‘Prato al futuro’, presentato il percorso partecipativo per il nuovo Piano operativo

‘Prato al futuro’, presentato il percorso partecipativo per il nuovo Piano operativo

🔈Prato, con una conferenza stampa, alla quale erano presenti il Sindaco Matteo Biffoni, l’Assessore all’Urbanistica Valerio Barberis e Francesco Caporaso, Dirigente del Servizio Urbanistica, è stato presentato il programma di partecipazione e comunicazione di Prato al Futuro.

Prato al Futuro è un percorso di comunicazione e partecipazione che il Comune di Prato ha attivato per accompagnare la redazione del suo nuovo Piano Operativo.

Si tratta di un denso programma di momenti e luoghi, fisici e virtuali, dove incontrare gli abitanti, l’associazionismo, i professionisti, gli imprenditori e condividere con ciascuno la visione generale di sviluppo sociale, culturale ed economico della città di Prato.

Il Piano Operativo è uno strumento urbanistico che, partendo dalla visione generale di sviluppo sociale, culturale ed economico della città di Prato, formulata dall’Amministrazione nell’Atto di Indirizzo, stabilisce nel dettaglio dove, come e quanto si può intervenire nella trasformazione, valorizzazione e tutela del territorio comunale, sia nelle aree urbane che nelle aree agricole.

Il percorso di partecipazione si articolerà lungo un periodo di quattro mesi, da settembre a dicembre 2017. Ogni mese un programma, denso di momenti di conoscenza e di partecipazione intorno a ciascuno dei quattro grandi assi tematici lungo i quali si articola lo sviluppo della città che il nuovo Piano Operativo è chiamato a interpretare. Attorno a ogni asse tematico avranno luogo eventi di diversa natura, da incontri con i cittadini a workshop rivolti a progettisti e professionisti a iniziative più ludiche, che coinvolgeranno attivamente tutta la cittadinanza. Senza dimenticare il Piano Operativo dei bambini, un “percorso nel percorso” creato appositamente per i più giovani.

Per coinvolgere professionisti, operatori e abitanti di Prato è stato organizzato un programma di attività con oltre 60 eventi.

Controradio seguirà in maniera puntuale lo sviluppo del percorso partecipativo.

Andrea Mi ha intervistato il sindaco di Prato Matteo Biffoni:

L'articolo ‘Prato al futuro’, presentato il percorso partecipativo per il nuovo Piano operativo proviene da www.controradio.it.

Barcellona: bandiere mezz’asta a Prato, presidio a Viareggio

Barcellona: bandiere mezz’asta a Prato, presidio a Viareggio

“Barcellona, i terroristi dell’ Isis, come i nazisti, colpiscono la folla inerme e innocente: 13 morti e decine di feriti. No pasaran !”:  scrive invece sul suo profilo facebook,il presidente della Regione Toscana ed esponente di Mdp Enrico Rossi

Sul Palazzo comunale di Prato, su disposizione della presidenza del Consiglio del Ministri, sono
state issate a mezz’asta la bandiera italiana e quella europea in segno di cordoglio e solidarietà al popolo inglese dopo l’attacco terroristico di Barcellona. “La città di Prato è
vicina alle famiglie delle vittime a alla città di Barcellona colpita da questo vile attacco terroristico. – ha dichiarato il sindaco Matteo Biffoni -. Hanno voluto colpire una città
meravigliosa, simbolo di contemporaneità e libertà. Non piegheranno Barcellona, la paura e la violenza non fermeranno la città catalana, non fermeranno l’Europa”.
A Viareggio (Lucca) il Pd ha invece promosso un’iniziativa per questo pomeriggio alle 17, di fronte alla sede del partito in via Regia, invitando “iscritti, simpatizzanti, amici del
Partito democratico di Viareggio e Torre del Lago a ritrovarsi per un simbolico atto di protesta contro l’ennesima strage terroristica in Spagna. Insieme osserveremo un minuto di
silenzio in memoria delle vittime”.

Barcellona, i terroristi dell’ Isis, come i nazisti, colpiscono la folla inerme e innocente: 13
morti e decine di feriti. No pasaran !”: lo scrive invece sul suo profilo facebook, usando l’espressione di Dolores Ibarruri, la ‘pasionaria’ della Spagna repubblicana, il presidente della
Regione Toscana ed esponente di Mdp Enrico Rossi. “Non cambieranno la nostra libertà, nè il nostro stile di vita. Gli Stati – conclude Rossi – facciano fino in fondo il loro dovere nella lotta al terrorismo e ai suoi sostenitori ovunque si annidino”.

L'articolo Barcellona: bandiere mezz’asta a Prato, presidio a Viareggio proviene da www.controradio.it.

Prato, vermi, topi e alimenti putrefatti: chiuso paninaro

Prato, vermi, topi e alimenti putrefatti: chiuso paninaro

Alimenti in putrefazione nei congelatori, vermi e topi: è questo lo scenario che hanno trovato ieri gli agenti della polizia municipale che hanno sequestrato la casa di abitazione, il magazzino e il furgone di  uno dei paninari che normalmente staziona nel Macrolotto 1.

Il furgone gli era già stato sequestrato almeno cinque volte in passato e restituito, come prevede la norma, dopo la regolarizzazione dei comportamenti sanzionati.
Lui, imprenditore di nazionalità cinese di 30 anni, circondato da collaboratori altrettanto giovani di cui 2 in stato di clandestinità, è stato individuato all’interno di un immobile in cui non ha la residenza e neppure la sede della ditta, che per il momento detiene in altra parte della città. Il commerciante ha un titolo per l’esercizio dell’attività di vendita e somministrazione di alimenti in forma ambulante presentato al Comune esattamente come prevede la norma sulla liberalizzazione delle attività.
Gli immobili nella disponibilità dell’ambulante si sono presentati agli agenti di Piazza Macelli in condizioni igienico-sanitarie gravissime, al punto da far scattare il sequestro preventivo penale per ragioni sanitarie.Un congelatore, pieno per metà di alimenti in putrefazione, brulicava di vermi che cadevano a grappoli dal coperchio sollevato; il pavimento degli immobili era cosparso di escrementi di topo e di topi morti. Durante tutto il sopralluogo i ratti scorrazzavano davanti agli agenti per niente impauriti dalle persone presenti.
Tutti gli alimenti, compresi dei granchi alcuni dei quali ancora vivi, sono risultati conservati in pessime condizioni igieniche: non adeguatamente confezionati, privi di etichettatura e di data di confezionamento e scadenza. Gli stessi contenitori versavano in condizioni fatiscenti; un
congelatore da cui uscivano miasmi insopportabili presentava sul fondo uno strato putrido in sobbollimento.

I frigoriferi ed i congelatori erano sporchi e rugginosi. La verdura veniva
conservata nel cassone del furgone in condizioni assolutamente antigieniche, mescolata a bombole di GPL, cavi, generatori di corrente ed altro materiale sporco. La casa in cui l’ambulante dimorava insieme ad almeno altre cinque persone, di cui due accertate in stato di clandestinità, è risultata in pessimo stato di manutenzione e conservazione, completamente tramezzata al fine di ricavare tanti dormitori tutti sottodimensionati e con aria e luce naturale assente o insufficiente. Sono state rinvenute almeno una quindicina di bombole di GPL stoccate e sacchi di carbone di legna, normalmente utilizzati per i  bracieri, e diversi gazebo smontati che usualmente i paninari adoperano per allestire gli spazi per la consumazione.

 

L'articolo Prato, vermi, topi e alimenti putrefatti: chiuso paninaro proviene da www.controradio.it.

Comune Prato vince premio ‘urbanistica’ con 3 progetti

Comune Prato vince premio ‘urbanistica’ con 3 progetti

Il Comune di Prato vince il Premio Urbanistica, il concorso indetto dalla rivista scientifica dell’Istituto Nazionale di Urbanistica che dal 2006 seleziona i progetti preferiti dai visitatori di Urbanpromo, l’evento nazionale di riferimento per la rigenerazione urbana organizzato dall’Inu e da Urbit.

Nel corso della manifestazione dello scorso anno alla Triennale di Milano i visitatori hanno scelto, tramite referendum, nove progetti tra quelli esposti nella gallery del sito www.urbanpromo.it . Il Comune di Prato è tra i più votati nella categoria ‘Rigenerazione ambientale, economica e sociale’ con i progetti del parco urbano fluviale ‘Riversibility’ e del
Parco Centrale, interventi che puntano a riportare le aree a una nuova vita di centralità per la città. Ma è tra i più scelti anche nella categoria ‘Innovazioni tecnologiche nella gestione
urbana’ con ‘Piu Prato’, il progetto di innovazione urbana incentrato sul riuso dell’edificato esistente per portare nuove funzioni pubbliche e la creazione di nuovi spazi pubblici al
nuovo Macrolotto O.
“E’ certamente una grande soddisfazione che ancora una vota Prato e i suoi progetti, non era mai successo che un Comune vincesse per tre lavori – hanno commentato il sindaco Matteo
Biffoni e l’assessore all’Urbanistica Valerio Barberis -. La strada intrapresa da questa amministrazione passa per l’attenzione al quotidiano ma anche dalla progettazione e da una
visione più ampia di città”. La premiazione dei progetti vincitori si terrà nell’ambito della quattordicesima edizione di Urbanpromo, in programma alla Triennale di Milano dal 21 al 24
novembre prossimi. Inoltre, i progetti saranno presentati all’interno di una specifica pubblicazione distribuita con URBANISTICA, la storica rivista dell’Inu fondata nel 1933.

L'articolo Comune Prato vince premio ‘urbanistica’ con 3 progetti proviene da www.controradio.it.

Prato Calcio: inchiesta baby calciatori, lascia ad Prato

Prato Calcio: inchiesta baby calciatori, lascia ad Prato

“Ho deciso di lasciare – ha detto ai microfoni del Tg Rai della Toscana – con la certezza di essere una persona onesta e che questo verrà presto fuori”.

Si è dimesso dalla carica di amministratore delegato del Prato calcio Paolo Toccafondi, raggiunto da un provvedimento di interdizione dalla gestione della società nell”ambito dell”inchiesta della procura di Prato sul sistema di false documentazioni per far arrivare in Toscana giovani promesse del calcio africano.Intanto si sono avvalsi della facoltà di non rispondere le persone raggiunte da ordinanze cautelari: il presidente della Sestese, Filippo Giusti, agli arresti domiciliari, e le due persone in carcere, il procuratore sportivo Filippo Pacini e una ivoriana accusata di aver dichiarato il falso sulla maternità di un baby calciatore, per il quale avrebbe falsificato la documentazione con lo scopo di ottenere ricompense in denaro dai dirigenti dalle società calcistiche coinvolte.

L”ad e presidente del Prato Calcio Paolo Toccafondi, lascia la carica per “non penalizzare l”attività” della società in seguito all”inchiesta della procura di Prato in cui è coinvolto sul sistema di false documentazioni per far arrivare in Toscana giovani promesse del calcio africano. Per lui le accuse sono favoreggiamento dell”immigrazione clandestina e frode sportiva. Lo spiega un comunicato della società nella quale si spiega che l”Ac Prato che proseguirà “il proprio percorso sportivo in attesa che si possa chiarire ogni aspetto di detta vicenda, nel rispetto del lavoro della magistratura, auspicando che al più presto questa si concluda positivamente”. “Paolo Toccafondi – continua il comunicato – intende chiarire la propria posizione al fine di ribadire che la Società ha sempre operato nel rispetto delle regole. Il Presidente stesso, peraltro, nel passato recente, si è fatto promotore di iniziative virtuose e volte a rendere maggiormente trasparente il mondo del calcio”

L'articolo Prato Calcio: inchiesta baby calciatori, lascia ad Prato proviene da www.controradio.it.