RiMateria: no vendita azioni, manifestazione Piombino

RiMateria: no vendita azioni, manifestazione Piombino

Il 22 settembre alle 10 si terrà una manifestazione a Piombino contro la vendita del 30% delle azioni di RiMateria, promossa dal Comitato di Salute Pubblica di Piombino Val Cornia.

Una manifestazione in piazza a Piombino (Livorno) per RiMateria, vogliamo dire no “alla decisione dei Comuni di cedere il 30% delle azioni di RiMateria (azienda partecipata che si occupa di smaltimento e bonifiche industriali) ai privati e contro la costruzione di una nuova discarica a Ischia di Crociano”. E’ quanto annunciato oggi in una nota dal Comitato salute pubblica Piombino Val di Cornia che, come promotore dell’iniziativa, chiama tutta la cittadinanza a partecipare alla manifestazione di protesta che si terrà sabato 22 settembre, alle 10, in piazza Verdi a Piombino.

Durante la manifestazione, che arriverà fin sotto il Comune, sono previsti alcuni interventi per spiegare alla cittadinanza quello che sta accadendo. “La decisione di fare una manifestazione”, è spiegato nella nota “è stata presa durante l’assemblea generale del Comitato poichè il 24 settembre verrà firmata la cessione del 30% delle azioni”.

L'articolo RiMateria: no vendita azioni, manifestazione Piombino proviene da www.controradio.it.

Piombino: rapina e ferisce negoziante, arrestato

Piombino: rapina e ferisce negoziante, arrestato

Ha minacciato e ferito con una bottiglia di vetro rotta il titolare di un negozio di kebab a Piombino (Livorno) per ottenere l’incasso, ma è stato arrestato in flagranza dai carabinieri per tentata rapina e lesioni personali.

L’uomo, un 20enne di origini magrebine, è entrato ieri sera nel locale a Piombino, e dopo aver rotto una bottiglia su un tavolo ha minacciato il proprietario. Al diniego del negoziante ne è nata una colluttazione in cui quest’ultimo ha riportato lesioni da taglio al collo e all’ascella destra, giudicate guaribili in 10 giorni dai medici dell’ospedale piombinese. Dopo l’arresto il 20enne è stato trasferito nel carcere di Livorno.

L'articolo Piombino: rapina e ferisce negoziante, arrestato proviene da www.controradio.it.

Con l’arrivo della prima nave Jindal, riparte produzione

Con l’arrivo della prima nave Jindal, riparte produzione

Piombino, come da programmi è attraccata al porto, domenica mattina, la prima nave dall’India, la Vega Lea proveniente da Chennai, con un carico da 18 mila e 600 tonnellate di semiprodotto, che permetterà di cominciare la produzione di rotaie ‘made in Jindal’ nello storico stabilimento ex Lucchini e poi ex Aferpi.

È il primo carico di semiprodotto Jindal che arriva a Piombino, da quando, a fine luglio, la fabbrica è passata da Cevital al gruppo indiano, colosso mondiale dell’acciaio.

“In questi giorni lo stabilimento torna a riprendere vita dopo mesi in cui era completamente morto: adesso ci sono le condizioni, con un imprenditore siderurgico dell’esperienza di Jindal, per rinascere e ridare un futuro siderurgico e nuove prospettive di lavoro al nostro territorio”. Ha commentato Lorenzo Fusco, segretario Uilm di Livorno, l’arrivo stamani della nave. Una data importante dunque quella di oggi per Piombino, che segna un ritorno concreto alla produzione dopo alcuni mesi in cui lo stabilimento con tutti e tre i treni di laminazione (rotaie, barre e vergella) era rimasto completamente fermo. In realtà nell’ultima settimana lo stabilimento aveva già iniziato a riprendere lentamente vita con la riaccensione del forno del treno rotaie per laminare alcuni blumi rimasti in ‘eredità’ da Cevital.

Ma era fondamentale ripartire al più presto con la produzione massiccia: ci sono infatti ancora da soddisfare 45mila tonnellate di ordini rimasti inevasi nei mesi scorsi a causa del mancato acquisto di Cevital dei blumi necessari. Nel frattempo, nello stabilimento sono iniziati i primi interventi anche sugli altri due treni di laminazione (barre e vergella), in vista di una possibile ripartenza prevista, come sembra, per la fine di ottobre.

Stamani una quarantina di lavoratori degli impianti dell’acciaieria e della cokeria fermi da ormai oltre 4 anni, che non avevano più rimesso piede in azienda da aprile 2014, sono rientrati in fabbrica. “Sono tutti piccoli ma positivi passi – ha sottolineato Fusco – che dovranno diventare la normalità.

Adesso ci aspettiamo l’annuncio dell’arrivo di semiprodotto costante per tutti i treni di laminazione, così da potere ‘riaggredire’ il mercato e riprendere quei clienti persi ormai da troppi anni e discutere seriamente e concretamente della rotazione del massimo numero di lavoratori, per i quali sarà necessario anche un’adeguata formazione.

Decisivo sarà, la conferma a fine settembre, quando è prevista la presentazione delle offerte, di un cliente come Ferrovie dello Stato. Ovviamente sarà importante il prezzo con il quale sarà fornito il semiprodotto per rendere il nostro stabilimento competitivo sui mercati, nell’attesa di tornare a produrre a Piombino l’acciaio necessario”.

I sindacati, oltre alla ripartenza costante dei treni di laminazione, auspicano l’avvio degli smantellamenti dei vecchi impianti per dare prospettive a tutti quei lavoratori dell’indotto.

“Fondamentale poi – conclude il sindacalista della Uilm – sarà accelerare gli studi per gli investimenti per i forni elettrici che permetteranno di tornare a produrre acciaio garantendo la piena occupazione.

In questo frangente attendiamo la convocazione non più rimandabile, o altrimenti dovremo organizzarci come sindacato per ottenere la convocazione, già più volte richiesta al ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio per garantire ammortizzatori sociali adeguati (sia in termini di durata che di valore economico) per l’intera durata del progetto Jindal”.

L'articolo Con l’arrivo della prima nave Jindal, riparte produzione proviene da www.controradio.it.

Affonda imbarcazione, salvi due uomini

Affonda imbarcazione, salvi due uomini

Piombino, due uomini, un 38enne di Siena e un amico di 37 anni, sono stati salvati domenica mattina dalla squadra nautica della polizia di Piombino (Livorno) all’imboccatura del porto, dopo che la loro imbarcazione aveva cominciato a imbarcare acqua.

La polizia è intervenuta alle 10:20 con un proprio mezzo a seguito della richiesta di soccorso via radio del natante in difficoltà, arrivati sul posto, all’imboccatura del porto commerciale di Piombino, con l’ausilio di un gommone dei vigili del fuoco nel frattempo anche loro intervenuti, gli agenti hanno tratto in salvo i due uomini che si trovavano a bordo dell’imbarcazione di 5 metri con motore fuori bordo.

A causa dell’eccessivo imbarco d’acqua il motoscafo è poi semi affondato, rimanendo in galleggiamento con la prua, con un successivo intervento la Capitaneria di Porto ha poi provveduto al rimorchio dell’imbarcazione.

L'articolo Affonda imbarcazione, salvi due uomini proviene da www.controradio.it.

Lavoro: Regione contributi per reinserimenti nel Livornese

Lavoro: Regione contributi per reinserimenti nel Livornese

“L’obiettivo è concedere contributi per tirocini finalizzati al reinserimento lavorativo di coloro che abitano nelle zone di crisi complessa di Livorno e di Piombino” afferma l’assessora al Lavoro Cristina Grieco.

“L’obiettivo è concedere contributi per tirocini finalizzati al reinserimento lavorativo di coloro che, senza un lavoro, abitano nelle zone di crisi complessa di Livorno e di Piombino. Il nostro scopo è mettere in atto azioni concrete per fronteggiate la crisi del mercato del lavoro”.

Ad affermarlo è l’assessora al Lavoro, formazione ed istruzione della Regione Toscana, Cristina Grieco, commentando la delibera, approvata dalla Giunta regionale, che prevede l’avvio di tirocini non curriculari per il reinserimento lavorativo di residenti o domiciliati in un Comune rientrante nelle aree di crisi complessa dell’Area costiera, sia livornese che piombinese.

L’intervento, spiega una nota, ha lo scopo di promuovere interventi capaci di fronteggiare la crisi del mercato del lavoro che interessa le aree di Livorno e Piombino sostenendo la ripresa sociale, economica e produttiva di queste zone attraverso l’attivazione di tirocini non curriculari intesi come misura formativa di politica attiva in grado di permettere un contatto diretto con il mondo del lavoro al fine di accrescere le conoscenze e le competenze professionali dei singoli partecipanti ai tirocini, orientandoli verso scelte consapevoli di reinserimento nel mondo del lavoro, nel quadro delle azioni per il cosiddetto Apprendimento permanente. Alla misura, che rientra nel progetto Giovanisì, è destinato l’importo complessivo di 350 mila euro.

L'articolo Lavoro: Regione contributi per reinserimenti nel Livornese proviene da www.controradio.it.