertamenti degli abusi edilizi per poter sanare la struttura”. Sempre secondo quanto precisato dall’Ateneo, “una volta che la progettazione, l’affidamento e l’esecuzione dei lavori saranno conclusi, l’università metterà l’immobile all’asta”.

The post UNIVERSITA’ DI FIRENZE, PROTESTA STUDENTI DOPO TENTATA OCCUPAZIONE appeared first on Controradio.