Roberto Salvini e la Storia dell’Arte, Firenze, l’Europa

Roberto Salvini e la Storia dell’Arte, Firenze, l’Europa

Roberto Salvini è stato un importante storico dell’arte che ha insegnato all’Università di Firenze per molti anni. Il convegno Roberto Salvini (Firenze, 1912-1985). La Storia dell’arte, Firenze, l’Europa all’Accademia del Disegno di Firenze rende omaggio alla sua figura, ai suoi studi e al suo impegno civile.

Il convegno esplora non solo la grande importanza delle sue ricerche nell’ambito dell’arte medievale, del Rinascimento, della critica d’arte e dell’arte contemporanea, ma anche il suo impegno civile nella tutela del patrimonio artistico.

E’ cosa buona e giusta che Roberto Salvini sia ricordato, perché è stato un personaggio poliedrico e importante che con i suoi scritti e il suo insegnamento ha formato generazioni di studiosi. Il bello è che sapeva descrivere gli argomenti che trattava con limpidezza, il che sembra facile ma non è affatto scontato, anzi.
In tanti lo ricordiamo professore all’università di Firenze, con le sue belle e avvincenti lezioni sulla scultura romanica centrate sul grande scultore del Duomo di Modena, Wiligelmo; e ricordiamo anche la sua figura alta e distinta, la sua passione, e il rispetto che sapeva guadagnarsi immediatamente anche da studenti in erba per l’evidente suo grande sapere. Adesso è bello che la sua figura sia ricordata per ispirare ad altri l’amore per il sapere e per la tutela del patrimonio artistico.
Margherita Abbozzo

Qui di seguito il PROGRAMMA DEL CONVEGNO:

Giovedì 31 maggio 2018, alle ore 14.30
Dopo i saluti di Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno, di Giorgio Bonsanti, Segretario Generale dell’Accademia delle Arti del Disegno, e di Stefano CasciuDirettore del Polo Museale della Toscana, inizierà la prima sessione incentrata sul tema “Il Medioevo di Roberto Salvini”. Presieduta da Cristina De Benedictis, vedrà interventi di Enrica Neri Lusanna Medieval Sculpture di Roberto Salvini e l’arte come linguaggio figurativo”, Adriano Peroni La facciata del Duomo di Modena. Lanfranco e Wiligelmo”, Clario di Fabio Salvini, Wiligelmo e l’Occidente”, Cecilia Frosinini Salvini, Agnolo Gaddi e la pittura medievale”.

Nella seconda parte dell’incontro, incentrata su “Salvini, il Rinascimento, l’Europa” parleranno Bert Mejier La pittura delle Fiandre”, Giorgio Bonsanti Su Pacher e l’arte tedesca”e Alessandro Cecchi Gli studi su Botticelli di Roberto Salvini”.

Venerdì 1 giugno 2018, alle ore 9.00
Nella seconda sessione del convegno sarà trattato il tema “Salvini, la formazione, il metodo, la divulgazione” con interventi di Giovanna De Lorenzi Problemi di metodo: Roberto Salvini, Hans Sedlmayr, e la Germania”, Patrizia Castelli Iconologia e critica d’arte: «il problema del rapporto tra l’artista e il programma» negli scritti di Roberto Salvini”, Emanuele Greco Roberto Salvini e l’arte contemporanea: riflessioni su un rapporto poco noto”.

Intorno al tema “Salvini, la tutela, l’insegnamento, l’impegno civile” sono previsti gli interventi di Stefano Bulgarelli Roberto Salvini, l’impegno nella storia dell’arte”, Cristina De Benedictis Roberto Salvini e la Galleria degli Uffizi”, Maria Enrica Vadalà Le biblioteche di Roberto Salvini”.

Venerdì 1 giugno 2018, alle ore 15.30
Nella terza e ultima sessione del convegno, “Ricordando Salvini”, interverranno Mina Gregori Una testimonianza”, Francesco Gurrieri Salvini sul ponte a Santa Trinita”, Luigi Zangheri Salvini e l’Accademia delle Arti del Disegno”, Giovanni Leoncini Salvini didatta”, Bruno Santi Da San Marco a piazza Brunelleschi. Un ricordo di Roberto Salvini”, Federico Tiezzi, “Letture”.

Ulteriori info qui
.

L'articolo Roberto Salvini e la Storia dell’Arte, Firenze, l’Europa proviene da www.controradio.it.