Rifiuti: cancellato l’impianto di Selvapiana

Rifiuti: cancellato l’impianto di Selvapiana

Con l’approvazione definitiva delle modifiche al piano sulla gestione dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati della Regione Toscana, approvato ieri, “scriviamo finalmente la parola fine sull’impianto di Selvapiana, nel comune di Rufina. Soddisfatta per l’esito di questa vicenda per cui ringrazio la Giunta regionale, e sottolineo il ruolo centrale svolto dai sindaci che in questi anni hanno investito su modelli innovativi di smaltimento dei rifiuti, promuovendo circolarità e riuso, e segnando un salto di qualità notevole”. Così Serena Spinelli, capogruppo Articolo Uno Mdp in Regione Toscana, commenta l’approvazione del piano regionale dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati che sancisce il superamento del termovalorizzatore di Selvapiana.

“Un risultato raggiunto grazie anche alla collaborazione della comunità, che non ha mai cessato di impegnarsi in questa direzione – aggiunge la consigliera regionale Mdp – Pochi mesi fa, alla fine di marzo, avevamo annunciato il superamento dell’impianto, oggi siamo felici di poter ribadire in maniera definitiva una decisione che la comunità attendeva da tempo”.

“La Regione aveva già recepito il protocollo d’intesa sottoscritto circa un anno fa dai sindaci del territorio, con il quale sia chiedeva di stabilire l’effettivo bisogno dell’impianto – continua Spinelli – Dopodiché le valutazioni portate avanti da Ato Toscana Centro hanno confermato che la realizzazione della struttura non era più necessaria, soprattutto per una sensibile diminuzione della produzione dei rifiuti, legata in particolare all’intensificazione delle raccolte differenziate”. “Un risultato doppiamente positivo e di buon auspicio per l’incremento sia della differenziata e per il processo di riutilizzo dei materiali. Così ci avviciniamo agli obiettivi europei e sosteniamo un indotto che porterà benefici in tutta la Toscana“, conclude Serena Spinelli.

“Negli ultimi tre anni – spiegano i sindaci della Val di Sieve interessati dall’impianto – abbiamo lavorato per questo obiettivo. Oggi vediamo sancita dal Consiglio Regionale questa volontà. Era l’esito, che ci aspettavamo dopo il protocollo del 2015 e dopo aver già preso atto della adozione fatta nel mese di marzo, e di questo siamo molto soddisfatti”. “Soddisfazione, che si unisce – concludono i sindaci – ai ringraziamenti a tutti i soggetti coinvolti, in modo particolare al Presidente e all’Assessore regionale e ai funzionari coinvolti per la serietà e professionalità con cui è stato portato avanti il percorso. Oggi, con questo ulteriore passaggio grazie anche al Consiglio regionale, è stata data una risposta politica importante alle nostre comunità, togliendo ogni dubbio sull’impegno che avevamo preso con i cittadini”. Ripercorrendo questi ultimi anni vanno ricordati oltre alla sigla del protocollo del 2015, le date del 17 novembre 2016 quando sulla “Gazzetta Ufficiale” fu pubblicata la delibera della Giunta Regionale che sanciva ufficialmente l’avvio del procedimento per portare alla cancellazione dell’impianto dalla pianificazione regionale e dopo i vari passaggi nelle commissioni regionali, l’adozione del Piano Regionale del 29 marzo 2017 a cui è seguita la decisione votata oggi che mette un punto fermo alla questione che ha impegnato le amministrazioni locali perché si arrivasse a questa soluzione.

L'articolo Rifiuti: cancellato l’impianto di Selvapiana proviene da www.controradio.it.

LIVORNO: “GIOCO SCACCIA GIOCO- CONTRO LA LUDOPATIA”

Scaccia

Oggi e domani (5 e 6 giugno) presso la Terrazza Mascagni di Livorno si terrà l’evento finale di “Gioco scaccia gioco – Gli scacchi e la dama contro la ludopatia”, realizzato dalle scuole del Comune.

Presso la Terrazza Mascagni questa mattina e domani si terrà la fase finale di “Gioco scaccia gioco – Gli scacchi e la dama contro la ludopatia”, il progetto di contrasto e prevenzione delle ludopatie appunto, che è stato realizzato nell’ambito del programma “Scuola e Città” 2016/17” dal CRED, in collaborazione con ASD Livorno scacchi, ASD Circolo Damistico Livornese e Lega Consumatori.

Oltre al sindaco Filippo Nogarin e alla vicesindaca Stella Sorgente, interverranno all’iniziativa Don Andrea Bigalli, presidente regionale di Libera, associazione contro le mafie; Serena Spinelli, presidente dell’Osservatorio Regionale Gioco d’azzardo patologico e Simona Neri, delegata ANCI lotta gioco d’azzardo patologico.

Questa seconda edizione di “Gioco scaccia gioco” con le sue 41 classi ha visto più che raddoppiare le adesioni venute delle scuole Benci, Benci/Bini, Benci/D’Azeglio, Brin, Brin/Dal Borro, Brin/Natali, Collodi/Fattori, Collodi/Rodari, De Amicis, Don Angeli/Modigliani, La Rosa/Lambruschini, La Rosa/Corridi, Maria Ausiliatrice e Bartolena/Via Bois.

La vicesindaca Stella Sorgente commenta: “La pratica di questi giochi della mente è sempre più apprezzata dalle scuole anche per contrastare quei giochi, soprattutto online, che possono creare dipendenza, alienazione ed isolamento. Inoltre la dama e gli scacchi sono molto utili per migliorare l’apprendimento scolastico e per sviluppare le capacità di concentrazione e pazienza. Insomma, abbiamo puntato a far germogliare nei nostri ragazzi un seme, piccolo ma significativo, di “pensiero creativo” e di socialità, da opporre ad altre pratiche ludiche alienanti”.

Durante il percorso fatto nelle scuole fin da novembre, Andrea Raiano (Maestro FSI della provincia di Livorno, ex campione italiano assoluto UISP e istruttore FSI-CONI), nell’aggiornamento dei docenti, è stato affiancato dal campione mondiale di dama inglese e recordman mondiale di partite in simultanea “bendato”, Michele Borghetti.

Quest’anno poi alcuni alunni delle Rodari e delle Dal Borro, accompagnati dalle loro insegnanti, hanno anche preso parte al Campionato Regionale del Trofeo studentesco “Scacchi a scuola” che si è tenuto a Montecatini il 7 Aprile scorso.

Un’altra novità del 2017 è stata l’apertura di alcuni laboratori extrascolastici, realizzati con il Museo di Storia del Mediterraneo, che hanno dato l’opportunità di approfondire e perfezionare le tecniche di gioco.  Infine questo progetto, insieme a quello di “Orto in condotta”, ha reso possibile la creazione di scacchiere fatte con i prodotti dell’orto o con materiali di riciclo.

Queste mattinate alla Terrazza sono state organizzate anche grazie al contributo operativo dei Quartieri Uniti Ecosolidali, dell’Associazione Vivi San Jacopo e del Circolo ARCI San Jacopo.

Programma delle due giornate:

  • ore 8,30 – Raduno delle classi
  • ore 9,00 – Saluto delle Autorità
  • ore 9,15 – 10,45 Torneo dama e scacchi e performance contro la ludopatia
  • ore 10,45 – 11,40 Partita finale di dama e scacchi viventi fra alunni di classi vincenti il torneo
  • ore 11,45 – Premiazione da parte delle autorità

The post LIVORNO: “GIOCO SCACCIA GIOCO- CONTRO LA LUDOPATIA” appeared first on Controradio.