Una terrazza dedicata a Marasco

Una terrazza dedicata a Marasco
Il sindaco Nardella: “Un artista irriverente e un vero fiorentino, per lui un festival estivo”
La terrazza sull’Arno antistante piazza Poggi è stata intitolata oggi a Riccardo Marasco, artista, cantante e compositore fiorentino. A scoprire la targa è stato il sindaco Dario Nardella, insieme all’assessore alla toponomastica Andrea Vannucci e ai familiari di Marasco, tra cui la vedova Virginia. “Marasco – ha detto il sindaco Nardella – è stato un grande artista e cantautore, a lui Firenze deve molto di più di quanto gli ha restituito. Marasco ha incarnato il vero spirito fiorentino: è stato libero, testardo, sagace, irriverente. Stava fuori dai giri, non andava avanti a conoscenze, e per questo ha dovuto superare dei momenti difficili. Tutti conoscono la sua canzone più famosa, l’alluvione, un dramma da lui trasformato con ironia in un momento divertente. Pochi conoscono invece i suoi studi sulla musiche antiche, dal Medioevo al Barocco, dimenticate negli archivi e da lui portate alla luce in tanti concerti”. “Mi piacerebbe che proprio qui su questa terrazza – ha annunciato il sindaco – dalla prossima estate ci fosse la possibilità di organizzare un festival dedicato a lui e alla musica tradizionale fiorentina, una vera e propria ricchezza dell’Italia”. “Questa terrazza – ha aggiunto l’assessore Vannucci – è uno dei luoghi dell’anima di Firenze e qui si incontrano tante generazioni diverse. Tramandare la musica di Marasco di generazione in generazione è il modo migliore di preservarne l’eredità”.

Tracce. Dialoghi ad arte

TRACCE
DIALOGHI AD ARTE NEL MUSEO DELLA MODA E DEL COSTUME

Lunedì 18 dicembre 2017 ore 11.30
Sala del Fiorino di Palazzo Pitti, Firenze

PRESENTAZIONE DEL NUOVO ALLESTIMENTO DEL MUSEO DELLA MODA E DEL COSTUME E DEL NUOVO DEPOSITO
costruito con i fondi frutto della collaborazione fra le Gallerie degli Uffizi, il Centro Fiorentino per la Moda Italiana, Pitti Immagine e Pitti Discovery.

Nel Museo della Moda e del Costume, a partire dal 19 dicembre 2017, si potrà ammirare una nuova mostra/allestimento, curata da Caterina Chiarelli, Simonella Condemi e Tommaso Lagattolla con il coinvolgimento diretto della Galleria di arte moderna di Palazzo Pitti, dalla quale provengono dipinti e sculture inseriti nel percorso espositivo. Questo si sviluppa mettendo in evidenza le corrispondenze tra le creazioni di stilisti-artisti e artisti-couturiers operosi dagli anni Trenta del Ventesimo secolo fino ai giorni nostri, sottolineando i diversi linguaggi che si sono avvicendati: un periodo denso di grandi rivolgimenti dei codici estetici e figurativi.

Il titolo scelto fa subito avvertire la novità del metodo: “Tracce. Dialoghi ad arte” evoca infatti, e riporta alla nostra attenzione voci perdute, o rese ormai silenziose da una griglia interpretativa prevedibile.

La mostra ora allestita nel Museo della Moda e del Costume, invece, rivoluziona i criteri espositivi finora seguiti per questo genere di eventi: le opere esposte – 107 tra abiti, accessori, dipinti e sculture – non si configurano più per “categorie dominanti” e silenziosi “arredi a commento”, ma dialogano attivamente. Tutti gli elementi presenti diventano protagonisti, rapportandosi gli uni con gli altri, e quindi con la loro stessa immagine riflessa negli specchi che caratterizzano l’allestimento, creando un suggestivo e coinvolgente effetto di dilatazione degli spazi, di replica delle linee e dei colori degli abiti, oltre che di amplificazione delle luci che ne esaltano le forme. La presentazione degli abiti e delle opere d’arte non è precisamente cronologica, perché vuole essere un invito ad una loro diversa lettura, che privilegi le corrispondenze formali, oltre ad evidenziare analogie di ambito culturale. Si è ricercata quindi una corrispondenza di segni e decori fra i capi stessi e tra questi e i dipinti e le sculture esposte nelle varie sezioni.

In questa stessa occasione verrà presentato alla stampa anche il nuovo deposito degli abiti e del tessile della vasta collezione del Museo della Moda e del Costume, che si trova sempre a Palazzo Pitti, nella nuova ala adiacente al primo deposito.

“L’occasione della presentazione del nuovo deposito per la custodia delle collezioni di moda – dichiara Andrea Cavicchi, Presidente del Centro di Firenze della Moda Italiana e della Fondazione Pitti Immagine Discovery – è un passaggio fondamentale nel percorso di collaborazione tra CFMI, Pitti Immagine e Fondazione Pitti Discovery, con le Gallerie degli Uffizi. In questi due anni di lavoro insieme, oltre ad aver realizzato la mostra monografica di Karl Lagerfeld e il Museo effimero della Moda, curata da Olivier Saillard, abbiamo lavorato alla creazione di una struttura permanente per la conservazione e la valorizzazione della Moda contemporanea”.

Il Direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt afferma che “i nuovi depositi, realizzati con il contributo finanziario del Centro Fiorentino per la Moda Italiana, di Pitti Immagine e della Fondazione Pitti Discovery, dal punto di vista tecnologico sono assolutamente all’altezza di quelli degli altri grandi musei della moda al mondo. E sono un’ennesima prova che la tutela e la diffusione della cultura traggono immenso beneficio dall’aprirsi dei musei ad altre realtà: la collaborazione delle Gallerie degli Uffizi con l’ambiente produttivo delle aziende toscane, e di queste in particolare, ha portato novità e idee in città, ma anche risultati pratici evidenti, tra i quali i nuovi depositi. Ciascuna entità trae spinta dall’altra, in un dialogo fattivo e utile per tutti, così come nella mostra Tracce ogni oggetto viene valorizzato dal confronto intelligente – e spesso inaspettato – con le altre opere”.

L’esposizione, promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo e dalle Gallerie degli Uffizi con Firenze Musei, è corredata da un percorso virtuale accessibile nella sezione IperVisioni del sito web delle Gallerie degli Uffizi all’indirizzo www.uffizi.it.

I cantieri della prossima settimana

Viabilità, ecco i cantieri della prossima settimana

Lavori in notturna nel sottopasso Strozzi, asfaltature in zona don Minzoni e manutenzione alberature in viale Redi: questi alcuni dei lavori stradali che partiranno la prossima settimana in città.

Ecco il dettaglio:

Via del Giglio: il 18 dicembre divieto di transito dalle 16.30 alle 19.30 per sollevamento materiali nel tratto Alloro-Melarancio.

Via dei Ginori: per un trasloco, previsto un restringimento di carreggiata nel tratto Taddea-Guelfa il 18 dicembre.

Via dell’Olmo: il 18 dicembre ci saranno lavori di sollevamento con gru con divieto di transito dalle 5 alle 16.

Lungarno Guicciardini: il 18 dicembre ci sarà un restringimento di carreggiata da mezzanotte alle 5.30 del mattino per sollevamento materiali.

Via Lanzi: divieto di transito dalle 7 alle 18 del 18 dicembre per lavori edili nel tratto da Largo Cantù a Vittorio Emanuele.

Controviale Guidoni: divieto di transito dalle 8 alle 20 nel tratto da Pertini a Barsanti per installazione opera al Palazzo di Giustizia.

Via Ridolfi e piazza Indipendenza: lavori edili il 18 e 19 dicembre; dalle 6 del 18 alle 17 del 19 dicembre in via Ridolfi senso unico alternato con movieri e in piazza Indipendenza divieto di sosta.

Via Brunelleschi: sono previsti lavori edili dal 18 al 19 dicembre con restringimento di carreggiata all’altezza di via Tosinghi.

Sottopasso Rosselli-Strozzi: dal 18 al 19 dicembre in orario notturno (22-5) sono previsti restringimenti di carreggiata per lavori legati alla linea 2 della tramvia.

Via Maffia: divieto di transito dal 18 al 20 dicembre nel tratto da via Sant’Agostino a via Santo Spirito dalle 7 alle 19 per lavori edili.

Viuzzo dei Bruni: per lavori divieto di transito dal 18 al 22 dicembre.

Via Santa Margherita a Montici: per allaccio Toscana Energia divieto di transito dal 18 al 22 dicembre nel tratto Fortini-Pian dei Giullari.

Via del Fossetto: nel tratto da via Argin Secco a via Pistoiese divieto di transito dal 18 al 22 dicembre per lavori di messa in sicurezza.

Via del Parioncino: sono previsti lavori di transito nel tratto da Purgatorio a Parione dal 18 dicembre al 17 marzo 2019.

Via di Camaldoli: nel tratto da via dell’Orto a piazza Tasso il 19 dicembre previsto divieto transito dalle 6 alle 16 il 19 dicembre.

Via Gianfigliazzi: il 19 dicembre sono previsti lavori edili, con divieto di transito dalle 7 alle 18.

Via del Francione: divieto di transito in orario 21-6 per posa infrastruttura Open fiber dal 19 al 20 dicembre.

Viale Redi: dal 19 al 20 dicembre chiusura marciapiede con percorso pedonale alternativo e restringimento carreggiata con movieri per manutenzione alberature. Il tratto interessato è da via San Iacopino a via Cassia, lato abitazioni.

Via Maffia: all’altezza del civico 43 il 20 dicembre è previsto un trasloco, con restringimento di carreggiata dalle 7 alle 14.

Piazza delle Pallottole: il 20 dicembre sono previsti lavori edili con divieto di transito dalle 7 alle 17 nel tratto all’altezza dei civici 7 e 10/r.

Via Santo Spirito: trasloco il 20 dicembre, con divieto di transito dalle 9 alle 16 nel tratto da Geppi a Maffia.

Piazza Signoria: il 21 dicembre, per un trasloco, ci sarà un restringimento di carreggiata all’angolo con via Calzaiuoli, dalle 5 alle 12.

Viale don Minzoni: lavori di asfaltatura dal 21 al 22 dicembre, in orario notturno (dalle 20.30 alle 7), con restringimento di carreggiata nel tratto da Pascoli a via Lungo il Mugnone.

Via Bartolomeo della Gatta: divieto di transito dal 21 al 22 dicembre dalle 21 alle 6 per poisa infrastruttura Open Fiber.

Via dell’Oriuolo: dal 22 al 23 dicembre ci sarà la riparazione di una gronda pericolante, con divieto di transito dal 21 alle 5 nel tratto Portinari-Sant’Egidio.

Via San Felice a Ema: dal 21 al 24 dicembre, per smontaggio ponteggio, sono previsti restringimenti di carreggiata con senso unico alternato dalle 9 alle 17, all’altezza del civico 7.

Parcheggio scambiatore Villa Costanza, raddoppiano le presenze

Parcheggio scambiatore Villa Costanza, raddoppiano le presenze
Aumentano i clienti in circa sei mesi. Scendono le tariffe. Le altre novità

Una media di 160 presenze giornaliere, praticamente raddoppiate in circa sei mesi. I dati sono emersi stamani durante l’incontro di aggiornamento sullo sviluppo del parcheggio scambiatore di Villa Costanza, il primo “Drive and Tramway” d’Italia, grazie al quale si può lasciare l’auto in sosta senza uscire dall’Autostrada, salire in tramvia e raggiungere il centro di Firenze in pochi minuti.
Erano presenti il Sindaco di Scandicci Sandro Fallani, che è anche consigliere delegato allo Sviluppo economico della Città Metropolitana di Firenze, e i tecnici del Comune di Firenze, con Società Autostrade, Gest, Ministero dei Trasporti, Baltour e Cfti.
A settembre, al primo incontro, gli stessi soggetti avevano stabilito alcuni obiettivi per promuovere e migliorare la fruibilità del parcheggio scambiatore. E’ stata fatta campagna pubblicitaria via web ed è stato individuato e perseguito uno spazio di fidelizzazione dei clienti, grazie al quale si è deciso di abbassare le tariffe, anche del 50 per cento: gratis i primi 30 minuti. Abbonamenti: una settimana 20 euro, un mese 40, un anno 200.
In corrispondenza dell’aumento dei clienti si è registrato da luglio ad oggi il raddoppio delle frequenze e degli incassi. “Di fatto – spiega Sandro Fallani – una crescita graduale ma costante delle presenze”. I clienti apprezzano e utilizzano anche lo spazio del bar ristorante.
“I risultati sono soddisfacenti – sottolinea Stefano Giorgetti, assessore ai Trasporti del Comune di Firenze – Le punte di presenza più alte sono state durante l’Estate Fiorentina, la Fiera di Scandicci e il Ponte dell’Immacolata. Compiuto anche un nuovo passo: l’introduzione di una tariffa per i camper solo per la sosta”.
Nel frattempo Società Autostrade ha diffuso un filmato sul parcheggio scambiatore nelle 200 aree di servizio, sulla sua homepage e nel servizio “Pianifica il tuo viaggio”, con la specifica che i primi 30 minuti di sosta sono gratuiti.
Sarà introdotta una nuova infografica a mille metri, 750 metri e 250 metri dall’arrivo al parcheggio e, in autostrada, a 30 e 50 km.
“Stiamo lavorando con il Comune di Firenze – continua Fallani – per allestire gli spazi per gli autobus di lunga percorrenza con l’indicazione di Villa Costanza”.

Città Metropolitana di Firenze

Una domenica di shopping natalizio

Da via Palazzuolo alle Cure e via Romana, una domenica di shopping natalizio.
Una domenica tra botteghe e animazione con attività culturali e musica in tante zone della città. Da via Palazzuolo a via Romana, alle Cure un programma originale per le famiglie che vede protagonisti commercianti, artigiani e associazioni cittadine. Obiettivo unire tradizione, cultura, shopping natalizio e valorizzazione di strade e quartieri di Firenze.
Si parte con il primo mercato itinerante di via Palazzuolo di Anelli mancanti, che domenica 17 dicembre coinvolgerà giovani artigiani e negozi della zona sul tema del ‘riuso’ e non solo: dalle 17 vin brulé, performance, body painting, dj set, lezioni sull’alfabeto cirillico. Tra le imprese artigiane coinvolte: Concretipo, Monnezza Rules, Lunula Creazioni, Lemercantinfiera, Bhumi, Manufatti, Idriss.
Shopping e musica anche in via Romana (domenica 17 dicembre chiusa al traffico) grazie al Ccn Boboli, con la musica che per la prima volta accompagna un progetto di luminarie natalizie. Un’occasione per passeggiare sotto #uncielodinote da piazza San Felice a piazza della Calza e riscoprire le caratteristiche botteghe dell’Oltrarno a caccia di regali originali. Dalle 12 alle 19 ottanta botteghe decorate a festa nella strada pedonalizzata.

Alle Cure tornano le luci dell’associazione Centro commerciale Cure. Quest’anno, in collaborazione con il Comune di Firenze, via anche agli eventi ‘Luci delle Fiabe’ e ‘Cori illuminanti’: dall’8 dicembre al 7 gennaio alcuni artisti coinvolgeranno i passanti in performance nelle botteghe, nelle piazze e nelle strade. Giochi, spettacoli e momenti teatrali per arrivare al finale di fiaba dedicato ai bambini.

“Una bellissima giornata di festa all’insegna di iniziative originali e spettacolari, con una programmazione di qualità che va oltre le consuete luminarie – ha detto l’assessore allo Sviluppo economico Cecilia Del Re – Ringrazio gli Anelli Mancanti per la bella occasione di socialità e il buon commercio che portano in via Palazzuolo: è anche con iniziative come questa che si può far vivere diversamente questa strada. In via Romana per la prima volta quest’anno uno shopping natalizio in musica lungo tutto il percorso fino a piazza della Calza. Molto bello poi il programma del Centro commerciale Cure – ha proseguito l’assessore – che riesce a creare spettacoli itineranti tra le varie botteghe, per uno shopping esperienziale all’insegna dell’arte e del divertimento. Come Comune, siamo felici di aver contributo a sostenere un’iniziativa virtuosa come questa per stimolare la fantasia delle nostre botteghe e vivere un periodo natalizio più animato e partecipato nei Quartieri”.