“Un’altra estate” 2018 parte oggi da Marciana Marina

FIRENZE - Parte oggi, giovedì 19 luglio, da Marciana Marina la quarta edizione di "Un'altra estate", iniziativa della Regione Toscana realizzata con il supporto di Toscana Promozione Turistica e la collaborazione di Fondazione Sistema Toscana, Il Tirreno, Vetrina Toscana, Federazione Europea Itinerari Storici Culturali Turistici (Feisct), con cui si intende valorizzare la destinazione turistica toscana e i prodotti enogastronomici locali lungo la costa.

La rassegna quest'anno si compone di sette tappe e sarà ospitata in altrettante piazze dislocate in borghi lungo la costa toscana o nelle immediate vicinanze, valorizzando piatti e prodotti della tradizione locale, in occasione dell'‘Anno del Cibo italiano' voluto dal Ministero del Turismo e dei Beni culturali e dal Ministero delle Politiche Agricole.

"La magia dei luoghi, la varietà dei sapori e la forza delle immagini saranno i veri protagonisti degli eventi che animeranno i giovedì di Un'altra Estate - afferma l'assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo - e nella rinnovata collaborazione con Il Tirreno anche quest'anno metteremo in mostra quanto la nostra regione può offrire nei suoi tanti borghi, ricchi di tradizione e altamente evocativi".

A Marciana Marina dunque il battesimo dell'edizione 2018: alle ore 18 l'appuntamento è in piazza della Vittoria, la suggestiva piazza affacciata sul lungomare dalla quale è possibile ammirare la cinquecentesca torre degli Appiani, eretta per difendere il borgo dai continui attacchi pirateschi. Da qui partenza della visita guidata gratuita alla scoperta del pittoresco Borgo di Cotone, un luogo dal fascino antico che ha conservato i tratti tipici del borgo di pescatori.

A seguire l'evento che a partire dalle ore 19, dopo i saluti istituzionali da parte di Alberto Peruzzini, direttore di Toscana Promozione Turistica, Luigi Vicinanza, direttore del quotidiano Il Tirreno e Gabriella Allori, sindaco di Marciana Marina, vedrà Irene Arquint, giornalista esperta di enogastronomia, intervistare i produttori locali, offrendo spunti per vivere la Toscana attraverso sapori e caratteristiche locali. Coinvolti anche i ristoratori locali, che in ogni tappa proporranno un piatto tipico locale: il piatto della tradizione protagonista della serata sono gli spaghetti alla margherita (granseola). Al termine delle interviste, saranno offerti dei piccoli assaggi delle pietanze preparate per l'occasione.

Durante la settimana dell'evento i ristoranti della zona appartenenti alla rete di Vetrina Toscana offriranno un apposito menu di territorio targato "Un'Altra Estate".

Ad ogni tappa il Tirreno farà dono alle amministrazioni comunali ospitanti di una gigantografia appositamente realizzata per l'occasione con uno scorcio caratterizzante la località. Cultura, natura e curiosità di un territorio in grado di offrire mille occasioni per itinerari di viaggio adatti a soddisfare le esigenze di molteplici tipologie di turismo. 

Rossi a Figline: “Bekaert azienda canaglia. Ora governo intervenga su commesse”

FIGLINE VALDARNO - "Siamo di fronte ad una multinazionale canaglia che si è comportata come un parassita: ha acquisito questa impresa, le competenze, e adesso delocalizza laddove il lavoro costa meno". Lo ha detto il presidente della Regione Enrico Rossi, durante la manifestazione politica a sostegno dei lavoratori della Bekaert che si è svolta oggi in piazza Marsilio Ficino a Figline Valdarno.

"Non ci sono spiragli - ha aggiunto Rossi - e l'ultima riunione, quella di ieri a Roma al Ministero dello Sviluppo Economico, è stata una riunione informativa, molto drammatica, perché l'azienda non cede e non vuole ritirare il provvedimento di chiusura dello stabilimento per aprire una trattativa serena e quindi tocca al Governo intervenire, chiedendo alla Pirelli di agire innanzitutto sulle commesse, che non sono state ridimensionate o ritirate".

"Il Governo a mio parere - ha concluso il presidente Rossi - può fare anche provvedimenti specifici per costringere l'azienda a fare passi indietro. E poi credo che si debba puntare senz'altro ad un intervento di reindustrializzazione che occupi tutti i lavoratori".

Per la prossima settimana è stata convocata una nuova riunione del tavolo generale presso il Mise.

Saccardi replica a Ghinelli: “Le risorse messe a disposizione dalla Regione servono proprio per i servizi sociali e socio-sanitari”

FIRENZE - "Le risorse che dalla Regione vanno alle Società della Salute o ai distretti sono, come l'amministrazione dovrebbe sapere bene, risorse che vanno a disposizione delle amministrazioni comunali per realizzare per l'appunto i servizi sociali e socio-sanitari. Sempre che le amministrazioni comunali le sappiano utilizzare a favore dei loro cittadini". L'assessore al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi replica in maniera decisa alle dichiarazioni del sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli e dell'assessore alla sanità Lucia Tanti, che affermano che, piuttosto che destinare ingenti risorse agli accorpamenti e alle Società della Salute, la Regione farebbe meglio a destinare queste risorse ai servizi.

"Queste risorse - chiarisce Stefania Saccardi - provengono in parte dal Fondo sanitario e in parte dal Fondo sociale. Se Ghinelli avesse letto la delibera, avrebbe visto che devono essere rendicontate in termini di programmazione di servizi sociosanitari per il territorio. Stupisce quindi che si chiamino "paghette" risorse aggiuntive che il Comune di Arezzo avrà a disposizione per migliorare e accrescere i servizi per i propri cittadini, anche per quelli che hanno votato per Ghinelli e non per Rossi".

"E' offensivo - dice ancora l'assessore Saccardi - che si ritengano "paghette" le risorse che vengono stanziate dalla Regione per realizzare i servizi sociali. Se il sindaco di Arezzo ritiene di non utilizzare le risorse messe a diisposizione dalla Regione Toscana per i suoi cittadini, ce le restituisca e noi le utilizzeremo per i cittadini di altre zone. Le risorse aggiuntive - chiarisce - sono state stanziate dalla Regione non per un programma politico, come sostiene Ghinelli, ma per aiutare e sostenere le zone che decidono di unirsi a migliorare e unificare i servizi, e per evitare che l'unificazione delle zone potesse andare a penalizzare i bilanci sul sociale di alcuni Comuni che avevano quote sociali diverse rispetto ad altri. Ma ciò che conta davvero - conclude -, e che il sindaco di Arezzo non ha compreso, è che queste risorse sono messe a disposizione dei Comuni per rendere servizi ai cittadini, compresi quelli, ripeto, che hanno votato per il sindaco di Arezzo".

"Per quanto invece attiene all'unificazione delle zone - informa infine l'assessore - è ancora in corso una riflessione all'interno della Giunta e del Consiglio sull'assetto definitivo".

Pontasserchio: dopo la lettera della Regione a Sat e Salt sui pedaggi, parola ora al Ministero

FIRENZE – La Regione Toscana ha scritto a Sat e Salt per chiedere l'azzeramento o almeno una forte riduzione dei pedaggi per i cittadini costretti ad usare l'autostrada per la chiusura del ponte di Pontasserchio e le due società si sono dette disponibili. Adesso la parola è al Ministero delle infrastrutture, che deve autorizzare l'operazione.

"E' urgente dare risposte concrete al forte disagio di tanti cittadini - spiega l'assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli - e continueremo nel nostro impegno perché il riscontro del Ministero si positivo. I lavori sono già in corso e agire sui pedaggi - conclude - è la soluzione che consentirebbe di alleviare, almeno in parte, le difficoltà di chi ogni giorno si muove in quell'area".
 

“Un’altra estate” 2018, prima tappa giovedì 19 luglio a Marciana Marina

FIRENZE - Parte domani giovedì 19 luglio da Marciana Marina la quarta edizione di "Un'altra estate", iniziativa della Regione Toscana realizzata con il supporto di Toscana Promozione Turistica e la collaborazione di Fondazione Sistema Toscana, Il Tirreno, Vetrina Toscana, Federazione Europea Itinerari Storici Culturali Turistici (Feisct), con cui si intende valorizzare la destinazione turistica toscana e i prodotti enogastronomici locali lungo la costa.

La rassegna quest'anno si compone di sette tappe e sarà ospitata in altrettante piazze dislocate in borghi lungo la costa toscana o nelle immediate vicinanze, valorizzando piatti e prodotti della tradizione locale, in occasione dell'‘Anno del Cibo italiano' voluto dal Ministero del Turismo e dei Beni culturali e dal Ministero delle Politiche Agricole.

"La magia dei luoghi, la varietà dei sapori e la forza delle immagini saranno i veri protagonisti degli eventi che animeranno i giovedì di Un'altra Estate - afferma l'assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo - e nella rinnovata collaborazione con Il Tirreno anche quest'anno metteremo in mostra quanto la nostra regione può offrire nei suoi tanti borghi, ricchi di tradizione e altamente evocativi".

A Marciana Marina dunque il battesimo dell'edizione 2018: alle ore 18 l'appuntamento è in piazza della Vittoria, la suggestiva piazza affacciata sul lungomare dalla quale è possibile ammirare la cinquecentesca torre degli Appiani, eretta per difendere il borgo dai continui attacchi pirateschi. Da qui partenza della visita guidata gratuita alla scoperta del pittoresco Borgo di Cotone, un luogo dal fascino antico che ha conservato i tratti tipici del borgo di pescatori.

A seguire l'evento che a partire dalle ore 19, dopo i saluti istituzionali da parte di Alberto Peruzzini, direttore di Toscana Promozione Turistica, Luigi Vicinanza, direttore del quotidiano Il Tirreno e Gabriella Allori, sindaco di Marciana Marina, vedrà Irene Arquint, giornalista esperta di enogastronomia, intervistare i produttori locali, offrendo spunti per vivere la Toscana attraverso sapori e caratteristiche locali. Coinvolti anche i ristoratori locali, che in ogni tappa proporranno un piatto tipico locale: il piatto della tradizione protagonista della serata sono gli spaghetti alla margherita (granseola). Al termine delle interviste, saranno offerti dei piccoli assaggi delle pietanze preparate per l'occasione.

Durante la settimana dell'evento i ristoranti della zona appartenenti alla rete di Vetrina Toscana offriranno un apposito menu di territorio targato "Un'Altra Estate".

Ad ogni tappa il Tirreno farà dono alle amministrazioni comunali ospitanti di una gigantografia appositamente realizzata per l'occasione con uno scorcio caratterizzante la località. Cultura, natura e curiosità di un territorio in grado di offrire mille occasioni per itinerari di viaggio adatti a soddisfare le esigenze di molteplici tipologie di turismo.