Milleproroghe sottrae soldi a Comuni e regioni

Milleproroghe sottrae soldi a Comuni e regioni

Milleproroghe del governo M5S e Lega sottrae soldi a Comuni e Regioni, Toscana dovrà dare circa 147mln, anche i comuni non saranno esenti, Livorno dovrà dare 17.8mln. “E i sindaci delle città amministrate” “non parlano?” commenta Michele Anzaldi.

“Il Milleproroghe del Governo M5s-Lega ruba 1,5 miliardi a 96 Comuni capoluogo per gli interventi di riqualificazione delle Periferie, già concordati con 96 apposite convenzioni firmate dal segretario generale di Palazzo Chigi. Un caso senza precedenti dello Stato che si rimangia un impegno ufficiale e formalizzato al massimo livello”. Lo scrive su facebook il deputato del Partito democratico Michele Anzaldi, che aggiunge: “Le tre regioni più colpite da questo furto sono Sicilia (218,1 milioni), Toscana (147 milioni) e Veneto (132 milioni): i governatori Musumeci, Rossi e Zaia perché non protestano contro il Governo? In particolare il presidente del Veneto, alleato e collega di partito di chi governa, non ha nulla da dire? Perché non sostengono la battaglia che sta portando avanti coraggiosamente il presidente dell’Anci Decaro?”.
“E i sindaci delle città amministrate”, prosegue Anzaldi “da M5s, che subiscono tagli pesantissimi, come Roma (39,9 milioni), Torino (39,9 milioni) e Livorno (17,8) non parlano? Raggi, Appendino e Nogarin preferiscono perdere i fondi per i propri cittadini, piuttosto che protestare contro il loro Governo? Il Pd sta facendo e farà ostruzionismo in Aula fino all’ultimo minuto utile per tentare di bloccare questa vergogna, che qualora passasse si porterebbe dietro una pioggia di ricorsi ed esposti giudiziari”.

L'articolo Milleproroghe sottrae soldi a Comuni e regioni proviene da www.controradio.it.

Emergenza caldo, in dimunizione bollini rossi

Emergenza caldo, in dimunizione bollini rossi

Sembra che l’emergenza caldo si stia attenuando, domani 12 città con bollino rosso a fronte delle 18 di oggi.

Sembra leggermente attenuarsi l’emergenza caldo nelle città italiane: domani il bollino rosso per le alte temperature è previsto in 12 comuni, contro i 18 di oggi.
Lo segnala l’ultimo bollettino del ministero della Salute.

Le città che domani saranno contrassegnate dall’emergenza caldo con bollino rosso sono: Bologna, Bolzano, Brescia, Firenze, Genova, Milano, Perugia, Pescara, Torino, Trento, Venezia e Verona.

Il livello 3 (bollino rosso) di allerta indica condizioni di emergenza (ondata di calore) con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche. Tanto più prolungata è l’ondata di calore, sottolinea il ministero, tanto maggiori sono gli effetti negativi attesi sulla salute.

L'articolo Emergenza caldo, in dimunizione bollini rossi proviene da www.controradio.it.

3 punti alla Viola: Torino-Fiorentina, 1-2

3 punti alla Viola: Torino-Fiorentina, 1-2

Torino, la Fiorentina di Pioli torna con 3 punti dalla trasferta di Torino contro i granata di Mazzarri.

La Fiorentina, contro il Torino alla prima trasferta dopo la scomparsa di Astori, era andata in vantaggio al 14′ del secondo tempo: Veretout ruba il pallone a centrocampo e trova la strada libera verso la porta e non fallisce.

Il pareggio dei granata al 41′ grazie a una punizione di Ljajic che serve il taglio di Belotti che al volo supera Sportiello.

La vittoria arriva grazie a un rigore per fallo di mano di Ansaldi, in un primo momento non rilevato dall’arbitro Gavillucci ma poi concesso grazie alla Var.

Dagli 11 metri Thereau non fallisce e con un tiro preciso sotto la traversa porta i viola alla vittoria. Nel primo tempo Veretout si era fatto parare un primo penalty, anche in questo caso concesso grazie alla Var che, invece, pochi minuti prima ne aveva annullato un altro assegnato dall’arbitro sempre ai viola.

Alla fine una vittoria meritata e cercata anche se il gioco degli uomini di Pioli non è stato brillante.

L'articolo 3 punti alla Viola: Torino-Fiorentina, 1-2 proviene da www.controradio.it.