Venerdì 24 Novembre al Pecci di Prato il Forum del Riciclo

Venerdì 24 Novembre al Pecci di Prato il Forum del Riciclo

La conferenza sulla gestione sostenibile dei flussi di materia e sul riciclo. Economia, istituzioni, ricerca, società a confronto

Da 4 anni Legambiente, l’Editoriale La Nuova Ecologia e il Kyoto Club promuovono il Forum Nazionale Rifiuti, la più importante conferenza sulla gestione sostenibile dei rifiuti del nostro Paese. Da questa esperienza nazionale, nasce in Toscana l’idea di un appuntamento sulle buone pratiche nazionali (private, pubbliche, territoriali) sul Riciclo della materia.

La scelta di svolgere questa edizione a Prato è tutto meno che casuale: la città di Prato può essere considerata a tutti gli effetti una delle capitali mondiali del riciclo, una città che per scelta o per opportunità ha basato la propria economia sulla rigenerazione della materia.

Il Forum del riciclo vuole proporre una vetrina regionale e nazionale alle buone pratiche toscane e non nel campo del riuso, del riciclaggio e della gestione delle filiere industriali del post-raccolta. In questo senso, molto interessante e finalizzata all’immediata comprensione delle potenzialità dei nuovi materiali (nati da materie prime seconde) sarà la mostra intitolata L’eterno ritorno, una vetrina delle “possibilità” concrete di quello che già viene prodotto in Toscana.

La giornata sarà il momento per focalizzare l’attenzione sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento in discarica, tra aziende, istituzioni, mondo dell’economia e della ricerca.

Uno dei temi trattati sarà il ruolo strategico che ha per il settore delle costruzioni la riduzione dell’impatto ambientale e l’ottimizzazione del ciclo della materia e, più in generale, delle risorse.

Oggi questa prospettiva non è più utopia, tramite la spinta all’utilizzo di materiali provenienti dal recupero e a una progettazione che assuma il ciclo di vita di edifici e materiali nella sua interezza.

L’opportunità viene anche dalla legislazione che guarda in questa direzione, come fissato al 2020 dalle Direttive europee che prevedono un recupero di materiali inerti pari al 70%, e contenuti analoghi sono stati introdotti nel nuovo Codice degli Appalti.

La sessione sull’edilizia del Forum del Riciclo farà il punto della situazione toscana, raccontando le esperienze di cantieri, capitolati e materiali che già sono andate in questa direzione che Legambiente sta seguendo attraverso l’Osservatorio Recycle: lo fa aprendo un confronto che può aiutare a capire quali scelte andranno prese nei prossimi anni per accompagnare il percorso, aiutando a promuovere la creazione di nuove imprese e nuovi posti di lavoro.

L'articolo Venerdì 24 Novembre al Pecci di Prato il Forum del Riciclo proviene da www.controradio.it.

Prato, ‘Biancaneve’ ad inaugurare la stagione di MET Ragazzi

Prato, ‘Biancaneve’ ad inaugurare la stagione di MET Ragazzi

Lo spettacolo della compagnia del Teatro del Carretto domani al Teatro Fabbricone, nel pomeriggio. Prima e dopo lo spettacolo il servizio MET Ragazzi Merenda

Ad inaugurare la rassegna MET Ragazzi 2017/2018 al Teatro Fabbricone domani, sabato 18 novembre, alle ore 17.00 ci sarà Biancaneve, primo spettacolo allestito dal Teatro Del Carretto nell’83, quasi un Manifesto della poetica teatrale della Compagnia, con attori e creature in cartapesta, oggetti smisurati o lillipuziani, parola e brani del melodramma, voci e rumori, luci, superfici e colori a trasformare il tessuto narrativo della fiaba dei fratelli Grimm in gioco scenico.

Sulla traccia drammaturgica di Maria Grazia Cipriani che segue fedelmente la fiaba dei Grimm, la scena si apre su una meravigliosa scatola teatrale che all’inizio si presenta come un normale teatro di marionette e che poi si apre come un armadio magico, svelando scomparti, celando trabocchetti, rinnovando continuamente e simultaneamente l’idea di palcoscenico.

È lì che appaiono la grande Matrigna, impersonata da una vera attrice – Elena Nené Barini -, e una microscopica Biancaneve, i nani a grandezza naturale che arrivano a sorpresa dal fondo sala per diventare piccolissimi, e poi teste, paesaggi, personaggi veri, oggetti misteriosi di grandezza spropositata, e la miniera dei nani, tutte opere d’arte create da Graziano Gregori, che prendono vita nelle mani – nascoste e sapienti – di Giacomo Pecchia, Giacomo Vezzani e Jonathan Bertolai.

“Biancaneve, nato in assoluta ingenuità e libertà creativa, è già un contenitore di segni di quella che possiamo dire nostra poetica – afferma Maria Grazia Cipriani. L’incontro tra l’essere umano e l’inanimato (chi dei due è più vero?); la maschera quale elemento distintivo di una ricerca rivolta a un teatro non realistico; il gioco delle proporzioni tra gigantografia e miniatura; musica, suono e parola come ritmo interiore; spazio scenico e costumi che vanno oltre ogni descrizione naturalistica… Segni tutti proporzionati al disegno drammaturgico.”

Il servizio Met Ragazzi Merenda sarà attivo quest’anno prima e dopo lo spettacolo del cartellone con le appetitose merende proposte da I Frari delle Logge.

L'articolo Prato, ‘Biancaneve’ ad inaugurare la stagione di MET Ragazzi proviene da www.controradio.it.

Prato, maltempo: chiusi giardini, cimiteri, aree sportive

Prato, maltempo: chiusi giardini, cimiteri, aree sportive

Il Comune ha ordinato la chiusura di diversi spazi pubblici fino alle 8 di domani mattina in merito all’allerta meteo lanciata dalla Protezione Civile

L’ultimo bollettino emesso dal Cfr regionale prevede vento forte sulla città di Prato con allerta meteo arancione. Per questo ora vengono diramate le ordinanze del sindaco per la chiusura di cimiteri, giardini e parchi pubblici, piste ciclabili e impianti sportivi, sia all’aperto sia chiusi con pallone pressostatico o tensostruttura.

L’ordinanza entrerà in vigore dalle ore 13 di oggi, lunedì 13 novembre, fino alle 8 di domani mattina, martedì 14 novembre. Il Comune raccomanda “alla cittadinanza prudenza e attenzione anche negli spazi che non possono essere fisicamente chiusi”. Aggiornamenti sul sito della protezione civile www.protezionecivile.comune.prato.it.

L'articolo Prato, maltempo: chiusi giardini, cimiteri, aree sportive proviene da www.controradio.it.

Prato, i giovani a teatro con MET RAGAZZI

Prato, i giovani a teatro con MET RAGAZZI

Iniziativa del Teatro Metastasio di Prato e Fondazione Toscana Spettacolo, un cartellone dal 18 Novembre al 26 Maggio per avvicinare i più giovani all’arte scenica

Organizzato da Teatro Metastasio di Prato e Fondazione Toscana Spettacolo onlus, sta per prendere il via a Prato MET RAGAZZI 2017/2018, un progetto programmatico di educazione all’arte scenica per le nuove generazioni a cura di Edoardo Donatini, non una semplice rassegna di teatro-ragazzi, ma un vero e proprio percorso di avvicinamento alla creatività teatrale studiato per favorire l’avvicinamento dei più piccoli al teatro con, da un lato spettacoli e laboratori di teatro e danza destinati ai bimbi e alle famiglie o alle scuole, dall’altro incontri di formazione rivolti a insegnanti e operatori.

Il cartellone, scandito dal prossimo 18 novembre fino al 26 maggio 2018 e distribuito nelle quattro sale della Fondazione (Teatro Metastasio, Teatro Fabbricone, Teatro Fabbricone/Sala Fabbrichino, Teatro Magnolfi), seleziona i lavori di alcune tra le compagnie più rappresentative del settore, riservando un invito speciale alle famiglie nel mese di dicembre per gli appuntamenti di NATALE È TEATRO, con repliche straordinarie degli spettacoli, una istallazione e due laboratori per grandi e piccini.

Il programma include anche quattro spettacoli di danza (di cui tre destinati unicamente al pubblico scolastico) che rientrano in MILLEPIEDI, una rassegna studiata in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo onlus allo scopo di favorire un approccio ‘giovanissimo’ a questa specifica disciplina.

Come già negli ultimi due anni, a partire dal mese di maggio la stagione prosegue con la MET RAGAZZI ESTATE e la compagnia TPO che, nello spazio open air adiacente al Teatro Fabbricone/Sala Fabbrichino, organizza atelier, spettacoli e concerti all’aperto (il dettaglio del programma verrà annunciato prossimamente).

La formazione prevede invece LE ARTI, LA SCENA, una sezione che articola un ciclo di incontri e laboratori riservato a insegnanti e operatori, favorendo il contatto diretto con artisti e poetiche e approfondimenti di tematiche propedeutiche ad avvicinare i bambini all’arte. In questa edizione, in particolare, sono previsti quattro incontri (rispettivamente con Chiara Guidi per la Societas, Flavio Albanese per Teatro Gioco Vita, Compagnia delle Meccaniche Semplici e Teatro Koreja) e sei laboratori, di cui quattro per insegnanti (con Aline Nari, Patrizia Menichelli, Antonio Panzuto,Lili Terrana) e due direttamente in classe (con Kinkaleri, Agita Teatro) (tutto il programma su www.metastasio.it).

Per il terzo anno consecutivo si rinnova anche l’esperienza del LABORATORIO DELLE ARTI DELLA SCENA, espressamente pensato per bambini dai 7 anni in su. Si tratta di un progetto sperimentale di scuola di teatro, un test in preparazione a una vera e propria Accademia per l’infanzia, con laboratori e anche alcuni incontri dedicati ai genitori articolati tra gennaio e maggio 2018 (info e prenotazioni teatroragazzi@metastasio.it, 0574 608531).

Il servizio MET RAGAZZI MERENDA sarà attivo quest’anno prima e dopo tutti gli spettacoli del cartellone con le appetitose merende proposte da I Frari delle Logge.

Inoltre, le Scuole Primarie e Secondarie di Primo e Secondo Grado potranno seguire con prospettive inconsuete le VISITE GUIDATE AL METASTASIO (info e prenotazioni mauro.morucci@metastasio.it, 0574 608519), e chi vorrà far festa in teatro potrà usufruire dello spazio delFabbrichino prenotando È QUI LA FESTA?, il servizio a cura di Compagnia TPO che consente l’uso del foyer, dello spazio teatrale e, in primavera e estate, anche del giardino (info e prenotazioni tpo@tpo.it, 0574 461256).

L'articolo Prato, i giovani a teatro con MET RAGAZZI proviene da www.controradio.it.

Rapporto Ecosistema Urbano 2017 di Legambiente

Rapporto Ecosistema Urbano 2017 di Legambiente

Luci e ombre per le città toscane secondo il rapporto Ecosistema Urbano 2017 di Legambiente, l’annuale rapporto sulle performance ambientali delle città capoluogo italiane realizzato col contributo scientifico dell’istituto di ricerche Ambiente Italia.

Pisa 37ª (a livello nazionale) è prima in regione, seguita da Siena 44ª, Arezzo 48ª, Firenze 51ª, Lucca 55ª, mentre il resto delle città ottiene un giudizio al di sotto della sufficienza.

In Toscana, sostiene Legambiente, “nel complesso abbiamo una buona presenza di isole pedonali, gli alberi, un buon trasporto pubblico nella domanda e nell’offerta, bassi consumi di acqua, ed una sufficiente qualità dell’aria: ma ci sono ancora molti aspetti da migliorare quali l’allarme rosso per la produzione dei rifiuti, le dispersioni della rete idrica, i consumi energetici, l’elevato numero di motocicli circolanti e il tasso di incidentalità stradale”.

Si segnalano tuttavia punte di eccellenza come Siena, che primeggia nel trasporto pubblico locale fra le piccole città, e come Firenze che è fra le città leader per nuova mobilità e sharing mobility.

Le tematiche analizzate dal rapporto, in 16 indicatori, comprendono aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente urbano, energia.

Si ha una buona qualità dell’aria a Grosseto, sufficiente ad Arezzo, Pisa, Pistoia e Siena mentre insufficiente per le altre.

Per il biossido di azoto, Firenze scavalca il limite di oltre il 50% in almeno una centralina.

A fronte di una dispersione idrica “fisiologica” inferiore al 10-15% dell’acqua immessa in rete il dato dei capoluoghi toscani rivela che tra il 20% e 35% ci sono le città di Siena, Livorno, Arezzo, Firenze, Pistoia e Lucca, mentre Prato e Grosseto superano il 35%.

Per la percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti si registra un valore che posiziona le città toscane al di sotto della media: a parte Lucca, tutte le altre appartengono alle classi insufficienti e scarse.

In termini di produzione procapite di rifiuti urbani, Massa e Pisa sono tra le 14 città che superano i 650 kg per abitante all’anno.

Lucca e Firenze fanno parte delle 12 città più “camminabili”, che hanno un valore almeno doppio rispetto alla media di isole pedonali (0,40 metri quadrati per abitante).

Sempre Firenze è l’unica città toscana con un tasso inferiore a 500 auto per mille abitanti. Arezzo è invece tra le 21 città italiane che presentano una dotazione superiore a 20 alberi per 100 abitanti, ed è quarta in Italia per diffusione del solare fotovoltaico.

L'articolo Rapporto Ecosistema Urbano 2017 di Legambiente proviene da www.controradio.it.