Amministrative: i comuni della Toscana tra riconferme e ballottaggi

Amministrative: i comuni della Toscana tra riconferme e ballottaggi

Oltre ai tre capoluoghi domenica si è votato in altri 186 comuni della Toscana fra i quali Empoli che vede il trionfo al primo turno di Brenda Barnini la sindaca uscente del Pd, i risultati record per i sindaci Pd di Cavriglia, San Casciano Val di Pesa e Castefiorentino ma anche il ballottaggio a Piombino, Pontedera e Signa.

A Empoli viene riconfermata al primo turno la sindaca uscente del Pd Brenda Barnini che, con il 56,5% delle preferenze, si aggiudica la vittoria sul principale sfidante, il candidato di Fratelli d’Italia Andrea Poggianti, fermo al 25,9%.

E’ stato rieletto al primo turno, con un notevole scarto rispetto a Leonardo Batistini, avversario di centrodestra, anche Sandro Fallani, sindaco di Scandicci. Con il 59% delle preferenze la città resta quindi in mano al centrosinistra, come sempre dal dopoguerra.

Con il 68% dei voti Francesco Casini, sindaco del centrosinistra di Bagno a Ripoli, viene riconfermato al primo turno. Il candidato di Lega e Forza Italia Alberto Ancanfora, si ferma al 21%.

Ballottaggio sventato con il 50,2% per Anna Ravoni e la sua lista civica Cittadini per Fiesole. Giancarlo Gamannossi (candidato per Pd-Partito socialista italiano-Sinistra-Civica) si ferma al 36,5%.

A Lastra a Signa più di 3000 voti hanno decretato la rielezione di Angela Bagni, sindaca uscente del Pd, su Paolo Giovannoni, candidato per il centro destra.

Nonostante Cecilia Cappelletti, candidata a sindaca di Pontassieve per il centro destra, abbia raddoppiato i voti di cinque anni fa, è Monica Marini, candidata del centro sinistra, ad essere rinconfermata sindaca, con uno schiacciante 68,1% dei voti.

Il centro sinistra vince sia a Calenzano con Riccardo Prestini, ex direttore generale del Comune, che con il 53, 49% delle preferenze si impone sul candidato di Lega e Fratelli d’Italia Americo d’Elia, sia a Stazzema, cittadina simbolo della seconda Guerra mondiale dove Maurizio Verona 57% delle preferenze si è aggiudicato la vittoria su Amerigo Guidi, candidato della lista civica di centrodestra Stazzema bene comune.

Nonostante a Capalbio la Lega abbia ottenuto iil 48% alle elezioni europee, i cittadini affidano il loro comune a Settimio Bianciardi, ex Pd candidato della lista civica “Adesso per Capalbio”, che per una manciata di voti batte Marco Donati, della lista Vivere Capalbio.

Ci vorrà il secondo turno per decretare il sindaco di Piombino, storica roccaforte della sinistra, che per la prima volta vede come favorito, con il 48% dei voti, il candidato del centrodestra Francesco Ferrari, seguito dal 28,9% della candidata del centrosinistra Anna Tempestini.

Anche a Figline e Incisa Valdarno, il comune della fabbrica della Bekaert, si attende la seconda chiamata alle urne per stabilire chi, tra l’ex sindaco del centrosinistra Giulia Mugnai e Silvio Pittori, candidato del centrodestra, sarà eletto sindaco.

A Vaglia la sfida è tra due esponenti del centro sinistra: Leonardo Borchi, sindaco uscente, candidato con la lista Per Vaglia, che ha ottenuto il 43, 7% e Guido Sacconi, ex europarlamentare, candidato per la lista Scelgo Vaglia. Il ballottaggio decreterà il sindaco.

A Signa le troppe liste di sinistra hanno diviso l’elettorato e portato al ballottaggio: i cittadini torneranno alle urne il 9 giugno per decidere a chi assegnare la vittoria tra il candidato a sindaco del centro sinistra Giampiero Fossi e Vincenzo De Franco, candidato del centro destra.

A Pontedera nessuno dei candidati ha ottenuto il 50%+1 delle preferenze al primo turno: andranno al ballottaggio Matteo Franconi, candidato del centrosinistra e favorito grazie al 47,3% dei voti ottenuti domenica, e Matteo Bagnoli, candidato del centrodestra.

Andranno al ballottaggio anche altri comuni sopra i 15000 abitanti: Agliana, Borgo San Lorenzo, Collesalvetti, Colle Val D’Elsa, Cortona, Cecina, Monsummano Terme, Ponsacco, Rosignano Marittimo, San Giovanni Valdarno e San Miniato.

Il servizio di Simona Gentili

L'articolo Amministrative: i comuni della Toscana tra riconferme e ballottaggi proviene da www.controradio.it.

Scandicci, alberi intitolati da Rosa Parks a Madre Teresa a Mandela

Scandicci, alberi intitolati da Rosa Parks a Madre Teresa a Mandela

Scandicci, dodici nuovi alberi, ognuno intitolato a personalità straordinarie, protagoniste a livello mondiale negli ultimi due secoli, per il ‘Viale dell’umanità e dei diritti umani’, inaugurato oggi nel nuovo parco del Vingone.

Vari i premi Nobel a cui gli alberi – platani, querce rosse, liquidambur, salici piangenti e lecci, ciascuna delle quali avrà alla base un cippo con una targa che ne riporta il nome – sono stati dedicati: Rita Levi Montalcini, Nelson Mandela, Martin Luther King, Wangari Muta Maathai, Albert Schweitzer, Madre Teresa di Calcutta.

Nell’elenco figurano poi Gandhi, lo psicologo antropologo Rolando Toro, l’attivista per i diritti civili Rosa Parks, lo scrittore e pedagogista Gianni Rodari, Tsunesaburo Makiguchi, educatore e filosofo, Florence Nightingale, fondatrice dell’assistenza infermieristica.

“Con l’intitolazione del viale dell’Umanità – spiega il sindaco Sandro Fallani -, Scandicci non si limita a omaggiare grandi personalità della storia attraverso il loro ricordo permanente, ma ribadisce con sempre più forza come i valori di pace, giustizia, libertà e uguaglianza siano patrimonio della nostra città. L’iniziativa ha ancora più significato perché nasce dalla proposta di un’associazione cittadina”, il Comitato Viale dell’umanità e dei diritti umani.

Il tratto all’interno del nuovo parco di via Masaccio a Vingone, è stato ancora spiegato, è il primo del progetto del Viale dell’umanità, che in futuro si svilupperà in città: “Il numero di dodici personalità rappresenta il ciclo annuale che nel suo ripetersi diventa l’eterno ciclo della vita. Ogni futura piantumazione si ripeterà in multipli di dodici”.

L'articolo Scandicci, alberi intitolati da Rosa Parks a Madre Teresa a Mandela proviene da www.controradio.it.

Montelupo F.no, apre al pubblico Villa Ambrogiana

Montelupo F.no, apre al pubblico Villa Ambrogiana

La villa medicea, che ha ospitato l’ex ospedale psichiatrico giudiziario (Opg) di Montelupo Fiorentino (Firenze), non era mai stata aperta al pubblico.

La villa medicea dell’Ambrogiana, che ha ospitato l’ex ospedale psichiatrico giudiziario (Opg) di Montelupo Fiorentino (Firenze), apre per la prima volta al pubblico con un programma che a marzo vedrà visite guidate, convegni e una speciale giornata d’apertura con il Fondo Ambiente Italiano (Fai) della Toscana. L’appuntamento rientra in ‘Primavera in Villa’, iniziativa presentata oggi in Consiglio regionale insieme a altri appuntamenti in programma a Montelupo Fiorentino e a Scandicci (Firenze). Presenti il presidente dell’Assemblea toscana Eugenio Giani e i sindaci di Montelupo Fiorentino Paolo Masetti, e di Scandicci (Firenze) Sandro Fallani.

L’apertura dell’Ambrogiana, grazie a una convenzione con il Demanio, ha sottolineato il sindaco Masetti, “è un primo passo dell’impegno dell’amministrazione affinché il complesso della villa medicea mantenga una funzione pubblica e torni a far parte della comunità”. Legata alla celebre produzione ceramica di Montelupo è invece la mostra ‘Di tutti i colori. Racconti di ceramica, dalla fabbrica di Firenze all’industria al design’, dal 16 marzo al 28 luglio, che racconterà la storia delle ceramiche di Montelupo attraverso i secoli. Ultimo evento sarà ‘Doppio Circuito’ in cui le imprese di Scandicci si apriranno agli artisti della ceramica per creazioni originali che saranno esposte nelle piazze dei due comuni dal 6 aprile.

“Un progetto che unisce arte contemporanea e lavoro – ha spiegato Fallani – con otto imprese che si confronteranno con le idee di artisti contemporanei”. Per Giani, “tra Montelupo e Scandicci c’è un sodalizio molto stretto per iniziative che valorizzano la creatività umana che emerge in questa parte della Toscana, iniziative legate alla laboriosità artigiana, alla cultura, alla bellezza dei luoghi che questi due Comuni riescono a proporre a tutta la Toscana”.

L'articolo Montelupo F.no, apre al pubblico Villa Ambrogiana proviene da www.controradio.it.

“Si fa di sabato” con Controradio apre domani a La Compagnia

“Si fa di sabato” con Controradio apre domani a La Compagnia

Paolo Hendel, Daniela Morozzi e Gaia Nanni in “Si fa di sabato”, gli incontri di Controradio per parlare di attualità con il sorriso. Ogni sabato nei teatri e cinema di Firenze fino al 27 aprile, ingresso libero. Con il sostegno di Publiacqua e Città Metropolitana di Firenze. Il primo appuntamento si svolgerà sabato 23 febbraio alle ore 11.30 al Cinema La Compagnia. Interverranno sul tema de “la paura” il vignettista Altan, il calciatore Manuel Pasqual, lo scrittore Jacopo Storni e Sandro Fallani, Sindaco di Scandicci. Nel prossimo evento anche Roberto Vecchioni

Saranno Paolo Hendel, Daniela Morozzi e Gaia Nanni, coordinati da Raffaele Palumbo, i protagonisti di “Si fa di sabato”, rassegna di incontri con ospiti del mondo dello spettacolo e dell’attualità, a cura diControradio, con il sostegno di Publiacqua e della Città Metropolitana di Firenze. L’iniziativa, che si aprirà sabato 23 febbraio alle ore 11.30 al Cinema la Compagnia di Firenze (via Cavour 50r), vuol far riflettere con il sorriso sulle problematiche di oggi, attraverso nove appuntamenti – veri e propri show per la regia di Marco Vicari e Matteo Marsan – che si svolgeranno ogni sabato fino al 27 aprile nei maggiori teatri e cinema di Firenze. Nel primo evento, trasmesso in diretta radiofonica sulle frequenze di Controradio (FM 93.6 – 98.9), e in video sulla pagina Facebook Controradio Firenze, a essere scandagliato sarà il tema della paura, con cui si confronteranno ospiti quali il vignettista Altan, il calciatore Manuel Pasqual, lo scrittore Jacopo Storni. In ogni appuntamento si terrà un focus sulle attività e sugli eventi del territorio fiorentino, in cui saranno raccontati i progetti in corso d’opera e futuri. A parlarne sabato sarà il sindaco di Scandicci Sandro Fallani.

Si fa di sabato proseguirà il 2 marzo alle 11.30 al Mandela Forum di Firenze, negli spazi della mostra del fotografo Massimo Sestini, con protagonista il mondo della scuola. Tra gli ospiti anche Roberto Vecchioni, in collegamento telefonico.

Gli altri eventi si svolgeranno il 9 marzo al Cinema La Compagnia, il 16 marzo al Cinema Stensen, il 23 marzo allo Spazio Alfieri, il 30 marzo al Teatro di Rifredi, il 6 aprile al Cinema Stensen, il 13 aprile allo Spazio Alfieri e infine il 27 aprile al Cinema La Compagnia.

 

Ingresso libero agli incontri. Per ulteriori informazioni www.controradio.it

 

L'articolo “Si fa di sabato” con Controradio apre domani a La Compagnia proviene da www.controradio.it.

Mercato di Scandicci, indennizzo per ambulanti senza corrente

Mercato di Scandicci, indennizzo per ambulanti senza corrente

Sospesa corrente elettrica al mercato di piazza Togliatti a causa di problemi all’impianto.

Il Comune di Scandicci ha deciso di indennizzare gli ambulanti del mercato del sabato in piazza Togliatti a causa della sospensione della corrente elettrica, dal 2 febbraio 2019, per problemi all’impianto.

Il mercato si tiene regolarmente, spiega un comunicato, ma gli ambulanti che ne hanno necessità devono provvedere autonomamente ai propri bisogni di energia elettrica. La decisione di sospendere l’erogazione della corrente segue il riscontro di alcuni problemi di funzionamento da parte dei manutentori dell’impianto di piazza Togliatti.

“La sicurezza prima di tutto – dice il sindaco Sandro Fallani – non appena si sono verificati i problemi abbiamo deciso di sospendere il funzionamento dell’impianto, convocando immediatamente le associazioni di categoria degli ambulanti per comunicare la situazione; contemporaneamente gli uffici tecnici dell’Amministrazione Comunale si sono attivati per le prime valutazioni su come affrontare il problema. Il mercato settimanale in ogni caso è garantito”.

Durante una riunione con le associazioni di categoria interessate, l’assessore alla Promozione economica Fiorello Toscano ha comunicato la decisione dell’Amministrazione Comunale di indennizzare economicamente gli ambulanti.

“Soprattutto adesso che andiamo verso la bella stagione e l’allungamento delle giornate”, ha detto l’assessore al Toscano al termine dell’incontro con i rappresentanti delle associazioni di categoria, “per la maggior parte degli ambulanti i disagi saranno minori; l’accordo con le associazioni è quello di tenersi costantemente in contatto per ogni aggiornamento sulla situazione. Nel frattempo gli uffici tecnici del Comune faranno verifiche approfondite per conoscere al più presto l’entità del problema all’impianto”.

L'articolo Mercato di Scandicci, indennizzo per ambulanti senza corrente proviene da www.controradio.it.