Montella, mia Fiorentina aveva atteggiamento giusto

Montella, mia Fiorentina aveva atteggiamento giusto

“La squadra ha voglia. Mi è piaciuto l’atteggiamento: il primo tempo con ordine, il secondo abbiamo spinto un po’di più. Sicuramente non abbiamo condotto il gioco per tutta la partita ma siamo quelli che meritavano di più. Mi è piaciuto lo spirito ma sicuramente c’è da lavorare. Ci è mancato il guizzo e un po’ di fortuna ripensando al palo e all’occasione di Muriel poco prima”. Così Vincenzo Montella ha commentato il pareggio della sua Fiorentina al Franchi contro il Bologna, nella sua prima gara dopo il ritorno sulla panchina della Viola.

“Abbiamo concesso poco contro una squadra che ha fatto 12 punti in 5 partite – dice ancora -, piena di fiducia ed entusiasmo. Noi abbiamo una storia diversa nelle ultime settimane, e mettendo le cose sulla bilancia devo dire che i ragazzi hanno fatto una bella partita, abbiamo tenuto più palla, tirato in porta e creato occasioni. Ma possiamo verticalizzare di più, attaccare meglio l’area suicross, bisogna migliorare per sbloccare le partite”. Montella avrebbe voluto festeggiare il suo ritorno alla Fiorentina con una vittoria, ma per il momento il primo obiettivo che vuol raggiungere è quello di riportare entusiasmo attorno alla Fiorentina: “Non c’è ottimismo in giro – sottolinea -, ma la scorsa volta quando arrivai trovai un ambiente peggiore, per una carenza di giocatori che invece oggi non c’è Sta a noi riportare l’entusiasmo fra la gente”.

Infine, un saluto e un ringraziamento a Stefano Pioli che fino a domenica scorsa era l’allenatore della Fiorentina: “Lo ringrazio perché ho trovato una squadra con una grande cultura del lavoro e con una buona condizione fisica. Il calcio è così, c’è chi entra e chi esce, ed è una situazione che tocca un po’ a tutti”.

L'articolo Montella, mia Fiorentina aveva atteggiamento giusto proviene da www.controradio.it.

Montella, mia Fiorentina aveva atteggiamento giusto

Montella, mia Fiorentina aveva atteggiamento giusto

“La squadra ha voglia. Mi è piaciuto l’atteggiamento: il primo tempo con ordine, il secondo abbiamo spinto un po’di più. Sicuramente non abbiamo condotto il gioco per tutta la partita ma siamo quelli che meritavano di più. Mi è piaciuto lo spirito ma sicuramente c’è da lavorare. Ci è mancato il guizzo e un po’ di fortuna ripensando al palo e all’occasione di Muriel poco prima”. Così Vincenzo Montella ha commentato il pareggio della sua Fiorentina al Franchi contro il Bologna, nella sua prima gara dopo il ritorno sulla panchina della Viola.

“Abbiamo concesso poco contro una squadra che ha fatto 12 punti in 5 partite – dice ancora -, piena di fiducia ed entusiasmo. Noi abbiamo una storia diversa nelle ultime settimane, e mettendo le cose sulla bilancia devo dire che i ragazzi hanno fatto una bella partita, abbiamo tenuto più palla, tirato in porta e creato occasioni. Ma possiamo verticalizzare di più, attaccare meglio l’area suicross, bisogna migliorare per sbloccare le partite”. Montella avrebbe voluto festeggiare il suo ritorno alla Fiorentina con una vittoria, ma per il momento il primo obiettivo che vuol raggiungere è quello di riportare entusiasmo attorno alla Fiorentina: “Non c’è ottimismo in giro – sottolinea -, ma la scorsa volta quando arrivai trovai un ambiente peggiore, per una carenza di giocatori che invece oggi non c’è Sta a noi riportare l’entusiasmo fra la gente”.

Infine, un saluto e un ringraziamento a Stefano Pioli che fino a domenica scorsa era l’allenatore della Fiorentina: “Lo ringrazio perché ho trovato una squadra con una grande cultura del lavoro e con una buona condizione fisica. Il calcio è così, c’è chi entra e chi esce, ed è una situazione che tocca un po’ a tutti”.

L'articolo Montella, mia Fiorentina aveva atteggiamento giusto proviene da www.controradio.it.

Montella a Firenze: “Felice di essere qui”

Montella a Firenze: “Felice di essere qui”

“Se non fossi felice, non sarei qui. Comunque parleremo dopo”. Così Vincenzo Montella al suo arrivo a Firenze oggi per iniziare l’avventura alla guida della Fiorentina.

Per Montella è la seconda volta in carriera dopo l’esperienza vissuta dal 2012 al 2015. L’ex tecnico di Milan e Siviglia è arrivato accompagnato dal fratello e dal suo procuratore Alessandro Lucci: nel pomeriggio dovrebbe dirigere il primo allenamento al centro sportivo ‘Davide Astori’ al posto di Stefano Pioli che si è dimesso ieri in contrasto con la proprietà e la società.

Un addio pieno di amarezza, dopo gli scarsi risultati in campionato e il comunicato della società che invitava lui e la squadra al ‘rispetto della maglia e al massimo impegno.

Montella torna dopo aver lasciato con una finale di Coppa Italia, una semifnale di Europa League ed aver raggiunto per due anni il quarto posto. Un buon auspicio in vista del ritorno di Coppa Italia con l’Atalanta che, in caso di vittoria, potrebbe regalare ai gigliati l’accesso alla finale di Roma del 15 maggio.

 

L'articolo Montella a Firenze: “Felice di essere qui” proviene da www.controradio.it.

Firoentina, Pioli si dimette: messo in discussione come tecnico e come uomo

Firoentina, Pioli si dimette: messo in discussione come tecnico e come uomo

E’ un addio pieno di amarezza quello di Stefano Pioli alla Fiorentina, ufficializzato in una nota all’ANSA. Il tecnico ha rassegnato le sue dimissioni all’ indomani del comunicato di proprieta’ e societa’ che invitavano lui e la squadra al massimo impegno e al rispetto della maglia.

“Mi sono sempre assunto le mie responsabilità, ho sempre garantito nel mio lavoro professionalità, rispetto e massimo impegno: a malincuore oggi mi vedo costretto a dover lasciare, dimettendomi, poichè sono state messe in discussione le mie capacità professionali e soprattutto umane”: e’ un addio pieno di amarezza quello di Stefano Pioli alla Fiorentina, ufficializzato in una nota all’ANSA. Il tecnico ha rassegnato le sue dimissioni all’ indomani del comunicato di proprieta’ e societa’ che invitavano lui e la squadra al massimo impegno e al rispetto della maglia.

“Dal 7 giugno 2017, giorno della presentazione e dell’inizio del mio nuovo percorso Viola, fino ad oggi, mi hanno sempre accompagnato l’orgoglio e l’ottimismo di poter essere al centro di questo progetto tecnico”, sottolinea Piolo nella sua lunga nota. “Un nuovo percorso – prosegue Pioli – di medio-lungo termine, nato a seguito di una rifondazione radicale, sia tecnica che umana e basato su giocatori giovani, che mi ha visto sempre in prima fila per fiducia, ottimismo e ambizione. Con questi ragazzi, nelle 2 stagioni passate insieme, abbiamo gioito e sofferto insieme, con uguale intensità, arrivando tutti (giocatori e le importanti persone che gli girano attorno) a superare ostacoli che per certi versi apparivano impossibili da oltrepassare.
Queste esperienze ci hanno unito e fatto crescere ancor di più prima come persone e poi come professionisti. Tutti abbiamo sempre guardato con forza nella stessa direzione”. Tutto questo, tiene a notare il tecnico dimissionario, “Firenze l’ha capito e si è unita attorno a noi tornando a riempire lo stadio e a sostenerci. Perché è Insieme che siamo più forti”.
Poi, Pioli spiega le motivazioni del suo gesto: “Mi sono sempre assunto le mie responsabilità in fatto di scelte, strategie, prestazioni, risultati. Ho sempre garantito nel mio lavoro professionalità, serietà, rispetto e massimo impegno con l’unico scopo di migliorare il patrimonio umano e tecnico che mi è stato messo a disposizione. A malincuore – dice – oggi mi vedo costretto a dover lasciare, dimettendomi, poiché sono state messe in discussione le mie capacità professionali e soprattutto umane”.
“Lascio un gruppo di ragazzi eccezionali che hanno avuto una tangibile crescita dal punto di vista professionale e del valore, nonché una squadra che ha l’opportunità di conseguire qualcosa di eccezionale giocandosi una semifinale di Coppa Italia. A seguito di questa scelta, per me dolorosa – e’ la conclusione di Pioli – ci tengo a ringraziare di cuore innanzitutto chi ha percorso con me questo viaggio partendo dai miei giocatori, ragazzi a cui sono e rimarrò molto legato e che mai hanno fatto mancare valori tecnici e umani. Ringrazio le persone che lavorano vicino alla squadra, che rendono possibile lo svolgimento delle attività quotidiane in maniera professionale. Un grande grazie a Firenze e ai tifosi fiorentini; si è creato un legame speciale che porterò sempre con me, perché le avventure finiscono, ma le emozioni rimangono forti e presenti dentro tutti noi”.

Con due righe scarne la Fiorentina ha ufficializzato di aver ricevuto oggi le dimissioni di Stefano Pioli. L’allenamento odierno si sta regolarmente svolgendo sotto la guida del tecnico in seconda Giacomo Murelli.

L'articolo Firoentina, Pioli si dimette: messo in discussione come tecnico e come uomo proviene da www.controradio.it.

Fiorentina: Pioli paga per tutti, in arrivo dimissioni

Fiorentina: Pioli paga per tutti, in arrivo dimissioni

Le dimissioni, non ancora ufficializzate dal club ma a questo punto certe, dopo il colloquio con la società. Intanto il viola club Unonoveduesei, il più rappresentativo della curva Fiesole, in un durissimo comunicato attacca i Della Valle accusandoli di ”scaricare colpe sulla squadra e sull’allenatore” e invitandoli ad andarsene definendoli ”la vergogna di Firenze”.

La perdita della fiducia da parte della società e della proprietà, con l’implicito rimprovero di una sostanziale mancanza di serietà nella gestione dell’ultimo periodo della squadra: sono queste, a quanto filtra da ambienti vicini a Stefano Pioli, le motivazioni che hanno spinto il tecnico della Fiorentina alla scelta delle dimissioni, non ancora ufficializzate dal club ma a questo punto certe. A breve sono attesi due comunicati, della società e dell’ormai ex allenatore viola.

”Tra poco saprete tutto”. Così un Pioli visibilmente rattristato, intercettato mentre stava tornando a casa dopo il confronto con la dirigenza che – secondo indiscrezioni non ufficialmente confermate dalla società – ha portato alle sue dimissioni. Chi conosce bene il tecnico emiliano lo ha visto particolarmente contrariato non solo dalla sconfitta con il Frosinone ma anche dalla posizione espressa nel comunicato diramato ieri sera, dopo il vertice a Milano tra Andrea Della Valle, il fratello Diego collegato dalla Cina, Cognigni e Corvino
Nel comunicato di ieri la proprieta’ e la societa’ sollecitavano sollecitato Pioli e i giocatori ”a gestire e affrontare questo momento con la competenza e la serietà dimostrate nella prima parte del campionato” pretendendo ”massimo impegno” da parte di tutti.
Intanto il viola club Unonoveduesei, il più rappresentativo della curva Fiesole, in un durissimo comunicato attacca i Della Valle accusandoli di ”scaricare colpe sulla squadra e sull’allenatore” e invitandoli ad andarsene definendoli ”la vergogna di Firenze”.

L'articolo Fiorentina: Pioli paga per tutti, in arrivo dimissioni proviene da www.controradio.it.