Livorno: scuole chiuse, vertice con Galletti e allerta arancione anche oggi

Livorno: scuole chiuse, vertice con Galletti e allerta arancione anche oggi

E’ di 6 morti e 2 dispersi il bilancio del nubifragio di ieri su Livorno: in un seminterrato morti padre, madre, bimbo di 4 anni e nonno. Allerta arancione in città, dove oggi arriva Galletti per un vertice in Prefettura. La Regione Toscana chiede lo stato d’emergenza.

L’acqua e il fango nel buio della notte nelle loro case: sono morte così 4 persone di una stessa famiglia ­, al piano terra di un palazzo signorile a due passi dal lungomare. Altre due sulla zona ai piedi della collina di Montenero.

La vittima più piccola è Filippo di 4 anni che il nonno Roberto Ramacciotti, 65 anni non è riuscito a salvare a differenza della nipotina, unica sopravvissuta della famiglia. Il nonno è stato infatti travolto dal muro d’acqua insieme al bimbo e ai suoi genitori Simone Ramacciotti di 37 anni e la moglie Glenda Garzelli 36 anni.

L’acqua ha invaso l’appartamento in un batter d’occhio, sommergendo quasi per intero le stanze. E’ stato nuotando in quella che era la loro casa che il nonno è riuscito a salvare la piccola, aiutato da un vicino, e poi ha deciso di rituffarsi per cercare anche il nipotino, ma inutilmente: nessuno è più riemerso da quel lago domestico. L’onda di acqua e detriti veniva, secondo quanto ricostruito, da poco distante, dal Rio Maggiore, un torrente ”tombato” da decenni e che ha la propria foce in mare ad un centinaio di metri in linea d’aria. Il torrente si è gonfiato e le acque, per la fortissima intensità della pioggia, 250 mm in due ore, hanno scavalcato il tombamento andando a tracimare nel giardino dell’abitazione. Per recuperare i corpi sono dovuti intervenire i sommozzatori dei vigili del fuoco con una squadra anche da terra.

Il corpo di un 64enne, Roberto Vestuti, è stato invece trovato a Montenero, dove piazza delle Carrozze dove auto e motorini sono entrati nei negozi e negli scantinati mentre anche la locale sede della Misericordia si è vista portare via 4 ambulanze. La sesta vittima accertata è un 70enne, Raimondo Frattali, travolto dalle acque del Rio Ardenza mentre cercava di mettere in salvo la sua auto.

Le strade del centro della città, intorno alle 2 della notte scorsa, erano  torrenti mentre nei quartieri più a sud, all’Ardenza, a Montenero e a Collinaia, la gente bloccata nelle case iniziava a chiamare i numeri di soccorso e a salire ai piani alti. 

I danni più gravi sono arrivati dalla piena che ha fatto tracimare tre torrenti ”tombati” per gran parte del loro corso in città ormai da decenni e che anche in passato avevano dato qualche problema.

Frane, strade interrotte, ponti crollati e caos in tutta Livorno, dove anche la stazione centrale è rimasta sott’acqua.

Per tutto il giorno a Livorno si è lavorato per allestire insieme ai  volontari della protezione civile gli alloggi di emergenza nel PalaModigliani di Livorno e nel Palasport di Collesalvetti.

Oggi scuole chiuse in città. E’ ripresa in serata invece la circolazione ferroviaria  tra Livorno e Campiglia,

La Regione chiederà oggi lo stato d’emergenza al Governo e annuncia i primi 3 milioni di euro per gli interventi più urgenti.  Il procuratore Ettore Squillace Greco ha annunciato l’apertura di un fascicolo, per il momento senza indagati, sulla tragedia.

Forza Livorno mia, Livorno nel cuore i post che si sono accavallati sulla rete, anche da chi ci è nato come Allegri, Montano a Bobo Rondelli.

L'articolo Livorno: scuole chiuse, vertice con Galletti e allerta arancione anche oggi proviene da www.controradio.it.