Ludopatie: niente sale slot davanti a nidi e bancomat

Ludopatie: niente sale slot davanti a nidi e bancomat

Soddisfazione di Simona Neri, responsabile Anci Toscana per il progetto Ludopatie e Bullismo e sindaco di Pergine Valdarno, dopo che in commissione il consiglio regionale ha recepito tutte le modifiche proposte dall’Associazione regionale dei Comuni alla legge contro le ludopatie.

Le proposte, contenute in una lettera inviata dalla stessa Neri insieme al presidente Matteo Biffoni, prevedevano non solo l’inserimento tra i luoghi sensibili delle scuole dell’infanzia, gli sportelli bancomat e i compro-oro (così come  prevede il regolamento-tipo già inviato a tutti i Comuni toscani), ma soprattutto l’introduzione dell’obbligo di formazione per gestori e personale operante nell’ambito dei centri scommesse e di spazi per il gioco.

Non si tratta di una legge retroattiva per quanto concerne il cosiddetto “distanziometro” dai luoghi sensibili, ma un altro importante aggiornamento riguarda l’estensione della definizione di “nuova installazione” anche in caso di stipula di nuovo contratto o di installazione degli apparecchi in altri locali, a seguito del trasferimento della sede.

 “Esprimo la mia grandissima soddisfazione e ringrazio tutti i partecipanti al Tavolo Ludopatie di Anci Toscana, gli amministratori ed i tecnici che si sono impegnati per raggiungere questo traguardo. Le novità introdotte sono tante ed importanti, rendono la nostra una Regione tra le più aggiornate sul tema, anche alla luce delle misure concordate in sede di Conferenza Unificata”.
“L’introduzione dell’obbligo di formazione per i gestori ed il personale del settore ci allinea a molte altre Regioni italiane. Ringrazio quindi la Commissione Sanità che questa mattina ha dato il via libera a questo importante provvedimento che, accanto al costante lavoro del personale operante nei SerT, contribuirà a limitare lo sviluppo di una patologia sempre più diffusa. Il lavoro è solo all’inizio, dopo Il Regolamento Comunale e la proposta di modifica della legge regionale il tavolo di Anci continuerà a lavorare per la definizione di un’ordinanza tipo sugli orari di interruzione del gioco e, certamente, per intervenire sul tema della pubblicità e sulla regolamentazione del gioco on-line che rappresenta un pericolo soprattutto per i più piccoli.”

L'articolo Ludopatie: niente sale slot davanti a nidi e bancomat proviene da www.controradio.it.

LIVORNO: “GIOCO SCACCIA GIOCO- CONTRO LA LUDOPATIA”

Scaccia

Oggi e domani (5 e 6 giugno) presso la Terrazza Mascagni di Livorno si terrà l’evento finale di “Gioco scaccia gioco – Gli scacchi e la dama contro la ludopatia”, realizzato dalle scuole del Comune.

Presso la Terrazza Mascagni questa mattina e domani si terrà la fase finale di “Gioco scaccia gioco – Gli scacchi e la dama contro la ludopatia”, il progetto di contrasto e prevenzione delle ludopatie appunto, che è stato realizzato nell’ambito del programma “Scuola e Città” 2016/17” dal CRED, in collaborazione con ASD Livorno scacchi, ASD Circolo Damistico Livornese e Lega Consumatori.

Oltre al sindaco Filippo Nogarin e alla vicesindaca Stella Sorgente, interverranno all’iniziativa Don Andrea Bigalli, presidente regionale di Libera, associazione contro le mafie; Serena Spinelli, presidente dell’Osservatorio Regionale Gioco d’azzardo patologico e Simona Neri, delegata ANCI lotta gioco d’azzardo patologico.

Questa seconda edizione di “Gioco scaccia gioco” con le sue 41 classi ha visto più che raddoppiare le adesioni venute delle scuole Benci, Benci/Bini, Benci/D’Azeglio, Brin, Brin/Dal Borro, Brin/Natali, Collodi/Fattori, Collodi/Rodari, De Amicis, Don Angeli/Modigliani, La Rosa/Lambruschini, La Rosa/Corridi, Maria Ausiliatrice e Bartolena/Via Bois.

La vicesindaca Stella Sorgente commenta: “La pratica di questi giochi della mente è sempre più apprezzata dalle scuole anche per contrastare quei giochi, soprattutto online, che possono creare dipendenza, alienazione ed isolamento. Inoltre la dama e gli scacchi sono molto utili per migliorare l’apprendimento scolastico e per sviluppare le capacità di concentrazione e pazienza. Insomma, abbiamo puntato a far germogliare nei nostri ragazzi un seme, piccolo ma significativo, di “pensiero creativo” e di socialità, da opporre ad altre pratiche ludiche alienanti”.

Durante il percorso fatto nelle scuole fin da novembre, Andrea Raiano (Maestro FSI della provincia di Livorno, ex campione italiano assoluto UISP e istruttore FSI-CONI), nell’aggiornamento dei docenti, è stato affiancato dal campione mondiale di dama inglese e recordman mondiale di partite in simultanea “bendato”, Michele Borghetti.

Quest’anno poi alcuni alunni delle Rodari e delle Dal Borro, accompagnati dalle loro insegnanti, hanno anche preso parte al Campionato Regionale del Trofeo studentesco “Scacchi a scuola” che si è tenuto a Montecatini il 7 Aprile scorso.

Un’altra novità del 2017 è stata l’apertura di alcuni laboratori extrascolastici, realizzati con il Museo di Storia del Mediterraneo, che hanno dato l’opportunità di approfondire e perfezionare le tecniche di gioco.  Infine questo progetto, insieme a quello di “Orto in condotta”, ha reso possibile la creazione di scacchiere fatte con i prodotti dell’orto o con materiali di riciclo.

Queste mattinate alla Terrazza sono state organizzate anche grazie al contributo operativo dei Quartieri Uniti Ecosolidali, dell’Associazione Vivi San Jacopo e del Circolo ARCI San Jacopo.

Programma delle due giornate:

  • ore 8,30 – Raduno delle classi
  • ore 9,00 – Saluto delle Autorità
  • ore 9,15 – 10,45 Torneo dama e scacchi e performance contro la ludopatia
  • ore 10,45 – 11,40 Partita finale di dama e scacchi viventi fra alunni di classi vincenti il torneo
  • ore 11,45 – Premiazione da parte delle autorità

The post LIVORNO: “GIOCO SCACCIA GIOCO- CONTRO LA LUDOPATIA” appeared first on Controradio.