Piaggio: precari si ‘incatenano’ cancelli Confindustria Pisa

Piaggio: precari si ‘incatenano’ cancelli Confindustria Pisa

Si sono simbolicamente incatenati ai cancelli della sede pisana di Confindustria alcuni ex lavoratori a termine della Piaggio di Pontedera che chiedono la stabilizzazione all’azienda e il rispetto dell’accordo, spiega una nota dell’Usb, “che prevede le assunzioni in base all’anzianità lavorativa”.

La protesta è stata promossa dal sindacato di base in concomitanza dell’incontro tra azienda e Cgil, Cisl e Uil nell’ambito della trattativa per il contratto integrativo che si sta svolgendo nella sede confindustriale. La vicenda riguarda una cinquantina di addetti della Piaggio, uomini e donne, che, si spiega, per anni hanno lavorato con contratti a termine in catena di montaggio.

“Denunciamo – affermano gli operai – l’arroganza di un’azienda che, grazie allo sfruttamento dei lavoratori e ai costanti e lauti contributi pubblici, macina profitti e dividendi per gli azionisti, ma non si assume alcuna responsabilità sociale di fronte ai lavoratori e a un territorio che viene progressivamente deindustrializzato, attraverso una costante perdita di lavoro e una crescita di precariato diffuso. Chiediamo a Piaggio, amministrazioni locali e prefettura l’immediata apertura di un tavolo di confronto su questa situazione”.

L'articolo Piaggio: precari si ‘incatenano’ cancelli Confindustria Pisa proviene da www.controradio.it.

Pontedera, Piaggio, Fim-Cisl: “Stabilizzati 126 lavoratori a tempo indeterminato”

Pontedera, Piaggio, Fim-Cisl: “Stabilizzati 126 lavoratori a tempo indeterminato”

Il gruppo Piaggio “ha accolto la nostra richiesta di accelerare la trasformazione a tempo pieno e indeterminato di 126 lavoratori di Pontedera” e “l’azienda dovrà trasformare tre tempi pieni ogni quattro uscite, cosa che aveva rifiutato. Per evitare arretramenti abbiamo richiesto che venisse firmato subito un protocollo che verrà poi recepito nei testi del contratto”. Lo annuncia in una nota Ferdinando Uliano, segretario nazionale Fim-Cisl.

Iuliano sottolinea che per “la prima volta nella storia di Piaggio, abbiamo unito le forze di tutti i lavoratori del gruppo in Italia” e “la grande partecipazione dei lavoratori di Piaggio, Aprilia e Moto Guzzi ha sbloccato il negoziato”. Uliano riferisce che nella stessa trattativa dei 126 lavoratori, “l’azienda ha compreso che anche sugli altri temi era il momento di fare delle aperture”, quindi “concedendo 8 ore di permessi a recupero, una fascia di flessibilità di 15 minuti anche per i part-time (i tempi pieno hanno 1 ora e 15 minuti)” e “accettando di verificare la sperimentazione su smart working e orario flessibile in alcune aree”.

“Anche sul premio di risultato – prosegue Uliano – abbiamo finalmente avuto alcune risposte che chiedevamo da tempo. In primo luogo la conferma delle anticipazioni mensili, la disponibilità di incrementare, l’utilizzo della detassazione ed il welfare volontario per abbassare la tassazione ed alzare l’importo netto, la disponibilità ad erogare un incremento salariale già nel 2019, la misurazione di obiettivi annuali”.

“L’azienda ora deve rimuovere gli ultimi ostacoli presenti, dalla richiesta di un’ulteriore flessibilità al sabato e di una nuova penalità collettiva su assenze. Il mese di settembre sarà determinante per verificare concretamente la possibilità di chiudere positivamente con il contratto”, conclude il segretario nazionale di Fim-Cisl.

L'articolo Pontedera, Piaggio, Fim-Cisl: “Stabilizzati 126 lavoratori a tempo indeterminato” proviene da www.controradio.it.

Piaggio, Usb: ‘stabilizzare i precari!’. Domani sciopero ore 8

Piaggio, Usb: ‘stabilizzare i precari!’. Domani sciopero ore 8

Unione sindacale di base chiede:  stabilizzazione dei precari,  riconoscimento del premio aziendale e individuazione dei part time con il criterio dell’anzianità. “Il gruppo Piaggio  – commenta Usb – ha consolidato utili e incrementato il fatturato. Basta cedere ai ricatti di una dirigenza da troppo tempo abituata a ottenere sempre ciò che vuole”.

L’Unione sindacale di base ha proclamato per domani otto ore di sciopero nell’ambito della vertenza sindacale Piaggio. “Quanto successo durante l’ultimo incontro per la mobilità – spiega una nota di Usb – è un passaggio importante. I sindacati unitariamente hanno abbandonato il tavolo scegliendo di non cedere ancora una volta ai ricatti. Adesso c’è bisogno di dare seguito a questa decisione e non fermarsi ora”.

Sulla questione del premio, il sindacato di base denuncia che l’azienda “nonostante gli utili” intende “mettere addirittura in discussione le cifre dell’ultimo integrativo e inserire il vergognoso sistema di welfare aziendale”, mentre per i part time verticali Usb “non ha nessuna intenzione di cedere”.

Usp infine auspica che anche i lavoratori part time verticali “si uniscano alla vertenza dei precari portando avanti un’unica lotta per un posto di lavoro stabile”. Infine, i contratti a termine: “Piaggio deve rispettare gli accordi sul ‘bacino’ del 2009 assumendo un lavoratore con contratto part-time verticale per ogni trasformazione a full-time”, indica l’Usb, e “per i nuovi ingressi va istituita una lista di priorità basata sul criterio dell’anzianità”.

L'articolo Piaggio, Usb: ‘stabilizzare i precari!’. Domani sciopero ore 8 proviene da www.controradio.it.

Pontedera, Piaggio: Usb, protesta su tetto Asl a tutela precari

Pontedera, Piaggio: Usb, protesta su tetto Asl a tutela precari

Stamani per protesta “gli ex lavoratori con contratto a termine della Piaggio hanno deciso di salire sul tetto della sede Asl medicina del lavoro che si trova proprio di fronte ad uno degli ingressi dello stabilimento Piaggio” a Pontedera (Pisa).

Lo comunica, con una nota, il sindacato Usb spiegando che la protesta è stata messa in atto in “un luogo simbolo per tutti gli operai della Valdera, tra il magazzino ricambi, lo stabilimento Sole Spa e la ex fabbrica Tmm adesso chiusa”. Il sindacato di base precisa che l’obiettivo della protesta è “ribadire ancora una volta che i precari storici non hanno nessuna intenzione di essere lasciati fuori dal percorso di assunzioni: la Piaggio rispetti gli accordi presi e faccia un passo indietro”.

Alcuni incontri sindacali importanti per il futuro dello storico stabilimento di Pontedera sono previsti nei prossimi giorni: il 13 maggio si discuterà la richiesta di aprire nuovamente una procedura di mobilità volontaria, il 21 invece ci sarà una riunione in Confindustria per il rinnovo del contratto integrativo. “Invitiamo tutti i lavoratori – conclude la Usb – a portare la loro solidarietà sotto il palazzo dell’Asl. Non scenderemo fino a quando non avremo delle risposte certe da parte della dirigenza Piaggio. Anche al governatore Rossi, presente oggi a Pontedera, chiediamo di prendere una posizione chiara in questa vicenda. La Piaggio ha ricevuto, e sta ancora ricevendo, numerosi finanziamenti pubblici, è giusto che non abbia nessuna responsabilità nei confronti di chi, per anni, ha lavoratori all’interno dello stabilimento ed oggi si ritrova escluso?”.

L'articolo Pontedera, Piaggio: Usb, protesta su tetto Asl a tutela precari proviene da www.controradio.it.

Moto contro auto, muore 40enne a Pontedera

Moto contro auto, muore 40enne a Pontedera

Morto un uomo di 40 anni a causa di un incidente avvenuto mentre il soggetto era alla guida della sua moto e si stava recando a lavoro.

La vittima, Andrea Nardo di Pisa, stava percorrendo in sella alla sua moto viale America quando, per cause ancora in corso di accertamento, in prossimità con l’incrocio con via Alberto Carpi, si è scontrato con un auto che procedeva in senso contrario. L’uomo di 40 anni è morto poco dopo le 9.00 a Pontedera (Pisa) in seguito alle ferite riportate nell’incidente.

Per il centauro, dipendente del vicino stabilimento Piaggio dove si stava recando, non c’è stato niente da fare. Sul posto sono intervenuti la polizia municipale, i carabinieri e la polizia di Pontedera oltre ad un automedica.

L'articolo Moto contro auto, muore 40enne a Pontedera proviene da www.controradio.it.