Il Camper dell’Arte: Leonardo, un genio in piazza

Il Camper dell’Arte: Leonardo, un genio in piazza

Dall’8 al 19 luglio nelle periferie e nelle piazze del territorio fiorentino girerà un vero e proprio camper dell’arte: dieci lezioni di piazza, itineranti, nei quartieri di Firenze e fuori città. Dopo il successo delle passate edizioni torna a circolare tra le piazze di Firenze e della sua periferia un camper pronto a portare cultura grazie a un progetto di storia dell’arte in movimento promosso dal Comune di Firenze e dall’Ufficio UNESCO, curato dall’Associazione MUS.E. Il protagonista indiscusso delle serata sarà Leonardo da Vinci, il genio multiforme di cui ricorre quest’anno il cinquecentenario dalla morte, avvenuta in Francia nel 1519.

Il Camper dell’arte propone delle vere e proprie serate di avvicinamento ai temi dell’arte, per consentire a tutti di appassionarsi e innamorarsi della cultura. Per cinque sere il camper sosterà infatti in cinque diverse piazze della città, e per altrettante serate farà invece tappa fuori Firenze: all’arrivo del mezzo, messo a disposizione da Laika Caravans e “alimentato” grazie ad Aquila Energie, saranno allestite sedie e attrezzature per dare vita a lezioni d’autore aperte a tutta la cittadinanza. Un progetto pensato per raggiungere i luoghi della città solitamente più lontani dai musei e dai grandi eventi culturali, estendendo così l’azione della cultura a tutti i residenti e promuovendo la valorizzazione dei tanti Centri Storici Minori che compongono Firenze e che rappresentano il tessuto urbano più vissuto dai cittadini: ecco perché gli incontri troveranno luogo nelle piazze e nei giardini usualmente frequentati dai residenti, individuate grazie alla collaborazione dei Quartieri, e nei Comuni di Barberino Valdelsa, Scarperia, San Casciano in Val di Pesa, Lastra a Signa e Castelfiorentino, con la collaborazione del Museo Benozzo Gozzoli.

Il progetto ideato originariamente da Sergio Risaliti nel 2015 in occasione della Settimana Michelangiolesca, è oggi riproposto sotto una formula arricchita: gli incontri, che si svolgeranno nelle serate da lunedì 8 a venerdì 12 luglio (in città) e dal 15 al 19 luglio (fuori città), saranno infatti l’occasione per avvicinarsi alla vita e alle opere di Leonardo da Vinci, una delle figure più celebri dell’arte.

Leonardo da Vinci, genio universale, fu uomo di curiosità fervida e mai sazia: artista, pittore, scultore, ma anche architetto, scienziato, poeta, ingegnere, notomista, botanico, cartografo… Giustamente celebrato per il suo impareggiabile contributo in campo artistico, Leonardo fu anche uomo del suo tempo e profondamente sensibile alle tematiche pubbliche e civili, suggerendoci spunti di riflessione anche sulla cultura, sulla società e sulla città di oggi. Gli incontri approfondiranno aspetti diversi e multiformi della sua vita personale e della sua carriera artistica, dalla sua nascita a Vinci alla sua attività nelle diverse città e corti italiane, dai suoi esordi ai grandi capolavori, offrendo al pubblico l’occasione di conoscere Leonardo nella sua piena verità storica, di apprezzarne la maestria tecnica e di coglierne i tratti fondanti, quali lo spirito di osservazione, il desiderio di conoscenza, la necessità di sperimentazione.

L’iniziativa ha quindi l’obiettivo – grazie a incontri dal taglio divulgativo e appassionante – di parlare a tutti, cercando di superare gli steccati accademici grazie a interventi di relatori qualificati che hanno sposato e sostenuto l’iniziativa. A condurre le serate saranno Cristina Acidini, Roberta Barsanti, Paolo Berruti, Elena Capretti, Esther Diana, Carlo Francini, Sergio Risaliti, Sara Taglialagamba, Alessandro Vezzosi e Valentina Zucchi.

L’iniziativa è promossa dal Comune di Firenze, l’ideazione di Sergio Risaliti, la curatela di Carlo Francini per l’Ufficio UNESCO e di Valentina Zucchi per MUS.E.

Si ringrazia la Città Metropolitana di Firenze e i Quartieri per la preziosa collaborazione.
Il progetto è realizzato grazie alla sponsorizzazione di Aquila Energie, con il supporto tecnico di Laika Caravans e grazie al contributo di Fondazione CR Firenze.

camper leonardo

L'articolo Il Camper dell’Arte: Leonardo, un genio in piazza proviene da www.controradio.it.

25 aprile, Chianti fiorentino: camminate della memoria e della Resistenza

25 aprile, Chianti fiorentino: camminate della memoria e della Resistenza

Il Chianti ricorda e festeggia il settantaquattresimo anniversario della Liberazione attraverso una giornata ricca di celebrazioni e di eventi che farà tappa in ogni borgo e frazione dei Comuni di Barberino Tavarnelle e San Casciano con la partecipazione di cittadini, studenti, associazioni e formazioni musicali.

L’iniziativa del 25 aprile nel Chianti sarà un viaggio collettivo e itinerante attraverso i percorsi e le testimonianze condivise della memoria, presso i monumenti ai caduti e nei luoghi in cui si sono consumati alcuni degli episodi più efferati del secondo conflitto mondiale, come gli eccidi di Pratale e Fabbrica, a causa dei quali hanno perso la vita, per mano nazifascista, decine di civili come vittime del passaggio del fronte.

La comunita sancascianese, al fianco delle istituzioni, celebrerà la ricorrenza accompagnata dal Corpo musicale Oreste Carlini. La giornata del 25 aprile si apre davanti al palazzo comunale alle ore 9:45 con la deposizione della corona alla lapide in ricordo dei cittadini trucidati dalle truppe tedesche. Da via Machiavelli prenderà il via il corteo per le vie cittadine diretto alle pietre di inciampo in via Roma e al monumento ai caduti in piazza della Repubblica. È qui che si terrà il saluto del sindaco e del direttore dell’Istituto storico della Resistenza in Toscana Matteo Mazzoni. Alcune delegazioni partiranno poi per rievocare il 25 aprile nei diversi luoghi che si legano storicamente alla Liberazione come piazzale Dante Tacci, il Cimitero americano, il Tondo delle Corti, Calcinaia e Valigondoli, Cerbaia, Montefiridolfi e Fabbrica. Contemporaneamente da Mercatale un altro gruppo di cittadini e rappresentanti delle istituzioni partiranno alle ore 9 dalla Casa del Popolo per aderire alla camminata della memoria attraverso luoghi e i boschi segnati dal passaggio del fronte in ricordo di Camillo Sieni, ucciso dai tedeschi in località Perseto. Seguirà alle ore 13 un pranzo nel bosco. Le associazioni presenti saranno Cgil Spi, Auser, Anteas, Acli, Anpi, Oreste Carlini, Progetto Irene, Arci, Fnpi Cisl, Casa del Popolo di Mercatale, Associazione Arcobaleno, Istituto comprensivo di San Casciano Val di Pesa Il Principe.

Anche il Comune di Barberino Tavarnelle organizza dalle ore 9 un percorso di cerimonie per la deposizione delle corone al monumento ai caduti a Vico d’Elsa, presso il Largo Dei Caduti nei lager a Tavarnelle, a San Donato in Poggio, a Sambuca Val di Pesa, in piazza Mazzini a Barberino, in piazza Matteotti a Tavarnelle a Marcialla. L’iniziativa sarà accompagnata dalla Filarmonica Giuseppe Verdi di Marcialla e prevede la partecipazione degli studenti dell’Istituto comprensivo Don Milani e nel pomeriggio dalle ore 16 il tema della Resistenza sarà ripercorso attraverso le letture a cura di tanti cittadini impegnati nella passeggiata “Barberino Tavarnelle in Cammino” lungo il percorso pedonale tra Barberino e Tavarnelle.  L’evento è organizzato dal circolo Arci La Rampa, Auser Barberino Tavarnelle, Anpi sezione soci Coop Barberino Tavarnelle.

A Greve i temi della Liberazione saranno ripercorsi attraverso la presentazione di un volume negli spazi della biblioteca comunale di Greve in Chianti, in programma domani alle ore 21. Nell’ambito del ciclo di eventi in biblioteca il Comune ha organizzato un incontro con Matteo Barucci, autore del libro “Sulla strada per Firenze la Brigata Senigaglia e la strada di Pian d’albero 20 giugno 1944” (edizione Pacini). L’iniziativa sarà introdotta dallo storico Francesco Fusi. Sarà presente l’assessore alla Cultura. Un’altra camminata della memoria è quella proposta per venerdì 26 aprile alle ore 8.30 (con punto di ritrovo presso Fonte al Lamo – Poggio alla Croce) lungo il sentiero della memoria Monte Scalari – Pian d’Albero. L’iniziativa è organizzata dai Comuni di Greve e Figline Incisa in collaborazione con l’Istituto storico della Resistenza e invita i cittadini a partecipare alla camminata attraverso i luoghi della Brigata Senigaglia e dello sfondamento alleato del fronte tedesco, tra i segni delle trincee.

L'articolo 25 aprile, Chianti fiorentino: camminate della memoria e della Resistenza proviene da www.controradio.it.

Estella Caprotta, a 106 anni la più longeva del Chianti

Estella Caprotta, a 106 anni la più longeva del Chianti

San Casciano, sono 106 le candeline che Estella Caprotta, ospite da alcuni anni presso la Residenza sanitaria per anziani Villa San Martino, ha spento con gioia insieme ai familiari, al sindaco Massimiliano Pescini, alla direttrice Simona Masini, alle operatrici e agli altri ospiti della struttura.

Estella Caprotta, figlia di un architetto e di una sarta che negli anni ’50 gestiva un famoso atelier che ha vestito alcune delle dive del cinema italiano come Sofia Loren e Gina Lollobrigida, non si è mai sposata, ed ha dedicato la propria vita al lavoro, dividendosi tra le strutture alberghiere di Firenze e Livorno.

Ha visto due guerre e vari regnanti e capi di stato che si sono susseguiti nel corso del secolo. Se le si chiede quale sia il segreto per vivere a lungo e restare dinamici e vitali come lei, Estella risponde “la serenità, ho sempre vissuto con entusiasmo e ottimismo, ho camminato tanto e mi piace farlo ancora, amo mangiare genuino e ho passato gli anni della mia vita a costruire relazioni, amicizie, contatti con gli altri, l’affetto delle persone è stato fondamentale, l’aria di mare e quella di campagna mi hanno garantito un percorso di vita in salute i cui effetti  ho la fortuna di godere alla mia bella età”.

Estella Caprotta è la nonna più anziana del Chianti, altri quattro coetanei, prossimi al traguardo dei 104 e 103 anni si apprestano a festeggiare i loro compleanni nei territori di San Casciano, Barberino, Tavarnelle, Greve.

Il sindaco Pescini ha omaggiato Estella con un mazzo di rose rosse e un oggetto che riproduce lo stemma del Comune. “Estella è una forza della natura – dichiara il primo cittadino – aver potuto parlare con lei come se discorressi con un mio coetaneo ha dello straordinario, eppure questa è la realtà, una donna serena, forte che ha affrontato il trascorrere del tempo nel modo più giusto, con spirito, ironia, fiducia. Estella rappresenta la sintesi di un percorso trascorso con sobrietà, in cui lo stile di vita sano si è ben combinato all’alimentazione corretta e alle relazioni sociali che sono fondamentali per assicurare benessere psicofisico alle persone e un futuro di equilibrio e vitalità”.

L'articolo Estella Caprotta, a 106 anni la più longeva del Chianti proviene da www.controradio.it.

Parco del Poggione, al via un intervento di riqualificazione

Parco del Poggione, al via un intervento di riqualificazione

San Casciano, intervento di restyling per il Parco del Poggione, l’area estiva più frequentata e ampia del territorio comunale.

Il Comune di San Casciano ha infatti approvato il progetto definitivo del Parco del Poggione, con il quale prenderà il via un complesso di lavori per la manutenzione straordinaria degli spazi esterni del parco Dante Tacci.

Un investimento pari a 40mila euro, stanziato dalla giunta Pescini, che mira a riqualificare l’area sotto vari aspetti.

L’intervento, appena varato, consentirà il miglioramento della pista da ballo, il rifacimento del sistema fognario e dei sottoservizi e l’asfaltatura del piazzale antistante il Parco del Poggione.

“L’area è una delle più fruite dalla comunità – dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Roberto Ciappi – soprattutto nel periodo estivo quando vi prende vita un ricco cartellone di eventi, culturali, sociali, musicali e legati alla solidarietà, la rassegna musicale dell’Oreste Carlini e la Festa del Volontariato sono alcune delle manifestazione di maggior richiamo; rimettiamo a nuovo alcune aree e funzioni del Parco per migliorare l’accesso e l’utilizzo da parte della comunità, un’area che peraltro, in base ad una convenzione stipulata con La Racchetta, è sorvegliata e controllata dalla sezione di San Casciano la cui sede è attigua al parco”.

L'articolo Parco del Poggione, al via un intervento di riqualificazione proviene da www.controradio.it.