Firenze, società ‘risciò’: “Comune dialoghi con noi”

Firenze, società ‘risciò’: “Comune dialoghi con noi”

‘Eco Green Tours’, società di tour con risciò, ha chiesto al sindaco Nardella di aprire dialogo dopo l’annunciato giro di vite: “distinguere servizi regolari da ‘abusivi'”

Aprire un dialogo con il Comune di Firenze per concordare linee comuni sul tema del servizio offerto dai ‘risciò elettrici’, avendo cura di distinguere tra chi effettua un servizio regolare, a norma, e i ‘risciò abusivi’. È quanto chiede a Palazzo Vecchio Eco Green Tours, azienda specializzata nell’offerta di tour ecologici su veicoli elettrici.

Proprio nei mesi scorsi il sindaco Dario Nardella aveva annunciato di essere al lavoro su una norma per limitare “l’eccessivo proliferare”, aveva spiegato, di questo tipo di mezzi. “Vista l’attuale situazione di incertezza normativa, l’agenzia – spiega una nota della società – sta cercando però, prima di tutto, di avviare una duratura collaborazione con l’amministrazione comunale di Firenze che tenga conto dei nuovi sviluppi sul fronte legislativo, della necessità del Comune di Firenze di regolamentare il servizio, ma anche della necessità dell’azienda di continuare a operare e garantire lavoro ai propri collaboratori.

Il tutto continuando a offrire un servizio dalle ottime potenzialità sia per la città che per i turisti”. La società chiede dunque al Comune un momento di confronto, dichiarandosi disponibile a fare la propria “parte per rendere la città più vivibile, anche attivando servizi in convenzione per l’accesso alla Ztl e contribuendo a migliorare la situazione cittadina”. Quanto alla distinzione tra risciò abusivi e non, Eco Green tours lamenta di essere “spesso inserita in quest’ultima categoria, quando invece offriamo una prestazione chiara, strutturata e regolare”.

L'articolo Firenze, società ‘risciò’: “Comune dialoghi con noi” proviene da www.controradio.it.