Concluso sesto viaggio in India del ControradioClub

Concluso sesto viaggio in India del ControradioClub

Firenze, si è concluso con successo il sesto viaggio in India del ControradioClub, il viaggio che si è svolto dal 16 al 26 febbraio 2019, ha portato 30 viaggiatori in un viaggio ‘on the road’ che ha toccato le città di Delhi, Varanasi, Sarnath, Khajuraho, Orchha, Gwalior, Sikandra e Agra.

Il viaggio si è svolto in compagnia di Gimmy Tranquillo che ha realizzato una serie di interviste ai viaggiatori, che sono state trasmesse sulle frequenze di Controradio, che poi sono state poi montate in video insieme alle immagini prese nelle soste più significative, e che vi riproponiamo di seguito.

Arrivo a Delhi, visita al Raj Ghat e nel pomeriggio visita al tempio sikh Gurudwara Bangla Sahib, ai templi Laxminarayan e Akshardham e al tempio Bahai a forma di loto.
Delhi. Situata sulle rive del fiume Yamuna e abitata già nel II millennio a.C., Delhi iniziò a svilupparsi all’epoca dell’Impero Maurya, intorno al 300 a.C. e da allora sette città si sono succedute nello stesso luogo.

All’epoca della colonia inglese durante i secoli XVIII e XIX, la capitale dell’India fu Calcutta, fino a quando, nel 1911 Giorgio V annunciò che Delhi sarebbe tornata capitale, e una nuova città, Nuova Delhi, sarebbe stata costruita per assolvere questo compito. Nuova Delhi divenne capitale e sede del governo indipendente il 15 agosto 1947.

Varanasi, visita al Tempio di Durga, al forte Ramnagar e la moschea Gyanvapi. In serata trasferimento in risciò sui ghat per assistere alla cerimonia serale del Ganga Aarti.
Aarti nome Sanscrito per conclusione, chiusura. Presso la religione induista, l’aarti è un rituale durante il quale la luce emessa da una fiamma di canfora viene offerta alle murti delle Divinità, o a uno dei loro aspetti. L’Aarti si esegue solitamente al tramonto o alla sera, come conclusione di una pūjā o di un canto bhajan. L’offerta della fiamma di canfora ha un significato simbolico: poiché essa arde senza lasciare residui, rappresenta l’ego che,
una volta raggiunta la realizzazione spirituale, scompare senza lasciare alcuna traccia.

Varanasi, all’alba, prima di colazione, escursione in battello sul Gange per assistere alle abluzioni e alle attività sacre che i devoti offrono al sole che sorge. e prima colazione. Visita ai ghat e a un akhada, un’originale palestra, dove si svolgono i rituali mattutini e gli incontri tra i praticanti dell’antica lotta indiana. Visita al Tempio Vishwanath e nel pomeriggio
visita di Sarnath, anticamente Isipathana, la città è nota per essere stata il luogo della prima predicazione del Buddha.
Nel 527 a.C. circa Buddha vi iniziò la sua predicazione, con due sermoni a cinque asceti, attraverso i quali spiegò le quattro nobili verità, la dottrina della coproduzione condizionata e il concetto di non-sé. I principali luoghi di interesse e pellegrinaggio a Sarnath sono il Chaukhandi Stupa, sul luogo dell’incontro tra i cinque asceti e il Buddha, il Dhamekh Stupa, sul luogo dove Buddha espose il primo sutra ai cinque asceti, la colonna di Aśoka, con un editto dell’imperatore iscritto sulla base e il famoso capitello dei quattro leoni, conservato nel museo archeologico, attuale simbolo dell’India.

Di buon mattino partenza in bus per Khajuraho, sosta per il pranzo e arrivo nella tarda
serata, Khajuraho, nello stato del Madhya Pradesh è l’antica capitale della dinastia Chandela comprende più di trenta templi la cui costruzione si colloca tra il 950 e il 1050 circa, tutti appartenenti al culto induista o giainista.

Nonostante siano grandiosi esempi di architettura indo-ariana, la loro celebrità è soprattutto legata alle decorazioni erotiche che li ricoprono. I templi più grandi e notevoli sono il Kandariva Mahadeo e il Tempio di Vishvanatha, il cui perimetro esterno è circondato da fregi orizzontali completamente ricoperti di sculture di straordinaria sensualità, ma di grande compostezza ed eleganza, che raffigurano in particolare l’unione sessuale, considerata simbolo dell’unione mistica con la divinità. I personaggi scolpiti, danzatrici, creature celesti, divinità, affascinano per la grazia delle posture, il senso delle proporzioni, la bellezza dei volti.
Orchha,  Madhya Pradesh, antica roccaforte su un’isola del fiume Betwa, fondata nel XVI secolo dal Rajput Bundela Rudra Pratap, sopra un precedente insediamento, che circondò di mura e collegò alla riva con un ponte ad arco. Le costruzioni furono terminate dal successore, Barthi Chand che si installò nella fortezza con grandi cerimonie. Il complesso fortificato è un magnifico esempio di fortezza medievale dove i muri e le torrette racchiudono giardini, padiglioni, mausolei, tombe e templi.
Gwalior, visita del forte e delle grotte degli asceti giainisti. Gwalior è una caotica cittadina del Madhya Pradesh, dominata da una collina rocciosa, sulla quale si arrocca a strapiombo una maestosa fortezza. La tortuosa salita al forte si snoda attraverso una gola sui cui lati si aprono le grotte di asceti giainisti, fiancheggiate da sculture del XV secolo.

Agra. Città dell’Uttar Pradesh, sulle rive del fiume Yamuna, capitale dell’Impero Moghul dal XVI al XVIII secolo. La città è nota per le rovine della fortezza di arenaria rossa costruita dagli imperatori Moghul e, soprattutto, per il Taj Mahal, il mausoleo fatto costruire nel 1632 dall’imperatore moghul Shah Jahan in memoria della moglie preferita Arjumand Banu
Begum, detta anche Mumtaz Mahal, luce del Palazzo. Il Taj è da sempre considerata una delle più notevoli bellezze architettoniche dell’India.

L'articolo Concluso sesto viaggio in India del ControradioClub proviene da www.controradio.it.

Indian Nation, commenti dei viaggiatori

Indian Nation, commenti dei viaggiatori

Firenze, quest’anno al Western Dream, si è aggiunto un secondo road trip nel south-west degli Stati Uniti d’America, ‘Indian Nation’.

Indian Nation è un viaggio attraverso cinque stati del ‘Far West’ che parte da Las Vegas in Nevada, e viaggiando intorno ai ‘Four Corners’, dove Colorado, New Mexico, Utah ed Arizona, si incontrano in un sol punto immaginario, esplora parchi nazionali, meno noti ma di incredibile bellezza, come Canyonland, Arches, Mesa Verde, Acoma Pueblo, e Canyon de Chelly, e piccole città del west come Silverstone, Durango e Santa Fe.
La particolarità di Indian Nation è quella di portare i viaggiatori all’interno delle ‘riserve indiane’, visitando parchi nazionali lontano dalle grandi città e sconosciuti al turismo di massa.
Durante il viaggio infatti, non abbiamo mai incontrato un autobus turistico, e ci siamo ritrovati per esempio, a discendere e poi scalare le pareti dell’incredibile ‘Canyon de Chelly’, praticamente da soli, apprezzando in pieno la bellezza e l’energia di questo luogo sacro alla tribù dei Navajo.
La particolarità di Acoma Pueblo, e l’importanza di ‘Mesa Verde’, parco nazionale americano considerato anche sito archeologico e culturale nonché terra di origine di tutte le tribù dei nativi americani della zona, ci hanno fatto apprendere la bellissima storia dei cosiddetti ‘Indiani d’America’, tramutatasi in tragedia all’arrivo degli ‘Uomini Bianchi’.
Il viaggio ha entusiasmato e commosso i nostri viaggiatori che hanno commentato sul gruppo WhatsApp creato per l’occasione, di seguito alcuni di questi commenti per i quali sarò per sempre grato.
Gimmy Tranquillo

Grazie Gimmy è stato un viaggio bellissimo in posti splendidi grazie non  solo per la tua guida ma per le attenzioni e consigli in questa meravigliosa avventura un grande abbraccio!
Francesco e Donatella

Grazie Gimmy!!! Ci hai fatto scoprire l’America vera! Quella degli indiani e quella dei camionisti ? che Andrea ama molto!!!
Un grazie anche a tutti voi che avete reso con la vostra compagnia questo viaggio un’avventura speciale!! Un abbraccio e a presto!!!
Francesca e Andrea

È  stato  davvero  un bellissimo  viaggio. Grazie al nostro  capo tribù  Gimmy e grazie  a tutti. A presto.
Giovanna

Buongiorno…. Grazie Gimmy x averci accompagnato alla scoperta di questa terra selvaggia e suggestiva… E grazie a tutti i compagni di viaggio…
Veronica

Eccoci.. Arriviamo ultimi perché ci siamo svegliati da poco. Grazie a chi ha pensato questo bel viaggio, ed insistito anche per realizzarlo. E grazie a chi lo ha condiviso con tanto entusiasmo. Gabriele si è divertito tutto il tempo e lo ricorderà a lungo. Rivediamoci presto!  Ciao a tutti
Roberta

È veramente difficile aggiungere qualcosa rispetto a chi mi ha preceduto. Io posso solo ringraziare tutti, nessuno escluso, per questo bellissimo viaggio e questo tempo passato insieme. Con la certezza di vedersi presto, vi abbraccio! A presto!!!
Andrea

L'articolo Indian Nation, commenti dei viaggiatori proviene da www.controradio.it.

Western Dream 4, commenti dei viaggiatori

Western Dream 4, commenti dei viaggiatori

Firenze, anche quest’anno il Western Dream, ha portato una trentina di ascoltatori di Controradio attraverso i grandi spazi della natura del South West degli Stati Uniti d’America.

Il Western Dream, seguendo un programma ormai ottimizzato nelle 3 edizioni precedenti, si è snodato tra spiagge e  le fertili valli della California, i deserti del Mojave, di Arizona e Nevada e il panorama estremo della Valle della Morte, portando i viaggiatori nei precipizi del Grand Canyon e Bryce Canyon, non trascurando però di fare una sosta importante nelle grandi metropoli di Los Angeles, Las Vegas e San Francisco.

Ed anche quest’anno, alla fine del viaggio il gruppo WhatsApp, creato per l’occasione si è riempito di entusiastici messaggi di apprezzamento. Di seguito alcuni di questi commenti per i quali vi ringrazio veramente con tutto il cuore.
Gimmy Tranquillo

Gimmy grazie, questo viaggio è stata una meravigliosa avventura, buon proseguimento….???
SilviaControradio e’ un miracolo italianoo..? Grazie Gimmy
Alessandro

Grandissimo Gimmy sei stato una guida eccezionale e spero che in futuro ci sia possibilità di rifare un viaggio insieme! Grazie di tutto e buon proseguimento con l’Indian Nation!
Gabriele

Grazie Gimmy per questo indimenticabile viaggio alla scoperta dell’America. Un grazie anche a Controradio. Alla prossima  ….. Moreno e a Laura P.S. : a tutti, siete stati dei compagni di viaggio meravigliosi!!!!???????
Moreno

Gimmy Gimmy Gimmy ?
Laura

Ciao Jimmy, buon Indian Nation e a rivederci a Firenze. Siamo stati davvero bene.
Marco

Un saluto a Gimmy: ottima guida sotto tutti gli aspetti.
Un vero valore aggiunto.
Ci vediamo aggiunto.
Ci vediamo a Firenze
Graziano

Ciao Gimmy, viaggio fantastico! Grazie di tutto e a presto!
Gabriele

Grazie di tutto Gimmy. Hai organizzato un viaggio fantastico?? Buon Indian Nation. ?? Good luck! Ci sentiamo a fine mese su contro radio?
Angela

good luck…tks for all…. ???
Ciao Gimmy Buon proseguimento! È stata una bella esperienza.  Grazie
Luca

Grazie Jimmi, hai fatto un ottimo lavoro ? grazie a te questo viaggio sarà per me un piacevolissimo ricordo. Buon viaggio e buona fortuna ?
Paola

Bellissimo viaggio grazie a tutti della compagnia e un saluto a chi poi a Peretola nn abbiamo infine salutato e stato un piacere!!!!
Roberto

Grazie a tutti voi compagni di viaggio e a Gimmy per aver reso indimenticabile questo Western Dream 4!!!???
Angela

Siete stati ottimi compagni di viaggio e mi ha fatto moltissimo piacere passare questa vacanza insieme a voi!!!
Gabriele

??? io pit stop bagno come tutte le notti di qua e di là oceano. Camera con aria condizionata appena aperta la porta fuori ho creduto di essere a Laughlin … insomma alla Laughling de noantri ?. Torno a dormire ? spero ?. Ps Gimmy fighissimo ???
Laura

Ragazzi quando si riparte????
Intanto ci si fa un pensierino per il prossimo anno vai…Buon ferragosto e come dice Gimmy buona fortuna a tutti! ?
Elena

Saluti da Parma!  è stato un piacere condividere questo splendido viaggio .. grazie a tutti… e a ripartire!
Stefania

Dopo una giornata passata tra lavatrici (nostre e dei figli) e jet lag.. la voglia di ripartire che già c’era è aumentata parecchio!!!…pensiamo al prossimo viaggio ragazzi!!! ??
Angela

Buongiorno a tutti. Ancora sono in viaggio con voi, mi sono svegliata adesso, finalmente una bella dormita ma per la seconda volta, nonostante fossi nel mio letto, i primi pensieri sono andati a dove andrò oggi, quale sarà la prossima tappa e mi chiedevo dove fossi. Questo viaggio è stato potente, abbiamo sconvolto le nostre abitudini e i luoghi comuni, soprattutto sulla gente, di sicuro su noi stessi. Buon Ferragosto a tutti i viaggiatori ?
Laura

L'articolo Western Dream 4, commenti dei viaggiatori proviene da www.controradio.it.

‘The Indian Nation’, il nuovo viaggio di Controradio

‘The Indian Nation’, il nuovo viaggio di Controradio

Dopo il sold out del Western Dream 4, Controradio propone quest’anno: ‘The Indian Nation’, un nuovo viaggio ‘On the Road’ nel South-West degli Stati Uniti d’America.

‘The Indian Nation’ è un viaggio attraverso cinque stati del ‘Far West’, parte dal Nevada e viaggiando, intorno ai ‘Four Corners’, dove Colorado, New Mexico, Utah ed Arizona, si incontrano in un sol punto immaginario, esplora parchi nazionali di incredibile bellezza come Canyonland, Arches, Mesa Verde, Canyon de Chelly ed altri e città come Durango e Santa Fe, i cui nomi sono scolpiti nella nostra memoria pur non essendoci mai stati.

Mesa Verde National Park

Lo straordinario e caratteristico paesaggio di queste terre ha attirato per secoli moltissime tribù native americane, pionieri, cowboys e roadtrippers. Storie e leggende si intrecciano in questi vasti spazi, dai miti dei nativi americani ai western iconici, e, l’epopea del West, lungo l’itinerario di questo viaggio, è così viscerale e palpabile, che non si può fare a meno di sentirla nelle ossa.

‘The Indian Nation’ è imperdibile per chi, avendo già fatto il ‘Western Dream’ ed essendo rimasto incantato dalle emozioni suscitate dai vasti paesaggi di queste terre, vuole riviverle, ma anche saperne di più spingendosi molto più ad est del ‘Western Dream’, attraversando il cuore della ‘Navajo Nation’ fino alle terra dei ‘Pueblo Indians’, visitando l’antico Pueblo di Taos, abitato ininterrottamente per oltre un millennio, è l’incredibile Acoma Pueblo/Sky City, a circa 2000 m di altitudine, posto sulla cima di una Mesa di arenaria che si erge verticalmente dall’altopiano per circa 110 metri, nella Sky City l’elettricità, l’acqua corrente, e lo smaltimento delle acque reflue, non sono mai arrivati.

Ma ‘The Indian Nation’ è anche un viaggio a sé stante che porta direttamente nelle terre dove si è svolta l’epopea del West, saltando le Metropoli della West Coast ed anche i parchi nazionali più famosi, come per esempio il Gran Canyon e la Monument Valley, già visitati in viaggi precedenti.

Guida d’eccezione Gimmy Tranquillo, il giornalista di Controradio, che ha vissuto per 20 anni in California, che ha fatto la guida turistica proprio nei luoghi che si andranno a visitare, e che ha contribuito a disegnare il tour nel rispetto dello ‘spirito’ di Controradio.

L’organizzazione tecnica del tour è affidata a TRAVEL DESIGN STUDIO, un operatore turistico di nuova generazione in grado di creare viaggi unici, concepiti su misura delle esigenze e sul budget dei singoli gruppi. http://www.traveldesignstudio.com/

INFO: www.tdsgruppi.net/iscrizione/nuovaiscrizione.aspx?IniziativaID=106

Programma: http://www.tdsgruppi.net/docs/programma_iniziativa_106.pdf

Acoma Pueblo-Sky City

 

L'articolo ‘The Indian Nation’, il nuovo viaggio di Controradio proviene da www.controradio.it.

Stasera a Controradio presentazione di ‘The Indian Nation’

Stasera a Controradio presentazione di ‘The Indian Nation’

Dopo il sold out del Western Dream 4, Controradio propone quest’anno: ‘The Indian Nation’, un nuovo viaggio ‘On the Road’ nel South-West degli Stati Uniti d’America, STASERA sabato 12, ore 18:00, la presentazione del viaggio, con Gimmy Tranquillo, a CONTRORADIO, via del Rosso Fiorentino, 2b Firenze.

‘The Indian Nation’ è un viaggio attraverso cinque stati del ‘Far West’, parte dal Nevada e viaggiando, intorno ai ‘Four Corners’, dove Colorado, New Mexico, Utah ed Arizona, si incontrano in un sol punto immaginario, esplora parchi nazionali di incredibile bellezza come Canyonland, Arches, Mesa Verde, Canyon de Chelly ed altri e città come Durango e Santa Fe, i cui nomi sono scolpiti nella nostra memoria pur non essendoci mai stati.

Lo straordinario e caratteristico paesaggio di queste terre ha attirato per secoli moltissime tribù native americane, pionieri, cowboys e roadtrippers. Storie e leggende si intrecciano in questi vasti spazi, dai miti dei nativi americani ai western iconici, e, l’epopea del West, lungo l’itinerario di questo viaggio, è così viscerale e palpabile, che non si può fare a meno di sentirla nelle ossa.

‘The Indian Nation’ è imperdibile per chi, avendo già fatto il ‘Western Dream’ ed essendo rimasto incantato dalle emozioni suscitate dai vasti paesaggi di queste terre, vuole riviverle, ma anche saperne di più spingendosi molto più ad est del ‘Western Dream’, attraversando il cuore della ‘Navajo Nation’ fino alle terra dei ‘Pueblo Indians’, visitando l’antico Pueblo di Taos, abitato ininterrottamente per oltre un millennio, è l’incredibile Acoma Pueblo/Sky City, a circa 2000 m di altitudine, posto sulla cima di una Mesa di arenaria che si erge verticalmente dall’altopiano per circa 110 metri, nella Sky City l’elettricità, l’acqua corrente, e lo smaltimento delle acque reflue, non sono mai arrivati.

Ma ‘The Indian Nation’ è anche un viaggio a sé stante che porta direttamente nelle terre dove si è svolta l’epopea del West, saltando le Metropoli della West Coast ed anche i parchi nazionali più famosi, come per esempio il Gran Canyon e la Monument Valley, già visitati in viaggi precedenti.

Guida d’eccezione Gimmy Tranquillo, il giornalista di Controradio, che ha vissuto per 20 anni in California, che ha fatto la guida turistica proprio nei luoghi che si andranno a visitare, e che ha contribuito a disegnare il tour nel rispetto dello ‘spirito’ di Controradio.

L’organizzazione tecnica del tour è affidata a TRAVEL DESIGN STUDIO, un operatore turistico di nuova generazione in grado di creare viaggi unici, concepiti su misura delle esigenze e sul budget dei singoli gruppi. http://www.traveldesignstudio.com/

INFO: www.tdsgruppi.net/iscrizione/nuovaiscrizione.aspx?IniziativaID=106

Programma: http://www.tdsgruppi.net/docs/programma_iniziativa_106.pdf

Acoma Pueblo-Sky City

 

L'articolo Stasera a Controradio presentazione di ‘The Indian Nation’ proviene da www.controradio.it.